Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Marzo 2019

Li venerdì de Quaresima

Li venerdì de Quaresima

***

La carne nun se magna si è astinenza,

er venerdì in Quaresima è un esempio.

Lungi da me volé burlà cor Tempio,

ma vojo evidenzià ’sta diferenza.

 ***

Si nun tocco la ciccia, ma m’ariempio

co tutto quer che ciò ne la dispenza,

da che me so’ astenuto, in mia coscènza,

quann’ho magnato ar punto da fà scempio?

 ***

Senza la carne, nun me metto in pace,

si ciò la gotta o so’ veggetariano,

’gni artra parola è morta co un “qui giace”.

 ***

Pe me astinenza è in senzo più profano,

arinuncià a quarcosa che me piace,

ch’è fórze un sacrificio più cristiano.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Marzo 2019

Primavera

Primavera

***

Ariva guasi che nun te n’accorgi,

ma in un momento l’arberi pittura:

ar griggio scuro de corteccia dura,

je passa er verde lucido che scorgi.

 ***

E s’addorcisce la temperatura,

si presti orecchio e l’occhio j’arivorgi,

t’affacci, abbasta solo che te sporgi,

è un’esplosione viva la Natura.

 ***

La prima pennellata viè de Marzo,

ma è Aprile a tinteggià er paesaggio,

ma nun t’alleggerì a annà in giro scarzo.

 ***

L’ucelli in cèlo dicheno ch’è Maggio,

la frutta ariempe tavole de sfarzo,

er sole manna a Giugno er mejo raggio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Marzo 2019

Nun ciài artro da fà

Nun ciài artro da fà

***

Nun ciài da fà gnent’artro de forzato,

né èsse er più perfetto o er più speciale,

quarcosa tra er più assurdo o innaturale,

in cui nessuno s’è mai cimentato.

***

Nun ciài da èsse fico o eccezzionale,

o fà quer che mai uno l’ha provato,

da diventà chissà quale scènziato,

che va a scoprì lo spazzio siderale.

***

Nun serve da fà er mago, né l’attore,

né millantà chissà quale possesso

o maschere da omo de valore.

***

Nun conta de contà o chiede permesso,

ma si vòi vince e conquistà l’Amore,

nun ciài artro da fà, ch’èsse te stesso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Marzo 2019

Papà

Papà

***

Tu sei er sostegno fisso quanno manca

er pieno de fiducia e de coraggio,

da sempre m’accompagni in de ’sto viaggio

e spèce si ’sto passo è lento e aranca.

 ***

Abbasta anche un’occhiata de passaggio,

quanno la vita mette a sede in panca,

che m’apri er conto presso quela banca

’ndò prelevà la forza, senza l’aggio.

 ***

E dentr’a l’occhi arispecchià me stesso,

sin da ch’ero un pupetto e poi un pischello,

co te vicino sempre, più che spesso.

***

E che fortuna io co mi’ fratello

a ripenzacce come sto a fà adesso,

d’avecce te, papà, come modello.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Papà

***

******

I sonetti romani,Romanamente

18 Marzo 2019

Solo pe finta

Solo pe finta

***

Vorei morì, così, solo pe finta,

pe stà a vedé chi piagne pe davero,

no solamente un giorno, ar cimitero,

e co ‘na lagrimuccia ch’è dipinta.

***

Sarebbe pe testà quello sincero,

e chi fa tutto invece senza spinta,

come pe recità, dietro a ‘na quinta,

de un teatro ‘ndove er bianco è nero.

***

“Te l’aricordì Stefano Agostino?”

Vorei sentì risposte e, dar compianto,

scoprì chi è vero e chi più manichino.

***

Pe risvejamme poi, come de ‘ncanto,

l’attimo prima che già viè er becchino,

pe dì: “adesso so chi me sta accanto”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Marzo 2019

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani

16 Marzo 2019

Trilussa – Er marito filosofo

Er marito filosofo

***

Se pò sapé che diavolo j’ho fatto?

Fra mi’ moje, mi’ socera e mi’ fija,

ciò contro tutta quanta la famija,

fórze ce l’ha co me perfino er gatto.

***

Si a cena, Dio ne guardi, faccio l’atto

de protestà, succede un parapija,

come me movo, vola ‘na bottija,

appena ch’apro bocca, vola un piatto.

***

Poi, tutt’e tre d’accordo vanno via,

allora resto solo e piano piano,

scópo li cocci e faccio pulizzia.

***

Finché arivato a l’urtimo pezzetto,

m’accènno mezzo sigaro toscano,

strillo: Viva l’Italia … e vado a letto.

***

Trilussa

__________________________

***