Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

26 Aprile 2022

Conzijo

Conzijo

***

Impareremo a vortacce indietro,

guardanno chi sta peggio in graduatoria,

senza più conzumacce la memoria,

pe quelli avanti a noi de quarche metro?

***

Invece de ’nzeguì la vanagloria,

pe sbatte sempre er grugno a quarche vetro,

ce sentiremmo già in braccio a San Pietro,

avanti a tanti artri ne la storia.

***

Questo è un conzijo che nun cià pretese,

né d’èsse ramanzina, né sermone,

pe quelli già ce sò caserme e chiese.

***

Ché poi guardasse dietro dà occasione,

de evità spiacevoli sorprese,

de chi sta lì pe fàcce “un’ignezzione”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Impareremo a vortacce indietro,
    guardanno chi sta peggio in graduatoria,
    senza più conzumacce la memoria,
    pe quelli avanti a noi de quarche metro? …

    Comment by Stefano — 25 Aprile 2022 @ 17:54
  2. Voltarsi indietro per vedere chi sta peggio non è del tutto sbagliato se si vuole migliorare! Ciò che è sbagliato è di farsi una malattia esagerata!
    ….
    Se tutti i lunedì fosse festa, poi sarebbe il martedì la giornataccia!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 26 Aprile 2022 @ 12:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>