Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

6 Aprile 2021

Er Paperaro

Er Paperaro

***

De fronte a me ce vive “er Paperaro”.

Nun è ’no scherzo mica, è tutto vero:

’sto mezzo matto, pe nun dì ch’è intero,

convive co du’ papere ar riparo.

***

Ma si ’sto fojo bianco sfumo nero,

nun è p’ariccontà ’sto fatto raro,

è più p’evidenzià che l’ucellaro,

pe l’artri cià er rispetto sotto zero.

***

Le papere “quaqquà” da ’nzotto ar tetto,

nun sò du’ cani che li porti in giro,

pe li bisogni e torni indentr’ar letto.

***

Perciò lui s’è ’nventato ’sto raggiro:

d’usà er terazzo come gabbinetto,

scacarazzanno chi je viè a tiro.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Aprile 2021

Er lunedì come dovrebbe èsse

Er lunedì come dovrebbe èsse

***

Er lunedì come dovrebbe èsse,

la settimana che se fa perfetta,

no solo come oggi ch’è Pasquetta,

ma pe 52 vorte ben messe.

***

Er giorno che nun cià senzo de fretta,

sinnò pe accenne braci e corze e resse,

pe accaparasse posti co le stesse

magnate fòri porta ch’oggi dètta.

***

Allora sì ch’er lunedì indiggesto,

diventerebbe d’Angelo davero,

purtroppo ce n’è uno solo … questo.

***

Pe ‘sto motivo va apprezzato intero

l’unico lunedì che nun contesto,

anzi che adoro … tutti l’artri zero!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Marzo 2021

Ora legale

Ora legale

***

Te spiego che vor dì l’ora legale:

’gni vorta quann’è tempo tocca fàllo,

e nun se sa perché, rimane un giallo,

ritorna tutti l’anni micidiale.

***

’Gni orologgio c’è da rispostallo

un’ora avanti, pure che va male,

ma tocca fà così, è ufficiale,

quanno s’allunga er giorno e fa più càllo.

***

A l’urtima domenica de marzo,

sessanta li minuti in avanti,

pe tutti l’orologgi, pur’ar quarzo.

***

Li giri de lancette devastanti,

ché quann’è lunedì, prima che m’arzo,

ce vò ’na gru pe carichi pesanti.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

10 Marzo 2021

Er sonno mio

Er sonno mio

***

Er sonno mio è più narcolessia,

nun è solo un sentore de cecagna,

l’occhio ch’è apparpebbrato già se lagna,

pe cercà un letto, quale, purchessia.

***

E la capoccia è un sercio de montagna,

barcolla pur in faccia a chicchessia,

so’ nato omo, mica so’ messia,

quanno me pìa er sonno, me se magna.

***

Nun c’è rimedio, né arternativa,

me devo mette in giù p’orizzontale,

cor monno che me cambia prospettiva.

***

Ma in quela posizzione naturale,

si nun ciavrò chissà che inizziativa,

de certo nun potrò mai fà der male…

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

9 Marzo 2021

Er parcheggio

Er parcheggio

***

Tarmente è diventato un gran probbrema,

a Roma er fatto de trovà parcheggio,

che noi romani, prima d’annà peggio,

semo già pronti a rivortà er sistema.

***

Quanno che se fa un buco, guasi a sfreggio,

– tanto pe dilla mejo e restà in tema –

chi esce fa melina come schema,

ce mette un’ora pe lassà er posteggio.

***

’Na vorta ch’hai trovato un ber posto,

nun fà che senza gnente l’abbandoni,

tiettelo in càllo, com’er sol d’agosto.

***

Si propio ciài da uscì, prima che sòni,

chi vole parcheggià, e pure tosto,

te sganci dieci euri, p’èsse boni…

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

6 Marzo 2021

Er palestrato

Er palestrato

***

Te credi Swarzenegger o Stallone,

t’alleni sei, sett’ore ar bilanciere:

addome, braccia, petto in su, sedere

e ciài un aspetto che mette ’mpressione.

***

Vai a “pompà” così tutte le sere,

fin’a portà ’gni muscolo in trazzione,

quelli de cui nemmanco ciài nozzione

e sudi da “tuareg” cammelliere.

***

E mó che ciài ’sto fisico modello,

te resta solo un muscolo che manca,

quanno li conti tutti e fai l’appello.

***

Ma nun ce sta un attrezzo, né ’na panca,

in grado d’arisuscità er pisello

e s’arza solo la bandiera bianca!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

3 Marzo 2021

Er quartino

Er quartino

***

Sarò avvinazzato …embè?… pazzienza,

ma io nun ciarinuncio a un ber quartino,

nun è magnà de gusto, senz’er vino,

rosato, bianco o rosso a l’occorenza.

***

È er frutto de la vite ch’è divino,

ne la fojetta c’è la quintessenza,

der succo d’uva e de tutta la scenza,

che pò conosce solo er contadino.

***

In vino veritas” – detto in moderno,

vòr dì che l’èsse astemi è già bucìa,

pe chi è buciardo er posto è ne l’Inferno.

***

E p’evità ’sta fine c’è ’na via,

fasse un goccetto e un brindisi fraterno,

ch’er mejo sorzo è quello in compagnia.

***

Stefano Agostino

__________________________

***