Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

6 Maggio 2021

La Panzanella

La Panzanella

***

’Na fetta de ber pane de Lariano,

un sorzo d’ojo, un pizzico de sale,

’na foja de basilico reale,

un pommidoro fresco sammarzano …

***

… da sfragne, strofinato pure male,

sur pane unto e er resto co le mano,

’no spicchio d’ajo piccolo nostrano,

er piatto è pronto, fresco e naturale.

***

E te la pòi gustà pur’a merenda,

ar secolo se chiama “Panzanella”,

tarmente bona che sa de leggenda.

***

Nun se ’nforchetta mai, né s’accortella,

m’ariccomanno: segnelo in aggenda,

se magna co le mano, sbrodorella.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

5 Maggio 2021

Er “Cinque Maggio”

Er “Cinque Maggio”

***

“Ei fu. Siccome immobile” l’inizzio

de l’ode “Cinque Maggio” de Manzoni

e nun c’è 5 maggio che nun sòni,

de l’immortalità er suo indizzio.

***

La musicalità tra l’emozzioni,

de frasi celebberrime da sfizzio,

a perpetrà ben ortre er vitalizzio,

le gesta de quer capo de nazzioni …

***

… che ancora je tramandeno la storia

e in tutta l’ode tutt’è pennellato,

pe regalaje eterna la memoria.

***

E tant’è ardua ar punto la sentenza,

che la domanna si fu vera gloria,

da posteri a risposte se sta senza.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

4 Maggio 2021

Sei solo

Sei solo

***

Sei solo, ché te schifa l’alegria,

o ciài ’na smania d’èsse un eremita,

perché nun s’aricuce la ferita,

o pe ’na quarche strana malatia.

***

Sei solo, ché nun vedi via d’uscita,

co li penzieri a fàtte compagnia,

perché la strada tua, nun è la mia,

o ché t’ha ribbartato in giù ’sta vita.

***

Sei solo, perché t’hanno accannato,

nun eri mimo e manco manichino,

a certi giochi nun te sei prestato.

***

Prego pe te l’azzione der Divino,

ch’arivi prima ch’esci rivortato,

come che s’arivorta un pedalino.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Maggio 2021

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

***

“Io so’ la vite e voi li trarci tesi”,

così a li discepoli je disse,

“stampateve ’ste Mie parole fisse:

dovete da dà frutti e frutti resi.

***

Un trarcio che nun cià rese prefisse,

viè senza tanti giri sottintesi,

tajato via si, passeno li mesi,

e nun produce eppoi, famo a capisse, …

***

… si rimanete in Me portate frutto,

e ve se pota come a ’gni ramo,

perché rènna deppiù e quest’è tutto.

***

Si rimanete in Me, Io che ve amo,

nisuno fra de voi verà distrutto,

chiedete e ciavrete ar Mio richiamo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

1 Maggio 2021

Festa der lavoro

Festa der lavoro

***

È er primo maggio: festa der lavoro,

de chi tribbola e sgobba tutto l’anno,

de chi se suda er posto co l’affanno,

pe un po’ de pane e un sorzo de decoro.

***

Ma tanti ch’er lavoro nun ce l’hanno,

o sò pagati in nero o de straforo,

li penzionati, no a penzioni d’oro,

a festeggià, de certo, nun ce vanno.

***

A Roma è er giorno der granne concerto,

a San Giovanni o fava e pecorino,

pe chi se fa ’na gita a lo scoperto.

***

Volesse er Padrone der destino,

donà a tutti un lavoro certo,

come fa sorge er sole der matino.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

29 Aprile 2021

Er “computer”

Er “computer”

***

Viva er “computer”, gran ber marchingegno!

Ar giorno d’oggi nun se pò stà senza,

è diventato più che un’esiggenza,

sia pe lo sgobbo che p’er disimpegno.

***

Nun ce sta cosa che, a l’occorenza,

nun pòi risorve sempre co ’sto fregno,

un video, ’na tastiera e sei ner regno,

ch’è reartà de pura fantascenza.

***

Movi cor “mouse”, taji, copi e incolli,

poi apri er “file” e “clikki” su l’icona,

cor “www” er monno lo controlli.

***

Ma si c’è rischio che nun te funziona,

pò èsse ch’è p’er “virus” de li polli,

che scambieno er PC pe ’na perzona.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Aprile 2021

La vera dignità

La vera dignità

***

In de ’no stato de democrazzia,

sarebbe da trovà modo e magnera,

de nun fà èsse solo ’na chimera,

la parità de tutti su ’sta via.

***

Ar giorno d’oggi conta la cariera:

te meriti saluto e cortesia,

solo si sei de l’arta-borghesia,

er resto è solo avanzo de galera.

***

La dignità però nun se misura,

dar grado conquistato ner lavoro,

da l’èsse fico, noto o de curtura.

***

Degno de stima e massimo decoro,

nun è er ricco, er furbo o chi fattura,

ma chi cià dentr’ar petto un còre d’oro.

***

Stefano Agostino

_____________________

***