Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

13 Agosto 2022

La “Banda der buco”

La “Banda der buco”

***

Voleveno fà li “Soliti ignoti”,

scavà er tereno pe arivà a la banca,

penzaveno: “Così la famo franca,

chi ce potrà beccà?” – ‘Sto par de scroti!

***

Sognaveno er bottino e se spalanca

la porta de Rebbibbia a fanne doti,

potrebbero già chiede seggi e voti,

in quanto ladri come nova branca.

***

“Banda der buco” già l’hanno chiamata,

solo che sur più bello tera e sabbia,

la via de fuga je s’è cancellata.

***

E stanno a riccontà co rogna e rabbia

quale sarà la pena carcolata,

e quale buco fà … dentr’a la gabbia.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Agosto 2022

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

Er dieci agosto è er dì de San Lorenzo,

quanno che annotta e er celo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto nero notte intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo,

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià sangue a tutti, a gocce e gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

9 Agosto 2022

Er buciardo

Er buciardo

***

Che gusto te darà dì le bucìe?

Che bella professione e ber mestiere,

quello de chi vò fà crede pe vere,

le più frescacce tra le fantasie.

***

Te puzza riccontà cose sincere,

senz’artifici o spece de maggìe,

pe straformalle in millanterie,

che manni in giro pure cor coriere ?!?

***

A vorte dì ’na balla viè opportuno,

ma artra cosa è l’èsse gran cantante,

buciardo pure ne l’uno più uno.

***

Ariverà quer giorno, nun distante,

che nun te crederà mai più nisuno,

pure ch’hai detto er vero più lampante.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Agosto 2022

Le partenze inteliggenti

Le partenze inteliggenti

***

Un anno de lavoro, comprimenti!

Le ferie nun te le toje nisuno,

e su suggerimento de quarcuno,

te dài a le partenze inteliggenti.

***

Solo che te credevi d’èsse uno,

co ’sta penzata pe viaggià contenti,

e invece sò mijoni ’sti fetenti,

partiti come te a celo bruno.

***

Così pe ’sta fantastica trovata,

in fila sotto ar sole, a coce arosto,

imbottijato, penzi a voce arzata …

***

“Partenza inteliggente?… E nun me sposto,

manco de un metro, fermo in careggiata?

Ma vattelappià tutta in quer posto!”

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

4 Agosto 2022

Boni amichi

Boni amichi

***

Si c’è ’na frase che nun riesco a regge,

pe mette li puntini su le “i”,

che più de l’artre, sai, me fa stranì,

è una che me schifo pure a légge.

***

Quanno che intenno dì: “Nun pòi capì”

(nun sò pecore nere, è un ber gregge),

pe ariccontamme episodi o schegge,

che je sò capitati notte e dì.

***

Si “nun posso capì” come me dichi,

“che me lo dichi a fà?”, risponno io,

de che stamo a parlà? De pizza e fichi?

***

Sarò fissato, è più un probbrema mio,

ma si volemo èsse boni amichi,

nun me dì più così oppure addio!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

1 Agosto 2022

È arivato …

È arivato …

***

A Roma chi se dà arie e importanza,

ché come lui nun ce n’è manco uno,

o quanno nun se trova un quarchiduno

che sappia fà ‘na cosa, c’è ‘st’usanza …

***

… ch’è un modo manco troppo inopportuno

de indicà così, in bona sostanza,

er tipo che se vanta pe bardanza

e l’arisorve lui, sarvanno ognuno.

***

Se cita senza arcuna esitazzione,

un perzonaggio storico famoso,

ne l’hinterland romano e de reggione.

***

E senza finti veli, specchi e vetri,

je s’arisponne … Senti un po’, a coso:

ma tu chi sei, Fraccazzo da Velletri?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Luglio 2022

La panzetta

La panzetta

***

“Omo de panza, omo de sostanza”:

così recita er detto popolare,

un modo, pure troppo elementare,

pe cardeggià la trippa che t’appanza.

***

L’accenno de panzetta è regolare,

va a braccetto co l’età che avanza,

ma artro è dà un’idea de gravidanza,

che barza a l’occhi, speciarmente ar mare.

***

Nun so’ un malato de la “tartaruga”,

ma manco un “fan” der “lardominale”

che spanza in qua e de là sur bagnasciuga.

***

Abbasta un po’ de sport, che nun fa male,

senza fà diete a ciancicà lattuga,

pe sgonfià er ventre pure marzupiale.

***

Stefano Agostino

_________________________

***