Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

26 Gennaio 2022

Er treno de li ricordi

Er treno de li ricordi

***

A vorte, senza che ce sia motivo,

se mette in moto e sbuffa ner cervello,

er treno der passato cor fardello,

pe ’gni vagone de un ricordo vivo.

***

A le stazzioni sona er campanello,

quelle ’ndó sale un fatto decisivo,

che nun segnala mai l’ora d’arivo,

e cià li connotati a indovinello.

***

Così er ricordo de la vita scórza,

si nun fai gnente pe cambià binario,

te spigne verzo quela vecchia corza.

***

Nun je dà retta, finché sei in orario,

scenni dar treno, fusse pure a forza,

torna ar presente e arza tu er sipario.

***

Stefano Agostino

_______________________

 

  1. A vorte, senza che ce sia motivo,
    se mette in moto e sbuffa ner cervello,
    er treno der passato cor fardello,
    pe ’gni vagone de un ricordo vivo. …

    Comment by Stefano — 26 Gennaio 2022 @ 00:50
  2. Meglio dimenticare tutto il passato e vivere nel presente anche se è nero! “Il Pensiero del Giorno” mi ha messo i brividi. Cerchiamo di non pensarci, tanto non possiamo fare nulla!

    Comment by letizia — 26 Gennaio 2022 @ 13:54
  3. Pensiero del giorno: Speramo de no!!

    Comment by romano cb — 26 Gennaio 2022 @ 19:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>