Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

18 Maggio 2022

Er bonumore

Er bonumore

***

È bello risvejasse la matina,

co ’na battuta che strappa un soriso,

pure si cor cuscino in faccia ar viso,

e si la sveja strilla d’assassina.

***

È quer momento, quello in cui hai deciso,

de collegatte ar monno co la spina,

de ’na risata che mette benzina,

quanno che ancora manco te sei assiso.

***

Così che quer soriso t’accompagna,

pe tutto er giorno, fino a tarda sera

e serve com’er cibbo che se magna.

***

Ché nun ce sta ’na verità più vera,

da scrivela in grassetto a la lavagna,

ch’er bonumore fa quadrà la sfera.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

17 Maggio 2022

Scerte

Scerte

***

La vita è er risurtato de le scerte,

a cui semo ’gni giorno messi avanti,

da quelle serie a le inzignificanti,

tra chiude porte e lassalle aperte.

***

A vorte co l’appoggio de li santi,

a vorte già praticamente certe,

co scerte sempricissime o sofferte,

ché ponno rigalà sorisi o pianti.

***

Ma quer che conta è ’mboccà un cammino,

quale che sia, pure che va in salita,

a costo de sbajà e de fà un casino.

***

Ché nun sceje l’entrata co l’uscita,

pe la paura de toppà er destino,

è rinuncià a vive poi la vita.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 Maggio 2022

L’invidioso

L’invidioso

***

Stai a penzà a quello che nun ciài,

a misurà chiunque ar bilancino,

già solo che te sveji ch’è matino,

gareggi contr’er monno, come fai?

***

Quell’è riccone che cià er patentino,

e l’artro cià ’na villa ch’è un via-vai,

e l’artro ancora nun l’hai visto mai,

senza “Ferrari” e “Porsche” e tu er “pandino”.

***

Me chiedo ’ndó te porta quer veleno,

gonfio de rabbia e pe nun dì l’umore,

ch’è nero pece quanno sei sereno.

***

Si te girassi addietro pe un par d’ore,

guardanno chi sta peggio e cià de meno,

co quer che ciài diresti: “So’ un signore!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

14 Maggio 2022

L’UFO su Roma

L’UFO su Roma

***

Mó pare che l’alieni se sò accorti,

de ’sto pianeta battezzato Tera,

e sò venuti a véde sì com’era,

fasse un’idea si semo vivi o morti.

***

E ovviamente de tutta la Sfera,

l’estra-terestri se saranno sporti,

a guardà Roma, arimanenno assorti,

ne l’ammiralla fino a tarda sera.

***

Diranno che in tutto l’Univerzo,

nun c’è ’na cosa che sia tal’e quale,

a ’sta città e ’sto ber celo térzo.

***

E ne l’immenzo spazzio siderale,

co l’astronave che fa rotta verzo,

diranno ar Cosmo: ROMA È CELESTIALE.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

12 Maggio 2022

Le cacche de li cani

Le cacche de li cani

***

A Roma spesso, quanno è buio in via,

pòi acciaccà ’na cacca de li cani,

che ’nzacchera le sòle ’ndó ce frani,

poi guai a chi te sente … mammia mia.

***

Voresti èsse accalappiacani,

così je fai passà la fantasia,

de fà ’sti ricamini co la scia

e d’accorà de puzza li romani.

***

Ma nun t’avvelenà co l’animali,

a cui nun pòi pretenne dà lezzioni,

de pulizzia e bisogni naturali.

***

E strilla invece a tutti li padroni,

de cani che hanno scerto posti e pali,

pe coloraralli gialli o più maroni.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Maggio 2022

Er lavativo

Er lavativo

***

Er lunedì, nun vado, sto in permesso,

er martedì, riunione sindacale,

mercoledì, congedo parentale,

er giovedì nun posso, ché me stresso.

***

Er venerdì ciandrebbe, ma fa male,

annacce un giorno solo – e che so’ fesso? –

così che allungo – e me sarà concesso –

er fine settimana naturale.

***

E dopo un anno lungo de lavoro,

prenno le ferie a chiude la staggione,

si nun sto in malatia, ché guasi moro.

***

Mó esco, vado in pausa colazzione,

torno pe pranzo e dopo m’aristoro,

penzanno a quanno che annerò in penzione!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Mamma

Mamma

***

Ce n’ha bisogno pure er Sor Iddio,

de l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

dà ’na carezza pe ’gni fotogramma,

si n’abbisogna Lui, penza un po’ io.

***

Sarò mammone, nun me pare un dramma,

e si è un probbrema, è un probbrema mio,

nun ce sò scòle su com’èsse fìo,

né libbri da studià co ’sto programma.

***

Da quanno m’ha ospitato ner pancione,

nun m’ha lassato mai, manco un seconno,

senza legamme a lei, come in priggione.

***

Quello che intenno è tanto più profonno,

sta ner soriso giusto a ’gni occasione,

quanno sto in cima e quanno in culo ar monno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***