Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Luglio 2022

Er frullatore

Er frullatore

***

A vorte me balena l’impressione,

de vive fisso ’ndentro ar frullatore,

córo de qua e de là, a tutte l’ore,

senza ’no stop, manco pe minzione.

***

Si m’arivedo ar rallentatore,

nun riesco a trovà mica la raggione,

d’annà sempre de corza, a propurzione,

appresso a nun so che e co che motore.

***

A che me serve, tanto, e quanto vale,

’sto córe come un matto da ’nvasato,

si pure piano ariverò uguale?

***

Ciò da fermamme e da riprenne fiato,

ar frullatore je stacco le pale,

prima de ritrovamme triturato.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. A vorte me balena l’impressione,
    de vive fisso ’ndentro ar frullatore,
    córo de qua e de là, a tutte l’ore,
    senza ’no stop, manco pe minzione. …

    Comment by Stefano — 18 Luglio 2022 @ 04:06
  2. La metafora del frullatore è comune un po’ a tutti attualmente. Essere sempre on-line ha accelerato vorticosamente i ritmi di vita rispetto alle generazioni passate, quando si viveva con lentezza e in un giorno si facevano un decimo delle cose che facciamo oggi. Paghiamo a caro prezzo l’evoluzione tecnologica e spesso ne siamo vittime perché dimentichiamo la differenza tra strumento e obiettivo, tra il mezzo e il fine!

    Comment by Silvio — 18 Luglio 2022 @ 09:28
  3. A volte, per stare bene occorre tirare il fiato e sedersi in riva al mare per liberare il cervello!
    Buon Pomeriggio.

    Comment by letizia — 18 Luglio 2022 @ 16:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>