Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Ottobre 2010

La radio

radio

La radio

*****

Da sempre è la compagna più fedele,

nun sta a guardà né la raggione o er torto,

nun m’abbandona mai, vive d’ascòrto,

sia che er destino è bono o è crudele.

*** 

Me sta vicina e me dà conforto,

quanno che manno giù gocce de fiele,

è dòrce, a vòrte più der mejo miele,

e a un tratto indentro a lei me trovo assorto.

 ***

Nun chiede canone, né sguardo attento,

ma solo che je presto un po’ d’orecchio,

saprà poi lei come famme contento.

 ***

L’ascorterò fin quanno sarò vecchio,

armeno fino ar tanto che ce sento,

sinnò la spengo e bonanotte ar secchio!

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Adoro la RADIO, vivo di RADIO…dal mattino appena mi sveglio, in macchina, sul treno, in ufficio, fino alla sera la mia vita ha sempre una radio accanto. Grande Stefano e lo sai.

    Comment by Federica_Perla — 21 Ottobre 2010 @ 09:16
  2. ” Amo la radio perchè arriva dalla gente, entra nelle case e ci parla direttamente, e se una radio è libera ma libera veramente, mi piace ancora di piu’ perchè libera la mente” Eugenio Finardi.

    Comment by roberto genesis — 21 Ottobre 2010 @ 09:51
  3. Mio nonno 30 anni fa aveva una radio molto simile a quella della foto!!! Ora si può ascoltare ovunque, tra digitale terrestre, I-pod, computer…

    Comment by Principessa — 22 Ottobre 2010 @ 12:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>