Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Maggio 2011

Er sampietrino de Piazza der Popolo

er sampietrino de piazza der popolo

Er sampietrino de Piazza der Popolo

***

Me vòi lassà in pace quarche momento,

nun ce sta giorno che nun me carpesti

na vorta è che festeggi, una protesti,

ma a me me crei pressione e sfinimento.

***

Nun so nimmanco più a chi dà li resti,

la tua è cattiveria, è accanimento,

sciopero, mostra, musica o evento,

me carichi der peso tuo e m’appesti.

***

Avrò diritto a un sorzo d’aria in pace,

a un po’ de sole, libbero e leggero,

o chiedo troppo e er modo nun te piace?

***

Dici de no? Lo penzi pe davero?

Perchè nun ce stai tu, si sei capace,

a fatte schiaccià sotto un anno intero?

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Ahò è proprio vero, li sampietrini de piazza der Popoplo so’ li più acciaccati de Roma!!!
    Anche per me ok per la cena venerdi 20.

    Comment di Silvio — 6 Maggio 2011 @ 09:43
  2. Er Sampietrino, storia de Roma, così familiare, quasi parente… Aò, nun è che mò che ariveno l’americani tocca chiamallo Zio Sam…pietrino?
    Ok anche per me + 1 per la cena del 20. ‘Svardo, facce sapè ‘ndo te fa più comodo, te venimo a pia o te venimo incontro!

    Comment di Luis — 6 Maggio 2011 @ 17:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>