Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 Aprile 2011

L’educazzione

l'educazzione

L’educazzione

 

Semo arivati ar punto che un “bongiorno”

o dì “salute” dopo ‘no starnuto,

sò usanze da trità via co l’imbuto

o da ‘nfilà a fà fiamma dentr’ar forno.

***

Ce costa troppo stà a spenne un saluto,

ch’è tempo perzo e nun dà mai un ritorno.

“Che me viè ‘n tasca? Un beneamato corno,

nun posso perde mica quer minuto!”

***

Che “grazie, prego, scusi e per favore”,

strigne la mano o dà la precedenza,

sò cose ormai de un’epoca ‘nferiore.

***

  Ma chi se cura più, ma chi ce penza,

d’arispettà l’anziano o fà er signore,

l’educazzione è segno de demenza…

 

S’ariverà ar tempo in cui se mòre,

senza un saluto a chi ce lassa e senza 

nimmanco un CIAO, che so, detto co un fiore.

***

 

Stefano Agostino

________________________

  1. Io ODIO chi manca di educazione e rispetto nei miei riguardi. A cominciare dai cosiddetti “pezzi grossi”, i quali sono i peggiori in tal senso. E pensare che ho fatto tanta fatica a studiare i manuali di “bon ton”!!

    Comment by Principessa — 13 Aprile 2011 @ 09:22
  2. La maleducazione è sempre una cosa disgustosa, ma ancora di più lo è nei confronti delle persone anziane!

    Comment by Silvio — 13 Aprile 2011 @ 09:28
  3. BONGIORNO e CIAO Ste’, mamma come c’hai preso! Se pò di’ che manc’hai messo ‘a palla ar centro e hai fatto golle. Quanno prenno er busse, er tramve o ‘a Metro me trovo sempre a penza che, quann’ero fanello, lassavo sempre er posto a le persone ‘n difficortà e lo fò puro mo che, magara, traballo; ner mentre che mo l’ho da fa’ pe’ forza pe’ li gioveni che te guardeno, ma nun s’arzeno, mqanco c’avessero er culo ‘ncollato ar sedile.
    Quello è er minimo: pe’ strada hai da sta attento a quelli che coreno o pare che vanno de fretta, te danno ‘na spallata e manco s’arivorteno a chiede scusa.
    Dice: è er progresso; ma nè tra li progressisti e nè tra li conservatori s’è mantenuto er grado de cortese civirtà de prima de la guera.
    Posso solo di’ che, ar bare ando pijo er cappuccio ar matino, me dicheno tutti “bongiorno”, perché l’ho sempre detto prima io. Le prime vòrte nun arisponneveno e mo lo dicheno puro loro quanno entreno.
    Volemo prova’ un pò tutti a esse’ li primi a sorride, a saluta’, a fasse ‘na reciproca cortesia?

    Comment by 'svardo — 13 Aprile 2011 @ 09:38
  4. Un buongiorno, un sorriso….non costano niente e danno tanta gioia riceverli….ma soprattutto darli al prossimo.

    Buongiorno e sorriso
    Buongiorno a tutti :-))))

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 13 Aprile 2011 @ 11:08
  5. Er sor Zamparini ha promesso ar sor “A TITOLO DI CULO, CO TITOLI LAUDO, IL LODO TACIUTO, TACITO ILLUDO” che, pe’ faje ‘na cortesia, er suo Palermo batterà la Roma pe’ 0 – 2. Me pare che er sor Zamparini addiventa ‘n cane rabbioso quanno se parla de la Roma. J’AVESSIMO ROTTO ER COSO PE’ METTESE A SEDE’?

    Comment by RomamoR — 13 Aprile 2011 @ 11:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>