Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione

16 Gennaio 2021

‘Na donna ar volante

‘Na donna ar volante

***

Penzà a chi j’ha dato la patente,

me fa sperà ner cambio de nazzione:

chi guida come lei è da priggione,

artro che scarozzà alegramente.

***

La sua nun è ’na semprice infrazzione:

der codice stradale qui viggente,

in un momento, come fusse gnente,

cià fatto er foco bono p’er carbone.

***

Vabbè passà la riga in mezzeria,

ma pe ’nchiodà ner centro de l’incrocio

e fà ’na U, ce vole maestria.

***

Ar coro de proteste, io m’associo:

“Si guida lei è mejo scappà via,

una così nun pò che fà un infrocio”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione

15 Gennaio 2021

Er vecchio smemorato

Er vecchio smemorato

***

Sta lì ar sole freddo de ’na panca,

p’ariscallà la pelle ch’è tutt’ossa,

cor bavero a coprì la testa rossa,

er vento lo schiaffeggia a destra e manca.

***

De botto pare preso da ’na scossa,

cerca de rassettà la faccia stanca,

passa ’na vecchierella, tutta bianca,

quanno la vede er còre je se ’ngrossa.

***

Lei je soride e lui ce s’arza in piedi,

un fiore a un ramo appeso j’ariccoje,

je dice: “Tiè, te vojo bene, vedi?”

***

Come la neve ar sole lei se scioje

e j’arisponne: “A Ni’, ma che te chiedi?

Nun t’aricordi mai che so’ tu’ moje ?!?”

***

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

12 Gennaio 2021

Er Nasone

Er Nasone

***

Stai ferma lì, chissà chi te cià messo,

la faccia cor beccuccio a pennolone,

pe l’artri “fontanella”, qui “Nasone”,

dijelo ar cane che te crede un cesso.

***

Hai dissetato un sacco de perzone,

sputanno l’acqua, pure si in eccesso,

ch’a ripenzacce un po’ deppiù d’adesso,

chi cacchio l’ha pagata ?!? Pantalone ?!?

***

Ma che tristezza mó sapette chiusa,

là sola inzù l’incrocio, in fonn’ar viale,

nemmanco più un fioraro, ormai, te usa.

***

Prodiggio der progresso nazzionale,

t’hanno piombata, come ’na reclusa,

pe daje spazzio a l’acqua minerale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***