Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

25 Maggio 2022

De testa e de còre

De testa e de còre

***

Più t’arovelli a raggionà de mente,

più cerchi er tema giusto p’er sonetto,

usanno la capoccia e mai de petto,

più sta’ tranquillo che nun t’esce gnente.

***

Si nun ascorti er còre e che t’ha detto,

intigni co la testa solamente,

sarà perfetto sì, metricamente,

ma nun trasmetterà arcun effetto.

***

Nun potrai dì de èsse in sintonia,

co quer ch’hai scritto in rima senz’er còre,

senza ’na goccia mai de poesia.

***

Un piatto decorato e de valore,

si quello che ce magni è zozzeria,

nun je potrà mai fà cambià sapore.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Più t’arovelli a raggionà de mente,
    più cerchi er tema giusto p’er sonetto,
    usanno la capoccia e mai de petto,
    più sta’ tranquillo che nun t’esce gnente. …

    Comment by Stefano — 24 Maggio 2022 @ 19:45
  2. E’ esatto caro Stefano, abbiamo bisogno di entrambi gli ingredienti per non vivere né da freddi ragionieri né da emotivo-compulsivi.
    Testa e cuore: di questo giusto mix ha bisogno l’AsRoma stasera!

    Comment by Silvio — 25 Maggio 2022 @ 08:38
  3. Per vincere ci vuole la sintonia di cuore, cervello, gambe e un pizzico di fortuna! Sono tutte condizioni per vivere bene la vita con l’aiuto di DIO!
    SEMPRE FORZA ROMA!!!!!!!!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 25 Maggio 2022 @ 11:11
  4. Oggi er coro e’ uno solo: Daje Roma Daje!

    Comment by romano cb — 25 Maggio 2022 @ 11:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>