Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Maggio 2022

La calamita

La calamita

***

‘Na cosa che ce viè da l’esperienza,

fatece caso, è legge univerzale,

è a chi se piagne addosso d’usuale,

je casca contro, guasi pe sentenza, …

***

… ‘gni guaio, impiccio, rogna, danno e male,

ch’è pronto a rovinaje l’esistenza,

e che lagnasse, se pò dì ch’è scenza,

cià come effetto suo collaterale …

***

… d’entrà in der mirino de la jella,

che come un infallibbile cecchino,

quanno te punta, spara e te cancella.

***

Così si nun vòi fà ‘sta brutta vita,

nun te lagnà convinto, da cretino,

che de calamità … sei calamita.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. ‘Na cosa che ce viè da l’esperienza,
    fatece caso, è legge univerzale,
    è a chi se piagne addosso d’usuale,
    je casca contro, guasi pe sentenza, …

    Comment by Stefano — 11 Maggio 2022 @ 06:03
  2. E’ una legge immutabile dell’universo quella dell’attirare a sé ciò che esprime il nostro stato d’animo, la nostra postura mentale ed emotiva. Dipende da noi sei lamentarci costantemente o agire sorridendo alla vita, se essere calamità o calamita!

    Comment by Silvio — 11 Maggio 2022 @ 09:25
  3. Quello che hai scritto è la verità “vera”: se pensiamo in negativo ci accadono le cose brutte che abbiamo pensato! E’ proprio vero che bisogna essere positivi, altrimenti la jella ci perseguita!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 11 Maggio 2022 @ 10:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>