Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

5 Agosto 2020

Er fumantino

er fumantino

Er fumantino

***

Stai sempre a cercà liti e discusioni,

a logoratte er fegheto ‘gni giorno,

‘ndó vai, cerchi ‘no scazzo, ossia ‘no scorno,

un modo pe sbraità e pe arzà li toni.

***

Ma chi te lo fa fà, qual è er ritorno,

de attaccà ‘gni vorta ‘sti pipponi,

senza fàtte scappà tempi e occasioni

pe statte zitto e tojete de torno?

***

Prova a arilassatte pe un momento,

a dì la tua, vabbè, ma ner rispetto,

de chi nun cià er tuo stesso intennimento.

***

Magara, hai visto mai, te viè er sospetto,

che fórze quer tuo ber raggionamento,

   è degno de finì inder gabbinetto.

***

Stefano Agostino

__________________________ 

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Agosto 2020

Più de l’acqua der battesimo

Più de l’acqua der battesimo

***

La più mijore de le previsioni,

nun ce sò dubbi, quanno fa ‘sto callo,

è “crollo termico”, ché a nominallo

già sa de temporali e d’acquazzoni.

***

Dopo giornate d’afa e celo giallo,

‘ndó sudeno perzino li pormoni

solo pe respirà, un rombo de tròni,

è un rumore che sa già de sballo.

***

Se dice pe battuta che se suda,

pur l’acqua der battesimo perzino,

quanno la fronte gocciola e trasuda.

***

Ma l’acqua der battesimo … da zotico…

io l’ho finita e m’è rimasto fino

sortanto da sudà er liquido amniotico.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 Luglio 2020

Mòre er santo

Mòre er santo

***

E mòre er santo, sì, mòre er malato,

mòre chi nun se lagna e chi è un poraccio,

mòre chi vive solo, come straccio,

mòre er signore, pòro e arovinato.

*** 

Mòre chi lega un laccio forte ar braccio,

chi nun lo sa nemmanco lui si è nato,

chi ama, quanno er reso nun è er dato,

e chi nun sa più strignese in abbraccio.

 ***

Mòre chi nun lo sfonna mai quer muro,

chi sbaja e sbaja e sbaja e ancora e assai,

chi cià un NO così dentr’ar futuro.

cos ***

Mòre chi soffre e chi campa de guai,

ma de ’na cosa pòi stanne sicuro:

chi rompe er cazzo, lui, nun mòre mai.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Luglio 2020

Undici anni de Roma in rima

Undici anni de Roma in rima

***

Sò 11 anni, sì, de Roma in rima,

‘sto pupo è diventato regazzino,

e come er sole callo der matino,

‘gni giorno nun è mai quello de prima.

***

Come in cantina si se ‘nvecchia er vino,

sempre più bona è la sorzata in stima,

così ‘sto sito m’arigala er clima

de chi vò cresce e mijorà er destino.

***

Dar 20 lujo der dumilaennove,

‘gni giorno cià un colore de sonetto,

che in scena va così, senza fà prove.

***

Anche perché se sa che viè de getto,

a vorte manco io so come e ‘ndove,

bon compreanno fìo mio prediletto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I numeri di 11 anni di Roma in rima:

***

3557 articoli pubblicati

19865 commenti

1.438.000 pagine visitate

766.500 visitatori

***

Grazie di cuore ad ognuno di voi

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Luglio 2020

Er cromosoma

er cromosoma

Er cromosoma

***

Facenno ‘na classifica pe rima,

fra quelle che s’abbacieno co Roma,

scritte così, inder consueto idioma,

qual è quella che vince e ariva prima?

***

Seconno me se merita er diproma,

ammesso che se possa fà ‘na stima,

‘na rima ch’io la metterebbe in cima,

che cià a che fà cor sangue: er CROMOSOMA.

***

Der resto chi cià Roma ne le vene,

nun pò nun approvà ‘sta graduatoria,

che interno, ar centro, ar plasma j’appartiene.

***

Che se tramanna a conzervà memoria,

dar genitore ar fìo che cresce bene,

da ventisette secoli de storia.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Luglio 2020

14 luglio 1789

14 luglio 1789

***

“Presa de la Bastiglia” ar calennario

l’inizzio de la gran Rivoluzzione

quella franzosa, ma d’ortre-nazzione,

de cui ricore mó l’anniverzario.

***

Er popolo a caccià l’occupazzione

la tirannia, in modo leggennario,

s’è aribbellato pe portà er salario,

la pari dignità de le perzone.

***

La libbertà pe tutti e l’eguajanza,

valori umani e dignità sociale,

una nazzione a vive in fratellanza.

***

Più passa er tempo e più viè naturale

pe chi sta a commannà e ingrassà la panza,

penzà a che ce ne vole un’artra uguale.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

13 Luglio 2020

Ar “sonetto” de Grillo

Ar “sonetto” de Grillo

***

A parte che si er tuo è un sonetto,

allora lasso perde ‘gni artra rima,

ché quer che scrivo, si mai quest’è er clima,

nun cià la stessa forma e stesso effetto.

***

E dì che un tempo ciò avuto stima

der movimento, nato pe riggetto,

de quer sistema che, preso de petto,

mó invece te va bene … e è pari a prima.

***

Ma quer che nun te pòi propio permette

de azzardatte mai a lede e offenne,

sò Roma e li romani e frasi lette …

***

Ma quali 5, tu manco ‘na stella

te meriti deppiù, leva le tenne,

“gente de fogna” dillo a tu’ sorella!

***

Stefano Agostino

________________________

***