Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

19 Settembre 2019

Come pò èsse che sò già le sei?

Come pò èsse che sò già le sei?

***

Come pò èsse che sò già le sei?

Si ho smorzato l’occhi da un seconno,

nun so’ arivato manco ar primo sonno,

‘sta sveja strilla già, mannaggia a lei.

***

In fase REM, ch’è er coma più profonno,

sognavo d’èsse un re e vince trofei,

mó invece ‘sta sfracella-zebbedei

risbraita e sona, e si la pìo la sfonno.

***

Perché ar lavoro er tempo se immoviola,

che un’ora pare mezza settimana,

ma guardi l’orologgio è un’ora sola?

***

Quanno t’accucci a letto, cosa strana,

córe che doppia “Flash” pe quanto vola.

DRIIIN DRIIIN, le sei, … vabbè porcaputtana!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

12 Settembre 2019

Er primo giorno de scòla

Er primo giorno de scòla

***

E chi se pò scordà quer primo giorno?

Er primo giorno, in prima classe, a scòla,

co la cartella e manco ’na parola,

la cattedra e l’aula tutta attorno.

 ***

A ripenzacce mó la mente vola,

a la lavagna, ar banco e a l’artri intorno,

la voja de scappà pe fà ritorno,

a casa ’ndó ce sta ’na mamma sola.

 ***

Zinale, astuccio, penna e un ber diario,

’na voce perentoria: la maestra,

che fa l’appello … chi è Abbatini Mario?

 ***

La campanella e l’occhi a la finestra,

ricreazzione eppoi l’abbeccedario,

scrive in mancino e l’artri co la destra.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Settembre 2019

Lotta ar lunedì

Lotta ar lunedì

***

L’ho scritto, l’ho ariscritto e scritto ancora,

si so’ ripetitivo, me ne scuso,

ma pure lui, che torna co l’accuso

‘gni sette giorni, che cos’è allora?

***

Er lunedì da sempre è un grosso abbuso,

è un attentato lungo ‘gni sua ora,

nun cià rispetto, manco a la bonora,

quanno che lassa er posto suo de ‘ntruso.

***

Si se metteva già ‘na vorta ar mese,

e no ‘gni settimana co l’inganno,

sarebbe stato certo più cortese.

***

Pe quanto, a volella dì coretta,

abbasterebbe già ‘na vorta a l’anno,

che venghi lunedì … quann’è Pasquetta!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

3 Settembre 2019

Maretta generale

Maretta generale

***

Semo a settembre, ma fa ancora callo,

che pare più ‘na reprica de lujo,

l’arba e er tramonto dànno spazzio ar buio,

ben più der mese settimo a contallo.

***

Ovunque c’è maretta e c’è subbujo,

co ‘sto Governo che se fa più giallo,

nun tanto p’er partito a colorallo,

ma più perch’è un mistero pe l’intrujo.

***

A aumentà le preoccupazzioni,

c’è sempre poi ‘sta pora economia,

che cià le tasche vote a pennoloni.

***

Che te viè voja già de fuggì via,

lassaje ‘sto paese a li papponi,

co ar centro der programma la “bucia”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 Agosto 2019

Trentuno agosto

Trentuno agosto

***

Trentuno agosto, aria de rientro,

e un po’ pe tutti, fine de vacanze,

der ricomincio de le propie usanze,

la vita a frullatore e stacce dentro.

***

Trentuno agosto, quanno le distanze,

da la periferia ar pieno centro,

che s’ereno accorciate a un’ora entro,

cor traffico ritorneno mattanze.

***

Trentuno agosto, quanno che l’estate

prepara lentamente le valigge,

ner tempo de l’accorcio de giornate,

***

a l’inquilino autunno a fàlle grigge,

trentuno agosto … ce vorebbe er Vate

quanno a l’inferno citava lo Stigge.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Agosto 2019

di MAIo ‘NA GIOIA

di MAIo ‘NA GIOIA

***

Ma co che faccia te presenti adesso,

dopo quela campagna elettorale,

in cui ciài detto ch’er PD è er male,

che va buttato dritto indentr’ar cesso?

***

Mó te ne esci che pe te è uguale,

(abbasta apportronasse, fa lo stesso),

unito cor PD e me vòi fà fesso,

parlanno de programmi e de morale.

***

Si avessi mai saputo che quer giorno,

quanno votavo te e ‘sto Movimento,

serviva solo a preparà er ritorno …

***

… a Renzi e ar suo PD e fàllo contento,

er voto te lo davo co ‘sto corno,

co un VAFFA me n’annavo via cor vento.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 Agosto 2019

Sò ricicciati tutti

Sò ricicciati tutti

***

In tutto ‘sto casino der momento,

ricicciano perzino Sirvio e Renzi,

ché nun ce credi manco si ce penzi,

che ancora mai potessero fà vento.

***

E invece eccoli là, li sguardi intenzi,

de chi sa tutto e conta fino a cento,

prima de intervenì … ma lento lento

ritorna a commannà in tutti li senzi.

***

Cor gioco de l’unioni e maggioranze

pe mette in piedi già un novo governo,

rieccoli a contà pesi e sostanze.

***

Pe commannà su un popolo in eterno,

a rimpinzà così portrone e panze,

in de un Paese ch’è già un mezzo inferno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***