Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Novembre 2010

Prima de quer SI’

 guida-matrimonio

Prima de quer SI’

***

Scusa si me permetto sto consijo,

libbero tu, sì o no, de daje retta,

oppure pijà sta mezza pagginetta,

accartoccialla e ar secchio a dì: “Lo pijo!”

 ***

Prima d’annà a l’artare in tutta fretta,

te lo sto a dì come fa un padre a un fijo,

cor rischio pure de sembrà un conijo,

si nun t’aregge, molla e va a casetta.

 ***

Che nun pò èsse solo un mercimogno,

o l’occasione pe fasse un ber viaggio,

de dì quer “sì” è fanne matrimogno.

 ***

Sinnò s’arischia de pagà pedaggio,

e ar primo intoppo schioppa un pandemogno,

e de l’Amore resta poi er miraggio…

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Ciao Ste’, ‘na vòrta, quanno er fidanzamento nun era convivenza, ce se sposava, magara co’ pochi bajocchi ‘n tasca e, dato che mancava la TV o guasi e artri grilli, se pensava e ragionava ‘n due. Mo co’ tutt’e tecnologie, se naviga in internet, se vede la TV, se fanno paragoni co’ chi è mejioe poi ce se scarica a vicenda senza curasse se ner frattempo s’è creata ‘na famijia. Propio vero che chi tie’ li denti nun tie’ da magna’ e viceserva. Ok è novembre e co’ l’ora legale porta ancora più tristezza, ma nun penza a ‘ste mslinconie. Er fatto è che manco la Roma aiuta a tiracce sù.

    Comment di ''svardo — 5 Novembre 2010 @ 16:30
  2. Il problema, cari miei, non è l’Amore che sfuma… ma l’esperienza della convivenza e il carico di responsabilità che ne deriva… finchè s’è fidanzati, per lo più da ragazzi, si esce, si va al cinema, si mangia una pizza e… ecc. ecc. ma non tutti ce la fanno POI, col matrimonio, a sostenere l’impegno di crescere figli, di mandare avanti una casa. Caro RomamoR, tutto vero quel che dici ma vogliamo mettere la diffcoltà che hanno i ragazzi d’oggi a trovare uno straccio di lavoro VERO? Bamboccioni? Non credo tutti, daje…

    Comment di Luis — 5 Novembre 2010 @ 19:50
  3. Argomento tosto, ma ben attuale, a leggere le statistiche…
    Tutto vero quello che scrivono stefano svardo e luis. Ciascuno mette in evidenzaun aspetto delle difficoltà di coppia. Ma l’argomento è complicato dalle moltissimissime e a volte personali sfaccettature. Io ne aggiungo un paio: l’Amore è per pochi e fortunati eletti: normalmente c’è la Passione iniziale a cui subentra l’Affetto e l’Amore per i figli. Spesso questo basta a compensare la Passione che pian piano silenziosamente svanisce dietro la ripetitività e l’abitudine. Ma non sempre basta.

    Nei Malavoglia, Verga scrive: “Il matrimonio è come una trappola per topi: quelli che sono dentro vorrebbero uscirne, e gli altri ci girano intorno per entrarvi.”
    Ma la frase piu’ bella per me è quella del Matrimonio di Figaro: “Di tutte le cose serie, il matrimonio è la piu’ buffonesca…”

    Comment di Pablo BigHorn — 5 Novembre 2010 @ 23:41
  4. Caro Luis, ner ’57, quanno me so’ sposato, semo arimasti a spasso tutt’e due a l’urtimo de l’anno co’ tutte le rate da paga’. Ce semo arabbattati a fa’ qualunque lavoro, poi piano piano, accontannose de quello che passava casa semo iti avanti e è cresciuta la famijia. Cor minimo decoro avemo fatto cresce li regazzi. Sarebbe stato bello pote’ seguita’ ancora oggi. Seconno me quello che manca ali matrimoni de oggi è che quanno capita gnisuno de li due vo’ abbozza’ e quanno due vonno ave’ solo ragione se sfascia tutto.

    Comment di ''svardo — 6 Novembre 2010 @ 01:18
  5. Po’ capita’m puro che doppo lui s’accorge d’ave’ sposato ‘na put… o che lei sgama che lui è ‘n puttaniere, ma questo è ‘n’antro discorso.

    Comment di ''svardo — 6 Novembre 2010 @ 01:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>