Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Posts Tagged ‘stefano agostino’

Frammenti di Roma,I sonetti romani

13 Luglio 2010

Er Ponentino

Tags: , , ,

er ponentino

Er Ponentino

***

Che fine ha fatto, dimme, er Ponentino?

Er vento che soffiava a tarda sera,

l’arietta alegra, frivola e leggera,

ch’arinfrescava Roma de marino.

 ***

Co l’afa che l’ha fatta priggioniera,

de st’alitata d’ovest pellegrino,

a la città der Belli e der Pasquino,

ce sta un ricordo ch’è più ‘na chimera.

 ***

Anche quest’artra è ‘na conseguenza,

de come cambia er tempo e varia er clima,

pe l’opra d’omo che nun cià coscenza.

 ***

Vòrebbe aritornacce ar tempo prima,

quanno a quel’ora, giusto a l’occorenza,

s’arzava er venticello de sta rima…

***

Stefano Agostino

___________________________

I sonetti romani

9 Luglio 2010

Er bavajo

Tags: , , ,

bavajo

Er bavajo

 

Nun ce capisco gnente der “bavajo”,

motivo de protesta sindacale,

der giornalista radio e de giornale,

perciò qualunque cosa dico sbajo.

 

Ma a scioperà così a chi fai male?

A lo stipendio tuo a cui dai un tajo,

io ar posto tuo, pure che ar più tartajo,

lavorerebbe er doppio a scrive uguale.

 

Protesti che te vonno fà sta zitto,

che certo è quarche cosa de marsano,

che nun ce sta ner monno der diritto.

 

Propio pe questo pija la penna in mano,

e scrivije quer che nun j’hai mai scritto,

no che te fermi e nun je cambi er piano.

 

Stefano Agostino

_________________________

I sonetti romani,Romanamente

2 Luglio 2010

Vuvuzelas

Tags: , , ,

vuvuzela2

Vuvuzelas

***

Che dramma ch’è sta cacchio de trombetta,

che ronza tutto er tempo a calabbrone,

ma che se proverà a sfiatà er pormone,

pe fà sonà sto tubbo de lambretta?

 ***

E nun dipenne mica da l’azzione,

da ‘na giocata che nun ce se aspetta,

la “vuvuzela” stromba maledetta

pure che nun se struscia mai un pallone.

 ***

Me piacerebbe prenne l’inventore

pe dije, senza usà dipromazzia,

“Sò opra tua sta cosa e sto rumore?”

 ***

E quanno m’arisponne, “Sì è la mia!”

avrò trovato er giusto posteriore

a cui infilalla pe la retta via…

***

Stefano Agostino

_____________________________

 

I sonetti romani,Romanamente

30 Giugno 2010

Li processi penali

Tags: , , ,

li processi penali 

Li processi penali

***

Ammazza che finaccia sti processi!

Te credo che se chiameno penali:

ma no pe le condotte criminali,

ma più perché sò “a mascolini sessi”.

*** 

Se pònno combinà li peggio mali,

che tanto poi l’effetti sò l’istessi,

se scoveno cavilli e ar più permessi,

che li còrpevoli fanno neutrali.

****** 

‘Na vòrta è perché er tizzio era drogato,

un’artra ciaveva l’alibbi de fero,

quel’artra ancora è stato provocato.

 ***

A seguità così su sto sentiero,

l’unico ergastolano de sto Stato,

che sconterà condanna sarà er  “Vero”!

***

Stefano Agostino

___________________________

Frammenti di Roma,I sonetti romani

29 Giugno 2010

Li Santi Patroni

Tags: , , ,

San Pietro e San Paolo

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fori porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ‘ndo vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai.

Sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce capovorta,

ma Tu Signore nun rimorirai”.

***

San Paolo invece fu decapitato,

‘ndo c’è sta er santuario a Tre Fontane,

che a ‘gni rimbarzo er capo ha zampillato.

***

Quasi a scusasse pe st’esecuzzioni,

de Paolo e Pietro a Roma j’arimane,

d’aricordalli mo Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

____________________________

I sonetti romani,Romanamente

22 Giugno 2010

L’atteggione

Tags: , , ,

l'atteggione

L’atteggione

***

Pe sbajo, amico, tu sei nato omo,

pe come te comporti da pavone,

co stile da fighetto e d’atteggione,

pare che stai a girà ‘gni giorno un “promo”!

***

Vestito tutto in tiro e da piacione,

te scruti l’artro da watusso a gnomo,

dietro a l’occhiali a specchio color cromo,

ciancichi ciuingam in continuazzione.

***

Er mejo tu lo dai poi co le donne,

l’acchiappi tutte, nun ne sarti una,

si messe in fila, formeno colonne.

***

Peccato che poi ar dunque (o peffortuna),

prima de calà veli, sguardi e gonne,

s’accorgheno che sei un chiaro de luna!

***

Stefano Agostino

__________________________

Frammenti di Roma,I sonetti romani

18 Giugno 2010

Er caffè de Sant’Eustacchio

Tags: , , ,

caffe_sant_eustachio_intro 

Er caffè de Sant’Eustacchio

***

Che bòno ch’è er caffè der Sant’Eustacchio!

Miscela de un artista a fà tazzina,

che pòi gustà nun solo de matina,

quanno che addentr’ar còre fa sbatacchio.

 ***

Ma nun lo trasformà in medicina,

cor latte aggiunto che fai tutto un cacchio

e si er barista chiede: “Je lo macchio?”

risponnije si vò finì in rovina.

 ***

Sgoccettatelo callo lentamente,

mentre improfuma er naso co l’aroma

rilassete e nun penzà più a gnente.

 ***

Quer sorzo de caffè vale er diploma,

che j’ha attestato la romana gente,

che ha eletto sto caffè er mejo de Roma.

***

Stefano Agostino

__________________________