Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Febbraio 2011

Sonnetti

sonnetti

Sonnetti

***

Me piace quann’è sera pijà sto fojo

e mette assieme un paro de verzetti,

nun sò poesie, nun sò manco sonetti,

sò scritti un pò più veri e che più vojo.

***

No che li artri nun cianno st’aspetti,

ma a vorte quelli creano quarche scojo

invece questi, lisci come l’ojo,

escheno senza affanni e più diretti.

***

Sarà che er tempo ar fonno de la sera,

concilia intimità prima der sonno,

pe fà un riassunto a ‘na giornata intera.

***

Sarà che pe specchiasse ner profonno,

quanno ch’er bujo avanza e er cielo annera,

abbasta dà la bonanotte ar monno…

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. A ‘st’ora, sia bonanotte o bongiorno,
    ‘n gran silenzio c’è ‘ntorno,
    a dicenno: bon riposo ar monno;
    me fò ‘n ber sonno profonno.

    Ma quanno? Aresta sempre ‘n pio desiderio.

    Comment di 'svardo — 9 Febbraio 2011 @ 00:39
  2. Mi piace quando è mattino…aprire roma in rima e cercare il sonetto del mio amico Stefano. Mi illumina la giornata e tutto sembra diverso…poi arrivano i commenti e tutti gli amici e allora si che mi sento in compagnia 🙂

    Comment di Federica_Perla — 9 Febbraio 2011 @ 09:43
  3. Federica, come hai ragione! Meno male che ci siete voi, vi ringrazio tanto!

    Comment di letizia — 9 Febbraio 2011 @ 12:26
  4. Scusateme, Fede-Tizia, c’avete forze er complesso de solitudine? Puro io cerco er sonetto de matina e, mo che Stefano nun tie’ più orario, de sera. E’ successo iersera, ossia stamatina, vabbe’, ‘stanotte. De solito fò l’ore piccole e prima de chiude er PC do sempre ‘na sgamata pe vòde so ce so’ novità. Come voi, aringrazio er padrone de casa che ce fa ‘ncontra’.

    Comment di 'svardo — 9 Febbraio 2011 @ 12:42
  5. De solito m’addormo co’ ‘na canzone der passato aripresa dar sito “Italia in Brasile”, testo – musica e voce de li mejio cantanti der tempo.

    Comment di 'svardo — 9 Febbraio 2011 @ 12:50
  6. Questo sonetto, anzi come dici tu questo scritto, è una perla. Se ti faccio ancora i complimenti non ci rimani vero?
    Ciao Stè e ciao a tutti i ROMAiNrimISTI

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 9 Febbraio 2011 @ 13:32
  7. volevo dire “non ci rimani male vero?”….

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 9 Febbraio 2011 @ 13:33
  8. Dimmi cos’è che ci fa sentire amici
    anche se non ci conosciamo.
    Dimmi cos’è che ci fa sentire uniti
    anche se siamo lontani.

    Grazie Stefano!!! 🙂

    Comment di Prometex — 9 Febbraio 2011 @ 14:14
  9. La cosa piu’ bella e’ che quello che scrivi non rimane lettera morta in qualche cassetto, ma come vedi e’ apprezzata e condivisa da tutti noi e da chissa’ quanti che ti leggono e non commentano mai!

    Comment di Silvio — 9 Febbraio 2011 @ 14:29
  10. Che bello che ci siete. Vi voglio bene.

    Comment di Stefano — 9 Febbraio 2011 @ 14:35
  11. E daje Ste’, sei com’a Roma: “‘n’aresti mai solo”. Sei er nostro punto de riferimento

    Comment di 'svardo — 9 Febbraio 2011 @ 15:16
  12. Sul sonetto c’è poco da dire: f a n t a s t i c o.

    Sul pensiero del giorno:
    Bisogna sempre guardare il bicchiere mezzo pieno: domenica abbiamo perso ok, ma Adriano è volato in Brasile. Evvai!

    dalle foto me pare che il bicchiere di Adriano è TUTTO pieno: tanto che gli hanno tolto la patente…
    E’ un mistero… il motivo per cui rosella ha deciso di “vincere la scommessa” del recupero di questo ex giocatore depresso e bolso.
    Fortuna che adesso arivano l’americani…
    A proposito, ma semo sicuri che arivano?!

    Comment di Pablo BigHorn — 9 Febbraio 2011 @ 16:47
  13. Ecco fatto; bello l’interrogativo de Pablo e mo, co’ ‘sto penziero, chi dorme?

    Comment di 'svardo — 10 Febbraio 2011 @ 00:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>