Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 Maggio 2022

L’invidioso

L’invidioso

***

Stai a penzà a quello che nun ciài,

a misurà chiunque ar bilancino,

già solo che te sveji ch’è matino,

gareggi contr’er monno, come fai?

***

Quell’è riccone che cià er patentino,

e l’artro cià ’na villa ch’è un via-vai,

e l’artro ancora nun l’hai visto mai,

senza “Ferrari” e “Porsche” e tu er “pandino”.

***

Me chiedo ’ndó te porta quer veleno,

gonfio de rabbia e pe nun dì l’umore,

ch’è nero pece quanno sei sereno.

***

Si te girassi addietro pe un par d’ore,

guardanno chi sta peggio e cià de meno,

co quer che ciài diresti: “So’ un signore!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Stai a penzà a quello che nun ciài,
    a misurà chiunque ar bilancino,
    già solo che te sveji ch’è matino,
    gareggi contr’er monno, come fai? …

    Comment by Stefano — 16 Maggio 2022 @ 01:30
  2. L’invidia fa vivere malissimo! Bisogna sempre ringraziare il Signore per tutto quello che ci da!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 16 Maggio 2022 @ 11:42
  3. L’invidioso si autoesclude la possibilità di essere felice!

    Comment by Silvio — 17 Maggio 2022 @ 17:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>