Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

23 Giugno 2022

Bravo a fà la morale

Bravo a fà la morale

***

Ammazza si so’ bravo a fà sermoni,

a vorte me stupisco pure io,

ma chi me credo d’èsse, tipo un dio?

Padre che cià a che fà co bamboccioni?

***

Si ero capace armeno d’èsse fìo,

de quelli precisini, boni boni,

crescenno mó scalavo posizzioni,

speranno d’arivà magara a zio.

***

E invece me permetto ’ste morali,

quanno so’ er primo ch’ha sbajato tanto,

che a fà ’na somma nun ce sò totali …

***

… in grado de sommà er tanto e quanto,

fra toppe prese e tonfi colossali,

abbasta carcolà quant’è ch’ho pianto.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Ammazza si so’ bravo a fà sermoni,
    a vorte me stupisco pure io,
    ma chi me credo d’èsse, tipo un dio?
    Padre che cià a che fà co bamboccioni? …

    Comment by Stefano — 23 Giugno 2022 @ 05:44
  2. Anche la persona più saggia e più giusta sbaglia quando comincia a giudicare!

    Comment by Silvio — 23 Giugno 2022 @ 09:44
  3. Chi fa il moralista è uno che la morale non sa cosa sia!
    Gesù ha detto “non giudicate e non sarete giudicati”! Queste sono parole che devono farci riflettere!
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 23 Giugno 2022 @ 10:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>