Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Luglio 2022

Che voja de scappà

Che voja de scappà

***

Che voja de scappà, staccà la spina,

de famme un lungo viaggio intorn’ar monno,

senza temporeggià manco un seconno,

m’abbasta ’na valiggia e ’na piantina.

***

E me la vojo gode fino in fonno,

senza orologgi o sveja matutina,

girà ’ndó me conduce la cartina,

magnà e dormì, quanno ciò fame e sonno.

***

Da du’ minuti so’ salito a bordo,

da l’arto vedo er GRA, sento un aroma,

ch’è un nun-so-che tra nostargia e ricordo.

***

Ma chi me lo fa fà d’avé ’sta soma:

appena che sorvolo sur Raccordo,

me sogno er viaggio de ritorno a Roma.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Che voja de scappà, staccà la spina,
    de famme un lungo viaggio intorn’ar monno,
    senza temporeggià manco un seconno,
    m’abbasta ’na valiggia e ’na piantina. …

    Comment by Stefano — 7 Luglio 2022 @ 15:21
  2. Sarebbe bello poter girare il mondo senza meta e senza orologi, ma io lo so che solo a Roma mi sento a casa mia e ci sto tropp bene!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 8 Luglio 2022 @ 12:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>