Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Giugno 2022

Caronte a l’orizzonte

Caronte a l’orizzonte

***

Comincia oggi giusto ar calennario,

perché è un mese esatto de callaccia,

Annibale e Scipione e poi ‘st’ariaccia,

ch’è de Caronte a sbancà er lunario.

***

Che viè e squaja testa, gambe e braccia,

co un’afa che nun cala mai er sipario,

le massime sò solo un campionario,

de picchi de calore e de bonaccia.

***

E nun se sa nemmanco quanto dura,

l’esperti nun ne fanno previsioni,

se sa solo che la temperatura …

***

… è quella ch’è da sauna e forni boni,

che bevi e ciài già sete pe l’arzura,

“è er tempo suo” … un paro de cojoni.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Comincia oggi giusto ar calennario,
    perché è un mese esatto de callaccia,
    Annibale e Scipione e poi ‘st’ariaccia
    ch’è de Caronte a sbancà er lunario. …

    Comment by Stefano — 20 Giugno 2022 @ 17:40
  2. E’ curioso sentir parlare di razionare l’acqua quando le nostre fontanelle a Roma scorrono felici, incuranti del fatto che più del 99% della loro acqua non viene utilizzata. Il mondo soffre la siccità, che a livello agricolo significa carestia, e noi buttiamo questa preziosissima risorsa!

    Comment by Silvio — 21 Giugno 2022 @ 09:48
  3. Silvio ha ragione! dovrebbero mettere l’interruttore alle fontanelle! Forse farlo costa troppo? Dopo la 2^ guerra mondiale andavamo a prendere l’acqua alle fontanelle!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 21 Giugno 2022 @ 16:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>