Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 Gennaio 2022

Me so’ stufato

Me so’ stufato

***

Me so’ stufato de l’amico finto,

de chi cià mille facce e un sorisetto,

de chi sa tutto lui e come effetto,

detta la sua, ecco ch’ha già vinto.

***

Me so’ stufato e adesso me sta stretto,

d’èsse io quello bravo a piè sospinto,

er primo a fà la mossa come spinto,

da voja de chiarì co ‘sto soggetto.

***

Me so’ stufato a dimostrà ancora,

che due più due fa quattro un’artra vorta,

nun vojo più ridillo a chi l’ignora.

***

Me so’ stufato e guasi me ‘mbarazzo,

a dì me so’ stufato … frase storta,

più giusto è dì che me so’ rotto er cazzo. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Me so’ stufato de l’amico finto,
    de chi cià mille facce e un sorisetto,
    de chi sa tutto lui e come effetto,
    detta la sua, ecco ch’ha già vinto. …

    Comment by Stefano — 13 Gennaio 2022 @ 08:01
  2. Credo che il nostro sommo poeta ci suggerì’ sul cosa fare con quel tipo di persone, quando disse “Non ti curar di loro, ma guarda e passa!”

    Comment by romano cb — 13 Gennaio 2022 @ 16:50
  3. Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire! E io di sordi ne conosco parecchi!
    Buona serata!

    Comment by letizia — 13 Gennaio 2022 @ 18:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>