Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Febbraio 2011

Bravo a fà la morale

bravo a fà la morale

Bravo a fà la morale

***

Ammazza si sò bravo a fà sermoni,

a vorte me stupisco pure io,

ma chi me credo d’èsse, forze un dio?

O un padre che ha a che fà co bamboccioni?

***

Si ero capace armeno d’èsse fijo,

de quelli precisini, boni boni,

crescenno mo scalavo posizzioni,

potenno arivà a èsse quasi zio.

***

E invece me permetto ste morali,

quanno sò er primo che ha sbajato tanto

che a fà ‘na somma nun ce sò totali …

***

… in grado de quantificà quer quanto

fra toppe prese e tonfi colossali

che riesco a esprime solo dentro a un pianto.

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. chi non ha mai fatto erori
    scagli la pietra pe primo…
    Er fatto è che li dolori
    so troppi, e nun lo dimo…

    Comment by BigHorn — 8 Febbraio 2011 @ 00:16
  2. La voce de la coscienza, certe vòrte ce fa aricorda’ che gnisuno a ‘sto monno è perfetto e tanto meno chi se erge a giudice. Quante vòrte me so’ soffermato a penza si ho fatto tutto, p’aiuta’ li fiji, er prossimo; si ho ariconosciuto er giusto a chi m’ha fatto de li lavori, si so’ stato ariconoscente pe li favori aricevuti. M’assorvo guasi sempre, ma so’ giusto? Boh!!!
    Aoh, a la fine la vita è ‘n mozzico, pijamola come vie’ e, a Ste’, nun te ce arrovella’

    Comment by 'svardo — 8 Febbraio 2011 @ 01:13
  3. Questa volta ti ha fatto proprio arrabbiare eh? 😀

    Comment by Prometex — 8 Febbraio 2011 @ 01:36
  4. Buongiorno a tutti. “Si sa che la gente da buoni consigli sentendosi come Gesu’ nel tempio , si sa che la gente da buoni consigli se non puo’ piu’ dare cattivo esempio”

    Comment by roberto genesis — 8 Febbraio 2011 @ 08:28
  5. Buongiorno a tutti cari amici. C’è sempre chi ne sa più degli altri, c’è sempre chi pretende di essere nel giusto, c’è sempre chi pretende di capire senza ascoltare…un pò di umiltà nn guasta mai, ma forse ci vuole troppa intelligenza.

    Comment by Federica_Perla — 8 Febbraio 2011 @ 08:38
  6. Dedicata a Genesis: http://www.youtube.com/watch?v=ticFXHC40M4

    Comment by Stefano — 8 Febbraio 2011 @ 09:08
  7. Penso che gli “sbagli” tuoi siano tutti riassumibili in uno solo:credere troppo negli altri e troppo poco in te.

    Comment by Laio — 8 Febbraio 2011 @ 09:47
  8. Grazie Stefano, come puoi ben immaginare, io al Brancaccio quel giorno c’ero e non potro’ mai dimenticare la stretta di mano intensa con Lui nel suo camnerino saturo di fumo ! Che dire, nessuno come lui ha toccato il cuore e la mente, e chissa’ come ci avrebbe ancora stupito in questa societa’ che non ci piace per niente e sicuramente non sarebbe piaciuta neanche a Lui. Un maestro di vita.

    Comment by roberto genesis — 8 Febbraio 2011 @ 10:05
  9. A Ste’ ha ragione ‘Svardo: la vita e’ un mozzico! Non bisognerebbe mai voltarsi indietro a piangere sugli inevitabili errori, ma guardare sempre avanti!

    Comment by Silvio — 8 Febbraio 2011 @ 11:05
  10. Iersera a “La Signora ‘n Giallorosso” c’era ‘n poetucolo, attore se diceva lui, da strapazzo che s’è esibito in quarche versaccio a rime baciate. M’ha corpito solo ‘na cosa: Ha aringraziato er padre de nun avello fatto lassiale.
    Ecco, quello de fasse cresce ‘n casa ‘n lassiale sarebbe ‘n’erore madornale.
    Ste’ nun penzo che sia questo er cruccio tuo. Pe tutto er resto, daje se campa. SVORTA!!!!!!!

    Comment by 'svardo — 8 Febbraio 2011 @ 12:19
  11. A Stè, ma chi t’ha fatto inc…? Comunque è na bella lotta pure de sti tempi: c’è chi fa la Morale, e chi fa l’Amorale…

    Comment by Luis — 8 Febbraio 2011 @ 19:04
  12. Grazie a tutti sempre e comunque per la vicinanza che mi dimostrate. Vi voglio bene.

    Comment by Stefano — 8 Febbraio 2011 @ 21:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>