Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

4 Giugno 2010

Maestro de vita

Tags: , , ,

maestro de vita

Maestro de vita

***

Stavorta tocca a te, ‘ndo scappi, a Franco,

ciai sonettato a tutti a ‘gni occasione,

mo becchi questo te che vai in penzione,

senza accannà né cattedra, né banco.

***

Maestro dentro, come pe missione,

de classe, disciplina e gesso bianco,

un inzegnante attento e sempre ar fianco

pure pe fà er verbale de riugnone.

***

E quanno stacchi còri su in montagna,

sarà quela passione pe’r ciclismo,

che chi ce riesce mai a pijatte in castagna.

***

Sei sempre er mejo esempio d’artruismo,

e nun ciabbasterebbe ‘na lavagna

pe ditte “GRAZZIE” e fallo co tempismo.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Bella la frase “Maestro dentro, come pe missione,” dovrebbe essere la vera motivazione di ogni insegnante, sono sicura che Franco è un maestro molto amato dai suoi allievi e dai suoi amici.

    Comment by Federica_Perla — 4 Giugno 2010 @ 14:17
  2. Io m’aricordo Antonio, er maestro
    de terza, quarta e quinta.
    Aoh, nun la dava mai vinta,
    ma all’insegnamneto era assai destro.
    Quell’era ‘n’epoca assai triste;
    partì sordato e nun ce fu notizia.
    La Russia; la ritirata ‘n mestizia,
    co’l’antri c’è rimasto, ne le piste.

    Comment by 'svardo — 4 Giugno 2010 @ 19:05
  3. Grazie Federica e ‘Svardo per la vostra fedeltà a questo sito. Vi abbraccio di cuore

    Comment by Stefano — 4 Giugno 2010 @ 19:17
  4. … Pur’io ciavevo un maestro, in terza elementare… er nome nun lo so, ma de cognome faceva Buttinelli… artri tempi, artri ritmi… all’epEca se mise a costruì n’aggeggio… che poi se rivelò esse un SemafEro!… a noi, arivati in classe, ce ammollava un dettato… e mentre abbiascicava ste parole senza senso, se buttava a capofitto nell’opra artigianale… lo costruiva, disse, per porlo all’ingresso dell’aula così, pe regolà l’afflusso delli ritardatari… verde potevi entrà, stavi in orario… giallo, stavi in ritardo e te beccavi na ramanzina… rosso annavi direttamente dar direttore! Finì l’anno ma non riuscì a porre fine all’impresa… poi cambiai scola… non saprò mai la fine che fece nè er Semafero nè er maestro… oggi me chiedo: voi vedè che poi Luisè annato a fa er vigile?

    Comment by Luis — 4 Giugno 2010 @ 21:56
  5. … Oggi, purtoppo, ammancheno li Maestri de vita, per cui tocca che la Vita ce faccia da Maestra… ao’ ammazza che penziero profondo… n’abbraccio a Stefano, Osvardo e Federica… Bonanotte e… Simpliciamente… SFR!!!

    Comment by Luis — 4 Giugno 2010 @ 22:00
  6. P.S. Stefano, Okkio, pare che sto governo voja seriamente combatte l’Evasione … ciò paura pe li Tua Sonetti, esempio fulgido d’Evasione… dall’affanni quotidiani… Grazie Sempre!

    Comment by Luis — 4 Giugno 2010 @ 22:03
  7. Luiss sei mitico…grazie

    Comment by Federica_perla — 4 Giugno 2010 @ 22:12
  8. Bonanotte a tutti e grazie a “luis”, m’hai fatto fa’ ‘na bella risata prima d’addormimme

    Comment by 'svardo — 4 Giugno 2010 @ 23:56
  9. Io avevo una maestra formidabile, in quinta elementare, che ci insegnava, oltre alle materie canoniche, anche a fare LA SETTIMANA ENIGMISTICA e a cantare “Bella ciao” e “Bandiera rossa” ….. 😀 BEI TEMPI??!!ODDIO, ERANO GLI ANNI DI PIOMBO.

    Comment by Francesca Principessa — 5 Giugno 2010 @ 08:00
  10. Luis, sarà banale e scontato, ma grazie di esserci

    Comment by Stefano — 5 Giugno 2010 @ 14:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>