Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Stagione 2020/21’ Category

La Roma in rima,Stagione 2020/21

22 Ottobre 2020

Young Boys – Roma E.L.

Young Boys – Roma: 1-2

***

Chi ben comincia … come dice er detto,

de certo pò valé pe ‘sto girone,

d’Europa League che apre la staggione,

la Roma vince … e questo è già perfetto.

***

Lo fa in rimonta, dopo quer magone

de un primo tempo e co un artro assetto,

via le seconne linee … e l’effetto

è stato mette dentro quer pallone.

***

De Bruno Peres er primo e er seconno

der sor Kumbulla gran ber carciatore,

che già se sa in quanti che lo vonno.

***

Tre punti de bottino e un sentore

che pòi puntà a spigne fino in fonno,

si giochi co la Roma più mijore.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

18 Ottobre 2020

Roma – Benevento

Roma – Benevento: 5-2

***

La Roma ne fa cinque ar Benevento,

ma nun è stata senza sofferenza,

sotto de un go’, poi pari e a intermittenza

vantaggio Roma e pari disattento.

***

Er tre a due che cambia la sentenza,

poi er quattro a levà ‘gni turbamento,

cor cinque go’ de tigna e de portento,

a chiude la partita più che intenza.

***

Er primo go è de Pedro a fà pareggio

er due è de Dzeko, go’ a l’angolino

er tre de Veretout a levà er peggio.

***

Er quattro è de Dzeko, ber bottino,

er cinque, ch’è er più bello a fà punteggio,

de Carles Perez, dar talento fino.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

3 Ottobre 2020

Udinese – Roma

Udinese – Roma: 0-1

***

La Roma vince e porta via tre punti

che pe come s’è messa sò perfetti,

ché s’è rischiato ben artri verdetti,

ma ar traguardo poi qui ce s’è giunti.

***

Er go’ de Pedro che vale ‘st’effetti,

è de prestiggio e in più da prenne appunti,

che tira ben da fòri … a fà riassunti …

poi tocca er palo e rete e te l’aspetti …

***

… da uno come lui ch’ha vinto tutto,

però che quanno segna co la Roma,

tutt’è più bello … e tutt’er resto è brutto.

***

Così che s’ariarza un po’ la chioma,

co ‘na vittoria che pare er debutto

de un artro campionato e artra soma.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

27 Settembre 2020

Roma – Juventus

Roma – Juventus: 2-2

***

Finisce co un pareggio ar retrogusto

che sa d’avé mancato la vittoria,

du’ vorte in vantaggio e poi la storia

dice de un omo in più … che cambia er gusto.

***

Co Dzeko che du’ vorte sbaja … scoria

de questa settimana de trambusto,

er pari loro quinni serve giusto 

a ricordà chi scorda la memoria.

***

Così se pìa un punto … un primo passo

dopo la cavolata de Verona,

ma qui s’è visto gioco d’arto tasso.

***

Che fa sperà d’èsse su strada bona,

pe quanto ora sia da un punto basso,

pe comincià a salì ‘ndó se raggiona.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

22 Settembre 2020

Verona-Roma a tavolino

Verona – Roma: 3-0 a tavolino

***

Tre a zero. La sconfitta a tavolino.

Quest’è er verdetto de Verona-Roma,

dopo de Diawara cor suo diproma

de un’età sbajata ar tabbellino …

***

… erore che tradisce che sta in coma

‘sta diriggenza che fa ‘sto casino,

co un danno che pò già cambià er destino

già da la prima che porta ‘sta soma.

***

Chiunque pò sbajà in de ‘sto monno,

ma c’è la corpa grave che in diritto

è equiparata ar dolo fino in fonno.

***

Ce sta da daje  un carcio bene dritto

ar centro der didietro in un seconno 

a chi ha sbajato …   ciao pe sempre e zitto! 

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

19 Settembre 2020

Verona – Roma

Verona – Roma: 0-0

***

Comincia co un pareggio zero a zero,

er novo anno e la nova staggione,

che se direbbe sia senza emozzione,

ma chi dice così nun dice er vero.

***

Pe pali presi da ‘gni formazzione,

e er gioco costruito tutto intero,

la gara è stata viva pe davero,

pe tutto er tempo, fin’a conclusione.

***

Ma resta, dopotutto, ‘na domanna

che nun se pò evità … è si co Dzeko

cambiava er risurtato de ‘na spanna.

***

Ma è un discorzo che nun cià ‘na eco,

sinnò ar cervello de chi mó commanna,

che nun ce pò lassà quer vòto bieco.

***

Stefano Agostino

***