Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

10 Aprile 2021

Er pomeriggio

Er pomeriggio

***

Nun cià preciso er tempo de l’inizzio,

legato sì com’è da che se pranza,

comincia un po’ così, in bona sostanza,

e dura finché abbruna in precipizzio.

***

Ché pe coprì ’sto tempo e ’sta distanza,

sarebbe er tempo giusto e più propizzio,

pe stennese sur letto ch’è ’no sfizzio,

e accoje quela pennica ch’avanza.

***

’Sta vita, ar dunque, è sempre più ’na lotta,

a chi córe deppiù p’arivà in cima,

ché si te fermi perdi la pagnotta.

***

La pennica, perciò, chiudo ’sta rima,

…poi dice ch’uno sclera, sbraita e sbotta…

ner pomeriggio nun cià più ’na stima.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

8 Aprile 2021

La noia

La noia

***

L’omo a vorte è strano e manco poco!

Presempio er fatto stesso che s’annoia,

più triste de quarcosa co la soia,

nun vede che la vita è come un gioco.

***

Nun sempre se rigongola de gioia,

ce sò li giorni in cui se spegne er foco,

ma manco da lagnasse, pressappoco,

ventiquattr’ore ar dì de paranoia.

***

Ché ar cervello tocca daje benza,

quer po’ de inizziativa che de ’ncanto,

scancella via la noia e fa stà senza.

***

E cortivà passioni già fa tanto,

perché vive la vita è un’esiggenza,

che chi s’annoia scopre ner rimpianto!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

7 Aprile 2021

Er matino

Er matino

***

Pure d’estate cià der frizzantino,

co l’aria come che sta pe succede

quarcosa che nun sai, che nun se vede,

ma ch’è presente e te vò stà vicino.

***

E spiace pe la gente che nun crede,

che ’gni matina è frutto der Divino,

che nun se gusta come un regazzino,

’sto monno ch’arisprenne de mercede.

***

Appena che trascoreno du’ ore,

apre le braccia ar giorno che l’annega,

facennolo sparì, senza rumore.

***

Così che resta un dubbio che nun spiega,

com’è che nun je porta mai rancore,

torna er matino dopo e se ne frega.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

4 Aprile 2021

Dar Vangelo der giorno: “Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

Dar Vangelo der giorno:

“Pietro e Giovanni corzero ar Seporcro”

***

Maria de Magdala, de bon mattino,

ita ar Seporcro, se diede l’aresto,

quanno vide la pietra, ar bujo pesto,

ch’era de lato, ar tumulo, vicino. 

***

Corze da Pietro e da Giovanni: “Presto,

venite ch’han portato via er Divino”,

Giovanni più de fretta, giunze fino

a l’uscio de la tomba, ancora mesto.

***

E Pietro ch’arivò, ma poco dopo,

pe primo ner Seporcro vide er Telo,

che era ripiegato, nun a l’uopo.

***

Giovanni entrò e ebbe la misura,

de fronte a quela scena e ar gran Velo,

d’avé compreso, allora, la Scrittura.

  ***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Aprile 2021

Sabbato Santo

Sabbato Santo

***

È un giorno de silenzio e de preghiera

e in generale de raccojimento,

pe fà rifrette, pe quarche momento,

su ch’è successo fin’a ieri sera.

 ***

Pure ’gni campanile resta spento,

in segno de rispetto e de sincera

voja de pace, dorce e più leggera,

e stà tutti in attesa de l’evento.

 ***

È er giorno, credo l’unico sortanto,

ch’è come profumato de l’aroma,

che nun se pò spiegà, ma lo fa Santo.

***

Se chiude co la Veja che prodroma,

a la gran Festa dar più mejo canto:

er coro de campane in tutta Roma.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

2 Aprile 2021

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

***

“Perdonali, nun sanno quer che fanno”,

Gesù rivorze ar Padre ’sta preghiera,

Lui crocifisso, pe sarvà l’intera

umanità cecata da l’inganno.

***

“Giovanni”, disse a immortalà la schiera

de l’ommini der monno de rimanno,

“Ecco tu’ Madre”, a tutti rigalanno

Maria, ch’è Madre de tutta la Tera.

***

“Dio Mio, Dio Mio perché M’hai abbandonato?”,

ner mentre che vedeva ormai la morte,

poche parole, un sarmo, ha pronunciato.

***

Tra Celo buio e Tera che tremò,

“Tutto è compiuto”, poi quer grido forte,

ché l’eco ariva ancora, Lui spirò.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

1 Aprile 2021

Passione de Gesù Cristo: “er Carvario”

Passione de Gesù Cristo: “er Carvario”

***

Così che dopo avello fraggellato,

in testa ’na corona a tutte spine,

l’hanno portato ar Gòrgota, quer crine,

’ndove poi l’avrebbero ’nchiodato.

***

P’er peso de la croce l’aguzzine

guardie romane hanno poi obbrigato,

Simone de Cirene a daje fiato,

pe nun anticipaje lì la fine.

***

Gesù cascò tre vorte e in sofferenza,

tre vorte s’è riarzato fino a quanno,

nun è arivato in cima a la pennenza.

***

Lì, co ’na targa su cui c’era affisso

l’acronimo più giusto pe rimanno,

spojatolo poi l’hanno crocifisso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***