Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

20 Gennaio 2022

Progresso in tivvù

Progressi in tivvù

***

T’eri comprato er tivvù ar plasma,

poi l’HD, che te faceva fico,

così ch’er primo, peggio der nemico,

l’hai messo giù in cantina a fà er fantasma.

***

Me chiami e già te n’esci: “Caro amico,

ma ce lo sai ch’er LED mó m’entusiasma?

Córo a comprallo, pure che ciò l’asma,

lo prenno SMART-3D, eppoi te dico.”

***

Ché grazzie a li prodiggi der progresso,

ariverà la quarta dimenzione,

eppoi la quinta, che ne sai adesso?

***

Ma quer che compri è ’na televisione,

mica er programma che rimane un cesso …

da uno a dieci, quanto sei cojone ?!?

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

18 Gennaio 2022

La lagrima

La lagrima

***

Pò èsse un firm oppure ’na canzone,

l’amore che se sfascia o pe un abbraccio,

l’amico che te penza, un momentaccio,

un pupo che viè ar monno, un’emozzione.

***

Un fatto che t’ha steso come straccio,

la fine de un inferno de priggione,

’no squarcio de ’sta vita, un gran magone,

un dono, un libbro, un lutto o quarche laccio.

***

Lei arichisce er viso e lo colora,

da specchio trasparente ar sentimento,

de l’occhio da ’ndov’è sortita fòra.

***

Nun vergognatte mai, nun fà la Sfinge,

’na lagrima viè giù pe dì er momento,

de quanno l’omo ormai nun pò più finge!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

15 Gennaio 2022

Prima de salutasse

Prima de salutasse

***

Vojo lassatte co ’na rifressione,

ch’è più un conzijo che ’na direttiva,

da légge e d’ascortà come t’ariva,

fanne tesoro o robba da sciacquone.

***

La vita è tua e pìa l’inizziativa,

sei Unico tra un mare de perzone,

quanno riesci a trovà la direzzione,

tu vaje appresso in locomotiva.

***

Nun t’addannà addietro a le sciocchezze

e nun te fà venì ’na malatia:

se chiama monno, è pieno de monnezze.

***

Colora la tristezza d’alegria,

e èssi certo: nun avé certezze.

È tutto … chiedo er conto e vado via!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

12 Gennaio 2022

La neve a Roma

La neve a Roma

***

Quanno succede è sempre ’na maggìa,

viè giù d’un lemme lemme che se posa,

inzuccheranno a velo ’gni quarcosa,

ammanta e fiocca tutto d’alegria.

***

Roma la veste d’abbito da sposa,

e come dentro a un firm de fantasia,

imprezziosisce er fonno de ’gni via,

ner mentre er celo a sera se fa rosa.

***

È bella pure quanno che nun dura,

s’appoggia sola, bianca, sureale,

la neve, Roma, guasi la pittura.

***

È così dorce, soffice e speciale,

che ce vorebbe che Madre Natura,

la faccia ne la notte de Natale.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

5 Gennaio 2022

Li Re Magi

Li Re Magi

***

Partiti da li tre pizzi der monno,

seguenno la gran scia de ’na cometa,

ciascuno da ’no spicchio der pianeta,

sfidanno mari, monti, freddo e sonno …

***

Forti de la parola der profeta,

senza fermasse mai, manco un seconno,

sò arivati tutti fino in fonno,

avenno inteso la notizzia lieta.

***

E ’gnuno aveva un dono stabbilito:

Gaspare l’oro, segno de corona,

Melchiorre incenzo, p’èsse riverito…

***

… e Baldassarre mirra che l’unziona,

pe quanno se sarebbe seppellito…

e anch’er presepio mó se perfezziona.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

4 Gennaio 2022

Gennaio romano

Gennaio romano

***

Tutte le vorte che riviè Gennaio,

cor freddo che fa batte le brocchette,

co l’infruenza e un pacco de bollette,

più che a un mese fa penzà a un guaio.

***

Comincia co la sfirza de carzette,

che la Befana ariempie dar solaio,

dorce o carbone, si a seconna è Caio

o Tizzio a cui l’appenne a le cappette.

***

Sorzo de sole, quanno è tramontana,

ch’er celo de ’sti tempi spesso è scuro,

ce se ’mbacucca fra piumoni e lana.

***

Dar sette fino a che scavarca er muro,

’gni giorno dura mezza settimana,

ma l’artra mezza è mejo de sicuro.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

20 Dicembre 2021

Inverno

Inverno

***

C’è pure chi lo chiama “Generale”,

p’er fatto ch’è er più riggido e de fero,

le notti lunghe, buie e sotto zero,

comincia in bianco, giusto pe Natale.

***

Quanno che annotta e er celo se fa nero,

ch’er vento fischia e sibbila glaciale,

voresti annà ne l’emisfero australe,

in quarche posto esotico, stragnero.

***

L’arbero acceso, fine dicembrino,

se porta avanti fino ar sei Gennaio,

più p’er commercio, sì, che p’er Bambino.

***

Ariva mascherato er sor Febbraio,

prima de chiude er conto cor piumino,

Marzo apre l’ombrello eppoi la sdraio.

***

Stefano Agostino

________________________

***