Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Poesie romanesche

10 Novembre 2018

Er Cane e la Luna

Er Cane e la Luna

***

C’era ‘na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,

che abbajava a la Luna. Passò un Gatto:

– Lascila perde – disse – che t’ha fatto?

Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!

La Luna guarda tutti, ma nun bada,

a quelli che s’ammazzeno pe strada.

***

– E pe questo ce sformo! – disse er Cane –

In mezzo a tante infamie e tanti guai,

ècchela lì! Nun s’è cambiata mai

e rimane impassibbile, rimane…

Me piacerebbe ch’aggriggiasse er naso,

che stralunasse l’occhi …. Nun c’è caso!

***

– Perché ‘ste cose qui l’ha viste spesso:

– rispose er Gatto – er monno è sempre quello.

Quanno Caino sbudellò er fratello

la Luna rise tale e quale adesso:

ha riso sempre e riderà perfino

si un giorno Abbele scannerà Caino.

***

Trilussa

______________

***

  1. Che sia stata ‘st’indifferenza lunare a facce addiventa’ tutti o quasi tutti, ‘ndifferenti verzo er prossimo?
    Pò esse’ che er contaggio è arivato da quelli che ce so’ iti.
    …..
    Er penziero der giorno:
    “Anche senza Totti, anche senza Osvardo,’na vorta dovrà perde,
    ‘sto cacchio de sardo”.
    Sarebbe ora che ce portamo a casa ‘sti 3 … punticini

    Comment by 'svardo — 22 Settembre 2012 @ 12:04
  2. C’era ‘na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,
    che abbajava a la Luna. Passò un Gatto:
    – Lascila perde – disse – che t’ha fatto?
    Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!
    La Luna guarda tutti, ma nun bada,
    a quelli che s’ammazzeno pe strada. … (continua)

    Comment by Stefano — 10 Novembre 2018 @ 08:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>