Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘I sonetti romani’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Ottobre 2021

Li processi penali

Li processi penali

***

Ammazza che finaccia ’sti processi!

Te credo che se chiameno penali:

ma no pe fattispece criminali,

ma riferiti “a mascolini sessi”.

***

Se ponno combinà li peggio mali,

ché tanto poi l’effetti sò l’istessi,

se scoveno cavilli e compromessi,

che fanno li corpevoli neutrali.

***

’Na vorta è perché er tizzio era drogato,

un’artra è che cià un alibbi de fero,

un’artra ancora è stato provocato.

***

A seguità così su ’sto sentiero,

er solo ergastolano de ’sto Stato,

che sconterà condanna, sarà er “Vero”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

20 Ottobre 2021

Ottobbre a Roma

Ottobbre a Roma

***

L’Autunno entra ner pieno der suo clima,

quanno che ariva Ottobbre ar calennario,

da subbito, che tira su er sipario,

è er mese che più ’sta staggione stima.

 ***

Er tempo che se fredda, ma ch’è vario

rigala l’ottobbrate pe fà rima,

colora la natura più de prima,

come un pittore ch’è straordinario.

 ***

Cià quer suo stile, da li primi giorni,

a caratterizzà er suo passaggio,

che unico lo fa tra li ritorni.

 ***

Fin da che se presenta, ar primo assaggio,

a quanno cede er passo a pioggia e storni,

Ottobbre è un quadro e sa de Caravaggio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

18 Ottobre 2021

Gualtieri novo sindaco de Roma

Gualtieri novo Sindaco de Roma

***

Sor Sindaco Gualtieri benvenuto,

s’è preso su de sé ‘sto granne impegno,

de governà su Roma e lassà er segno,

che nun è un gioco o robba da un minuto.

***

Da cittadino de ‘sta Roma pregno,

vojo auguralle dentro a ‘sto saluto,

de lavorà p’er bene e sur velluto,

de ‘na città cui tocca d’èsse degno.

**+

Prestanno sempre ascorto co l’orecchio,

a la voce der popolo romano,

pure de chi la guarda de sottecchio.

***

La voce de rioni e de quartieri,

che imperano sin dar tempo lontano,

in bocca ar lupo, Sindaco Gualtieri.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Pe èsse chiari e più èsse coretti,

avrei scritto lo stesso pe Michetti.

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Ottobre 2021

Dar Vangelo der giorno: “sedé a la destra e a la sinistra

Dar Vangelo der giorno: “sedé a la destra e a la sinistra”

***

Così a Gesù, e Giacomo e Giovanni,

je chiesero: “Concedice, Signore,

de stà a sedé ne la Gloria e l’Onore,

de fianco a Te, ner Regno senza inganni”.

***

Gesù rispose: “Fateme er favore,

sedé vicino a Me, in artri panni,

nun lo decido Io, ma sò scranni,

che sa solo Mi’ Padre, er Creatore.

***

 Chi vole èsse er più granne fra de voi,

se faccia servo e l’urtimo tra tutti,

seguenno Me e co Me faccia un ber “Noi”.

***

Anch’Io nun so’ venuto p’artri frutti,

 che nun sia dà la Vita, e così poi

pe riscattà peccati a belli e brutti”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

16 Ottobre 2021

Er Sindaco de Roma

Er Sindaco de Roma

***

Vorebbe un sindaco che amasse Roma,

un decimo de quer che l’amo io,

volesse er Celo, sì, volesse Dio,

de fanne uno che cià ’sto diproma.

***

E lo vorebbe che je fusse fìo,

sin da li piedi fino inzù la chioma,

indentro ar centro de ’gni cromosoma,

ciavesse un soffio de l’amore mio.

***

Un sindaco così, senza colore,

che faccia er suo mestiere co l’orgojo,

de chi sa che lavora, ma è un onore.

***

Inzomma, e chiudo, er sindaco che vojo,

deve sentisse Roma indentro ar còre,

e no p’er culo càllo ar Campidojo.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

15 Ottobre 2021

Green … scass

Green … scass

***

Nun ho toccato ancora l’argomento,

perché me pare arquanto delicato,

de ‘sto “green pass” e quer ch’ha comportato,

in de ‘gni campo a generà lamento.

***

Nun vojo entrà in polemica de Stato

su vaccinasse o no, da sfinimento,

ché cambia poco er propio orientamento,

e s’arimane ‘gnuno ar suo steccato.

***

Me chiedo che interesse cià er Governo,

a fà salì a le stelle la tenzione,

perzino tra li membri der suo interno.

***

Bastava d’aspettà fine emergenza,

s’arisparmiava quarche discusione,

e certo tempo, sòrdi e anche violenza.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

14 Ottobre 2021

L’abborto

L’abborto

***

Nun so’ nisuno pe parlà d’abborto,

ch’è troppo delicato l’argomento,

ma p’affrontà er probbrema me cimento,

cercanno d’èsse chiaro e no contorto.

***

Arivo ar punto der componimento,

così nun me dilungo e tajo corto:

che corpa cià quer pupetto morto,

pe l’èsse nato senza intennimento?

***

Er corpo è de la mamma, nun discuto,

ma dentro poi ce nasce un’artra vita,

che nun se pò trattà come un rifiuto.

***

A te che me contesti ’sta sortita,

te chiedo, e chiudo tutto e te saluto,

si era tu’ madre a datte un’abbortita?

***

Stefano Agostino

_______________________

***