Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

23 Maggio 2016

Me manchi

Me manchi

***

Me manchi Roma mia e pure tanto,

– e che ce posso fà, so’ ‘nnammorato –

amore che nun sempre è aricambiato,

ma che m’ariempie dentro e me ne vanto.

***

Fin quanno nun te vedo su quer prato,

e ar fonno der profonno m’esce er canto,

pe cui ciò riso spesso, ma anche pianto,

ma che aringrazzio Dio d’avé provato.

***

E attenno quela maja rosso impero,

bordata d’oro a ‘mprezziosì la tinta,

che er sogno ch’ho sognato se fa vero.

***

E in der reciproco dasse la spinta,

tra lei e me, er campo c’è er mistero

de stà a lottà in fino a che l’hai vinta.

***

Stefano Agostino

***

  1. Grandissimo Stefano!
    A mio modo di vedere, questo sonetto fa il paio con quello, indimenticabile per me, del padre che racconta al figlio “cos’è la Roma”.

    A proposito, potresti riproporlo in questo sito?
    Saluti a tutti/e
    Paolo

    Comment by Pablo Bighorn — 9 Ottobre 2010 @ 16:26
  2. Sarve. De certo è ‘na malatia ar contrario; stai male si nun ce l’hai e nun la vedi, ner mentre, pure si te fa soffrì, stai bene solo si ce l’hai e la vedi. Ma quanno ariva ‘startro sabbeto? Me pare lontano anni luce. FORZA ROMA

    Comment by RomamoR — 9 Ottobre 2010 @ 18:16
  3. Ciao Paolo, ‘a ricerca è semprice; vai a la “HOME”, criki su “La Roma in Rima”, scòri li “Tituli” fino ar penurtimo posto (ahia. che m’aricorda)e……trovi: “Papà che d’è la Roma”.

    Comment by RomamoR — 9 Ottobre 2010 @ 18:30
  4. Grande Stefano ROMANO e ROMANISTA ‘nnamorato!!! Senza quei colori addosso (e che colori!!!), me spiace, pure Borriello e De Rossi in nazionale nun me garbano, nun li riconosco!!! SEMPREFORZAROMA!!!

    Comment by Luis — 9 Ottobre 2010 @ 19:47
  5. Naturalmente ho letto questa per prima. Anch’io vengo da Roma. ora sono una ltinense da ventinove anni, ma tifo per la Roma, ho tre figli romanisti ed ho lasciato il mio cuore li, proprio a Roma. Stupenda

    Comment by laura cugini — 22 Aprile 2013 @ 17:58
  6. Me manchi Roma mia e pure tanto,
    – e che ce posso fà, so’ ‘nnammorato –
    un amore che nun sempre è aricambiato,
    ma che m’ariempie dentro e me ne vanto. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Maggio 2016 @ 08:38
  7. Bongiorno e ….. bonlunedì. Sti verzi ariveno giusti a faciolo: me stavp a domanna’ Che cavolo ho fastto ieri? Come si me mancasse quarcosa; defatti m’è mancata ‘a partita, m’è mancata ‘a ricerca de le ‘nterviste sur PC, so’ mancate tutte l’mpressioni che prepareno e segueno l’evento. Ho da cambia’, p’occupa’ deversamente er tempo e nun senti’ troppo sto vòto.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 23 Maggio 2016 @ 08:55
  8. “… E attenno quela maja rosso impero,
    bordata d’oro a ‘mprezziosì la tinta,
    che er sogno ch’ho sognato se fa vero …”
    Autentico capolavoro, inno in rima a celebrare un legame viscerale ed eterno, sonetto ch’è poesia d’amore!

    Comment by Silvio — 23 Maggio 2016 @ 09:12
  9. …amore che nun sempre è aricambiato…, purtroppo! Se bastasse il nostro smisurato amore, sarebbe sempre vittoriosa su tutti i campi!
    Buona giornata e sempre FORZA ROMA!

    Comment by letizia — 23 Maggio 2016 @ 10:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>