Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

21 Maggio 2019

Un maggio come questo

Un maggio come questo

***

Nun s’aricorda un maggio come questo,

co ‘na temperatura da febbraio,

che a tratti è anche più freddo de gennaio,

ma maggio diciannove penza ar resto.

***

Artri anni era da mare e co la sdraio,

quello de oggi è inverno o troppo presto,

o troppo tardi giunto ner contesto,

e che stracina più de quarche guaio.

***

Co pioggia, vento e grandine costanti,

er sole scapoccella più a sorpresa,

tra nuvoloni neri e borbottanti.

***

Ma io nun me lamento de ‘sta pesa,

c’è tempo pe quela callaccia avanti,

che tifo perché resti ancor sospesa.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

I sonetti romani,Romanamente

20 Maggio 2019

Er lavativo

Er lavativo

 ***

Er lunedì nun vado, sto in permesso,

er martedì, riunione sindacale,

mercoledì, congedo parentale,

er giovedì nun posso, ché me stresso.

 ***

Er venerdì ciandrebbe, ma fa male,

annacce un giorno solo – e che so’ fesso? –

così che allungo – e me sarà concesso –

li giorni der “weekend” settimanale.

*** 

E dopo un anno lungo de lavoro,

me pìo le ferie tutta la staggione,

si nun sto in malatia, che guasi moro.

 **

Mó esco, vado in pausa colazzione,

torno pe pranzo e dopo me ristoro,

pensanno a quanno annerò in penzione!

*** 

Stefano Agostino

__________________________ 

***

I sonetti romani,Romanamente

17 Maggio 2019

Potere de l’accento

Potere de l’accento

***

A vorte basta prenne ‘na parola

e metteje o levaje un solo accento,

che cambia tutto er senzo in un momento,

l’accento, ossia ‘na virgola che vola.

***

Pe fà un esempio de ‘st’inzegnamento,

senza filosofà, né stà a dà scòla,

prennemo un “SE” e vedemo come scola

de senzo co un accento acceso o spento.

***

Quer “SE” così quanno che viè accentato,

è un “io” che cià la piena conoscenza

de quer che è, e qual è er propio stato.

***

Ma quanno de l’accento resta senza,

quer “SE” se fa ipotetico e tracciato

ar dubbio a cui je fa da quintessenza.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Maggio 2019

Tempo a la rovescia

Tempo a la rovescia

ééé

‘Sto tempo s’è der tutto arovesciato,

finora che sta a fà, ‘na primavera?

Pare un autunno o inverno quann’è sera,

er verde a fiori scarzi in mezzo ar prato.

***

E piove de ‘na piogga ch’è stragnera,

sembra più ingrese a guardà er formato,

viè giù de un fino fino annovembrato,

a vorte dura ‘na giornata intera.

***

Ner mentre esperti meteo d’accordo,

sò tutti pronti a dì … sarà un’estate

de quelle da schiattà de callo lordo …

***

… in cui se suderà solo ar respiro,

ma quante previsioni sò sbajate?

li vedo, pìo er telecomanno e giro.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

30 Aprile 2019

Amicizzia tradita

Amicizzia tradita

***

Quanno ch’er tradimento è de un amore,

ce pòi stà male, ma lo metti in conto,

de certo nun fai zompi e nun sei pronto,

ma nun c’è rosa senza spina ar còre.

***

Er danno che te fa, che nun cià sconto,

pe come che ce soffri e p’er dolore,

è quanno ch’è un amico er traditore,

lì nun c’è male che aregge er confronto.

***

Più de ‘na cortellata a le tue spalle,

peggio de un carcio quanno ch’è assestato,

co forza, ar centro esatto de le palle.

***

Avoja a dì scordamose er passato

nun ce penzamo più … o ancora balle …

gnente sarà più come quer ch’è stato.

 ***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Aprile 2019

‘Na pentolaccia piena de facioli

’Na pentolaccia piena de facioli

***

Stai sempre a lamentatte pe ’gni cosa,

’na pentolaccia piena de facioli,

te fai venì così li fantioli,

nun c’è ‘na cosa che tu vedi rosa.

***

Te vai a cercà da te li cetrioli

che cascheno in saccoccia a secchi e a iosa,

più a te che a l’ortolano de famosa

battuta popolare de ’sti sòli.

***

Nun te sta bene gnente de ’sto monno

ciài da ridì su tutto dar matino,

quanno te sveji, a sera avanti er sonno.

***

E nun ce penzi a chi te sta vicino

che mentre tu protesti a ’gni seconno

cià già du’ palle a sfere da indovino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 Aprile 2019

Pennichelle pomeridiane

Pennichelle pomeridiane

***

In genere, nun amo er dopo pranzo,

so’ allodola, così me svejo presto,

ar pomeriggio è troppo che so’ desto,

me scatta la cecagna in disavanzo.

***

“Er pomeriggio è lungo” … poi, der resto,

così quanno che magno e che m’appanzo

si trovo un letto, me ce sparapanzo,

m’appennico e me canticchio er testo.

***

Ma quanno che lavoro cambia tutto,

meno che l’occhio, apparpebbrato stesso,

ché solo pe riaprillo so’ distrutto.

***

E m’aritrovo ar centro de un conzesso,

co tutti che me guardeno de brutto,

che m’annisconnerebbe indentr’ar cesso…

***

Stefano Agostino

___________________________

***