Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Maggio 2012

Febbre fori staggione

Febbre fori staggione

***

Me pò venì la febbre e l’influenza

quanno ch’è guasi er tempo de l’estate?

Posso passà a letto ‘ste giornate

cor sole che ce sta? E’ un’indecenza.

***

Me sto a infracichimme un tanto a rate,

nun è che poi ce vò ‘na granne scienza,

ma pijanne atto e aveccene coscienza

nun è ‘na storia bona pe un gran vate.

***

Termometro ch’è fisso sotto ar braccio,

tachipirina pure in de l’orecchio,

‘na faccia che sta mejo er peggio straccio.

***

“Riguardete”, me dicheno. “A lo specchio,

me guardo e m’ariguardo”, io je faccio.

Risposta: “Vattela a pijà ‘nder secchio!” 

***

Stefano Agostino

_____________________________________

  1. Auguri di pronta guarigione!

    Comment di Silvio — 18 Maggio 2012 @ 14:56
  2. Forza Stefano: è un’influenza che dura solo tre giorni, per fortuna!

    Comment di letizia — 18 Maggio 2012 @ 20:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>