Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

22 Aprile 2024

22 aprile: giornata de la Tera

22 aprile: giornata de la Tera

***

’Sto dì p’er monno è er giorno de la Tera:

che gran vittoria pe l’ecologgia,

pulimo ’gni monnezza e zozzeria,

’sta sfera cià da èsse bombognera.

***

Peccato che ’sta bella fantasia,

dura sortanto da matina a sera,

ché da domani torna zella nera,

quer ch’arisprenne oggi in pulizzia.

***

Ma senza fà er guro o più l’asceta,

pe preservà la vita co l’ambiente,

c’è da capì, da l’A fin’a la Z …

***

… che nun è eredità da un parente,

ma va restituito ’sto Pianeta,

ch’è in prestito da la futura gente.

***

Stefano Agostino

_________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

16 Aprile 2024

Er gatto e er cane

Er gatto e er cane

***

C’è chi je piace er cane e chi er gatto:

seconno me dipenne da un fattore,

nun c’entreno le razze, né er colore,

né er pelo o questione più de tatto.

***

Motivo der divario de ’st’amore,

pe me risiede tutto indentr’ar fatto,

de l’èsse l’uno propio cor suo tratto,

l’opposto paro e sorte qui er favore.

***

Er cane è più devoto e più fedele,

se fa scannà pur de servì er padrone,

anche si quello je dà solo fiele.

***

Er gatto è carmo, timido, sornione,

ma si nun c’è né zucchero, né miele,

le fusa nun le fa, mica è cojone!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

6 Aprile 2024

Aprile a Roma

Aprile a Roma

***

Comincia co ’no scherzo de giornata,

er mese in cui s’appiena Primavera,

Aprile, tutta Roma è ’na fioriera,

de ’gni colore e tinta pennellata.

***

C’è luce che s’attarda fino a sera,

pe osannà la Pasqua già arivata,

co le campane a festeggià la data,

de tutto l’anno in Fede la più Vera.

***

È dorce da dormì, lo dice er detto,

passanno dar piumone a la coperta

e quant’è bello riaccucciasse a letto.

***

Ma nun levà la lana a la sverta,

pure ch’er sole t’ariscalla er petto,

vedrai che poi apprezzerai ’sta scerta!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

1 Aprile 2024

Pasquetta

Pasquetta

***

A Roma, er giorno propio de Pasquetta,

er lunedì de l’Angelo a li santi,

la tradizzione impone a tutti quanti,

la gita fòri porta a ’na fraschetta.

***

Così che pare d’èsse villeggianti,

co pranzo a sacco e voja de porchetta,

ché tempo c’è pe fà la dieta stretta,

de quelle che sò de lamenti e pianti.

***

È er solo lunedì de tutto l’anno,

che t’arzi senza er peso der mestiere,

come che l’artri cinquantuno fanno.

***

A meno de nun èsse parucchiere,

pe cui Pasquetta è festa co l’inganno,

de chi ’gni lunedì nun cià dovere.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

30 Marzo 2024

Sabbato Santo

Sabbato Santo

***

È un giorno de silenzio e de preghiera

e in generale de raccojimento,

pe fà rifrette, pe quarche momento,

su ch’è successo fin’a ieri sera.

 ***

Pure ’gni campanile resta spento,

in segno de rispetto e de sincera

voja de pace, dorce e più leggera,

e stà tutti in attesa de l’evento.

 ***

È er giorno, credo l’unico sortanto,

ch’è come profumato de l’aroma,

che nun se pò spiegà, ma lo fa Santo.

***

Se chiude co la Veja che prodroma,

a la gran Festa dar più mejo canto:

er coro de campane in tutta Roma.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

29 Marzo 2024

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

***

“Perdonali, nun sanno quer che fanno”,

Gesù rivorze ar Padre ’sta preghiera,

Lui crocifisso, pe sarvà l’intera

umanità cecata da l’inganno.

***

“Giovanni”, disse a immortalà la schiera

de l’ommini der monno de rimanno,

“Ecco tu’ Madre”, a tutti rigalanno

Maria, ch’è Madre de tutta la Tera.

***

“Dio Mio, Dio Mio perché M’hai abbandonato?”,

ner mentre che vedeva ormai la morte,

poche parole, un sarmo, ha pronunciato.

***

Tra Celo buio e Tera che tremò,

“Tutto è compiuto”, poi quer grido forte,

ché l’eco ariva ancora, Lui spirò.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Marzo 2024

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

***

I

Gesù fu conzegnato a Pilato.

che lo interogò: “Ma Tu chi sei?”

“È vero che sei Re de li Giudei?”,

– “So’ io, sì” – Gesù j’ha repricato.

***

“Da quale Regno venghi, quali dèi?”,

Pilato domannò preoccupato,

ma Lui nun j’arispose più un fiato,

pur accusato più de cento rei.

***

Pilato lo incarzava, ma Lui gnente

restava zitto mentre, piano piano,

c’era er palazzo già pieno de gente …

***

… pe chiede a Pilato, er pretoriano,

de crocifigge quer sangue innocente,

ché lo poteva fà solo un romano.

***

II

Pilato nun sapeva che decide,

in Lui nun ce trovava ‘na condanna:

… perché ammazzallo? … eppoi perché s’addanna

‘sta folla intera che lo vò uccide?

***

E si la mente ancora nun me ‘nganna,

(così penzò ner mentre che lo vide),

è regola de libberà, e nun stride,

un condannato a Pasqua, come manna.

**

Così rimise ar popolo la scerta,

tra chi fà vive e condannà n croce,

“Gesù … Barabba?  Dite a la sverta!”

***

La folla sobbillata, a gran voce:

“Sarva Barabba e fa’ sia cosa certa,

morì Gesù, ner modo più atroce”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***