Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

17 Maggio 2021

Er lunedì

Er lunedì

***

Si un giorno me faranno imperatore,

commannerò, cercanno d’èsse bono,

ma prima ancora de sedemme ar trono,

der lunedì sarò perzecutore.

***

Nun je darò la grazzia, né er perdono,

je tojerò perzino er difenzore,

si mai sgamo chi è stato l’inventore,

dovrà contà le sberle che je sòno.

***

Se stava tanto bene fin’a ieri,

senza la sveja, senza l’orologgio

e senza impicci, guai, noie e penzieri.

***

Invece er lunedì che cià ’st’alloggio,

ce fa ’nvidià barbieri e parucchieri,

e attenne martedì pe daje sloggio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

15 Maggio 2021

San Pietro

San Pietro

***

Arivi in via de la Conciliazzione,

prima ch’er Colonnato t’arintraccia,

senti più dorce l’aria su la faccia,

arzi lo sguardo e vedi er Cuppolone.

***

E movi gambe, busto, testa e braccia,

tutt’arivorto in quela direzzione,

er còre te s’ariempie d’emozzione,

da toje er fiato, come in de bonaccia.

***

Quanno che sei ar centro de la piazza,

te guardi intorno e t’ariggiri indietro,

t’accerchia gente e vita de ’gni razza.

***

E si cammini ancora quarche metro,

de botto quela vista te la spiazza,

la santità vivente de San Pietro.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Maggio 2021

Cucine esotiche

Cucine esotiche

***

Cinese, africana, vietnamita,

franzosa, greca, basca, andalusa,

te piace sceje posti a la rinfusa,

magnà stragnero in de ’gni tua sortita.

***

Così co messicana, mista Usa,

thai, giapponese, turca, moscovita,

indiana, d’argentina, maronita,

e posti in cui de spezzie se n’abbusa.

***

Li gusti che sò giusti è sacrosanto,

ma armeno pe ’na sera a settimana,

magna nostrano, nun te dico tanto.

***

Ché tra “kebab” e “sushi” e robba strana,

pure da pronuncià, nun so più quanto

che nun te fai, pe dì, un’amatriciana!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Papa Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II

***

Nun me ne voja mai l’omo de chiesa,

si quanno penzo ar Papa de ’sto monno,

penzo a Giovanni Paolo Seconno,

e chiedo scusa a l’artri, senza offesa.

***

Er fatto è che ’sta goccia è ita in fonno,

a tocchi a tocchi, lentamente è scesa,

m’è entrata dentro, fin’a famme presa,

sfiorannome ner centro der profonno.

***

E nun me scordo certo quer soriso,

tra acciacchi, guai, penzieri, danni e pene,

pe sempre acceso a illuminaje er viso.

***

Più de Natali e più d’Urtime Cene,

pe me ’na frase vale er Paradiso:

“SEMO ROMANI, VOLEMOSE BENE!”

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

11 Maggio 2021

L’amico pescatore

L’amico pescatore

***

Me parli come parla er pescatore,

quann’aricconta la sortita a pesca,

de com’ha preparato l’amo e l’esca,

der pesce preso a chili in un par d’ore.

***

E come fu pe Paolo e Francesca,

annati a l’artro monno pe un amore,

a lègge Lancillotto e de l’autore,

me perdo pe dà retta a ’gni tua fresca.

***

Nun è che trovi sempre chi se sfonna

de frottole che spari ’gni momento,

come ’sto scemo qui che t’asseconna.

***

Ariverà un ber giorno, me lo sento,

che cercherai tu chi te corisponna,

ma l’unico sarà sortanto er vento!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

10 Maggio 2021

Er Colosseo

Er Colosseo

***

Pe quanto vai giranno p’er pianeta,

pòi pure sbatte er grugno da babbeo,

mai troverai un artro Colosseo,

si nun ce credi, va’, … chi te lo vieta?

***

Io da romano tanto me ne beo,

che de ’sto monumento so’ un esteta:

è simbolo de Roma, eterna meta,

der monno intero guasi l’apoggeo.

***

E l’eco pare de sentilla ancora,

de le battaje tra li gladiatori

e de un impero che regna tuttora.

***

Quann’ecco sale in petto e viè su fòri,

tutto l’orgojo che me ce dimora:

io fìo de re, sovrani e imperatori.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

9 Maggio 2021

Mamma

Mamma

***

Ce n’ha bisogno pure er Sor Iddio,

de l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

dà ’na carezza pe ’gni fotogramma,

si n’abbisogna Lui, penza un po’ io.

***

Sarò mammone, nun me pare un dramma,

e si è un probbrema, è un probbrema mio,

nun ce sò scòle su com’èsse fìo,

né libbri da studià co ’sto programma.

***

Da quanno m’ha ospitato ner pancione,

nun m’ha lassato mai, manco un seconno,

senza legamme a lei, come in priggione.

***

Quello che intenno è tanto più profonno,

sta ner soriso giusto a ’gni occasione,

quanno sto in cima e quanno in culo ar monno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***