Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Romanamente

21 Maggio 2019

Un maggio come questo

Un maggio come questo

***

Nun s’aricorda un maggio come questo,

co ‘na temperatura da febbraio,

che a tratti è anche più freddo de gennaio,

ma maggio diciannove penza ar resto.

***

Artri anni era da mare e co la sdraio,

quello de oggi è inverno o troppo presto,

o troppo tardi giunto ner contesto,

e che stracina più de quarche guaio.

***

Co pioggia, vento e grandine costanti,

er sole scapoccella più a sorpresa,

tra nuvoloni neri e borbottanti.

***

Ma io nun me lamento de ‘sta pesa,

c’è tempo pe quela callaccia avanti,

che tifo perché resti ancor sospesa.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

20 Maggio 2019

Er lavativo

Er lavativo

 ***

Er lunedì nun vado, sto in permesso,

er martedì, riunione sindacale,

mercoledì, congedo parentale,

er giovedì nun posso, ché me stresso.

 ***

Er venerdì ciandrebbe, ma fa male,

annacce un giorno solo – e che so’ fesso? –

così che allungo – e me sarà concesso –

li giorni der “weekend” settimanale.

*** 

E dopo un anno lungo de lavoro,

me pìo le ferie tutta la staggione,

si nun sto in malatia, che guasi moro.

 **

Mó esco, vado in pausa colazzione,

torno pe pranzo e dopo me ristoro,

pensanno a quanno annerò in penzione!

*** 

Stefano Agostino

__________________________ 

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Maggio 2019

Dar Vangelo der giorno: “questo è er Mio comannamento”

Dar Vangelo der giorno:

“questo è er Mio comannamento”

***

“Nun c’è amore più granne e più talento

che pe l’amichi dà la vita intera,

fate così voantri de ‘sta schiera,

amichi Mia e co ‘st’intennimento.

***

Ve chiamo amichi e no servi com’era

e propio questo è er Mio comannamento,

che anche voi v’amiate co ‘st’intento,

che ve dà gioia, pace e vita vera.

***

Nun voi a Me, ma Io ho scerto voi,

e quer che viè dar Padre v’ho trasmesso

perché voi uguale lo facciate, poi.

***

Amateve l’un l’artro com’Io stesso

ho fatto, e senza èsse finti eroi,

ma pe dà frutto ar monno e a chi viè appresso”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

17 Maggio 2019

Potere de l’accento

Potere de l’accento

***

A vorte basta prenne ‘na parola

e metteje o levaje un solo accento,

che cambia tutto er senzo in un momento,

l’accento, ossia ‘na virgola che vola.

***

Pe fà un esempio de ‘st’inzegnamento,

senza filosofà, né stà a dà scòla,

prennemo un “SE” e vedemo come scola

de senzo co un accento acceso o spento.

***

Quer “SE” così quanno che viè accentato,

è un “io” che cià la piena conoscenza

de quer che è, e qual è er propio stato.

***

Ma quanno de l’accento resta senza,

quer “SE” se fa ipotetico e tracciato

ar dubbio a cui je fa da quintessenza.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani

16 Maggio 2019

Tutto ‘no scherzo

Tutto ‘no scherzo

***

Lele nun je dà retta, ch’è ‘no scherzo,

volevano vedé che se provava,

a mette in giro ‘na notizzia brava,

e dàlla via così, pure co sferzo.

***

Pe faje fà a tutti un po’ de bava

a chi t’aveva e mó te vede perzo,

a tutti l’artri de un monno sommerzo

ch’è pronto già a volette co la clava.

***

Se semo divertiti, adesso basta,

tornamo seri, e dopo de ‘sto fatto,

lassamoli così e le mano in pasta.

***

Nun ciànno avuto modo e manco tatto,

pe loro Roma è marchio e tutto a l’asta,

ma tu co noi de Roma ciài er contratto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Maggio 2019

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

***

Gesù poi je parlò de pecorelle,

che passeno la porta der recinto,

ne l’ascortà la voce che l’istinto

je fa conosce a tutte quante quelle.

***

La voce der pastore, er quale ha spinto

de fòri a pasce er gregge, mai ribbelle,

ché sa chi è e che da artre favelle,

nun viè mai commannato e manco avvinto.

***

Poi spiegò tutto a chi nun lo comprese:

Gesù è la porta ar gregge e quer pastore,

le pecore sò er popolo che attese …

***

… e nun seguì er richiamo truffatore

de ladri e de briganti, ma che intese

la voce de Sarvezza der Signore.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani

11 Maggio 2019

Trilussa – Le notizzie allarmiste

Le notizzie allarmiste

***

Ner vedello sortì, je corzi appresso.

Dico: “Sor conte, penzi ar pagamento”.

“Oh, – dice – questo qui nun è er momento,

eppoi pe strada nun ho mai permesso”.

***

“Ma io ciavevo fatto assegnamento,

– dico – me paghi come m’ha promesso.

Nun sa che co ‘sta guera ciò rimesso,

armeno un quattromila e cinquecento?”

***

“Lei sparge le notizzie esaggerate”,

m’ha detto er conte e ne l’uscì dar vicolo

ha visto quattro guardie e l’ha chiamate.

***

Quelle sò corze e, assieme a un ufficiale,

m’hanno arestato a norma de l’articolo

trecentotré der Codice Penale.

***

Trilussa

____________________________

***