Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Maggio 2022

‘Na gara a chi è più matto

‘Na gara a chi è più matto

***

Er monno, amichi mia, s’è ‘mpazzito,

pare che nun ce sia un capo normale,

è un gareggià a chi fomenta er male,

‘na gara senza un vincitore o mito.

***

Quello che parla de guera totale,

quest’artro ch’è già pronto a schiaccià er dito,

pe fà partì un razzo mai partito,

uno più massacrante e micidiale.

***

Co questi che vorebbero la pace,

ma manneno le armi più potenti,

pe fà vedé che qui nisuno tace.

***

Uno sortanto, in mezzo a ‘sto ber desco,

ce prova a fàlle raggionà ‘ste genti,

ma chi l’ascorterà Papa Francesco?

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Er monno, amichi mia, s’è ‘mpazzito,
    pare che nun ce sia un capo normale,
    è un gareggià a chi fomenta er male,
    ‘na gara senza un vincitore o mito.

    Comment by Stefano — 4 Maggio 2022 @ 07:15
  2. Quanto vero!

    Per quanto concerne “Il pensiero del giorno” non scendiamo tutti, altrimenti Papa Francesco……. rimane solo!

    Comment by romano cb — 4 Maggio 2022 @ 11:41
  3. Mi sembra che questi pazzi non vedono l’ora di scatenare una guerra, che non vedrebbe nessun vincitore, ma solo una marea di morti! Sono proprio tutti pazzi!
    Speriamo che qualcuno riesca a farli ragionare, altrimenti…che Dio ci aiuti.

    Comment by letizia — 4 Maggio 2022 @ 12:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>