Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Posts Tagged ‘stefano agostino’

I sonetti romani

28 Agosto 2010

S’aricomincia

Tags: , , ,

s'aricomincia

S’aricomincia

***

E doppo quarche giorno de vacanza,

aricomincio a rimà Roma mia,

senza pretesa de stà a fà poesia,

co voja de cormà la latitanza.

***

Che già sentivo un po’ de nostargia,

che nun è solo semprice mancanza,

che io de Roma nun ce n’ho abbastanza,

che tornerebbe, mentre vado via.

***

Pe questo nun m’attristo pe er rientro,

perchè si devo aritornà a lavoro,

pe fallo ho d’annà giusto in pieno centro.

***

E si un amico vale già un tesoro,

io grazzie a voi, amichi de qua dentro,

sò un nabbabbo e navigo ne l’oro.

***

Stefano Agostino

_____________________________

Frammenti di Roma,I sonetti romani

6 Agosto 2010

Piazza de Spagna

Tags: , , ,

 piazza di spagna

Piazza de Spagna

***

Ar fonno tra Condotti e via Frattina,

a fà li piedi a Trinità de Monti,

Piazza de Spagna aspetta li tramonti

pe acchittasse ar mejo da vetrina.

 ***

E’ quer momento che nun cià confronti,

quanno che s’ariposa e l’aria è fina,

lei che ha ospitato er monno la matina,

mo vole che quarcuno la racconti.

 ***

Fin ortre la fontana de Barcaccia,

da la colonna de l’Immacolata,

se strigne attorto a te tutta t’abbraccia.

 ***

Qualunque giorno sia, quarziasi data,

come la imbocchi si arzi la faccia,

co l’occhi tua te la sei già rubbata…

***

Stefano Agostino

__________________________

Frammenti di Roma,I sonetti romani

5 Agosto 2010

Li volontari

Tags: , , ,

li volontari 

Li volontari

***

Me piacerebbe aringrazzià le imprese,

quele che nun s’addanneno pe l’oro,

ma che la capa cingheno d’alloro,

senza penzà a che lucro a fine mese.

 ***

Orfani, anziani e senza lavoro,

pupi malati e donne indifese,

mossi ner dentro da fiammelle accese,

li volontari campeno pe loro.

 ***

Pe ste perzone nun ce abbasta un “grazzie”

che aricompenza tutto er loro affanno,

pe aiutà chi vive de disgrazzie.

 ***

Ma s’aripagheno de quer che danno

cor fatto d’azzittì e de fà sazzie,

tutte le voci d’angelo che cianno.

***

Stefano Agostino

______________________________

Frammenti di Roma,I sonetti romani

2 Agosto 2010

Agosto romano

Tags: , , ,

agosto romano

Agosto romano

***

Si te vòi gode Roma de nascosto,

quanno nun c’è nessuno ch’è deserta,

si me dai retta, fatte sta scoperta,

vattene in giro ar centro quann’è agosto.

***

‘Gni strada, piazza o via che Lei t’ha offerta,

a l’occhi pare tutto un artro posto,

nun c’è angoletto o spazzio in cui me sosto,

che nun me lassa fisso a bocca aperta.

******

E specie quann’è sera che m’attardo,

pe affacciamme ar Tevere là in fonno,

me fa sembrà ch’è mio quer che me guardo.

***

 Me riempio de un orgojo in quer seconno,

mentre aringrazzio Dio der Suo riguardo,

d’avemme dato er mejo che c’è ar monno.

***

Stefano Agostino

____________________________ 

Frammenti di Roma,I sonetti romani

30 Luglio 2010

Er Pantheon

Tags: , , ,

er pantheon

Er Pantheon

***

A Roma è ‘n’espressione popolare,

“Tu dimme er Pantheon, no la Rotonda!”

quanno che quarche lingua vagabonda

te vò fa crede che ‘na pozza è er mare.

 ***

Er Pantheon, p’aritornà de ronda,

nasce cor cambià forma de l’artare,

da ch’è sortito più rettangolare,

j’hanno incurvato l’angoli a ‘gni sponda.

 ***

Fu mausoleo e poi divenne chiesa,

pe mille anni l’urtima dimora,

d’artisti e d’omini de granne resa.

 ***

Mo er Sole manna un raggio e lo trafora,

da l’arto come fosse cinepresa,

sto griggio tutto a un tratto se colora.

***

Stefano Agostino

___________________________

I sonetti romani,Romanamente

26 Luglio 2010

Er bullismo

Tags: , , ,

bullismo

Er bullismo

***

Avecce avuto quarcuno in famija,

che te gonfiava a forza de legnate,

mo nun staresti in giro a fà cazzate,

mentre un telefonino t’aripija.

 ***

Artro che mette in rete ste bravate,

da dieci contro uno o in parapija,

cazzotti o sputi o lanci de bottija,

banchi distrutti e aule sfonnate.

 ***

Pe daje un senzo o più ‘na spiegazzione,

ce dicheno ch’er tuo è un male sociale

come a cercaje quasi ‘na raggione.

 ***

Io me ne sbatto der perché fai male

te sparo dritto dentro a ‘na priggione,

poi er bullo vallo a fà dentro ar pitale…

***

Stefano Agostino

____________________________

 

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Luglio 2010

Nudo ar Pantheon

Tags: , , ,

 nudo-pantheon

Nudo ar Pantheon

 

Chissà chi te credevi mai da èsse,

Apollo de noantri o forze Adone,

sei entrato ar Pantheon nudo a fà er piacione

speranno che quarcosa succedesse.

 

E te sei messo steso in posizzione,

sicuro che quarcuno ariprennesse,

le gesta tue da genio e diffonnesse

er video de st’impresa da campione.

 

  E sei riuscito pure ne l’intento,

de fatte vede in più de quarche sprazzo,

l’affare tuo ondeggià e le palle ar vento.

 

Che tanto te, che nun sei mica un pazzo,

lo slip te l’hai da mette sopra ar mento,

così che copre la testa de …..

 

Stefano Agostino

___________________________