Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Novembre 2010

La paura

maschio paura

La paura

***

Cià quel’odore forte e penetrante,

che percepisci mòrto più cor tatto,

te tiene fermo, immobbile, contratto,

più che ner corpo, a l’organo penzante.

***

Er primo istinto porta a fà ‘no scatto,

pe tornà indietro ner rassicurante,

pure che ariesci a staje ben distante,

lei prima o poi aritorna de soppiatto.

***

E’ murtiforme e varia pe natura,

ma er fondamento resta ne l’ignoto,

su come er destino se ‘nfutura.

***

Pe questo che tocca mettese in moto,

e affrontalla in faccia sta paura,

pe vive un firm de vita e no ‘na foto!

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Io ho PAURA della MIA STESSA PAURA.

    Comment di Principessa — 17 Novembre 2010 @ 12:12
  2. … Io ho PAURA della VerdURA, della NatURA, dell’aria pURA,de qualsiasi cURA… mah, andrebbe a vive in clausURA… Maddechè, piamo la vita de petto, famo proclami, finchè dURA… e passa la paURA… come se dice… non si vive di solo pan..ico…

    Comment di Luis — 17 Novembre 2010 @ 22:41
  3. Quando provi la paura vera nn la dimentichi più…e ti cambia per sempre. Grande Stefano

    Comment di Federica_Perla — 18 Novembre 2010 @ 09:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>