Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

30 Novembre 2021

Du’ gocce d’acqua

Du’ gocce d’acqua

***

Nun serve l’acquazzone torenziale,

a Roma abbasta solo quarche goccia,

che nun te bagna manco la capoccia,

pe sconcassà tutto er manto stradale.

***

Vabbè, se dice che scava la roccia,

ma nun è mica poi tanto normale,

che ’ste du’ gocce, scese pure male,

sfracelleno l’asfarto che se scoccia.

***

Pare Baghdad sotto ar bombardamento,

o da vedé la Luna da vicino,

che ’gni du’ metri c’è un avvallamento.

***

Ce lo sa bene chi, cor motorino,

si nun spalanca l’occhi ben attento,

finisce dritto in buca cor boccino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Novembre 2021

Avvento

Avvento

***

Ma quant’è bello er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che stà in attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno ch’è la Notte de l’Evento.

 ***

Chi mette in scena er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

man mano s’avvicina quer momento

e più ‘gni strada se colora accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

aprenno ar dì un’artra finestrella,

così riscopre tutto er campionario …

 ***

… dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar biscotto o l’incontrario,

un attimo e er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

25 Novembre 2021

“Black friday”

“Black friday”

***

Artra invenzione che sa de scimmiotto

e che, perciò, nun pare un’invenzione,

è er “black friday”, de derivazzione

americana e manco sotto sotto.

***

Nasce, come ce dice tradizzione,

da un venerdì ch’è nero, si fa er botto

cor crollo de la Borza e paga scotto

chi venne da sfiorà la recessione.

***

Così “black friday”, pe analoggia,

vò indicà quanno che ‘gni negozzio,

fa sconti da riempì qualunque via …

***

… de gente che s’azzuffa, tutta a zonzo,

pe un venerdì che manna a l’aria l’ozzio,

che più che “black” è “brown”…. pe quant’è stronzo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

23 Novembre 2021

Vegano quanno te pare

Vegano quanno te pare

***

“La carne la rifiuto: so’ vegano”,

te sento dì da che t’ho conosciuto,

me lo ricordo dar primo saluto,

appena dopo la stretta de mano.

***

Più passa er tempo, più sei risoluto,

ner professà er credo “magnà sano”,

pesce, formaggi e ova: via, lontano,

solo frutta e verdura sò d’aiuto.

***

Ma poi ho scoperto invece che ‘sta dieta,

è solo d’apparenza e de facciata,

ché a cucinà sei guasi anarfabbeta.

***

Quanno che co ‘na cena preparata,

hai detto: “Èsse vegano nun me vieta,

de magnà tutto, tranne l’inzalata!”

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Novembre 2021

Er romanesco

Er romanesco

***

Tu dimme si ce sta un artro dialetto,

ch’è più de còre de quello romano,

un artro più scaciato e a la mano,

senza dumila fronzoli, diretto.

***

Er romanesco, a ciancicà nostrano,

più che ’na lingua, è er modo più perfetto,

de tirà fòra quer che ciài ner petto,

che nun potresti scrive in italiano.

***

Quella de Roma, arta o popolare,

nun è sempricemente ’na parlata,

così, pe fà du’ chiacchiere da bare.

***

Pe come ch’esce, è musica cantata,

ma ce vò un fiato suo particolare,

che cià solo la bocca che c’è nata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

17 Novembre 2021

La tranvata

La tranvata

***

Ciavevi quer fior fiore de pischella,

che te voleva bene fino in fonno

e t’avrebbe seguito in capo ar monno,

co l’occhi luminosi de ’na stella.

***

Ma tu ch’hai vinto er premio “er mejo tonno”,

l’hai fatta piagne come fontanella,

pe córe appresso a quarche mignottella,

e mó che t’ha lassato hai perzo er sonno.

***

Nun so’ nisuno pe fà er moralista,

ché ne la vita ho sbajato tanto,

da mannà in crisi pure l’analista.

***

Ma appunto, pe nun vive de rimpianto,

quanno che rifarai un’artra conquista,

tiettela stretta e trattela cor guanto!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Novembre 2021

L’11 de novembre: San Martino

L’11 de novembre: San Martino

***

L’unnici de novembre è San Martino,

quello famoso che tajò er mantello,

e lo smezzò pe riscallà un porello,

ch’ebbe incontrato nudo p’er cammino.

***

Da ch’era brutto, pioggia e venticello,

er Sole se stanò dar nasconnino,

sortì de fòra e stemperò er matino,

ché nun servì più lana e manco ombrello.

***

E quanno che fu notte e buio pesto

a San Martino, poi, j’apparve in sogno

Cristo pe ringrazziallo de quer gesto …

***

… E je promise che in quele giornate

da lì e pe sempre a chi ce n’ha bisogno,

j’avrebbe arigalato un dì d’estate.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***