Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romanesche’ Category

Poesie romanesche

9 Ottobre 2021

Trilussa – L’educazzione

L’educazzione

***

Ce fu ‘na mosca che me se posò

su un pasticcio de gnocchi; io la cacciai,

ma quella, sì, scocciante più che mai,

fece un giretto ar sole e aritornò.

“Sciò!” – je strillavo – “sciò!

Ché si t’acchiappo, guai!

Si fussi ‘na farfalla, embè, pazzienza,

ché armeno quelle vanno su le rose,

ma tu che te la fai

su certe brutte cose, è ‘na schifenza!”

***

La mosca m’arispose: “Avrai raggione,

ma la corpa è un po’ tua che da principio

nun m’hai saputo dà l’educazzione.

Io trovo giusto che me cacci via,

si vado su la robba che te piace,

ma nun me spiego ché me lasci in pace,

quanno me poso su ‘na porcheria!”

***

Trilussa

_______________________

***

Poesie romanesche

28 Agosto 2021

Er Cane e la Luna

Er Cane e la Luna

***

C’era ‘na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,

che abbajava a la Luna. Passò un Gatto:

– Lascila perde – disse – che t’ha fatto?

Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!

La Luna guarda tutti, ma nun bada,

a quelli che s’ammazzeno pe strada.

***

– E pe questo ce sformo! – disse er Cane –

In mezzo a tante infamie e tanti guai,

ècchela lì! Nun s’è cambiata mai

e rimane impassibbile, rimane…

Me piacerebbe ch’aggriggiasse er naso,

che stralunasse l’occhi …. Nun c’è caso!

***

– Perché ‘ste cose qui l’ha viste spesso:

– rispose er Gatto – er monno è sempre quello.

Quanno Caino sbudellò er fratello

la Luna rise tale e quale adesso:

ha riso sempre e riderà perfino

si un giorno Abbele scannerà Caino.

***

Trilussa

______________

***

Poesie romanesche

29 Maggio 2021

Er sorcio de città e er sorcio de campagna – Trilussa

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

***

Un sorcio ricco de la capitale,
invitò a pranzo un sorcio de campagna.
“Vedrai che bel locale,
vedrai come se magna!”
– je disse er sorcio ricco – “Sentirai!
Antro che le caciotte de montagna!
Pasticci, dorci, gnocchi,
timballi fatti apposta,
un pranzo co li fiocchi! Una cuccagna!
L’istessa sera er sorcio de Campagna,
ner traverzà le sale
intravvide ‘na trappola anniscosta:
“Collega” – disse – “cominciamo male,
nun ce sarà pericolo che poi … ?
“Macché, nun c’è paura”,
j’arispose l’amico qui da noi
ce l’hanno messe pe cojonatura.
In campagna, capisco, nun se scappa,
ché se piji un pochetto de farina,
ciài la tajola pronta che t’acchiappa;
ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
Le trappole sò fatte pe li micchi:
ce vanno drento li sorcetti poveri,
mica ce vanno li sorcetti ricchi.
 

Trilussa

_________________

***

Poesie romanesche

5 Dicembre 2020

Trilussa – Natale 1915

Natale 1915

***

Bentornato, Gesù Cristo.

Puro ‘st’anno hai ritrovati,

tutti l’ommini impegnati,

ne lo stesso acciaccapisto.

Se sbranamo come cani,

se scannamo tutti quanti,

pe tre grinte de briganti,

mascherati da sovrani.

Mentre er Turco fa da palo

uno rubba, l’antro impicca.

Maledetta sia la cricca,

che cià fatto ‘sto regalo.

***

Tu, ch’hai sempre messo in pratica

la dottrina de l’amore

e nun mascheri er dolore

pe raggione dipromatica,

che ne penzi de ‘sti ladri

che ficcarono l’artiji

ne l’onore de le madri,

ne la carne de li fiji?

Che ne penzi, Gesù mio,

de chi appoggia sottomano

la ferocia d’un sovrano

che bombarda puro Iddio?

***

Fa’ in magnera, Gesù bello,

che ‘na scheggia de mitraja,

spacchi er còre a la canaja

ch’ha voluto ‘sto macello.

