Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

22 Settembre 2021

Er Granne Fratello

Er Granne Fratello

***

Quanno se ’ntenne dì: “Granne Fratello”,

se penza tutti ar nome der programma,

che sgama arch’er più nano-fotogramma,

de gente chiusa in “Casa” pe fà quello.

***

“Granne Fratello” invece è l’ologramma,

che ce controlla sempre, senza appello,

e scruta fino ar dentro der cervello,

come nemmanco l’encefalogramma.

***

Nun pòi fà gnente che t’hanno tanato:

satelliti, “computer”, raggi spia,

già sanno tutto, appena l’hai penzato!

***

E nun c’è modo in cui li pòi fotte,

come ner “Truman Show” pe scappà via,

“Bongiorno, bonasera e bonanotte!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Settembre 2021

Come tira er vento

Come tira er vento

***

So’ stufo de dà giustificazzioni,

pe ‘gni perzona e pe ‘gni atteggiamento,

de dimme … ma, che vòi, sarà un momento,

si fa così ciavrà le sue raggioni.

***

Te spiego un po’ più mejo l’argomento,

sò stanco d’accettà penzieri e azzioni,

in reartà ciò pieni li cojoni,

de chi cià turbe come soffia er vento.

***

Perciò come je gira in quer seconno

sei er mejo amico o er più granne affetto,

da portà in arto fino in cima ar monno.

***

Ma poi te sbrocca senza che j’hai detto

nemmanco “a” … e caschi a lo sprofonno,

… ma sai che c’è?  Sfanculete diretto!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Settembre 2021

L’incazzato perenne

L’incazzato perenne

***

Capisco che ’gni tanto ciài ’no scatto,

chi nun s’arabbia mai è nato male,

ma nun pò èsse certo naturale,

che ’gni momento strilli come un matto.

***

Ce sarà un giorno, prima der finale,

che nun te scalli più pe quarche fatto,

che t’avvelena ar punto che, pe tratto,

perzino “Hulk” lo fai sembrà normale.

***

Quanno ritorni in te, te renni conto,

de quant’è brutto perde la raggione,

ortre ch’er tempo, che nun cià confronto.

***

Ma è ’na goccia in mezzo a l’alluvione,

co gnente vedi rosso e già sei pronto,

che pari un toro da competizzione.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

5 Settembre 2021

L’anzia

L’anzia

***

Nemica dichiarata senza appello,

te strigne in gola e in più t’appalla l’occhi,

ar còre pompa er sangue e li rintocchi,

li senti rimbombà fino ar cervello.

***

È l’anzia che te pìa e te lassa a tocchi,

co l’arte sua de combinà un macello,

domanna d’un futuro a indovinello,

che nun ponno risorve li tarocchi.

***

Così che penzi a quanto de più brutto,

te pò succede e stai preoccupato,

che ciài quer grugno lì che dice tutto.

***

Quanno er probbrema poi l’hai superato,

l’anzia che se ne va t’ammolla er frutto,

der mar de testa fisso pe legato.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Settembre 2021

Me s’è rotto er minolo

Me s’è rotto er minolo

***

Der piede er mignoletto detto minolo,

io ieri l’ho intruppato su ‘no spigolo,

me s’è piegato giusto tipo svicolo,

le stelle ch’ho veduto come in circolo.

***

‘No strillo sordo guasi fusse cigolo,

ho emesso sur momento poco frivolo,

er ghiaccio ciò passato come intingolo,

servito a poco pe placà quer singolo …

***

… ditino rotto come da patibbolo,

ch’e diventato viola e batte a cingolo,

sto fìo de madri degne de postribbolo.

***

Sò tutte assonanze senza vincolo,

pe riccontà ‘sto fatto un po’ ridicolo,

e ‘sto dolore che me dole ar mignolo.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

2 Settembre 2021

Li piccioni

Li piccioni

***

Nun me ne voja er monno animalista,

la lega a protezzione de l’ucelli,

ché qui ce l’ho sortanto contro quelli,

che fanno Roma tera de conquista.

***

Ché ce lo so, saranno pure belli

e anche fotoggenici in rivista,

ma p’er romano e chi nun è turista,

c’è poco da cantaje li stornelli.

***

Appollaiati in pizzo a cornicioni,

voleno bassi, pe atterà in piazza,

beccanno briciolette e molliconi.

***

Solo che viè da estingueje la razza,

quanno che ’sta calata de piccioni,

quer ch’ha magnato poi lo scacarazza.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

1 Settembre 2021

Primo settembre

Primo settembre

***

Primo settembre: ariparte tutto,

come l’incomincio de la scòla,

strilla la sveja e basta ’sta parola,

pe dà un’idea de come e quant’è brutto.

***

E nun la so fermà, la mente vola,

pe tojeme la sete cor preciutto,

a la vacanza, com’è ita e er lutto

d’aritornà ar presente che sconzola.

***

Le prossime vacanze sò miraggi,

ché prenne ferie adesso è un’utopia,

come fà go’ così, senza passaggi.

***

Mó basta co ’st’amara nostargia,

de posti, situazzioni e paesaggi,

qui ce sò solo carte e scrivania.

***

Stefano Agostino

_____________________

***