Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

27 Giugno 2022

Er gioco der diavolo

Er gioco der diavolo

***

Li gusti che sò giusti nun discuto,

ma chiedo ar “callofilo” convinto,

come je fa a piacé ‘sto callo spinto,

che nun dà tregua manco pe un minuto?

***

Nun se respira e a ‘gni piè sospinto,

se suda come ar bagno turco a fiuto,

la notte nun se dorme senza aiuto,

co le zanzare che t’hanno già vinto.

***

E fòri è un forno acceso e l’afa bolle,

l’asfarto s’aroventa e er vento è un foco,

che s’arza sur tericcio fatto a zolle.

***

E nun se vede manco via d’uscita,

l’anticicloni fanno er triste gioco

ch’er diavolo ce gioca da ‘na vita.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Li gusti che sò giusti nun discuto,
    ma chiedo ar “callofilo” convinto,
    come je fa a piacé ‘sto callo spinto,
    che nun dà tregua manco pe un minuto?

    Comment by Stefano — 27 Giugno 2022 @ 17:02
  2. Abbiamo tutti una percezione diversa del caldo e del freddo, come del resto di ogni singola cosa nella vita. A me il primo non disturba, il secondo sì!

    Comment by Silvio — 28 Giugno 2022 @ 09:35
  3. Questo caldo infernale ha un risvolto piacevole: per lo meno la sauna è gratis!
    Buona Giornata rovente!

    Comment by letizia — 28 Giugno 2022 @ 10:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>