Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2019

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****

I sonetti romani,Romanamente

11 Gennaio 2019

11 gennaio

11 gennaio

***

L’unnici de gennaio è un giorno trino,

ner senzo che c’è un uno e s’aripete,

pe ben tre vorte, come dice er prete,

quanno ha a che fà ‘gnisempre cor divino.

***

Ma er primo mai co l’Artro pò compete,

anzi simmai je deve fà un inchino,

ché questo è solo un gioco un po’ bambino

pe mette in rima un giorno e cose liete.

***

È er giorno che qui a Roma ha fatto storia

co Cesare che passa er Rubbicone,

un dado tratto da mannà in memoria.

***

Se usa ancora oggi ‘st’espressione

che vole dì anticipo de gloria,

ner prenne un’importante decisione.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Gennaio 2019

La prima decade de l’anno

La prima decade de l’anno

***

Oggi la prima decade de l’anno,

ce ne sò in tutto sempre 36,

più 5 giorni, co ‘gni tanto sei,

se fissa co l’ormeggi ner suo scranno.

***

Solo un’anticchia, priva de trofei,

de l’anno novo, ancora senza affanno,

cor senzo vivo e fresco de rimanno 

a le festività de giorni rei …

***

… de cede er posto ar generale inverno

che fin’a Pasqua lassa senza sieste,

quer calennario che vale a l’esterno.

***

Perché c’è quello de le nostre teste,

che già se sta a segnà tutt’er quaderno,

de ponti, ferie, pause, gite e feste.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2019

Er freddo a Roma

Er freddo a Roma

***

Er freddo a Roma è ummido e se sente,

fin dentro l’ossa pe scrocchialle ognuna,

e pe rabbrividille e le raduna,

in un concerto tremulo de gente.

***

Ché vive a Roma è sempre ‘na fortuna,

su questo nun ce piove veramente,

ma quann’è freddo qui gela pungente,

ner mentre artrove manco te ‘mportuna.

***

Quanno che a Roma la temperatura,

ner sueggiù se ferma intorno a zero,

tarmente c’è l’ummidità che attura …

***

… che pare de stà dentro a un frigo vero,

a congelà p’er tempo che perdura

tutt’er trimestre de l’inverno intero.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

6 Gennaio 2019

Lunedì 7 gennaio

Lunedì 7 gennaio

***

Er lunedì, se sa, nun lo sopporto,

l’ho detto e l’ho aridetto tante vorte,

tarmente s’è capita la sua sorte

che ormai a rimallo ancora c’esco storto.

***

Ma questo d’oggi è peggio, perché forte

de èsse lunedì, e già è contorto,

ma aumenta la tristezza e lo sconforto,

“tant’è amaro che poco più è morte”…

***

… direbbe certo si ce fusse Dante,

ché a suggellà er suo già grosso guaio

de èsse er giorno certo più distante …

***

… da un fine settimana e da ‘gni sdraio,

questo cià in più er fatto massacrante

de èsse lunedì 7 gennaio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Gennaio 2019

La Befana viè de notte

La Befana viè de notte

***

Se sa che la Befana viè de notte,

er sei gennaio e porta ar regazzino,

‘na carza che poi appenne sur camino,

volanno via su scopa, a cioce rotte.

***

E quello che ce mette in quer carzino,

nun viè da scerte impari o corotte:

lei dà er carbone a chi merita bòtte,

p’er bimbo bono, invece, cià er dorcino.

***

Usanza de noantri è la Befana,

che artrimenti è detta Epifania,

co quer cappello, giusto, a la romana.

***

Ma un fonnamento c’è ne la maggìa:

li tre Re Maggi sò vita cristiana,

Babbo Natale è tutta fantasia. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

2 Gennaio 2019

Er due gennaio

Er due gennaio

 ***

È 2 gennaio, l’eco de la festa

se smorza lentamente, o più, se ‘ntruppa

su scojo ar mare, naufrago, in scialuppa

de chi torna ar lavoro o ce s’appresta.

***

È er giorno de un brodino o quarche zuppa,

co lo spumante ancora a batte in testa,

de li bagordi fatti e quer che resta

è un sonno che t’addorme e te ‘nviluppa.

***

Saranno le lenticchie o er cotechino,

lo stommico me dà bandiera bianca,

se sazzia co un’anticchia de stracchino.

***

E un’ora de lavoro già me stanca

come si avessi fatto l’imbianchino

pe ripittamme Roma a destra e a manca.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***