Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Gennaio 2019

La via giusta

La via giusta

***

‘Gni giorno se pò combinà un pastrocchio,

fa parte de la vita e un po’ der gioco,

e nun lo dico certo pe fà foco

su chi de punto in bianco fa un papocchio.

***

Lo dico più pe chi, in de ‘gni loco,

se crede d’èsse esente da ‘sto scrocchio,

poi je succede che ce butti un occhio

e vedi che quer credo è fioco fioco.

***

Er fatto è che se pò sbajà la strada,

un attimo e se ‘mbocca er lato storto,

senza nemmeno er modo da dì … “bada!”

***

Ma si ciài tempo e sale in zucca sciorto,

pòi tornà presto, sempre che te vada,

su la via giusta e no ar binario morto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2019

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Gennaio 2019

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, er Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“So’ io che t’ho da battezzà? M’è strano”.

***

Gesù je fece: “Lassa fà ar Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allora, nun parlò più invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprirono li Cèli e ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è er Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Gennaio 2019

Un’amicizzia vera

Un’amicizzia vera

***

Un’amicizzia, quanno ch’è sincera,

pò vince spazzio, tempo e riluttanze,

anzi sò tutte quante circostanze,

che la fanno reale e no chimera.

***

Ché pure quanno cambieno le usanze,

er modo de penzà l’arba o la sera,

si l’amicizzia è quella giusta, vera,

te fa annullà pe sempre le distanze.

***

Porto l’esempio che viè da Pineto,

spiaggia e mare d’Abbruzzo, tera cara,

che cià fatto incontrà, destino lieto …

***

Paoletta e Simone, de Novara,

che da trent’anni ormai, senza un divieto,

sò amichi de quest’amicizzia rara.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

11 Gennaio 2019

11 gennaio

11 gennaio

***

L’unnici de gennaio è un giorno trino,

ner senzo che c’è un uno e s’aripete,

pe ben tre vorte, come dice er prete,

quanno ha a che fà ‘gnisempre cor divino.

***

Ma er primo mai co l’Artro pò compete,

anzi simmai je deve fà un inchino,

ché questo è solo un gioco un po’ bambino

pe mette in rima un giorno e cose liete.

***

È er giorno che qui a Roma ha fatto storia

co Cesare che passa er Rubbicone,

un dado tratto da mannà in memoria.

***

Se usa ancora oggi ‘st’espressione

che vole dì anticipo de gloria,

ner prenne un’importante decisione.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Gennaio 2019

La prima decade de l’anno

La prima decade de l’anno

***

Oggi la prima decade de l’anno,

ce ne sò in tutto sempre 36,

più 5 giorni, co ‘gni tanto sei,

se fissa co l’ormeggi ner suo scranno.

***

Solo un’anticchia, priva de trofei,

de l’anno novo, ancora senza affanno,

cor senzo vivo e fresco de rimanno 

a le festività de giorni rei …

***

… de cede er posto ar generale inverno

che fin’a Pasqua lassa senza sieste,

quer calennario che vale a l’esterno.

***

Perché c’è quello de le nostre teste,

che già se sta a segnà tutt’er quaderno,

de ponti, ferie, pause, gite e feste.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Ascortanno se ‘mpara

ascortando se 'mpara

Ascortanno se ‘mpara

***

Chi me conosce sa che parlo poco,

er fatto è che me piace più l’ascorto,

sapé er perché, er per chi, che je s’è sciorto,

a questo o quello, in tutto o pressappoco.

***

E nun lo faccio pe dà un quarche torto

o chissà mai pe quale strano gioco,

ma perché ‘gnuno dentro cià un suo foco

che pò scallà ‘gni artro se n’è accorto.

***

Quer che ciò da dì io lo metto in rima,

me viè più naturale e più diretto,

guasi che a fà così me sbrigo prima.

***

Che ascortanno un artro, nun è detto, 

che me convinco che sto a mette in cima, 

quer che va messo invece ar gabbinetto.

***

 Stefano Agostino

____________________________

***