Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Giugno 2022

Nun se famo mancà gnente

Nun se famo mancà gnente

***

Inzomma … nun se famo mancà gnente:

c’è l’inflazzione, c’è la carestia,

e stàmo ancora in piena pandemia,

la siccità è un punto assai dolente …

***

… e tocca poi da fà più economia

de luce, gas, e acqua … è avvilente,

co la benzina, d’oro veramente

e l’anzia a cresce a fà da malatia.

***

Cor clima ch’è impazzito e manco piove,

li fiumi in secca e ‘na temperatura

che da 40 scegne a trentanove.

***

E infine la minaccia de ‘na guera

che nun conosce manco ‘na misura,

sinnò quella globbale de la Tera.

***

Stefano Agostino

________________________

*****+

  1. Inzomma … nun se famo mancà gnente:
    c’è l’inflazzione, c’è la carestia,
    e stàmo ancora in piena pandemia,
    la siccità è un punto assai dolente …

    Comment by Stefano — 20 Giugno 2022 @ 00:06
  2. Tutto sta convergendo nello stesso momento, tutto adesso. Paghiamo i disastri fatti dall’uomo per le emissioni di CO2, sono anni che gli scienziati lo vanno dicendo, ma noi stiamo tagliando il ramo sul quale stiamo seduti!

    Comment by Silvio — 20 Giugno 2022 @ 09:38
  3. Siamo arrivati alla fine della strada! Ormai non ci resta altro che raccomandarci al Signore, che abbia pietà di noi!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 20 Giugno 2022 @ 17:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>