Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

4 Agosto 2022

Boni amichi

Boni amichi

***

Si c’è ’na frase che nun riesco a regge,

pe mette li puntini su le “i”,

che più de l’artre, sai, me fa stranì,

è una che me schifo pure a légge.

***

Quanno che intenno dì: “Nun pòi capì”

(nun sò pecore nere, è un ber gregge),

pe ariccontamme episodi o schegge,

che je sò capitati notte e dì.

***

Si “nun posso capì” come me dichi,

“che me lo dichi a fà?”, risponno io,

de che stamo a parlà? De pizza e fichi?

***

Sarò fissato, è più un probbrema mio,

ma si volemo èsse boni amichi,

nun me dì più così oppure addio!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Si c’è ’na frase che nun riesco a regge,
    pe mette li puntini su le “i”,
    che più de l’artre, sai, me fa stranì,
    è una che me schifo pure a légge. …

    Comment by Stefano — 4 Agosto 2022 @ 03:50
  2. “Nun pòi capì” è una espressione che odio: se non posso capire non me lo raccontare! Oltretutto mi stai dicendo che denoto o una scarsissima intelligenza oppure un enorme disinteresse!
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 4 Agosto 2022 @ 11:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>