Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Posts Tagged ‘stefano agostino’

I sonetti romani,Romanamente

1 Maggio 2017

Er primo maggio

Tags: , , ,

pic-nic-1-maggio

Er primo maggio

***

È tradizzione a Roma, er primo maggio,

portà la fava e er cacio pecorino,

der casereccio, ber fiasco de vino,

pe fà ‘na gita fòra da sto raggio.

***

Così pò èsse che, già dar matino,

se formeno fiumane de passaggio,

tra carovane d’auto a l’arembaggio,

der mejo posto tra Arbano e Marino.

***

Sicché li prati l’aje e li cortili,

quer giorno se trasformeno in locanne,

a l’aria aperta de “picnic” e asili.

***

Ma chi ce lassa avanzi e anche mutanne

e  prenne ‘sti bei campi pe’ porcili,

dovrebbe da campà de bacche e ghianne.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2017

Er computer

Tags: , , ,

Computer-Trash

Er computer

***

Mó c’è er computer, che gran marchingegno!

Ar giorno d’oggi nun pòi stanne fanne senza,

è diventato guasi un’esiggenza,

sia pe lo sgobbo che p’er disimpegno.

***

Nun ce sta cosa che a l’apparenza,

nun sa arisorve ‘sta spèce de fregno,

co ‘na tastiera e er video sei ner regno

de reartà che sa de fantascènza.

***

Clikki cor mouse, taji, copi e ‘ncolli,

apri ‘gni file e l’ariduci a icona,

co’ internet, se sa, er monno controlli.

***

Si ciài un rischio che nun te funziona,

pò èsse pe quer virus, de li polli,

che ar personal lo credeno perzona.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

3 Novembre 2016

Novembre a Roma

Tags: , , ,

novembre

Novembre a Roma

 ***

È er mese de li santi e de li morti,

de le castagne e der vino novello,

de quanno che t’accoppi co l’ombrello,

mentre li giorni sò sempre più corti.

 ***

Le foje a tera a faje da mantello,

a l’angoli de Roma e a coprì torti,

der griggio de l’Autunno che l’ha avvorti,

de un tempo che poi piove, si mò è bello.

*** 

Callarostari a riscallà er passeggio,

la voja zero de ‘nfilà majoni,

stormi de storni, inzù, pronti a fà sfreggio.

 ***

L’abbraccio stretto a li termosifoni,

er fumo de comignoli a sorteggio,

 pe sluccicà lo sguardo a li barboni…

 ***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Giugno 2016

Estate

Tags: , , ,

estate 

Estate

***

‘Na luce chiara e forte che t’avvorge

e un desiderio d’ombra che t’appare,

er canto de gabbiani lungo er mare,

co l’arba che de novo te sconvorge.

 ***

Li pescatori, ar lume de lampare,

stanno a aspettà la rete ch’arisorge,

quer furmine de voje che te ‘nsorge,

dopo l’inverno e le giornate amare.

 ***

Poi l’oro rosso acceso der tramonto,

a dì ch’è Giugno e guasi de nascosto,

se lega a l’arba a Lujo, lesto e pronto.

 ***

E’ tempo de vacanze, quann’è Agosto,

prima che passi in cassa a pagà er conto,

quanno a Settembre a risgobbà t’è tosto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

1 Giugno 2016

Giugno a Roma

Tags: , , ,

Tramonti

Giugno a Roma

***

Da la matina presto a sera tardi,

Roma s’abbronza a Giugno co li raggi,

de un sole che se asfarta a fà miraggi

in pozze d’acqua stese a li traguardi.

******

È bello arimané pe ‘sti paraggi,

cor cèlo azzuro a fà innarza li sguardi,

le notti brevi da allungà gajardi,

paganno er giorno dopo li pedaggi.

***

Comincio e fine, a giugno, sò du’ ponti,

le forze armate e li santi patroni,

chiudeno scòle, è estate … e state pronti.

***

Su li terazzi ovunque e a li bàrconi,

s’appoggeno de sera li tramonti,

 a chiacchierà co tetti e cornicioni.

***

Stefano Agostino

_________________________

+++

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Aprile 2016

L’invidioso

Tags: , , ,

 invidioso

L’invidioso

 ***

Stai sempre a guardà a quello che nun ciài,

a misurà ‘gni tizzio ar bilancino,

già solo che te sveji ch’è matino,

gareggi contr’er monno, come fai?

 ***

Quello è un riccone che cià er patentino,

quell’artro cià ‘na casa che è un via vai,

quell’artro ancora nun l’hai visto mai

senza un ber machinone e tu er “pandino”.

 ***

Me chiedo ‘ndo lo porti quer veleno,

che te gonfia de rabbia e fa l’umore,

  che quanno è nero pesto, stai sereno.

 ***

Si te guardassi indietro pe un par d’ore

a véde chi sta peggio e cià de meno,

te sentiresti, fórze, un gran signore.

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***  

Frammenti di Roma,I sonetti romani

2 Marzo 2016

Marzo romano

Tags: , , ,

marzo

Marzo romano

 ***

L’Inverno se scavalla in Primavera,

’na festa che profuma de mimosa,

Natura che arisporvera ’gni cosa,

co Giorno che j’accorcia er tempo a Sera.

 ***

Ma nun fidatte de un tramonto rosa,

ch’er cèlo, abbasta un attimo, e s’annera,

l’asciutto se ’mpozzanghera e ’nchimera

la voja de levà lana e viscosa.

 ***

Ché Marzo a Roma, è noto, è pazzerello,

te fa vestì a cipolla, a pezzi e a strati,

co l’occhiali da sole e co l’ombrello.

 ***

Du’ rondini e tre arberi infiorati,

nun vonno dì ch’er tempo ormai va ar bello,

mejo lassà li letti accopertati…

 ***

Stefano Agostino

__________________________

***