Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

28 Novembre 2020

Avvento

Avvento

***

Me piace tanto er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che stà in attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno che s’ariva ar Sacro Evento.

 ***

C’è chi alestisce già er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

e più che s’avvicina quer momento

e più ’gni strada o piazza resta accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

’gni giorno apre un’artra finestrella,

così ariscopre tutto er campionario.

 ***

Dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar rigalo o a l’incontrario,

fin quanno ch’er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

23 Novembre 2020

Un granne spavento

Un granne spavento

***

Un fatto ch’è successo veramente,

l’artra matina, ammazza che spavento,

è stato quanno co un aggiornamento

de romainrima nun restava gnente.

***

Solo un messaggio ch’era un ber tormento,

“ce sta un erore critico presente

sur sito” co ‘sta frase solamente,

tutto sparito e ito via cor vento.

***

‘Sta cosa è annata avanti pe mezz’ora

potete immagginà che senzazzione

e la scacagna che ciò avuto allora.

***

C’è l’assistenza pronta a ‘gni occasione,

sa come fa … e l’aringrazzio ancora,

er sito torna e se ne va er magone.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Novembre 2020

Incubbo che aritorna

Incubbo che aritorna

***

Ciò un incubbo, ch’è pure ricorente,

che un ber giorno, in men che nun sia detto,

nun riesco a scrive più manco un sonetto,

ce provo e ce ariprovo … e invece gnente.

***

Cerco ‘na rima, pe scoprì l’effetto

de nun trovalla pe quarche accidente,

ma manco quelle facili e la mente

nun sa spiegà er perché de ‘sto difetto.

***

Ne l’incubbo poi penzo … nun pò èsse

ch’ho perzo tutt’a un botto ‘sta mia dote,

scrivevo rime come si piovesse.

***

E tutte chiaramente ne l’idioma …

e mentre me domanno cose ignote,

sona la sveja … e rimo … rimo Roma.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 Novembre 2020

Negazzionista

Negazzionista

***

Seconno la tua loggica e penziero,

“la tera è piatta” … certo … “e su la Luna

l’omo nun c’è mai ito” e peffortuna

che ce lo dici tu … allora è vero.

***

“E due più due fa tré” … senz’ombra arcuna,

“e quer che vedi bianco, invece è nero”,

e “l’olocausto è senza un cimitero,

de morte nun n’ha fatta manco una”.

***

Figurete … si questa è la tua lista,

che artro mai potevi penzà ora:

pure cor virus sei negazzionista.

***

“Un’influenza”, aripeti ancora,

te mannerebbe da un bravo analista:

“Nun ho negato mai”, diresti allora.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

17 Novembre 2020

Quant’è facile criticà

Quant’è facile criticà

***

Je urleno de aprì e si se permette

je strilleno: “Ma chiudi! Che sei matto?”.

Così arichiude … e sùbbito de scatto

je fanno:”Vòi riaprì? Stamo a le strette”.

***

Appena fa ‘na mossa, un mezzo atto,

comunque sbaja dosi co ricette,

sempre ar contrario sta, come se mette:

“Ecco er D.P.C.M. … l’ha arifatto”.

***

Queste le idee (?!?) de l’opposizzione

che mai tirasse fòra ‘na proposta

pe aiutà in de ‘sta situazzione.

***

Sa solo criticà … già … è fatta apposta,

ma quant’è facile ‘sta posizzione,

invece a dové fà … caro te costa!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Novembre 2020

Che razza de novembre

Che razza de novembre

***

Semo a metà novembre, ma nun pare,

cor tempo che nun cià più ‘na misura,

basta guardà a ‘sta temperatura,

che guasi guasi sa de bagno ar mare.

***

E la staggione va contro natura,

perzino le castagne ormai sò rare,

ma gireno ancora le zanzare,

che fanno a gara a la mejo puntura.

***

Inzomma c’è ‘na spece de novembre

che a larghi tratti, quann’è pieno giorno,

cià connotati da tardo settembre.

***

Confusi sò così rondine e storno,

si dasse er cambio mó che viè dicembre,

ma er Covid no, nun se leva de torno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

12 Novembre 2020

Bollettini Covid

Bollettini Covid

***

‘Gni giorno ormai s’aspetta er bollettino,

de morti, de ricoveri e intubbati,

de quanti li contaggi carcolati,

de quello che riserverà er destino.

***

E parleno fior fiore de scenziati,

ché de virologi ce n’è un casino,

sempre a contatto ar Covid da vicino,

camici verdi in mezzo a li malati.

***

Poi li confronti e le percentuali,

cor giorno addietro e quello ancora prima,

tra cifre de tamponi e de ospedali.

***

Com’è, me chiedo ar fine de ‘sta rima,

che sò dumila, ma mai ciànno uguali

penziero, studi, idee, pareri e stima?

***

Stefano Agostino

__________________________

***