Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Ottobre 2011

Er singhiozzo

er singhiozzo

Er singhiozzo

***

Come me viè, nun l’ho capito mai:

quanno che bevo troppo o che me ‘ngozzo,

quanno ce manca poco che me strozzo,

quanno respiro a buttà giù li guai.

***

Sento er rigurgito, ecco er singhiozzo,

che lancia er primo “SIGH” ched’è bonsai,

poi mano a mano cresce, finché ormai

me fa sartà co spasmi er gargarozzo.

***

C’è un rimedio in grado d’arestallo,

se sa, è quelo classico, er più vecchio,

de prenne un coccolone pe levallo.

***

Pe spaventamme e pure de parecchio,

quanno me pija così, p’eliminallo,

abbasta che me guardo ne lo specchio.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Che te possino… che fantasia che c’hai amico mio, er singhiozzo che fa sartà co spasmi er gargarozzo: strepitoso! Estro e genialità che neanche il nubifragio riesce a spegnere eheheh…

    Comment by Silvio — 26 Ottobre 2011 @ 08:49
  2. …indove arriverai? … BRAVO !!!

    Comment by Elio Malloni — 26 Ottobre 2011 @ 09:15
  3. Caro Elio….arriverà lontano…se non lo fermerà il singhiozzo. Ciao a tutti, buonagiornata umidiccia e…..
    SempreForzaRoma

    Comment by Massimiliano "Bariggio" — 26 Ottobre 2011 @ 09:48
  4. Buongiorno bagnato a tutti, ma nulla a che vedere con quello della scorsa settimana…il singhiozzo ovvero il tormento di ogni bimbo, perchè a loro capita spesso nn l’ho mai capito…Il ns Poeta è grande e nn smette mai di stupire 🙂

    Comment by federicaperla — 26 Ottobre 2011 @ 10:21
  5. Bongiorno meno brutto de quello che se prevedeva. Domani così così e poi ‘na sfirza de bone giornate.
    Pensanno ar singhiozzo (ich), quello che quanno te pja nun te permette manco de parla’, m’aricordo che, pe cerca’ de fallo passa’, provaveno a famme spaventa’ oppure bevevo sette sorsi d’acqua lentamente senza respirà.
    Speramo che stasera la Roma vada spedita senza singhiozzi.
    SEMPRE FORZA ROMA!!!

    Comment by 'svardo — 26 Ottobre 2011 @ 11:25
  6. Grande Stefano! anche il singhiozzo ti ispira!!!!!!!! A me, purtroppo, viene spesso, anche se sono a digiuno e prima che mi passa…… Spero di non singhiozzare stasera. FORZA ROMA!!!!!!!

    Comment by letizia — 26 Ottobre 2011 @ 11:59
  7. Stefano troooooppo forte!!!
    Quanto me gusta sto sonetto, simpatico, ritmico proprio come er singhiozzo!!!
    La faccenna der coccolone pè fallo passà, me fa pensà a B.Spenser e T.Hill quanno in non so quale film sebbene arquanto rozzi vanno a magnà in un ristorante de lusso e il cameriere stappa la bottija cor botto…
    Chevvelodicoafà… Se arzeno e tireno fori le pistole dicenno: non lo fare mai più!
    Ecco, a me se me fanno sto scherzo je zomperebbe addosso…

    Comment by Luis — 26 Ottobre 2011 @ 13:37
  8. … Molto mejo la filastrocca detta tutto d’un fiato:
    Singhiozzo mio singhiozzo, vai nell’acqua vai nel pozzo, vai nel cuore di chi m’ama vai nell’acqua alla fontana, ecc.
    Er seguito? Boh, hich, m’è venuto, hich, er singhiozzo…

    Comment by Luis — 26 Ottobre 2011 @ 13:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>