Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Gennaio 2022

Er genocidio è senza colore

Er genocidio è senza colore

***

È giusto celebbranne la memoria,

de la Shoah e lo schifo nazzista,

da mette sempre in cima a quela lista

de le zozzate umane in graduatoria.

***

Conzideranno er negazzionista

de l’olocausto, come de la storia,

ar pari de un comprice pe boria,

ar credo ch’è er più infame mai che esista.

***

Ma è uguarmente poi un granne erore,

nun guardà più a ‘gni eccidio perpetrato

da l’omo de ‘gni epoca e colore.

***

Ché nun ce vonno occhi come lince,

pe interpretà er futuro cor passato,

scrive la storia poi … solo chi vince.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. È giusto celebbranne la memoria,
    de la Shoah e lo schifo nazzista,
    da mette sempre in cima a quela lista
    de le zozzate umane in graduatoria. …

    Comment by Stefano — 27 Gennaio 2022 @ 08:30
  2. l’essere “umano” è la bestia più schifosa e laida del creato! E pensare che l’Onnipotente l’ha creato simile a Sè e l’ha riscattato facendosi
    crocifiggere!

    Quelli che dovrebbero eleggere il presidente sono solo dei buffoni che pensano solo a se stessi!

    Comment by letizia — 27 Gennaio 2022 @ 11:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>