Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

4 Novembre 2019

A forza de solà

A forza de solà

***

E mó nun piagne: hai preso in giro er monno,

che dici: “Sò spariti tutti attorno”,

j’hai rifilato sòle notte e giorno,

t’hanno tanato e manco più ce vonno …

***

… venì da te o bazzicatte intorno,

se sò svejati dar profonno sonno,

accorti che l’hai cojonati a fonno,

e stai a rischià ben più de quarche scorno.

***

E quella che chiamavi clientela,

ammesso l’uso “boom” de ‘sta parola,

t’ha già lassato lì in brache de tela.

***

Ché a forza d’ammollà a tutti la “sòla”,

da serpe a Adamo e Eva co la mela,

mó pe cliente ciài l’amaro in gola.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 Ottobre 2019

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

***

Fantasmi, mostri, zucche e facce vote,

no, nun è er Parlamento, è “Halloween”,

la festa ’ndó arisona er din din din,

der commerciante che nun cià artre note.

 ***

E sì, perché oggiggiorno è un po’ più “in”,

de scimmiottà l’usanze artrui idiote,

anche quelle più assurde o ignote,

che noi importamo senza fà er “check-in”.

 ***

Vampiri, pipistrelli e fattucchiere,

arancio e nero a faje da tintura,

tra maschere de streghe e de dentiere.

 ***

Ma ce sta pure chi, pe sua natura,

arisparmianno er trucco e er parucchiere,

basta ch’esce così, già fa paura!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Ottobre 2019

Quanno che ariva l’influenza

Quanno che ariva l’influenza

***

Comincia quann’è più un tinticarello,

lo senti, ma è ‘na punta, in de la gola,

man mano però brucia e la parola

s’abbassa fin’a diventà un fruscello.

***

Poi inizzi a stranutì e te conzola,

er tempo de un minuto, manco quello,

cor fazzoletto … e te ce vò l’ombrello

quanno l’EETCIU’ te parte e tutto vola.

***

Poi brividi de freddo e mar de testa,

scatta la tosse a compretà er quadretto,

der virus che co te ce sta a fà festa.

***

Te doleno le ossa e pe ‘st’effetto,

la febbre te vò dì che nun te resta

gnent’artro più che da infilatte a letto.

**

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

25 Ottobre 2019

Ora solare

Ora solare

***

Quanno aritorna un dì l’ora solare,

è come fregà er tempo a l’orologgio,

è un freno a mano ar monno, è dà un appoggio,

si vòi dormì deppiù, quanto te pare.

 ***

E nun c’è arbergo, residenza, alloggio,

mejo de casa tra perzone care,

’ndò pòi scallatte l’ossa come ar mare,

disteso, senza l’obbrigo de sloggio.

 ***

Ripenzi a ieri e a come hai fatto mai,

a vive tutto er giorno un’ora avanti,

manco si stessi ar fuso de le “Hawaii”.

 ***

E mentre te la soni e te la canti,

ma le risposte esatte nun le sai,

hai perzo un’ora … e mó de che te vanti?

***

Stefano Agostino

______________________________

**

I sonetti romani,Romanamente

24 Ottobre 2019

Così è deciso

Così è deciso

***

Lo dice er supremo Tribbunale,

che “mafia capitale” è un’invenzione,

se pò discute si è un’associazzione,

ma no de certo che sia criminale.

***

Che je vòi dì? E che nun cià raggione?

Esiste, ce lo sai, Babbo Natale,

co la Befana che, a chi marca male,

je dà ‘na carza piena de carbone.

***

È certo pure che la Tera è piatta,

Pinocchio nun sa dilla ‘na bucia,

e ‘gni promessa ar voto è soddisfatta.

***

E la politica nun fa ‘ntrallazzo,

e due più due fa cinque e … su ‘sta via …

anch’io mica me lo so’ rotto er cazzo …

***

Stefano Agostino

________________

***

I sonetti romani,Romanamente

23 Ottobre 2019

“Ottembre”


“Ottembre”

***

Sta a fà un ottobbre da inizzio settembre,

de certo è ancora tempo d’annà ar mare,

ché l’ottobbrate a arcuni tanto care,

sò un’artra cosa … come dì “ottembre”.

***

È er tempo che ormai fa come je pare,

chissà come sarà prima novembre,

poi si verrà l’inverno pe dicembre,

o c’è staranno ancora le zanzare.

***

Magnamo er cocco misto a callaroste,

tanto pe dà parvenza de staggione,

e cor bagnino a vendemmià e fà l’oste.

***

A seguità così l’arta pressione,

ar tempo de Natale, a piene coste,

cocommero farà da panettone.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 Ottobre 2019

Soddisfazzione quotidiana

Soddisfazzione quotidiana

***

‘Na fonte certa de soddisfazzione,

ch’è pressoché pe tutti quotidiana,

armeno pe chi cià salute sana,

senza probbremi de alimentazzione …

***

… che unisce ‘gni popolazzione umana,

e in de ‘sta cosa senza distinzione,

de razza, lingua, fede o de nazzione,

qualunque diferenza qui se spiana.

***

È quanno, e nun cià prezzo ‘sto momento,

che s’aripete, ma nun è lo stesso,

la gioia prenne spazzio a quer tormento …

***

… in cui ce sei, senza chiede er permesso,

che t’arzi alegro, libbero e contento,

scroscio d’apprausi e lassi er trono … er cesso.

*****

Stefano Agostino

____________________

***