Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

19 settembre 2018

Un’estate senza fine

Un’estate senza fine

***

Capisco, ce sta pure a chi je piace

‘sto callo che nun se ne va più via,

temperature guasi da asfissia,

cor sole ch’è graticola pe brace.

***

A lujo, e agosto a faje compagnia,

l’accetti, ch’è staggione, a nun pià pace

co l’afa e la zanzara più mordace

che nun dà tregua manco pe maggìa.

***

Ma a settembre, e dopo metà mese,

co ancora a palla er climatizzatore,

ciò er senzo der bon-ton nun propio ingrese.

***

Nun aripeto, perché so’ un signore,

quello che m’esce, pure a più riprese,

‘gni vorta che me ‘nzuppo de sudore.

***

Stefano Agostino

__________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 settembre 2018

Pe fà un sonetto

Pe fà un sonetto

***

Trovà la rima giusta è un po’ un’impresa:

la tronca è da evità, pe poesia,

ce serve un tocco in più de fantasia,

ché in “ARE”, “ERE” e “IRE” nun fa presa.

 ***

Er participio, “ATO” o “ITO” sia,

cià più der trapassato e sa de resa,

“amore e còre”, nun dà più sorpresa,

ar punto che ce perde de maggìa.

 ***

La metrica, che serve a dettà tempi,

cià regole più lei de l’univerzo,

da nun riuscì nimmanco a favve esempi.

 ***

Ma, forma a parte, si te senti perzo,

vòi fà un sonetto che t’aggradi e riempi?

Ascorta er còre, bene, e scrivi er verzo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 settembre 2018

Er dilemma der boccale

Er dilemma der boccale

***

Da sempre vive un dramma esistenziale,

che è un continuo e lento andirivieni:

si ce l’hai vòto, tocca che lo ’mpieni,

si l’hai riempito, s’arisvota uguale.

***

Circuito che collega gola e reni,

se pò chiamà “dilemma der boccale”,

che quann’è vòto te se sente male,

ma pieno nun vò stà, ché nun lo freni.

***

E ’st’artalena ar vetro e a ’ste magnere,

succede solo si tracanni er vino,

co l’acqua nun ce sò ’ste tiri-tere.

 ***

Ma bada che a annà appresso a ’sto trenino,

de riempi-e-svota-e-riempi quer bicchiere,

te fai sgamà a la prova palloncino.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Er dilemma der boccale

***

******

I sonetti romani,Romanamente

7 settembre 2018

Furminato

Furminato

***

‘Na serie de rimbombi tipo guera

che mano a mano cresce e t’arintrona,

te sveja in piena notte e te sportrona

dar letto, mentre imbianca notte nera.

***

Li furmini e saette che lampiona

in successione senza pausa intera,

e trona a bomba e l’eco torna a schiera,

ché de dormì nun è la vorta bona.

***

‘No scroscio giù de pioggia a fà un quadretto

che manco Autunno riesce sì a pittallo,

e m’ariguardo triste e sfatto er letto.

***

Svejo da prima che se desti er gallo,

e co ‘na faccia stile gabbinetto,

ma er bello è che nun serve da spiegallo.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 settembre 2018

Er posteggiatore

Er posteggiatore

***

Cià l’arte sua de materializzasse,

manco si fusse teletrasportato,

appena hai visto un posto e hai parcheggiato,

te piomba addosso, come toji er gasse.

 ***

Si l’ariguardi mó ch’hai posteggiato,

te pare un esattore de le tasse,

borzetta ar collo e tasche a fà da casse,

e te domanni chi ce l’ha mannato.

 ***

“Giusto un’anticchia – stop – così, preciso,

venghi dottò, l’aiuto a fà manovra”,

e già t’ha cojonato cor soriso.

 ***

“Nun s’ha da preoccupà, la guardo io”,

ma quello, co tentacoli da piovra,

se ’ntasca l’euro e già t’ha detto addio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

3 settembre 2018

Arzamme dar letto de lunedì

Arzamme dar letto de lunedì

***

Nun je la faccio oggi, sarà er callo,

sarà ch’è lunedì o che ciò sonno,

sarà quarcosa ch’è anniscosta in fonno,

ma nun me va, già solo che a penzallo.

***

E invece m’ho da arzà da lo sprofonno

der letto che, sortanto che a guardallo,

me mette nostargia, ché a nun lassallo

ce pagherebbe tutto l’oro ar monno.

***

M’ho da levamme in piedi, e pure presto,

si è già ‘no sforzo er semplice penziero,

figurate che è, a fallo er gesto.

***

Ma quanno me so’ arzato pe davero,

me renno conto che mica so’ desto,

ma dormo, ch’è più svejo un cimitero.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 agosto 2018

L’amministratore de condominio

assemblea 2

L’amministratore de condominio

******

“Che vòi fà te da granne?” – chiese mamma.

Ero un pischello e dissi: “Er carciatore!

Pure er pilota o l’esploratore

o lo scènziato, pe allargà la gamma”.

***

Ma mó direbbe l’AMMINISTRATORE,

quello de condominio, er cui programma,

è de trovà la crema che je sfiamma,

le dita a contà sòrdi a tutte l’ore.

****

Basta fissà ‘gnitanto un’assemblea,

parlà de scale, tegole e terazzo,

buttacce in mezzo l’ENI o ar più l’ACEA …

***

… è tutto qua, nun hai da fà più un cazzo,

sinnò che stà a penzà a quarch’artra idea,

pe arisvotà le tasche der palazzo!

*****

Stefano Agostino

______________________________

***