Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

13 Gennaio 2021

13 gennaio: sant’Ilario

13 gennaio: sant’Ilario

***

Er tredici gennaio è Sant’Ilario,

e giusto oggi se ne fa memoria,

ma tempo addietro, e nun parlo de storia,

se festeggiava sempre ar calennario …

***

… ma er giorno dopo e nun è irisoria

‘sta cosa der 14 .. ar contrario,

perché poi cambia tutto lo scenario,

caso de dì davero che va in gloria.

***

Ve spiego er senzo propio der sonetto,

sinnò ve pare a tutti ‘na quisquija,

oggi o domani nun cambia l’effetto.

***

Mi’ padre porta er nome de ‘sto Santo

e pe ‘sto fatto nun se sa in famija

mai quanno festeggiallo e scroccà tanto!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2021

Levà l’addobbi

Levà l’addobbi

***

Quanno ch’è er tempo de levà l’addobbi,

me manno giù un boccone de tristezza,

le feste sò finite, e che amarezza,

mó tocca aritornà pure a li sgobbi.

 ***

Via l’arbero e er presepio … che schifezza!

Quanno a montalli, invece, è er mejo hobby,

mó tutto è da incartà e da fasse gobbi

a mettelo in cantina co destrezza.

***

Però si nun ce fusse er dì normale

e fusse, quinni, sempre e solo festa,

la festa che ciavrebbe de speciale?

***

E ‘sto penziero che me batte in testa,

conzola er salutà un artro Natale

e ‘sta malinconia che mó me resta.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 Gennaio 2021

Li Re Magi

Li Re Magi

***

Partiti da li tre pizzi der monno,

seguenno la gran scia de ’na cometa,

ciascuno da ’no spicchio der pianeta,

sfidanno mari, monti, freddo e sonno.

 ***

Forti de la parola der profeta,

senza fermasse mai, manco un seconno,

sò arivati tutti fino in fonno,

avenno inteso la notizzia lieta.

 ***

E ’gnuno aveva un dono stabbilito:

Gaspare l’oro, segno de corona,

Melchiorre incenzo, p’èsse riverito…

 ***

… e Baldassarre mirra che l’unziona,

pe quanno se sarebbe seppellito…

e anch’er presepio mó se perfezziona.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Gennaio 2021

Gialla, arancione o rossa

Gialla, arancione o rossa

***

Perciò … si ieri solo era arancione,

oggi e domani se tigne de rossa,

poi giovedì e venerdì la mossa 

è ritornà der giallo der limone.

***

Ma p’er week-end c’è stretta e pure grossa,

se dice arancio o rossi, in raggione

der grado der contaggio e l’oppignone

der comitato che pò dà la scossa.

***

Tocca vedé fin’a metà gennaio,

si seguità co regole e rigori,

e annacce avanti pe tutto febbraio.

***

Cor Covid che prosegue er suo cammino,

e se ne frega de zone e colori

e tempi pe distribbuì er vaccino.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

2 Gennaio 2021

Er due gennaio

Er due gennaio

 ***

È 2 gennaio, l’eco de la festa

se smorza lentamente, o più, se ‘ntruppa

su scojo ar mare, naufrago, in scialuppa

de chi torna ar lavoro o ce s’appresta.

***

È er giorno de un brodino o quarche zuppa,

co lo spumante ancora a batte in testa,

de li bagordi fatti e quer che resta

è un sonno che t’addorme e te ‘nviluppa.

***

Saranno le lenticchie o er cotechino,

lo stommico me dà bandiera bianca,

se sazzia co un’anticchia de stracchino.

***

E un’ora de lavoro già me stanca,

come si avessi fatto l’imbianchino,

pe ripittamme Roma a destra e a manca.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

1 Gennaio 2021

Bon 2021

Bon 2021

***

Nun chiedo gnente artro a ‘st’anno novo

tranne da èsse solo più “normale”,

nun cià da fasse bello, eccezzionale,

o aggettivi mejo che nun trovo …

***

Nun serve che sia unico, speciale,

perfetto come pò sa èsse un ovo,

o un artro esempio che nun aritrovo,

ma basta che se porti via ‘sto male.

***

Un anno in cui potremo tornà inzieme,

abbraccicasse e strignese le mano,

riunisse e ribbaciasse, senza freme.

+++

Che nun spaventi più un bimbo arcuno,

un anno, che a oggi pare strano,

che sia “normale” er dumilaventuno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Dicembre 2020

Er vaccino de noantri

Er vaccino de noantri

***

Nun vorebbe sembrà iriverente,

ma pe noantri a Roma c’è un vaccino,

se fa piggianno l’uva e dentr’a un tino,

va messo a fermentà … poi lentamente …

***

… s’aspetta er tempo che diventi vino,

de contro-indicazzioni nun cià gnente,

s’assume senza er medico presente,

de giorno, sera, notte e anche matino.

***

Nun se siringa, ma pe via orale,

er minimo de dose, co richiamo,

è de un bicchiere, mejo si boccale.

***

Apostrofo tra ‘na bottija e un t’amo,

bianco, rosato o rosso, caccia er male,

er primo a vaccinasse fu Adamo.

***

Stefano Agostino

_________________________

***