Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Romanamente

20 Novembre 2019

Si manni l’accidenti

Si manni l’accidenti

***

Stai sempre lì che manni l’accidenti

a questo, quello e quell’artro ancora,

nun riesci mai a fà passà mezz’ora,

senza augurà a quarcuno li tormenti …

***

… quanno va bene, ché nun te peggiora,

e passi da li semprici lamenti,

a lancià l’anatemi che argomenti

co un’invettiva sempre più sonora.

***

Ma attento a te a stà a sputà per aria,

quer che poi sputi t’aricasca addosso,

nun c’è ‘na verità più lapidaria.

***

Ché l’accidenti ciànno come scorno,

l’effetto tipo “boomerang” de grosso,

ch’è quer bijetto de solo ritorno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Novembre 2019

Basta ‘na vocale

Basta ‘na vocale

***

A vorte co ‘na semprice vocale

se aribbarta er senzo a ‘na parola,

ché abbasta de invertinne una sola

p’avé un significato letterale.

***

Esempio che nun ha da èsse scòla,

ma rènne chiaro er cambio ch’è fatale

è dato da la “O” o “U”, a canale,

a un verbo che a seconna attera o vola.

***

Nun è questione frivola e minuta,

anzi simmai fa ‘na perzona accorta

de chi cià intorno, quanno parla o è muta.

***

Infatti ben diverzo è dì “sUpporta”,

che sta a indicà chi te spalleggia e aiuta,

dar cambio a cui je pesi e te “sOpporta”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Novembre 2019

Com’è triste Venezzia

Com’è triste Venezzia

***

Venezzia de ‘sti giorni è er lacrimone

che scegne giù da quele mascherine,

che vedi tutto l’anno a le vetrine,

e a Carnevale ar viso a le perzone.

***

Solo che nun ce sò le porporine,

né danze e balli manco d’occasione,

ma l’acqua arta a fà salì er magone,

e calle e piazze a sembrà piscine.

***

Er Mose messo lì giusto a difenne,

Venezzia e tutta quanta la laguna,

nun è servito artro che a fa spenne …

***

… a l’italiani tutti ‘na fortuna,

pe cercà mai er corpevole da offenne

ch’è guardà er dito, invece de la Luna.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Novembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “prima de la fine der monno”

Dar Vangelo der giorno:

“prima de la fine der monno”

***

Je chiesero: “Gesù, ce sarà un segno,

der quanno er monno abbassa le vetrine?”

Rispose: “Ce saranno Re e Regine,

in lotta fissa, regno contro regno.

***

‘Na guera senza tempo, né confine,

ché toccherà poi tutti pagà pegno,

tra teremoti e carestie, ma, ingegno,

nun sarà ancora subbito la fine.

***

A voi, seguaci mia, ve ‘nzurteranno,

davanti a re e a li governatori,

pe causa mia ve perzeguiteranno.

***

Io ve dirò che dì, quann’è er momento,

a li processi e a l’interogatori,

de voi Iddio, quer dì, sarà contento.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani

16 Novembre 2019

Belli: Er giorno der giudizzio

g.g. belli - er giorno der giudizzio

Er giorno der giudizzio

***

Cuattro angioloni co le tromme in bocca,

se metteranno uno pe ccantone

a ssonà, poi co tanto de voscione,

comincieranno a dì: “Ffora a cchi ttocca!”

***

Allora vierà ssù una filastrocca

de schertri da la tera a ppecorone,

pe ripijjà figura de perzone,

come purcini attorno de la bbiocca.

***

E sta bbiocca sarà Ddio bbenedetto,

che ne farà du’ parte, bbianca e nnera,

una p’annà in cantina, una sur tetto.

***

All’urtimo usscirà ‘na sonajjera

d’angioli e, come si s’annassi a letto,

smorzeranno li lumi e bbonasera.

***

Giuseppe Gioachino Belli

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Novembre 2019

Pioggia a catinelle

Pioggia a catinelle

***

E aripiove e piove e piove ancora,

er cèlo aggriggia e annotta er poco giorno,

via vai de nuvolacce a fà ritorno,

co ‘na pertubbazzione ‘gni mezz’ora.

***

Er Tevere, pe chi je gira attorno,

è gonfio che li argini li sfiora

e pure un sorcio che ce se riaffiora,

se meravija de com’è er contorno.

***

L’asfarto apre buche da dà assilli,

che ar confronto su l’otto volante,

se viaggia assai più comodi e tranquilli.

***

Si riesci a arivà a casa, sgocciolante,

un Padrennostro e un Gloria tocca dilli,

ché si sei vivo è pe le Grazzie Sante.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Novembre 2019

Vive de corza

Vive de corza

***

Se vive sempre appresso a le scadenze,

nun ce sta giorno che nun sia ‘na corza,

che manco mai le trattazzioni in Borza,

sò così rapide, veloci e intenze.

***

È tutto un fuggi fuggi fatto a forza,

che a staje addietro co le sue esiggenze,

te viè un’anzia pe tutte l’urgenze,

che ciài ‘no stress che strigne assai la morza.

***

La carma cor silenzio e un po’ de pace,

più ch’èsse desideri sò utopie,

in mezzo a un gran casino e a ‘sta fornace.

***

Nòve nevrosi e nòve malatie,

che se ne vanno solo ar “qui giace”

quanno finimo poi le batterie.

***

Stefano Agostino

__________________________

***