Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

12 Agosto 2022

Ricordi e rimpianti

Ricordi e rimpianti

***

Se sa ch’è mejo ’mbagajà ricordi,

che perde tempo appresso ar rimpianto,

se vive nun pe respirà sortanto,

o rimané ’na vita indentro a bordi.

***

Si ciò provato, pure che ciò pianto,

ch’è ita a grilli, invece d’annà a tordi,

armeno ho reso muti, cèchi e sordi,

li morzi der rimorzo che m’ha sfranto.

***

E nun è detto mica che a provacce,

’na vorta nun me dice pure bene,

anche si in mezzo a cento figuracce.

***

Abbasta de nun damme troppe pene,

p’er rischio de toppà o dì fregnacce,

finché me score er sangue ne le vene.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

9 Agosto 2022

Er buciardo

Er buciardo

***

Che gusto te darà dì le bucìe?

Che bella professione e ber mestiere,

quello de chi vò fà crede pe vere,

le più frescacce tra le fantasie.

***

Te puzza riccontà cose sincere,

senz’artifici o spece de maggìe,

pe straformalle in millanterie,

che manni in giro pure cor coriere ?!?

***

A vorte dì ’na balla viè opportuno,

ma artra cosa è l’èsse gran cantante,

buciardo pure ne l’uno più uno.

***

Ariverà quer giorno, nun distante,

che nun te crederà mai più nisuno,

pure ch’hai detto er vero più lampante.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Agosto 2022

Le partenze inteliggenti

Le partenze inteliggenti

***

Un anno de lavoro, comprimenti!

Le ferie nun te le toje nisuno,

e su suggerimento de quarcuno,

te dài a le partenze inteliggenti.

***

Solo che te credevi d’èsse uno,

co ’sta penzata pe viaggià contenti,

e invece sò mijoni ’sti fetenti,

partiti come te a celo bruno.

***

Così pe ’sta fantastica trovata,

in fila sotto ar sole, a coce arosto,

imbottijato, penzi a voce arzata …

***

“Partenza inteliggente?… E nun me sposto,

manco de un metro, fermo in careggiata?

Ma vattelappià tutta in quer posto!”

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

4 Agosto 2022

Boni amichi

Boni amichi

***

Si c’è ’na frase che nun riesco a regge,

pe mette li puntini su le “i”,

che più de l’artre, sai, me fa stranì,

è una che me schifo pure a légge.

***

Quanno che intenno dì: “Nun pòi capì”

(nun sò pecore nere, è un ber gregge),

pe ariccontamme episodi o schegge,

che je sò capitati notte e dì.

***

Si “nun posso capì” come me dichi,

“che me lo dichi a fà?”, risponno io,

de che stamo a parlà? De pizza e fichi?

***

Sarò fissato, è più un probbrema mio,

ma si volemo èsse boni amichi,

nun me dì più così oppure addio!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Agosto 2022

Agosto romano

Agosto romano

***

Si vòi godette Roma de nascosto,

spizzannotela quanno ch’è deserta,

tu damme retta, prova la scoperta,

de fàtte un giro in centro un dì d’agosto.

***

La strada o piazza che te sarai scerta,

te sembrerà de botto un’artro posto,

nun c’è cantuccio o spazzio più riposto,

che nun te lasserà a bocca aperta.

***

Da sera a notte blu me ce attardo,

pe affacciamme ar Tevere giù in fonno

e me ce sperdo in tutto quelo sguardo.

***

Me riempio de un orgojo in un seconno,

mentre ringrazzio Dio der Suo riguardo,

d’avemme dato er mejo in tutto er monno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

30 Luglio 2022

Er mejo amico

Er mejo amico

***

Er mejo amico è quello che t’aspetta,

che te sa sta vicino quanno occore,

che pure ’ncasinato, prenne e cόre,

pe dàtte tempo, orecchio, mano e retta.

***

Er mejo amico nun cià da discore,

j’abbasta un’occhiata in tutta fretta,

ha già capito tutto e se staffetta,

pe ditte ’na parola e dà calore.

***

Er mejo amico è er “semprepresente”,

quello che nun se chiama e nun se ’nvita,

ma si nun viè, je faccio sartà un dente.

***

Er mejo amico è chi, si stai in salita,

sa bene quann’è er tempo de fà gnente

e quanno quello de sarvà la vita.

**+

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

29 Luglio 2022

La vista

La vista

***

Quanno che apri l’occhietti appena svejo,

l’attimo prima che poi t’arzi in piedi,

si guardi attorno e noti che ce vedi,

t’accorgi che nun c’è gnente de mejo.

***

Er Sole manna un raggio e lì te chiedi,

ner pieno centro de ’sto dormivejo,

quanto pò èsse bello quer risvejo,

e su l’aspetti tristi soprassiedi.

***

Già in HD e tridimenzionale,

’na gamma de colori arcobbaleno,

che te pò dà sortanto ch’er reale.

***

Magara sbajerò a vedé er sereno,

pure ner celo nero a temporale,

ma nun me ne pò mai fregà de meno!

***

Stefano Agostino

____________________

***