Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Gennaio 2012

Promessa

promessa

Promessa

***

Er giorno che me rompo, ve prometto,

che smetto co sto rito quotidiano,

de scrive in gergo tipico romano,

‘gni santo dì ‘na sorta de sonetto.

***

Ma fino a che me prudeno le mano,

che ciò da buttà giù e nun ce rimetto

sia in salute che in ‘gni artro aspetto,

io vado avanti su sto stesso piano.

***

Quanno m’accorgerò de stà a annà a noja,

de nun avé più idee sur cosa scrive,

de nun avecce più chissà che voja …

***

… co dentro ar sacco un ber pajo de pive,

me faccio accompagnà fino a la soja,

prima de favve sfracellà l’olive…

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Scrivi scrivi…c’è molto da dire! Il sonetto al dì è come al caffè con l’unica differenza che il caffè é per tutti, il sonetto per gli eletti! Dajeeeeee

    Comment di Sololupo — 28 Gennaio 2012 @ 10:52
  2. Bongiorno Ste’, nun sto a ripete quanto so’ graditi li sonetti quotidiani; vojo solo sottolinea’, si nun tene sei accorto, che hai acquisito ‘n’antro fans: er simpaticone e spansivo Ennio. Se li sonetti fossero a noja penzo che nun se sarfebbe più affacciato a commenta’.
    Che t’ho da di’: ho rinunciato ar cappuccino pe corpa de Monti, nun me fa rinuncia’ ar sonetto mattutino.
    Sempre ‘n grazie.

    Comment di 'svardo — 28 Gennaio 2012 @ 11:22
  3. CONTINUA …

    Comment di Elio Malloni — 28 Gennaio 2012 @ 12:40
  4. Quanno m’accorgerò de stà a annà a noja (non succederà mai)
    de nun avé più idee sur cosa scrive (ha talmente tanta fantasia che non accadrà nemmeno questo).

    Il tuo amico Bariggio

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 28 Gennaio 2012 @ 12:57
  5. Ma per carità Stefano che dici! E’ vero che qualche volta non commento, ma è un appuntamento quotidiano con te, al quale non intendo mancare per nessun motivo. SEI GRANDE! GRAZIE!

    Comment di letizia — 28 Gennaio 2012 @ 13:32
  6. I tuoi sonetti sono per me il pane quotidiano, la colazione da consumare piano piano, sorseggiando i tuoi versi come un buon caffè. La prima cosa che faccio, accendendo il computer è andare a vedere se c’è il tuo sonetto, sono tuti belli e pieni di sentimento, continua così, con tanto affetto.
    Carlo

    Comment di Carlo Pighi — 29 Gennaio 2012 @ 11:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>