Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Giugno 2016

Estate

Tags: , , ,

estate 

Estate

***

‘Na luce chiara e forte che t’avvorge

e un desiderio d’ombra che t’appare,

er canto de gabbiani lungo er mare,

co l’arba che de novo te sconvorge.

 ***

Li pescatori, ar lume de lampare,

stanno a aspettà la rete ch’arisorge,

quer furmine de voje che te ‘nsorge,

dopo l’inverno e le giornate amare.

 ***

Poi l’oro rosso acceso der tramonto,

a dì ch’è Giugno e guasi de nascosto,

se lega a l’arba a Lujo, lesto e pronto.

 ***

E’ tempo de vacanze, quann’è Agosto,

prima che passi in cassa a pagà er conto,

quanno a Settembre a risgobbà t’è tosto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Ciao Ste’ e bongiorno, magara fosse così, ma co’ tutti ‘sti sconvorgimenti nun se capisce più quann’è Estate o quann’è Inverno. Proprio ‘sti giorni ce l’insegneno. Io ce n’ho tanti de ricordi, de arbe e de tramonti goduti assieme a chi me li faceva appari’ più belli. Mo ‘nvece hai da ‘mpara’ che er rosso de matina, temporale s’avvicina e che er rosso de sera, bontempo se “spera”. Ok, speramo e….campamo

    Comment di RomamoR — 21 Giugno 2010 @ 08:48
  2. Bungiorno a tutti. Bellissimo sonetto, mette voglia di mare, di sole, di caldo…ma dov’è la tanto sospirata estate, anche lei in sciopero oppure anche lei in crisi e senza fondi ormai…

    Comment di Federica_Perla — 21 Giugno 2010 @ 09:30
  3. Eh si, finalmente l’estate “dopo l’inverno e le giornate amare”! Si apre oggi la stagione più attesa dell’anno, quella che favorisce la vita all’aria aperta, uscire la sera, incontrarsi, il buon umore e le vacanze. Nell’immaginario collettivo l’estate ci è soprattutto cara per i ricordi di quando eravamo piccoli, che significava la fine della scuola!

    Comment di Silvio — 21 Giugno 2010 @ 09:37
  4. ‘Na luce chiara e forte che t’avvorge
    e un desiderio d’ombra che t’appare,
    er canto de gabbiani lungo er mare,
    co l’arba che de novo te sconvorge. … (continua)

    Comment di Stefano — 21 Giugno 2016 @ 08:10
  5. Bongiorno. Spettacolare er firmato descritto ner sonetto. M’è parzo de rivive er periodo, abbastanza tempo fa, de quanno, d’estate, me svejavo presto, principarmente p’annamme a gusta’ er sorge der giorno su l’Adriatico. Li mejo tramonti me li so’ gustati ner verzante nostro, sur Tirreno o da quarche terrazzato der Gianicolo.
    …..
    Er penziero der giorno arispecchia l’eventuali critiche, disfattiste, che l’inguaribbili ‘nsoddisfatti moveranno a la neo eletta Sindaca o Sindachessa.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 21 Giugno 2016 @ 08:54
  6. Veramente stamattina più che il primo giorno d’estate, sembra l’ultimo giorno d’inverno! L’estate di quando ero ragazzina non l’ho vista più, o, forse allora avevo altri occhi. Comunque buona estate a tutti e Buona Giornata!

    Comment di letizia — 21 Giugno 2016 @ 09:09
  7. Molto poetico il sonetto, complimenti!

    “‘Na luce chiara e forte che t’avvorge…”
    “…dopo l’inverno e le giornate amare”.

    Questa è l’estate: tanta luce, colori e profumi che ci coccolano e ci inebriano, e quer friccicore de vitalità che t’accende dentro!

    Comment di Silvio — 21 Giugno 2016 @ 10:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>