Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione

16 Gennaio 2021

‘Na donna ar volante

‘Na donna ar volante

***

Penzà a chi j’ha dato la patente,

me fa sperà ner cambio de nazzione:

chi guida come lei è da priggione,

artro che scarozzà alegramente.

***

La sua nun è ’na semprice infrazzione:

der codice stradale qui viggente,

in un momento, come fusse gnente,

cià fatto er foco bono p’er carbone.

***

Vabbè passà la riga in mezzeria,

ma pe ’nchiodà ner centro de l’incrocio

e fà ’na U, ce vole maestria.

***

Ar coro de proteste, io m’associo:

“Si guida lei è mejo scappà via,

una così nun pò che fà un infrocio”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione

15 Gennaio 2021

Er vecchio smemorato

Er vecchio smemorato

***

Sta lì ar sole freddo de ’na panca,

p’ariscallà la pelle ch’è tutt’ossa,

cor bavero a coprì la testa rossa,

er vento lo schiaffeggia a destra e manca.

***

De botto pare preso da ’na scossa,

cerca de rassettà la faccia stanca,

passa ’na vecchierella, tutta bianca,

quanno la vede er còre je se ’ngrossa.

***

Lei je soride e lui ce s’arza in piedi,

un fiore a un ramo appeso j’ariccoje,

je dice: “Tiè, te vojo bene, vedi?”

***

Come la neve ar sole lei se scioje

e j’arisponne: “A Ni’, ma che te chiedi?

Nun t’aricordi mai che so’ tu’ moje ?!?”

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Gennaio 2021

InterfeRENZI

InterfeRENZI

***

Lui ner ber mezzo de ‘na pandemia,

e cor Paese a l’orlo der collasso,

se n’esce co ‘sta mossa da gradasso,

che mó mette er governo in balìa …

***

… de chi cià già l’appoggio giù dar basso,

pe sfruttà presto ‘sta ghiottoneria,

d’annà ar potere quale ch’esso sia,

purché je faccia dì … “avanti …passo!”

***

Lettore mio nun so come la penzi,

ma tutto questo cià ‘na sola fonte,

che corisponne a lui Matteo Renzi.

***

Ner mentre s’annerisce l’orizzonte,

li dubbi sur futuro sò più intenzi …

de ‘ste manfrine pe buttà giù Conte.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

13 Gennaio 2021

13 gennaio: sant’Ilario

13 gennaio: sant’Ilario

***

Er tredici gennaio è Sant’Ilario,

e giusto oggi se ne fa memoria,

ma tempo addietro, e nun parlo de storia,

se festeggiava sempre ar calennario …

***

… ma er giorno dopo e nun è irisoria

‘sta cosa der 14 .. ar contrario,

perché poi cambia tutto lo scenario,

caso de dì davero che va in gloria.

***

Ve spiego er senzo propio der sonetto,

sinnò ve pare a tutti ‘na quisquija,

oggi o domani nun cambia l’effetto.

***

Mi’ padre porta er nome de ‘sto Santo

e pe ‘sto fatto nun se sa in famija

mai quanno festeggiallo e scroccà tanto!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

12 Gennaio 2021

Er Nasone

Er Nasone

***

Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,

la faccia cor beccuccio a pennolone,

pe l’artri “fontanella”, qui “Nasone”,

dijelo ar cane che te crede un cesso.

***

Hai dissetato un sacco de perzone,

sputanno l’acqua, pure si in eccesso,

ch’a ripenzacce un po’ deppiù d’adesso,

chi cacchio l’ha pagata ?!? Pantalone ?!?

***

Ma che tristezza mó sapette chiusa,

là sola inzù l’incrocio, in fonn’ar viale,

nemmanco più un fioraro, ormai, te usa.

***

Prodiggio der progresso nazzionale,

t’hanno piombata, come ’na reclusa,

pe daje spazzio a l’acqua minerale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani

11 Gennaio 2021

Sciacquar in panni in … Tevere

Sciacquar i panni in … Tevere

 

È giunto il tempo di “sciacquar i panni in … Tevere”, riprendere cioè i miei sonetti, specie quelli più vecchi, per dar loro una nuova forma, metricamente più corretta e spesso rivisitata nel contenuto.

L’obiettivo è cercare, ove possibile, di affilarne il significato e renderlo più godibile.

Aggiustamenti piccoli e grandi per dare come nuova vita ad ogni composizione.

Tutto questo certamente senza rinunciare a pubblicarne di nuovi, fin quando l’ispirazione mi aiuterà.

Spero di trovare in voi lettori dei fedeli alleati, come lo siete stati sempre, sin da subito.

Grazie per l’attenzione e per la buona abitudine di passare di qui. 

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Gennaio 2021

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“Te devo battezzà? Me pare strano”.

***

Gesù je fece: “Vole sì er Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allor, più nun parlò invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprirono li Celi e ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***