Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Aprile 2012

Notte in bianco

notte in bianco

Notte in bianco

***

Fasse ‘na notte totarmente in bianco,

senza un motivo, senza ‘na raggione,

contà le ore da la diggestione,

l’una, le due, le tre, le quattro e aranco.

***

Provà a vedé un po’ de televisione,

ma l’occhio nun se chiude anche si è stanco,

guardà de tutto e capì che branco

de inutili programmi in trasmissione.

***

Arbeggia e come faccio a tirà avanti,

le borze a l’occhi e faccia da galera,

invocherò l’aiuto de li santi.

***

Com’affrontà mo ‘na giornata intera,

quella che me se sta a parà davanti,

che a me me dura già da ieri sera?

***

Stefano Agostino

_____________________

  1. A volte capita… Qualche ansia, qualche preoccupazione, e la notte diventa incubo… La beffa è che poi spesso ci si addormenta dieci minuti prima della sveja … E si va ciondolando tutto il giorno! Sfr

    Comment by Sololupo — 14 Aprile 2012 @ 07:30
  2. brutta bestia l’insonnia …

    Comment by Elio Malloni — 14 Aprile 2012 @ 08:45
  3. E, purtroppo, succede: ti giri e ti rigiri e vengono pensieri neri.

    Comment by letizia — 14 Aprile 2012 @ 10:57
  4. Io ,ormai, c’ho fatto er callo. Li mia nun so’ penzieri neri, ma è rinaviga’ la vita passata. Ammaza aoh le cose che me so’ scodato e ch’arivengheno a galla. Allora ‘ncomincio a penza’:_ e s’avessi fatto a stantra magniera? Forze oggi sarebbe pur’io ‘n capitalista. L’artrieri notte me so’ aricordato la prima sc…usa. Ammazza aoh com’ero regazzino.

    Comment by RomamoR — 14 Aprile 2012 @ 12:49
  5. Grande Stefano; mo che ce ripenso stanotte nun ce dormo 😀
    Mitico RomamoR…

    Comment by Luis — 14 Aprile 2012 @ 19:37
  6. notti buie come un forno
    notti insonni prima di un gran giorno
    notti dure di illusioni
    lunghe e scure di caffè

    I vostri commenti mi fanno tornare col pensiero a questa vecchia canzone di Baglioni che all’epoca mi rimase impressa perchè descriveva esattamente tante notti passate con me stesso e con i miei pensieri, sensazioni. Vale al pena rileggerla http://angolotesti.leonardo.it/C/testi_canzoni_police_874/testo_canzone_notti_28271.html
    A me accade come dice Daniele: occhi sbarrati tutta la notte, poi svenimento dieci minuti prima della sveglia, che inesorabile suona e sei più rinco di prima…

    Comment by Pablo BigHorn — 14 Aprile 2012 @ 23:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>