Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

20 Luglio 2019

Roma in rima compie 10 anni

“Roma in rima” compie 10 anni 

***

Lo sbarco su la Luna fa cinquanta,

er 20 lujo esatto de quest’anno,

che casca propio giusto ar capodanno,

de “Romainrima” che ‘sta data vanta.

***

Intenno dì, co frasi de rimanno,

che oggi fa 10 anni ‘sta mia pianta,

che grazzie sempre a quarche mano santa,

ancora cresce, ché la vò annaffianno.

***

Dieci anni fa quer primo “A Roma mia”,

e ancora oggi è quello er vero senzo,

de quer che provo a mette in poesia.

***

Ch’è Roma sempre a ricambiamme amore,

senza de Lei … (scrivenno quer che penzo),

da mó che avevo spento ‘sto motore.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I numeri di 10 anni di Roma in rima

3.140 articoli pubblicati

18.950 commenti

1.277.000 pagine visitate

659.300 visitatori

 

Un sentito ringraziamento ad ognuno di voi. Uno speciale a Letizia, Svardo, Silvio, Grandecorno e Romano,

per la loro presenza quotidiana come commentatori oltreché come lettori.  Un grazie particolare agli amici del gruppo “roma in rima fans” su fb. Un grazie di cuore ai miei genitori a mio fratello, a Deborah e Elio per il loro preziosissimo contributo e sostegno. E infine un sincero grazie a tutti voi lettori che siete il motore che mi spinge a continuare.  Stefano.

_________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 Luglio 2019

Batte er petto in chiesa

Batte er petto in Chiesa

***

Te vedo sempre batte er petto in Chiesa,

rosario in mano, a bisbijà er Vangelo,

fòri de lì, però, aprete cèlo,

li connotati cambi de sorpresa.

***

Ce manca che te metti er saio o er velo,

le mani giunte da Madre Teresa,

ma esci e già sei pronto a la contesa:

“nun me dì er vero che s’addrizza er pelo!”

***

Che vale èsse cristiani a ‘sta magnera,

si a l’ ITE MISSA EST, segno de Croce,

poi vivi come avanzo de galera?

***

De certo nun so’ mica er portavoce,

ma Dio te vede da matina a sera

e a seguità così … te manna a coce!

***

 Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Luglio 2019

Er malinteso

Er malinteso

***

A vorte basta ‘na parola a uffa,

pe fà scoppià da subbito le risse,

senza spiegasse mai, senza capisse,

succede che de un tratto ce se azzuffa.

***

Occhiate che se fanno torve e fisse,

provà a chiarì, fa solo che artra fuffa,

e s’arza un porverone de baruffa,

che nun se carma mai senza ferisse.

***

E basterebbe poco ar malinteso,

pe appianà la cosa e aggiustà er tiro,

senza arivà a odià fra chi s’è preso.

***

Ché strigni strigni a allargà ‘sto giro

tra le nazzioni in guera, er più è dipeso

da avé fatto tempesta de un sospiro.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Luglio 2019

‘Na vita più serena

‘Na vita più serena

***

Nun te la stà a pià sempre pe tutto,

capisco mette zelo e anche fervore,

che in fonno è un modo a dimostrà l’amore,

che vai a innaffià lì ‘ndove er monno è asciutto …

***

… Ma a incazzasse pe ventiquattr’ore,

contro quer che succede dapertutto,

speranno de riuscì a toje er brutto,

nun serve a gnente e te fa male ar còre.

***

Si vòi passà ‘na vita più serena,

penza a quer che ciài ‘ntorno e c’è de bello,

nun stà sempre a contà quer che avvelena.

***

È ‘na magnera de fasse da ombrello,

pe riparasse quanno er monno è in piena,

ché nun lo pòi evità si fai un macello.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

3 Luglio 2019

Acronimi

Acronimi

***

Se parla ormai pe sigle e abbreviazzioni,

pe acronimi, co la punteggiatura,

che a leggeli così fanno paura,

soggetti a mille e più interpretazzioni.

***

E pe studialli e fasse ‘na curtura,

si adotti er meccanismo e t’appassioni,

poi rischi d’accorcià parole e suoni,

in codici fiscali in mignatura.

***

S’ariverà un ber giorno ner futuro,

a intavolà un discorzo articolato,

grazzie sortanto a un arfabeto oscuro.

***

E usanno le inizziali, in sincopato,

nun capiremo un cazzo de sicuro,

ma scritto co un CZ eppoi puntato.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 Giugno 2019

La “pipinara”

La “pipinara”

***

A Roma pe indicà che c’è caciara,

spesso se usa dì un’artra parola,

ch’ha un artro senzo si presa da sola,

ovverosia se dice “pipinara”.

***

La pipinara vale pe la scòla,

ma anche in de ‘gni situazzione chiara,

in cui li pupi fanno la “cagnara”

che poi è caciara … detto più de gola.

***

Inzomma pipinara è pe bimbetti,

ma esteso rènne idea de un gran concentro

de ommini ammucchiati, stretti stretti.

***

Quanno che “folla” ce sta poco dentro,

e “gente” è troppo da cacazzibbetti,

si dici “pipinara” hai fatto centro.

***

Stefano Agostino

_________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Giugno 2019

Giusto lucifero se pò chiamà

Giusto lucifero se pò chiamà

 ***

Cor nome dato ar diavolo sortanto,

potevano indicà ‘st’anciclone,

lucifero, minuscolo in raggione

der fatto che nun merita arcun vanto.

***

Temperature fòri de staggione,

co l’afa, che si tanto me dà tanto,

è solo un’elisione e dico quanto

de AFA…NCULO a l’arta pressione.

***

Er primo che dovesse fà un lamento,

quanno sarà de pioggia, freddo o ghiaccio,

de inverno, gelo, grandine e lo sento …

***

… pìo la rincorza, tutto quanto er braccio,

e je parcheggio in faccia anche contento,

‘sta mano … ché un autografo je faccio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***