Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

7 Giugno 2012

Quer negozzietto de via der Vantaggio

Quer negozzietto de via der Vantaggio

***

Ce sò turisti lì a via der Vantaggio,

de giorno, sera, notte e de matina,

pronti a fotografà ‘na cartolina,

che j’aricordi Roma e ‘sto passaggio.

 

Come a volé stampà ‘na copertina,

pe l’arbum de le foto de ‘sto viaggio,

che stanno a fà quer “clik” pe renne omaggio,

a un muro de capocce là in vetrina.

***

Sò bambolette rotte addosso a un vetro,

stanno a aspettà er restauro da ‘na vita,

lì a un negozzietto, un metro per un metro.

***

 Come pe dì ar turista: “E’ robba trita,

  Piazza de Spagna, Colosseo e San Pietro,

ciài da stà qui p’aricordà ‘sta gita”.

***

Stefano Agostino

________________________________

  1. La bottega più fotografata de Roma eheheh…, l’angoletto della nostalgia… Sta vetrina ruba inesorabilmente l’attenzione dello straniero, che in una realtà sempre più tecnologica e frenetica viene rapito da qualcosa che ha fermato il tempo, che ricorda un mondo sparito, ormai lontano e irreversibilmente perduto!

    Comment di Silvio — 7 Giugno 2012 @ 10:13
  2. Io non l’ho mai vsto questo negozio.

    Comment di principessa — 7 Giugno 2012 @ 10:17
  3. sta a via brunetti, ed è di proprietà di un serial killer

    Comment di Laura — 7 Giugno 2012 @ 14:46
  4. No, è perchè in Italia ce sta la fuga dei cervelli…
    E ce restano le capocce vòte…

    Comment di Luis — 7 Giugno 2012 @ 21:36
  5. Quando andavo in ufficio, ci passavo davanti tutti i giorni. A me, comunque le bambole di qualsiasi tipo non mi piacciono: roba da film horror!

    Comment di letizia — 8 Giugno 2012 @ 13:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>