Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Ottobre 2010

Li processi penali

processo_immagine

Li processi penali

***

Ammazza che finaccia sti processi!

Te credo che se chiameno penali:

ma no pe le condotte criminali,

ma più perché sò “a mascolini sessi”.

*** 

Se pònno combinà li peggio mali,

che tanto poi l’effetti sò l’istessi,

se scoveno cavilli e ar più permessi,

che li còrpevoli so ar più neutrali.

 ***

‘Na vòrta è perché er tizzio era drogato,

perchè ciaveva un alibbi de fero,

un’artra ancora è stato provocato.

 ***

A seguità così su sto sentiero,

l’unico ergastolano de lo Stato,

che sconterà condanna sarà er  “Vero”!

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Sarve popolo giudiziario. Scusate, forse è già in atto “lo scudo”? Nun vedo commenti ar proposito. Certo che penalizzà co le pene chi le pene nun po’ soffrì è ‘na pena che fa pena, ma si nun lo penalizzeno e nun tie’ certezza de pena è inutile mette le pene, perché poi addiventà ‘n penalizza’ der pene. Insomma solo noi aromanisti …… PENAMO. FORZA ROMMA !!!! Ma bada che si te mòvi te penalizzeno.

    Comment by ''svardo — 14 Ottobre 2010 @ 15:20
  2. “Svardo sei un fenomeno!

    Comment by letizia — 14 Ottobre 2010 @ 18:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>