Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Febbraio 2020

La burattinara der Gianicolo

La burattinara del Gianicolo

***

Chi nun te conosceva, cara Agnese?

Burattinara che ancora adesso,

ciavevi er posto fisso tuo, lo stesso,

lassù ar Gianicolo che, senza offese, …

***

… era er teatrino mejo p’er successo

che li bimbetti, co le facce accese,

de ‘gni generazzione e a poche spese

facevi ‘mbambolà a guardà e rifresso …

***

… ancora me ce vedo io pupetto,

li burattini e storie strampalate,

ma che pe noi ciaveveno l’effetto …

***

… de fàcce fà un sacco de risate,

mentre ‘na lacrima me scegne a getto …

com’er sipario a chiude le puntate.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Febbraio 2020

Le Ceneri

Le Ceneri

***

È ’na giornata de raccojimento,

fà in modo de scontà ’na penitenza,

provà a lavasse er panno de coscènza,

co quarche sacrificio e intennimento.

 ***

Pe chi ce crede è più ’na ricorenza,

come pe dije a l’omo: “Abbada! Attento!

Ché su ’sta Tera ce stai ’sto momento,

ma è un attimo che passa e, quinni, penza”.

 ***

’No stimolo pe stà un po’ più in campana

e c’è da diggiunà, pe fallo bene,

che nun è manco poi ’na cosa inzana.

 ***

Sartà ’na vorta sola pranzi o cene,

defatti fa sentì meno lontana,

la gente che ’gni giorno ce s’astiene.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

25 Febbraio 2020

Carnevale de quest’anno

Carnevale de quest’anno

***

Che triste ch’è quest’anno er Carnevale:

senza coriannoli e stelle filanti,

co pochi bimbi in giro e, tutti quanti,

vestiti come pe un giorno normale.

***

Pe ‘sto coronavirus che dà tanti

penzieri, perché ignoto assai è ‘sto male,

e pe ‘sta gran psicosi generale,

che lentamente sta venenno avanti.

***

Rivojo er Carnevale de l’artr’anni,

co Arlecchini, maghi e Colombine,

e Purcinelli in giro, senza inganni. 

***

Co frappe e castagnole e co manine

de pupi a genitori in artri panni …

co maschere e no co mascherine.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Febbraio 2020

Dar Vangelo der giorno: “ama er prossimo tuo”

Ama er prossimo tuo

***

“Occhio pe occhio, sì, dente pe dente,

così fu detto e voi séte istruiti,

ma io ve dico, no, voi siate miti,

porgete l’artra guancia a l’offennente.

***

Ortr’a la tunica, date vestiti,

chi v’obbliga a fà un mijo voi, co gnente,

fatene due tranquilli e a l’inzistente,

dateje sòrdi, tanto sò investiti.

***

Amate tutti quanti, anche er nemico,

sò bravi tutti a avé bone parole

pe chi je sta vicino a fà l’amico.

***

Invece tocca amà, come Dio vole,

anche chi ce sta ‘ndove nun ve dico,

si Dio su tutti fa arisprenne er sole”.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Febbraio 2020

Maschere

Maschere

***

C’è chi se maschera ch’è Carnevale,

pe figurasse un artro un quarche giorno,

senz’artri scopi, che nun sia er ritorno

de fasse ’na risata conviviale.

***

C’è invece chi, e ce n’ho tanti attorno,

vo’ vive mascherato ner reale,

sintonizzato sempre sur canale

de la finzione, come in un firm porno.

***

E nun m’ariferisco a fà er bon viso

che tocca mette ar gioco si è cattivo,

ma a tutto un artro tipo de soriso.

***

De chi cià cento facce e un suo motivo,

pe stà a annisconne quella sua, diviso

tra er fatto de sapé si è morto o vivo.

**

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Febbraio 2020

Aria de Carnevale

Aria de Carnevale

***

Ariva er tempo mó der Carnevale,

ma per arcuni (e quanti ce ne stanno)

nun cambia gnente, loro tutto l’anno

sò mascherati e finti, sempre, uguale.

 ***

Sò giorni “grassi” pe fà un quarche danno,

tra frappe e castagnole in rituale,

coriannoli e, come da manuale,

stelle filanti e scherzi che se fanno.

 ***

Er giovedì fa come d’apripista,

ar sabbato che è de festa piena,

se chiude er martedì dopo ’sta lista.

 ***

Er Carnevale, sverna e rasserena

e come fosse er mejo illusionista,

co ’na maggìa sa entrà e uscì de scena.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 Febbraio 2020

Me la pìo troppo

Me la pìo troppo

***

Me la pìo sempre e sempre m’avveleno,

pe cose che poi sò de poco conto,

e quanno m’ariprenno e m’orizzonto,

che metto ar punto giusto er più e er meno …

***

… me dico quanno mai io sarò pronto

a metteme un bavajo e damme un freno,

e invece vado avanti come un treno,

che tira dritto senza fà mai sconto …

***

Me la vado a pià co tutt’er monno,

e tiro giù de tutto, senza appello,

anche pe ‘na frazzione de seconno.

***

Pe poi aritrovamme … e questo è er bello,

indentro de ‘no specchio più profonno,

a dì … che t’è servito fà un bordello?

***

Ch’è ‘na domanna sempre a cui arisponno,

“a un ber gnente” … penza che cervello,

ché a lo specchio gnente je nasconno…

***

Stefano Agostino

_________________________

***