Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2024

Santa Rita

Santa Rita

***

Se aricconta che un Venerdì Santo,

co lei inginocchioni ar Crocifisso,

ner mentre Lo pregava a còre fisso,

avvenne er fatto tramandato in canto.

***

’Na spina de quela Corona, abbisso

der Re che de la Croce porta er vanto,

se conficcò in fronte a lei ner pianto,

e lì rimase a daje un segno infisso.

***

La Santa ch’era nata co la scorta,

de api bianche dar color de sposa,

che l’hanno salutata, quann’è morta, …

***

… cambianno er manto in nero e quela rosa,

ner pieno de gennaio che j’è sorta,

sboccianno ar punto ’ndove s’ariposa.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Maggio 2024

Er cuscino in faccia

er cuscino in faccia

Er cuscino in faccia

***

Me so’ svejato co un’impronta in faccia,

quella stampata esatta der cuscino,

possibbile ch’è arba e già matino

e m’aritocca un’artra levataccia?

***

Me sento un fojo da gettà ar cestino,

‘na palla co lo scotch de carta straccia,

da tiro da tre punti, arzà le braccia

e dopo quer canestro fà un inchino.

***

E nun m’areggo in piedi, caracollo,

nun riesco a sbatte l’occhi manco a forza,

sbadijo e er viso s’attracolla ar collo.

***

Ché tornerebbe a letto mó de corza,

e mentre penzo a questo già barcollo,

a ‘gni “BONGIORNO” er tutto s’arintorza.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Maggio 2024

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Celo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto granne portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio in Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

sapeveno parlà lingue niscoste,

de ‘gni paese ar monno e de ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Maggio 2024

Storie da la Bibbia: er sogno de Giacobbe

Storie da la Bibbia: er sogno de Giacobbe

***

Ner mentre che scappava dar fratello,

p’er fatto de la primoggenitura,

Giacobbe, pe la strada arquanto dura,

se riposò da sotto a un arberello.

***

E s’addormì e sognò ‘na cosa oscura,

‘na scala che da tera pe sgabbello,

saliva fin’ar Celo e poi da quello

un sueggiù de angeli a sutura.

***

Poi se destò e comprese da quer sogno,

che Dio je stava a dì de l’Alleanza,

tra Celo e Tera e de pregà er bisogno.

***

Quer posto in cui sognò tutte ‘ste gemme,

“casa de Dio” chiamò e lì, a distanza,

sarà er Tempio de Gerusalemme.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Maggio 2024

Er matto

Er matto

***

Er matto è matto lui o chi lo crede?

Chi è che se pò dì sano de mente?

Ch’abbasta unì ‘ste due e viè demente

e er matto ar sano poi come lo vede?

***

Chi è che sa de nun avecce gnente

tra fisime o manie e nun eccede

in quarche sua stranezza e nun s’avvede

de quanto pò sembrà ch’è un deficiente?

***

Er fatto è ch’er concetto de equilibbrio

de testa e de raggione è soggettivo,

nun c’è misura certa de squilibbrio.

***

E pure quanno, caso indicativo,

c’è un matto che dà pubblico ludibbrio,

pò èsse che stia a recità dar vivo!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Maggio 2024

Genesi

Genesi

***

Dio che creò in principio Celi e Tera,

fece le acque e disse: “Sia la luce”,

e luce fu, mentre a quer monno “in nuce”,

je diede giorno e notte e forma a sfera.

 ***

Creò già er firmamento che conduce,

poi separò le acque e, co aria fiera,

je piacque assai quell’opra sua ch’era

l’esordio der creato che ariluce.

***

Divise er mare da la tera asciutta,

che fece germojà co semi e piante

e presto l’aricchì de fiori e frutta.

***

Poi bestie in acqua, in tera e in celo e, franco,

prima de riposasse pe un istante,

creò l’omo, poi disse … “Ero stanco!”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Maggio 2024

Er Giro d’Italia

Er Giro d’Italia

***

A pedalà su quela bicicretta,

pe tutto quanto er tempo, ‘gni respiro,

su pe ‘gni strada e co ‘gni clima a tiro,

sopr’a ‘na sella, a chi va più de fretta.

***

‘Gni scorcio der Paese che fa er Giro,

pe quer traguardo in fonno che t’aspetta,

sudore e tigna e la salita stretta,

che manca poi un chilometro a l’arivo.

***

Sia p’er campione, sia p’er gregario,

er pubbrico a dà spinta, l’ammiraja,

scalà la cima, er passo leggendario.

***

Fatica e sprint pe tutta la battaja,

co in testa l’obbiettivo che ar sipario,

se possa vestì rosa quela maja.

***

Stefano Agostino

____________________

***