Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romanesche’ Category

Poesie romanesche

25 Dicembre 2018

Letterina a Gesù Bambino

Letterina a Gesù Bambino

***

Ner giorno esatto der Santo Natale,

’na letterina a Gesù Bambino,

de quelle da tené sott’ ar cuscino,

ché tanto, ce lo so, le legge uguale.

 ***

Caro Gesù, te chiedo, èssi vicino

a ’gni omo che se la sta a passà male,

a chi nun ha capito quanto vale

rimette Te ar centro der Destino.

 ***

E metti pace ’ndó ce sta la guera,

e la salute ’ndó c’è malatia,

rigala er giorno a chi cià solo sera.

 ***

Trasforma ’gni tristezza in alegria,

leva la fame e sete da ’sta Tera,

e sia giustizzia ’ndó c’è tirannia.

 ***

Rimbocca Tu l’amore ovunque c’era

e a l’improviso se n’è ito via,

per un seconno o pe ’na vita intera.

 ***

Già che ce sei, fa’ che ’sta fantasia,

pe quanto assurda, me diventi vera.

Nun chiedo artro. STOP. E così sia.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Poesie romanesche

15 Dicembre 2018

Trilussa – Natale de guera

Natale de guera

***

Ammalapena che s’è fatto giorno,

la prima luce è entrata ne la stalla

e er Bambinello s’è guardato intorno:

“Che freddo, mamma mia. Chi m’aripara?

Che freddo, mamma mia. Chi m’ariscalla?”

– “Fijo, la legna è diventata rara

e costa troppo cara pe compralla” –

“E l’asinello mio ‘ndov’è finito?” –

“Trasporta la mitraja

sur campo de battaja: è requisito” –

“Er bove?” – “Puro quello

fu mannato ar macello”.

“Ma li Re Maggi ariveno?” – “È impossibile

perché nun c’è la stella che li guida,

la stella nun vò uscì, poco se fida,

pe paura de quarche diriggibile”.

Er Bambinello ha chiesto: “Indove stanno

tutti li campagnoli che l’antr’anno

portaveno la robba ne la grotta?

Nun c’è neppuro un sacco de polenta,

nemmanco una frocella de ricotta”.

– “Fijo, li campagnoli stanno in guera,

tutti ar campo e combatteno. La mano

che seminava er grano

e che serviva pe vangà la tera

adesso viè addoprata unicamente

pe ammazzà la gente.

Guarda, laggiù, li lampi

de li bombardamenti!

Li senti?, Dio ce scampi,

li quattrocentoventi

che spaccheno li campi?” – 

Ner dì così la Madre der Signore

s’è stretta er Fijo ar còre

e s’è asciugata l’occhi co le fasce.

Una lagrima amara pe chi nasce,

una lagrima dorce pe chi mòre.

***

Trilussa

____________________________

15

Poesie romanesche

10 Novembre 2018

Er Cane e la Luna

Er Cane e la Luna

***

C’era ‘na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,

che abbajava a la Luna. Passò un Gatto:

– Lascila perde – disse – che t’ha fatto?

Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!

La Luna guarda tutti, ma nun bada,

a quelli che s’ammazzeno pe strada.

***

– E pe questo ce sformo! – disse er Cane –

In mezzo a tante infamie e tanti guai,

ècchela lì! Nun s’è cambiata mai

e rimane impassibbile, rimane…

Me piacerebbe ch’aggriggiasse er naso,

che stralunasse l’occhi …. Nun c’è caso!

***

– Perché ‘ste cose qui l’ha viste spesso:

– rispose er Gatto – er monno è sempre quello.

Quanno Caino sbudellò er fratello

la Luna rise tale e quale adesso:

ha riso sempre e riderà perfino

si un giorno Abbele scannerà Caino.

