Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Dicembre 2018

Er presepe

er presepe

Er presepe

***

Io cor presepe torno un po’ pischello,

casette illuminate e li pastori,

che aggiorna e annotta, un misto de colori,

tra pecorelle, er bue e l’asinello.

***

Tra sassi e ghiaia, er muschio e li rumori,

de mestieranti e de quer mulinello,

co la carta stagnola a fà er ruscello,

ner cèlo ’na cometa de chiarori.

 ***

Mentre lo guardo l’occhio me se ’ncanta,

se fissa su la grotta e lì vicino,

polistirolo a neve che s’ammanta.

 ***

Me trovo a raggionà da regazzino,

chissà com’era quela Notte Santa,

e a un tratto ariempie tutto quer Bambino…

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Bellissimo pe delicatezza e p’aricorda’ a chi, come me, da regazzino se impegnava a fa’ ‘n presepio d’aricordasse.
    Trovavo ‘n’angolo ‘n cammera de pranzo e ‘ncominciavo a fa’ ‘n telaio d’aricoprisse co la carta azzurra traforata de stelle. Aricoprivo tutto co la carta mimetica, sortiva fòra ‘n grottone. Le lampadine intramezzo a li du foji faceveno arisarta’ le stelle. Co la carta mimetica, stropicciata, ce facevo le montagne e intramezzo lasciavo er vòto de la grotta. L’impianto de luci che giranno ‘n’interuttore facevno cambia’ arba, giorno, sera e notte. Arivaveno le pupazzetti e tutto s’ariempiva cor muschio (quello vero) e ‘na sporverata de farina a fa’ la neve. La notte de Natale, ar ritorno da la Messa de mezzanotte, ce mettevo e Bambinello e er sei gennaro arivaveno li Maggi.
    Peccato che nun se ne vedeno più tanti ne le case, sostituiti dar pagano Arbero de Babbo Natale.
    Scusateme la prolissità, ma quanno ce penzo me commovo.
    Profitto de l’occasione pe fa’ ‘n sincero augurio che ‘sto Natale ve portì tanta serenità ‘n famija.

    Comment by 'svardo — 22 Dicembre 2011 @ 13:47
  2. descrizione poetica del presepe …

    Comment by Elio Malloni — 22 Dicembre 2011 @ 17:55
  3. Bella poesia, quanti ricordi e che nostalgia se ripenso al passato! Tanti auguri di Buon Natale a tutti e un augurio particolare a Stefano, che ci delizia sempre con i suoi versi.

    Comment by letizia — 22 Dicembre 2011 @ 19:45
  4. “Te piace ‘o presepio, guagliò?” “SI!!!”

    Comment by principessa — 23 Dicembre 2011 @ 08:59
  5. Io cor presepe torno un po’ pischello,
    casette illuminate e li pastori,
    che aggiorna e annotta, un misto de colori,
    tra pecorelle, er bue e er somarello. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Dicembre 2016 @ 08:40
  6. Il presepio è l’eterna riproduzione di quella Notte Santa, riadattato da milioni di scenografie differenti a seconda delle diverse culture sparse sulla terra e prolungato nel corso dei secoli passati e futuri. Del resto Dio che viene in questo nostro mondo è immaginato e interpretato a modo proprio nel cuore di ogni suo figlio!

    Comment by Silvio — 22 Dicembre 2016 @ 09:21
  7. Bon pomeriggio. Quanti preserpi ho fatto: semprici da regazzino e poi, via via crescenno, sempre più complicati. Ner quartiere de nascita ho vinto diverzi concorzi indetti da la parocchia. Quann’era er periodo, casa se riempiva de gente che veniva a vede’ e mi madre se stufava de sta sempre a fa’ ‘a portinara. Poi, messa famija, so’ aritornato a la semplicità. Mo, da solo, nun fò manco l’arbero.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 22 Dicembre 2016 @ 16:21
  8. Il Presepio ci fa ritornare bambini!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 16 Dicembre 2017 @ 11:56
  9. Il Presepio è magico: ci fa ritornare bambini!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Dicembre 2018 @ 11:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>