Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Maggio 2012

Adamo e Eva

Adamo_ed_Eva

Adamo e Eva

*

“V’ho dato l’Eden” , disse allora Dio,

“tranquilli qui nun ve succede gnente,

magnate, è robba bona, veramente,

fosse sortanto che l’ho fatta Io!

***

Ma nun toccate er frutto lì, sporgente,

de l’Arbero der Bene e Male o pijo

chiudo ‘sta giostra e faccio a modo mio,

ve pentirete mórto amaramente”.

***

Adamo j’arispose: “Mio Signore,

ciài dato ‘sta fortuna de giardino,

te pare che finimo a fà ‘st’erore?

***

Me possino cecamme, mio Divino,

nun statte a preoccupà, né a attristà er còre”

e detto questo je fece un’inchino.

***

II

***

‘Sto ber discorzo l’ascortò er serpente,

che nun penzava a artro che dà addio

ar Paradiso e pijà un artro pendio,

no quello de Dio Padre Onnipotente.

***

E quanno se n’annò er Signore Iddio,

avvicinò la donna, dorcemente,

je mise er tarlo inzano ne la mente,

ch’er frutto era proibito, pe chi è pio, …

***

… perché a magnallo ce se va vicino,

a èsse pari a Dio, er Creatore,

che,  infatti, minacciava un gran casino.

***

Così er serpente, infame tentatore,

indusse Eva, e questa er suo amorino,

a magnà er frutto, senza più timore.

***

III

***

Magnato ch’ebbe Adamo disse: “Oddio!

Ma semo nudi Eva, ciài presente,

coprimose ‘sto scandalo indecente,

foja de fico e ce penzasse obblìo”.

***

Dio che s’accorze ch’era sì cosciente

de ch’era ignudo, prese a dì d’avvio:

“Che sò ‘ste frasi e tutto ‘sto brusio,

ma ch’hai magnato er frutto, delinguente?”

***

Adamo j’arispose co candore,

che era stata Eva a fà er giochino,

lei cor serpente, losco traditore.

***

Allora Dio sbottò: “Ma sei cretino!”,

J’urlò a li due de comincià già a córe:

“Ve faccio vede mo che ve combino!

***

IV

***

Tu donna che sei stata più suadente,

partorirai dolori pe fà un fijo,

tu omo invece pagherai ‘sto fio,

a forza de sudà, incessantemente.

***

Comincia a lavorà, te do un consijo,

sinnò finisce che nun magni gnente” .

Da urtimo guardò poi quer pezzente

de animale reo de ‘sto schifio.

***d

E a quer serpente zozzo e traffichino,

lo fece striscià a tera, senza onore,

co l’odio de la donna ner destino.

***

Questo successe fino a che l’Amore

de Dio mannò quaggiù Gesù Bambino,

a cancellà er peccato, Redentore.

***

Stefano Agostino

_________________________________

  1. Si, disse: “Tu omo lavorerai co gran sudore”; ma ando’ sta sto lavoro?
    Nun lo dico pe me, ma pe tanti Adami su la Tera, ch’hanno da elemosina’, pe magna’.
    Er fatto è che manco la donna partorisce più “co gran dolore”.
    Che er Padreterno avesse fatto X; 1 a 1 e palla ar centro?

    Comment di RomamoR — 8 Maggio 2012 @ 08:46
  2. Ecco, bravo; bello er penziero der giorno: è mejo ignoralli.

    Comment di RomamoR — 8 Maggio 2012 @ 08:48
  3. E’ un poema! proprio bello!!!!!

    Comment di letizia — 8 Maggio 2012 @ 10:23
  4. 29 ANNI FA ERA L’8 MAGGIO 1983 / OGGI 08 MAGGIO 1912.
    IERI ‘NO SCUDETTO / OGGI ‘N PUGNO DE MOSCHE.

    Comment di RomamoR — 8 Maggio 2012 @ 12:56
  5. mi stupisci sempre…positivamente!Grande Stefano….

    Comment di enrica — 9 Maggio 2012 @ 22:08
  6. belle… un tema classico aggiornato da stefano

    Comment di Gabriele — 12 Gennaio 2015 @ 14:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>