***

Trilussa

______________

***

Poesie romanesche

7 Aprile 2018

Trilussa – La calunnia

La calunnia

***

Da una brutta catapecchia / che se specchia drento ar fiume /

ogni notte c’è una Vecchia / ch’esce fòra co un lume. /

È una strega co ‘na mucchia / de sbognòccoli sur naso, /

e tre denti nati a caso / che j’ariveno a la scucchia. /

***

D’anniscosto de la gente / piano piano se stracina /

su lo sbocco puzzolente / de ‘na chiavica vicina, /

pija un sasso eppoi ce scrive / co la punta der cortello /

l’improperie più cattive / contro questo e contro quello. /

***

E la Vecchia dispettosa / soddisfatta de la cosa, /

detto fatto butta er sasso / drento l’acqua mollacciosa. /

L’improperia cala a fonno, / ma a fior d’acqua, piano piano, /

sparge in giro un cerchio tonno / che s’allarga e va lontano … /

***

Va lontano e, mentre pare / che se sperde e se finisce, /

zitto zitto ariva ar mare / e lì eccome si corpisce. /

Chi direbbe che ‘sta Vecchia / fa ‘sta brutta professione /

pe servì tante perzone / che je soffieno a l’orecchia?

***

Quanta gente, che c’è amica / je darà l’ordinazzione.

***

Trilussa

___________________________

***

Poesie romanesche

3 Febbraio 2018

Trilussa – L’educazzione

L’educazzione

***

Ce fu ‘na mosca che me se posò

su un pasticcio de gnocchi; io la cacciai,

ma quella, sì, scocciante più che mai,

fece un giretto ar sole e aritornò.

“Sciò!” – je strillavo – “sciò!

Ché si t’acchiappo, guai!

Si fussi ‘na farfalla, embè, pazzienza,

ché armeno quelle vanno su le rose,

ma tu che te la fai

su certe brutte cose, è ‘na schifenza!”

***

La mosca m’arispose: “Avrai raggione,

ma la corpa è un po’ tua che da principio

nun m’hai saputo dà l’educazzione.

Io trovo giusto che me cacci via,

si vado su la robba che te piace,

ma nun me spiego ché me lasci in pace,

quanno me poso su ‘na porcheria!”

***

Trilussa

_______________________

***

Poesie romanesche

3 Dicembre 2016

Trilussa – La Fede

La Fede

***

Quela vecchietta cèca che incontrai,

la notte che me sperzi in mezzo ar bosco,

me disse: “Si la strada nun la sai,

te ciaccompagno io, ché la conosco.

Si ciài la forza de venimme appresso,

de tanto in tanto te darò ‘na voce,

fino là in fonno, ‘ndò ce sta un cipresso,

fino là in cima, ‘ndò ce sta ‘na Croce”.

Io j’arisposi: “Sì, ma trovo strano,

che me possa guidà chi nun ce vede”

La cèca allora me pijò pe mano

e sospirò: “Cammina”. Era la Fede.

***

Trilussa

____________________________________

***

Poesie romanesche

20 Agosto 2016

Trilussa – La sincerità

La sincerità

 ***

M’aricorderò sempre che mi’ nonno, / pe famme pijà sonno,

me diceva la favola de quello / ch’annava in cerca de sincerità.

Io, però, m’addormivo sur più bello

 che nimmanco arivavo a la metà.

Tutta quanta la favola nun era / che la storia de Gnocco:

un pastorello  / ch’uscì de notte per annà ar Castello /

 de la gente sincera;  ma arivato a lo svorto d’una strada / 

incontrava ‘na povera vecchietta / che je diceva: “Abbada,

 tiè sempre d’occhio quer lumino verde

che riluce, sbrilluccica e se perde

co la stella der cèlo più vicina… / e cammina, cammina…

Però, si nun sei pratico, / passi un momento critico,

cor Cignale politico / e er Gatto dipromatico.

Nun te fidà dell’Omo / ch’accomoda l’idea,

seconno la livrea /che porta er maggiordomo.

E abbada all’Orco Rosso /che fa er vocione grosso:

abbada all’Orco Nero / perché nun è sincero;

abbada all’Orco Bianco /perché nun è mai franco.

Per cui, pe èsse certo, / de chi te s’avvicina,  

tiè sempre un occhio aperto / e cammina, cammina …

E Gnocco camminava, Dio sa quanto, 

tutta la notte fino a la matina, / fra l’Orchi e fra le Streghe:

ogni momento / trovava un tradimento…

Com’annava a finì? Già ve l’ho detto:  

prima ch’er pastorello / arivasse ar Castello,

m’addormivo, finché mi’ nonno me metteva a letto.

Purtroppo, puro adesso, / si vado in cerca de sincerità

me succede lo stesso: / e come ne la favola de nonno,

pur’io vedo un lumino, / lontano, in fonno in fonno…

E cammino, cammino, / finché casco dar sonno.

***

Trilussa

___________________

***