Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Nuova edizione’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

18 Gennaio 2023

Er tempo che fu

Er tempo che fu

***

È tipico der riguardà ar passato,

quanno se fa un viaggio de memoria,

aripercore er fatto che fa storia,

pe ripittallo in rosa anticato.

***

Ché ce sò stati attimi de gloria,

un po’ pe tutti pare sia scontato,

ma un fatto ner ricordo è colorato,

de tinte che cancelleno ’gni scoria.

***

Così che sembra spesso ch’er presente,

nun pò regge confronto e paragone,

co tutto quer che fu anticamente.

***

Ma si ricapitasse l’occasione,

de arivive adesso quer frangente,

se capirebbe ch’è tutta impressione.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

12 Gennaio 2023

Romanesco, no coatto

Romanesco, no coatto

***

È ben diverzo er parlà “coatto”,

dar ciancicà in dialetto romanesco,

spiegallo nun so mica si ce riesco,

ma ’gnuno cià er suo timbro e er suo tratto.

***

“Coatto” chi comunica in grottesco,

’gni singola parola a ’gni contatto,

enfatizzato in greve, senz’er tatto,

tutt’artro che carino e pittoresco.

***

Er romanesco, invece, è un’artra cosa,

d’aria più dorce, guasi musicale,

’na melodia ch’è più armoniosa…

***

… e anche un VAFFA nun viè mai uguale:

in romanesco è un petalo de rosa,

mentre in “coatto” è detto pe fà male.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

9 Gennaio 2023

Tutto score

Tutto score

***

La vita, a vorte, me stracina avanti,

che nun ce riesco più a staje appresso,

come si fussi un artro da me stesso,

ché io sto qui e lei me sta davanti.

***

Me sembra, e devo dì sempre più spesso,

che semo reartà assai distanti,

diverzi ritmi, lei quelli incarzanti,

io ce n’ho artri più da “carma e gesso”.

***

Più vedo lei che prenne a córe e córe,

me lassa indietro, aumenta la distanza,

più io me movo ar rallentatore.

***

Intanto er tempo senza sosta avanza,

e cambia in giorni, mesi e anni, l’ore,

ch’ho già sprecato, pure in abbonnanza.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

5 Gennaio 2023

Li Re Magi

Li Re Magi

***

Partiti da li tre pizzi der monno,

seguenno la gran scia de ’na cometa,

ciascuno da ’no spicchio der pianeta,

sfidanno mari, monti, freddo e sonno …

***

Forti de la parola der profeta,

senza fermasse mai, manco un seconno,

sò arivati tutti fino in fonno,

avenno inteso la notizzia lieta.

***

E ’gnuno aveva un dono stabbilito:

Gaspare l’oro, segno de corona,

Melchiorre incenzo, p’èsse riverito…

***

… e Baldassarre mirra che l’unziona,

pe quanno se sarebbe seppellito…

e anch’er presepio mó se perfezziona.

***

Stefano Agostino

______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

4 Gennaio 2023

Piazza Navona

Piazza Navona

***

La più famosa pe le bancarelle,

l’artista, er mimo, er mago, er sartimbanco,

chi tenta la fortuna a quarche banco,

e chi se pò magnà quele ciambelle.

***

Su ’na panchina c’è un turista stanco,

ma l’occhi accesi come du’ fiammelle,

Fontana de li Fiumi, ch’è ribbelle,

a Sant’Agnese che je sta de fianco.

***

Tra zuccheri velati e marionette,

li strilli de pupetti a la sottana,

ce sò presepi, grotte e statuette.

***

Piazza Navona se fa più romana,

quanno s’ariempie de scope e carzette,

la notte che s’aspetta la Befana!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

29 Dicembre 2022

Si nun se vedemo, auguri

Si nun se vedemo, auguri

***

Lo so, lo dico anch’io che qui lo canto:

“Si poi nun se vedemo, tanti auguri”,

pe le festività e pe stà sicuri,

de nun scordasse poi gabbato er santo.

***

Solo che a fà penzieri meno puri,

a raggionà co un po’ de disincanto,

rifrette su ’sta frase, giusto tanto,

ce s’aritrova a fasse li scongiuri.

***

Er “tanti auguri, si nun se vedemo”,

ma che vorebbe dì? Che si succede,

posso pure morì già che ce semo?

***

Nun t’arisponno, mejo soprassede,

ma te direbbe: “Ahό sei tutto scemo,

ma vaffa… ’ndove tutti ce se siede!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

23 Dicembre 2022

Bijetto d’auguri

Bijetto d’auguri

***

A te che nun ce credi o che hai smesso,

de confidà ner senzo der Natale,

a te, a cui t’ha detto sempre male,

a te, che te vergogni de te stesso.

***

A te, rinchiuso dentro a un ospedale,

a te, che mó te butteresti ar cesso,

a te, che nun lo sai chi te cià messo,

su un treno che nun cià tratta normale.

***

A te, che nun ciài manco più la forza,

de dà cazzotti pe buttà giù muri,

a te, ch’hai chiuso er còre in de ’na borza.

***

Pe te è ’sto bijetto mio d’auguri:

ché ’sto Natale qua, pure de corza,

colori rosa li giorni futuri.

***

Stefano Agostino

______________________

***