Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani

8 Agosto 2020

Aldo Fabrizi – Er medico m’ha detto

Er medico m’ha detto

***

“Commenda caro è d’uopo che le dica

che l’italiano, escluso er proletario,

pappa tre vorte in più der necessario,

sottoponenno er còre a ‘na fatica.

***

De fame, creda, nun se mòre mica,

piuttosto accade tutto l’incontrario,

e chi vò diventà un centenario

ha da evità perzino la mollica.

***

Perciò m’ascorti e segua er mio dettame,

a tavola nun resto e nun me riempio

e m’arzo sempre che ciò ancora fame”.

***

Embè, quanno ch’ar medico ce credi

bisogna daje retta: mó, presempio,

l’urtimo piatto me lo magno in piedi.

***

Aldo Fabrizi

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Agosto 2020

Er fumantino

er fumantino

Er fumantino

***

Stai sempre a cercà liti e discusioni,

a logoratte er fegheto ‘gni giorno,

‘ndó vai, cerchi ‘no scazzo, ossia ‘no scorno,

un modo pe sbraità e pe arzà li toni.

***

Ma chi te lo fa fà, qual è er ritorno,

de attaccà ‘gni vorta ‘sti pipponi,

senza fàtte scappà tempi e occasioni

pe statte zitto e tojete de torno?

***

Prova a arilassatte pe un momento,

a dì la tua, vabbè, ma ner rispetto,

de chi nun cià er tuo stesso intennimento.

***

Magara, hai visto mai, te viè er sospetto,

che fórze quer tuo ber raggionamento,

   è degno de finì inder gabbinetto.

***

Stefano Agostino

__________________________ 

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Agosto 2020

Più de l’acqua der battesimo

Più de l’acqua der battesimo

***

La più mijore de le previsioni,

nun ce sò dubbi, quanno fa ‘sto callo,

è “crollo termico”, ché a nominallo

già sa de temporali e d’acquazzoni.

***

Dopo giornate d’afa e celo giallo,

‘ndó sudeno perzino li pormoni

solo pe respirà, un rombo de tròni,

è un rumore che sa già de sballo.

***

Se dice pe battuta che se suda,

pur l’acqua der battesimo perzino,

quanno la fronte gocciola e trasuda.

***

Ma l’acqua der battesimo … da zotico…

io l’ho finita e m’è rimasto fino

sortanto da sudà er liquido amniotico.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Agosto 2020

2 agosto: er perdono de Assisi

2 agosto: er perdono de Assisi

***

Così er Signore chiese a San Francesco:

“Te vojo fà un regalo, servo bono,

quer che me chiedi te lo faccio in dono”.

Francesco ce penzò … chissà si riesco …

***

… ma io ce provo … e disse: “Chino e prono,

io pe regalo vojo che ar Tuo desco,

quello ch’è pe li giusti, e no fiabbesco,

arivi chiunque ar monno cor perdono”.

***

Così er Signore pe ‘gni due de agosto,

dispose un’indurgenza granne e piena,

a tutti, co le condizzioni apposto …

***

E a Francesco je scattò un soriso

e disse: “Anima mia, pòi stà serena,

ché hai regalato a tutti er Paradiso!”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani

1 Agosto 2020

Trilussa – Un carzolaro che se fida

Un carzolaro che se fida

***

Doppo avé messo le scarpette ar piede,

m’ha dato un cento. – Eh, dico, nun ciò er resto …

– Bè, – dice – cambio e torno, faccio presto… –

Ma è già passato un quarto e nun se vede.

***

Io che dovevo fà? Come succede,

j’ho detto: “Oh vadi puro, in quanto a questo, –

nun so’ ito a penzà ch’era un pretesto

pe truffà un poveraccio in bona fede.

***

Abbasta: io mó telefono in questura,

nun se ponno sbajà, cià la pajetta,

li pantaloni blu, la giacca scura…

***

Uh, zitto, ch’aritorna … apre la porta …

– Riverito, signore – Eh, quanta fretta!

Me li poteva dà un’antra vorta!

***

Trilussa

_________________________

***91

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Luglio 2020

Sant’Ignazzio de Loyola

Sant’Ignazzio de Loyola

***

È er dì de sant’Ignazzio de Loyola,

ch’ebbe la Grazzia de intravede Dio,

dentro ‘gni cosa ar monno e ner suo io

scritta ner còre in fonno la Parola.

***

Riconosceva in tutto l’èsse fìo,

creato da Dio Padre pe fà scòla,

co l’omo e la natura, cosa sola,

Presenza viva der Signore Iddio.

***

Sin dar comincio primo de l’inizzi,

studiò come trasmette la Preghiera,

che poi tradusse in tutti l’Esercizzi.

***

E de Gesù fonnò la Compagnia,

co intento de abbraccià la Vita Vera,

der Fìo de Dio, ch’è nato da Maria.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Luglio 2020

Er fonnamento de democrazzia

Er fonnamento de democrazzia

***

Che brutta la mancanza de rispetto,

spece si poi è de l’idea artrui,

è segno de li tempi arquanto bui,

de civirtà buttata ar gabbinetto.

***

Ne l’univerzo c’è sortanto Lui

che se pò definì d’èsse perfetto,

ner mentre ‘gni omo cià quarche difetto,

ma pari dignità, cosa pe cui …

***

… difficirmente torto co raggione

stanno de qua o de là, ma in compagnia,

s’ammischieno facenno confusione.

***

Er fonnamento de democrazzia,

è arispettà e nun crede sia un cojone

chi cià un’idea diverza da la mia.

***

Stefano Agostino

_______________________

***