Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Luglio 2018

Ar semaforo

Ar semaforo

***

È giallo … arivo e scatta er rosso adesso,

inchiodo, stop, so’ er primo de la fila,

de dietro a me è uguale la trafila,

l’artri automobbilisti a fà lo stesso.

***

Ma ecco accanto uno me se ‘nfila,

ché c’era un buco e questo ce s’è messo,

me supera … frattanto un artro ossesso

da ‘st’artro lato passa e viè a tremila.

***

Stavo davanti e ora m’aritrovo

che m’hanno superato tutti quanti,

so’ circondato, ormai, manco me movo.

***

Ma è giallo ancora … e er tempo che sto a perde,

pe aritrovamme fermo ché davanti,

 nessuno ha visto quanno ch’era verde!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Sonetto divertente che ben fotografa l’angoscia del traffico!
    Il “passarti avanti” è uno sport creato e diffuso in Italia…
    Il semaforo? Un semplice oggetto di arredo urbano per dare un pò di colore alla città?

    Na vorta uno me voleva passà pè forza a DX…
    Beh, nun ce sò stato… Ho stretto, ho stretto finchè non l’ho costretto nello spazio de parcheggio…
    Non se poteva più move… Allora scenne e pè dasse un contegno fa finta de controllà la machina, quasi come se avesse voluto davero parcheggià… Ma avete capito che tipi che circolano?

    Comment di Luis — 23 Novembre 2012 @ 13:28
  2. È giallo … arivo e scatta er rosso adesso,
    inchiodo, stop, so’ er primo de la fila,
    de dietro a me è uguale la trafila,
    l’artri automobbilisti a fà lo stesso. … (continua)

    Comment di Stefano — 6 Maggio 2016 @ 08:22
  3. Ahò a Roma è ‘na giungla. Noi motociclisti ci siamo specializzati nell’arte dello svicolare, nello slalom gigante, nel trovare sempre il pertugio più propizio dove infilarci, e nelle “mandrakate” stradali come attraversare la città coast-to-coast in un quarto d’ora all’ora di punta eheheh…

    Comment di Silvio — 19 Luglio 2018 @ 09:05
  4. Accidenti, quanto me ‘ncacchiavo; co’ motorini e moto che me se ‘nfilaveno da tutte le parti, rischianno de mannalli pe’ tera. Da quanno ho lasciato ‘a machina, ho guadambiato ‘n serenità e salute.

    Comment di 'svardo — 19 Luglio 2018 @ 10:42
  5. Al semaforo succede sempre che qualcuno si infila di prepotenza negli spazi anche se molto angusti! bisogna avere taaaanta pazienza.
    Buona Giornata!

    Comment di maria letizia — 19 Luglio 2018 @ 11:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>