Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Gennaio 2011

Riarzete!

Riarzete

Riarzete!

***

Sei triste più de un salice piangente,

nun t’aripiji nimmanco in cinepresa,

la donna che hai portato un ber dì in chiesa,

mo t’ha accannato e t’ha aridotto assente.

***

Vòi arzà bandiera bianca de la resa,

nun ciai più voja de lottà pe gnente,

girate attorno e guarda quanta gente,

sta come te o, peggio, anche più stesa.

***

Si nun pò èsse tutta ‘na salita

la strada che te porta a quela meta

che insegui sin da quanno che ciai vita…

***

…a  un certo punto, pure si sei atleta,

te devi renne conto ch’è finita,

sei nato omo e sei de sto pianeta…

***

…Dai arzete, damme ste cinque dita,

sòridi ar monno e co la faccia lieta

nun perde tempo, vatte a fà ‘na gita!

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Ch’ho da commenta’? Certo che nun è ‘na bella magniera da resta’ soli, ‘nfluisce ‘a bruciatura de l’abbandono, ma, a chi j’è capitata sta zella de jella, nun s’ha da abbiocca’. Lo dice er titolo: Daje, arzete e cammina che er monno nun è fenito e a ‘gni omo je spetteno 7 donne; ne troverai ‘n’antra e, co’ l’esperienza passata, saprai com’hai da fa’ pe’ nun falla scappa’. Ce sempre er detto romano: “Morto ‘n Papa se ne fa ‘n’antro”.

    Comment by 'svardo — 27 Gennaio 2011 @ 00:05
  2. I dolori sentimentali a volte fanno più male di un destro in faccia, ma proprio in quei momenti bisogna ricordare che i problemi “veri” della vita sono ben altri, quelli che non hanno una soluzione, una via d’uscita, basta farsi un giro in oncologia o in qualche paese dove l’umanità non ha mai conoscito dignità!

    Comment by Silvio — 27 Gennaio 2011 @ 09:19
  3. Buongiorno a tutti. ” Come diavolo fai a dire che ami una persona sola quando al mondo ce ne sono milioni che potresti amare molto di piu’, e la sola stronzata che ti fa parlare è il fatto che non le conoscerai mai nella vita…l’amore è una forma di pregiudizio, si ama cio’ di cui si ha bisogno “. Charles Bukowsky

    Comment by roberto genesis — 27 Gennaio 2011 @ 10:40
  4. come dice una canzone “alla fine di un amore soffrirà soltanto un cuore mentre l’altro se ne va”, ma basta un po’ di buona volontà per ritrovare la forza di rialzarsi e camminare. Ciao a tutti e FORZA ROMA!

    Comment by letizia — 27 Gennaio 2011 @ 11:14
  5. Grazie Stefano…si è vero si può ricominciare , ma certe ferite lasciano il segno per sempre. 🙂

    Comment by Federica_Perla — 27 Gennaio 2011 @ 13:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>