Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

24 Settembre 2020

La rima de l’elezzioni

La rima de l’elezzioni

***

Spiegateme perché, nun lo capisco,

er giorno appresso a tutte l’elezzioni,

la maggioranza co l’opposizzioni,

useno sempre poi lo stesso disco.

***

“Avemo vinto!” … e granni paroloni,

quanno vedo lo spojo m’ammattisco,

ma come avete vinto ?!? E me stranisco …

aribbartate già le votazzioni.

***

Perché c’è sempre er turno precedente,

si nun bastasse, pure quello prima,

pe dimostrà a la fine solamente …

***

… che ciànno tutti … e se pò fà ‘na stima,

la colla a quela sedia der potente,

tanto la faccia e er culo fanno rima.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 Settembre 2020

La salute nun è ‘no schieramento

La salute nun è ‘no schieramento

***

‘Sto virus cià poi l’arte maledetta

de diventà campagna elettorale,

ner verzo o contro, poco conta er male,

se prenne a esempio pe la propia fetta.

***

Come si la salute nazzionale

sia de sinistra o destra e ‘sta pastetta

de pro o contro, possa fà da retta

pe vince a l’elezzioni o magnà er sale.

***

Invece de penzà a vaccini e cura,

se usa er virus, come l’occasione

pe portà l’acqua der mulino in mura.

***

E vale pe governo e opposizzione,

cor Covid a daje ancora e più la stura

pe continuà a scallà quele portrone.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Settembre 2020

16 settembre 88

16 settembre 88

***

Er sedici settembre ottantotto,

me l’aricordo come fosse adesso,

nun se dimentica, io credo, spesso,

er primo giorno de lavoro e trotto.

***

Diciotto l’anni e quarche mese appresso,

un regazzino più che un giovinotto,

a guardà l’artri, granni e grossi, lotto

pe nun scappà, già solo lì a l’ingresso.

***

Io che puzzavo ancora de liceo,

che ce facevo in mezzo a quer via-vai

de ommini co l’anni de un museo?

***

Ma si quer giorno me n’annavo, sai

quanto me rimpiagnevo mó er trofeo

d’avé un lavoro, da decenni ormai?

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Settembre 2020

Ritorno a scòla der 2020

Ritorno a scòla der 2020

***

Così ch’aricominceno le scòle,

co li banchi che ciànno le rotelle

pe la distanza, armeno così quelle

sò l’intenzioni de chi certo vole …

***

… ariportà scolari co cartelle

a scòla e in sicurezza e senza sòle,

speranno nun rimangheno parole,

‘ste volontà espresse a cinque stelle.

***

Ché certi banchi più che pe distanza

pareno messi come auto a scontro,

pe fà un giorno ancora de vacanza.

***

Spero de no, nun vojo d’annà contro,

ma augurà che vada a ortranza

‘st’anno de scòla sin da quest’incontro.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Settembre 2020

Trump e er premio Nobel

Trump e er premio Nobel

***

Ce lo sapeva che era letale,

sin da febbraio, Trump ha dichiarato,

ma pe ‘na sua … che so? … raggion de Stato,

nun l’ha voluto dì … pareva male.

***

Pe nun creà er panico … scontato…

ma certo … come si fusse normale,

nisconne quer ch’è vero e ch’è reale,

pe quer ch’avrebbe invece suscitato …

***

Ma comprimenti … Trump … che bella mossa,

co ‘sto silenzio veramente audace,

un 11 settembre de riscossa …

***

… fregannosene de chi adesso giace,

ce sta perzino chi … piena la fossa …

te vò dà er Nobel … der riposa in pace.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 Settembre 2020

Li negazzionisti

Li negazzionisti

***

“Ma come no? Ne so’ certo e convinto:

er covid nun esiste, è un’invenzione,

negazzionista sì, tu ciài raggione,

er virus, si è esistito, mó è estinto.

***

La Tera è piatta … ovvia conclusione,

e l’omo su la Luna nun s’è spinto,

e due più due, si vai a vedé l’istinto,

nun fa mai quattro, è ‘na costruzzione”.

***

Geniale la teoria negazzionista,

da fà impallidì anche e perzino 

l’illuminato più terapiattista.

***

E senza mascherine, né imbarazzo,

ce sta chi je va appresso da vicino,

ce crede … penza che testa de c….!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Settembre 2020

Zangrillo e er virus

Zangrillo e er virus

***

Ma come? Da clinicamente morto,

mó ch’è ricoverato Berlusconi,

Zangrillo cambia tutte l’oppignoni,

e dice è stato interpretato storto.

***

Quanno pe radio e a le televisioni

in piena pandemia, lui disinvorto

diceva … er virus? No, ormai s’è sciorto,

finito, nun c’è più … stateve boni!

***

E co ‘sta frase è diventato noto,

er simbolo de li negazzionisti,

pe cui er coronavirus resta ignoto.

***

Mó invece s’arza e dice … qualunquisti,

avete interpretato tutti a vòto,

… poracci più de li terapiattisti. 

***

Stefano Agostino

_____________________

***