Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

24 Giugno 2022

Un mese fa

Un mese fa

***

Un mese fa, er 25 maggio,

s’arzava in celo arta quela Coppa,

la gioia ancora oggi è così troppa,

ch’è come ieri avé inizziato er viaggio.

***

Ner mentre festeggiamo c’è chi schioppa,

er poveraccio, ‘na vita in disaggio,

nun se ripìa e se vò fà coraggio,

chiamannola “coppetta” … e lì se stoppa.

***

Pe tutti quanti l’artri è un gran traguardo,

che merita rispetto, onore e gloria,

che va a la lupa che fa da stendardo.

***

Perciò ancora grazzie a ‘sta vittoria,

che riempie ‘sta città e rubba lo sguardo,

a chi ne porta er nome e la memoria.

***

Stefano Agostino

***

  1. Un mese fa, er 25 maggio,
    s’arzava in celo arta quela Coppa,
    la gioia ancora oggi è così troppa,
    ch’è come ieri avé inizziato er viaggio. …

    Comment by Stefano — 24 Giugno 2022 @ 21:47
  2. Ar poveraccio proprio nu iè va giù! Gli conviene rilassarsi e sta’ tranquillo, altrimenti rischia un colpo! SEMPRE FORZA MAGGICA ROMA!
    Buon sabato.

    Comment by letizia — 25 Giugno 2022 @ 15:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>