Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

24 Maggio 2012

La statua der Belli

La statua der Belli

***

In piedi ar centro tra Piazza Sonnino

e ponte Garibbardi a guardà quelli

che passeno de là, ce stai te, Belli,

come a rappresentà er trasteverino.

***

Co un occhio hai già sgamato li fratelli,

quelli de sangue DOC capitolino,

a cui je fai un soriso e l’occhiolino,

ché te ne mori solo pe vedelli.

***

Chi invece viè da fori l’ariguardi,

come pe dije (sempre in de ‘st’idioma)

e sempre presso Ponte Garibbardi …

***

… “Inchinete, stragnero, testa e chioma,

e prima che te ‘ncazzi e che te scardi,

ricordete che l’hai da fà pe Roma”

***

Stefano Agostino

________________________________

  1. …er granne Giuseppe Gioachino te ne sarà grato …

    Comment by Elio Malloni — 24 Maggio 2012 @ 09:14
  2. Bravo Stè! Doveroso omaggio a uno dei più grandi tra i nostri fratelli antenati!

    Comment by Silvio — 24 Maggio 2012 @ 09:38
  3. Bello x BELLI

    Comment by letizia — 24 Maggio 2012 @ 11:56
  4. Grazie a tutti per gli interventi, sempre graditi. Vvb, Stefano.

    Comment by Stefano — 24 Maggio 2012 @ 14:33
  5. Grandioso! Io andavo a scuola al G.G.Belli

    Comment by Laura — 24 Maggio 2012 @ 15:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>