Fa’ ch’armeno l’impresario

der teatro de la guera

possa vede sottotera,

la calata der sipario.

Fa’ ch’appena libberato,

da li barbari tiranni,

ogni popolo commanni,

ne la patria ‘ndov’è nato.

***

Quanno un giorno azzitteremo

sin a l’urtimo cannone,

ch’imponeva la raggione

d’un re matto e un re scemo,

solo allora avranno fine

tante infamie e tante pene,

fischieranno le sirene

fumeranno l’officine.

E, tornata l’armonia,

su ‘na base più sicura,

resteremo (finché dura)

tutti in pace … E così sia.

***

Trilussa

Poesie romanesche

23 Maggio 2020

Trilussa – Er disinteresse

Er disinteresse

***

Una Mosca cascò drento un barattolo

pieno de marmellata

e ciarimase mezza appiccicata.

Cercava de stà a galla, inutirmente,

provava a uscì, sbatteva l’ale, gnente!

Più s’attaccava ar vetro,

più scivolava addietro.

***

Un Ragno, che pe caso

lavorava su una trave der soffitto,

cor filo de la tela, dritto dritto,

scese a piommo sur vaso:

“Che bella Mosca” – disse – “pare un pollo.

È necessario che la sarvi io

pijannolla p’er collo

armeno ce guadagno

che fo ‘na bona azzione e … me la magno”.

***

Conosco uno strozzino amico mio

che cià li stessi metodi der Ragno…

***

Trilussa

___________________

***

Poesie romanesche

21 Settembre 2019

Trilussa – La calunnia

La calunnia

***

Da una brutta catapecchia / che se specchia drento ar fiume /

ogni notte c’è una Vecchia / ch’esce fòra co un lume. /

È una strega co ‘na mucchia / de sbognòccoli sur naso, /

e tre denti nati a caso / che j’ariveno a la scucchia. /

***

D’anniscosto de la gente / piano piano se stracina /

su lo sbocco puzzolente / de ‘na chiavica vicina, /

pija un sasso eppoi ce scrive / co la punta der cortello /

l’improperie più cattive / contro questo e contro quello. /

***

E la Vecchia dispettosa / soddisfatta de la cosa, /

detto fatto butta er sasso / drento l’acqua mollacciosa. /

L’improperia cala a fonno, / ma a fior d’acqua, piano piano, /

sparge in giro un cerchio tonno / che s’allarga e va lontano … /

***

Va lontano e, mentre pare / che se sperde e se finisce, /

zitto zitto ariva ar mare / e lì eccome si corpisce. /

Chi direbbe che ‘sta Vecchia / fa ‘sta brutta professione /

pe servì tante perzone / che je soffieno a l’orecchia?

***

Quanta gente, che c’è amica / je darà l’ordinazzione.

***

Trilussa

___________________________

***

Poesie romanesche

1 Giugno 2019

Trilussa – Er Pappagallo

Er Pappagallo

***

Er Pappagallo d’un repubbricano,

ch’era ‘na bestia tanto inteliggente,

perché parlava mejo d’un cristiano,

da quattro o cinque giorni stava strano,

s’era abbacchiato e nun diceva gnente.

***

“Che t’è venuta? La nevrastenia?”

je chiese un Gatto – “hai perzo la parola?

Su, coraggio. Sta’ alegro. Tira via”.

– “Eh, – fece lui – la corpa nun è mia,

è tutta der padrone che ciriòla!”

***

Prima, defatti, me diceva spesso

che dovevo strillà: Viva Mazzini.

Evviva la Repubbrica! … Ma adesso

si lo dico me mena, e già è successo,

ch’ha mannato a chiamà li questurini.

***

Capisco l’interessi perzonali

j’avranno rotto li convincimenti,

j’avranno buggerato l’ideali:

ma lassi armeno in pace l’animali

che sò contrari a certi cambiamenti.

***

Fra tutte l’antre cose che m’ha imposto,

jeri m’ha detto: – Strilla: evviva er Re – 

– Ah, mó pretenni troppo – j’ho risposto – 

Riparto pe l’America, piuttosto.

Nun faccio er burattino come te.

***

Trilussa

***