Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

17 agosto 2018

Er fine settimana

Er fine settimana

***

Granne invenzione er fine settimana!

Er lunedì te pare più un miraggio,

er martedì più o meno stesso ortraggio,

mercoledì lo senti a la lontana.

 ***

Er giovedì te ne vò dà un assaggio,

ma è solo er venerdì che te lo spiana,

co la filosofia leopardiana,

der sabbato famoso der villaggio.

 ***

Un attimo de più, è già domenica,

ché er sabbato la notte se l’inghiotte,

lo fa sparì co ‘na finzione scenica.

 ***

Nemmanco er tempo de capì, già è notte

e er lunedì sta pronto lì e t’arsenica,

ma se ne annasse dritto a fasse fotte.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 agosto 2018

Feragosto

Feragosto

***

’Gni anno, quann’ariva Feragosto,

me prenne come un po’ de nostargia,

pe un’artra estate che m’è ita via,

e tocca poi arientrà ’gnuno ar suo posto.

 ***

Dar tempo de la scòla che me pìa,

’sta spèce de magone un po’ anniscosto,

lo so che è più impressione o più, piuttosto,

bisogno de vacanza e d’alegria.

 ***

Vabbè, è un momento, che m’è già passato,

tra un bagno a mezzanotte e un gavettone,

cor sole che m’ha guasi abbruschettato.

 ***

Cocommero, perzino a colazzione,

aria de festa e tanto ho banchettato,

che mó me so’ scordato quer magone.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 agosto 2018

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

È er dieci agosto, er dì de San Lorenzo,

quanno che annotta e er cèlo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto, nero notte, intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià er sangue a tutti a gocce, a gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 agosto 2018

Attori e attrici de Roma

attori e artisti de roma

Attori e attrici de Roma

***

Quanti l’attori e attrici de ‘sta Roma:

Vittorio Gassman co Arberto Sordi,

quanti li firm e quanti li ricordi

tra Ardo Fabbrizzi e ancora Mammaroma.

***

Pellicole che certo nun te scordi:

Paolo Panelli e er fìo che pìa er diploma,

Nino Manfredi, cor suo cromosoma,

der tanto pe cantà, pe fà du’ accordi.

***

Gigi Projetti, Enrico Montesano,

li perzonaggi de Carlo Verdone,

der comico Giuliani o de Brignano.

***

Gente che onora e lustra ‘sta nazzione,

inorgojisce er popolo romano

e che er monno ce invidia e co raggione.

******

Stefano Agostino

_____________________ 

***

I sonetti romani,Romanamente

1 agosto 2018

Er gatto a zonzo

Er gatto a zonzo

***

Un giorno un gatto, stufo de la strada,

se mise in testa de trovà padrone,

cercannose ‘na commoda penzione

de un chicchessia che lo tenesse a bada.

***

Un po’ de fusa e un poco d’attenzione

ner nun sporcà, ma poi che vòi che accada,

– penzò – m’eviteranno, mar che vada,

er freddo, er callo e la marnutrizzione.

***

Ma er micio se trovò solo soletto,

rinchiuso in casa e senza compagnia

de un padrone, stracco sempre a letto.

***

E pe nun miagolà de nostargia,

tornò pe strada e disse: “Nun ciò un tetto,

ma vivo a zonzo, co l’a-mici mia”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 luglio 2018

Roma in rima: un novo inizzio

Roma in rima: un novo inizzio

***

Hai da imparà in quarziasi situazzione,

che tutto poi te pò venì a vantaggio,

pur quanno che te prenne lo scoraggio,

co tutto er monno contro a dà er magone.

***

Quer ch’è successo a me in de ‘sto paraggio,

cor sito che m’è ito in confusione,

era sparito tutto e ‘gni mia azzione

faceva pure peggio, guasi a ortraggio.

***

E invece co ‘sto fatto ch’è successo

co l’assistenza de gente provetta,

ho resettato tutto, anche me stesso.

***

Ce vole ‘na strijata, è benedetta,

pe damme er conto che succede spesso

che da ‘na storta viè ʼna linea retta.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 luglio 2018

Er malinteso

Er malinteso

***

A vorte basta ‘na parola a uffa,

pe fà scoppià da subbito le risse,

senza spiegasse mai, senza capisse,

succede che de un tratto ce se azzuffa.

***

Occhiate che se fanno torve e fisse,

provà a chiarì, fa solo che artra fuffa,

e s’arza un porverone de baruffa,

che nun se carma mai senza ferisse.

***

E basterebbe poco ar malinteso,

pe appianà la cosa e aggiustà er tiro,

senza arivà a odià fra chi s’è preso.

***

Ché strigni strigni a allargà ‘sto giro

tra le nazzioni in guera, er più è dipeso

da avé fatto tempesta de un sospiro.

***

Stefano Agostino

___________________________

***