Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

19 Giugno 2021

Scarabbocchi su li muri

Scarabbocchi su li muri

***

Che gusto te pò dà, nun lo capisco,

’sto fatto de ’mbrattà ’gni muro tinto,

scarabbocchiallo pure ch’è dipinto,

e, quann’è ripulito, stesso disco.

***

Nun so qual è er motivo che t’ha spinto,

un’arte che però io nun gradisco,

a punto che ’gni vorta poi finisco,

de chiedeme: “Vabbè… ma mó ch’hai vinto?”

***

Magara pe ’na smania tua d’amore,

de ribbellione e de protagonismo,

o pe mostrà la rabbia co l’ardore.

***

Ma fatte dì, scusanno er francesismo,

che co ’sta bomboletta sei pittore,

de l’era der più arto “fancazzismo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Giugno 2021

L’automobbilista

L’automobbilista

***

Nun passa manco er tempo der rodaggio,

che già ce n’hai un’artra ch’è più bella,

te cambi l’auto come ’na modella,

se cambia in passerella a ’gni passaggio.

***

Ciài sempre quela scusa, cojonella,

che te la fà comprà ch’è un ber vantaggio:

quest’è pe la città, quella è p’er viaggio,

che poi te fermi a Santa Marinella.

***

Abbasta ch’esce un modello novo,

che stai già dentro dar concessionario,

pe te, ormai, un punto de ritrovo.

***

E fai cent’ore de straordinario,

pe poi pagà chi è pieno come un ovo:

er garaggista tuo, ch’è mijonario.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Giugno 2021

Er gatto e er cane

Er gatto e er cane

***

C’è chi je piace er cane e chi er gatto:

seconno me dipenne da un fattore,

nun c’entreno le razze, né er colore,

né er pelo o questione più de tatto.

***

Motivo der divario de ’st’amore,

pe me risiede tutto indentr’ar fatto,

de l’èsse l’uno propio cor suo tratto,

l’opposto paro e sorte qui er favore.

***

Er cane è più devoto e più fedele,

se fa scannà pur de servì er padrone,

anche si quello je dà solo fiele.

***

Er gatto è carmo, timido, sornione,

ma si nun c’è né zucchero, né miele,

le fusa nun le fa, mica è cojone!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

3 Giugno 2021

Er cocommeraro

Er cocommeraro

***

Quann’è callo d’estate e se fa sera,

si cerchi un posto fresco pe riparo,

fionnete dritto dar cocommeraro,

fàtte ’na fetta ch’è ’na bombognera.

***

Nun riesce mejo manc’ar gelataro,

succosa, dorce, morbida, leggera,

è come un sogno quanno che s’avvera,

e costa poco pure pe l’avaro.

***

’Na tinta rosa-rosso, tutta porpa,

come du’ labbra co li brillantini,

d’assaporà de baci senza corpa.

***

Ar criticone e a palati fini,

je potrai dì, puranche pe discorpa,

che fai la collezzione de semini.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

2 Giugno 2021

Le frecce tricolori

Le frecce tricolori

***

Sò ‘no spettacolo tutto italiano,

le frecce tricolori a sfreccià in celo,

segnato da le tre bande de velo

de verde, bianco e rosso più nostrano.

***

Quer volo che disegna sopr’ar telo

de un azzuro tinto a sfonno piano,

che spunteno dar tetto ar Vittoriano,

un rombo tricolore cor suo zelo.

***

E voleno co coreografie,

che pareno davero de fà un ballo,

co giri e capovorte e co maggìe.

***

Er due de giugno tocca festeggiallo,

e co le frecce a scrive ne le scie,

ché ‘sto Paese esca da ‘sto stallo.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

31 Maggio 2021

Monno de ladri

Monno de ladri

***

Er monno è sempre più tera de ladri:

avanti va er fìo de gran mignotta,

che pe la rabbia me ce viè la gotta,

strabbuzzo l’occhi fin’a fàlli quadri.

***

L’onesto, pe sudasse la pagnotta,

cià da tirà carette da mezzadri,

invece l’omo, fìo d’ignoti padri,

diventa ricco senza che se scotta.

***

E pure che lo becca la finanza,

cor maggistrato bono ner processo,

pe male che je va, sta in latitanza.

***

Ner caso sia, ma nun succede spesso,

ch’è condannato, pe bona creanza,

un’ora e già sta fòri cor permesso.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Maggio 2021

Le previsioni meteo

Le previsioni meteo

***

Er bollettino è più un indovinello,

ché nun sai mai qual è quer che ce becca:

chi t’assicura er sole e fa cilecca,

chi dice pioggia, ma poi esce bello.

***

Prevedeno er sole e l’aria secca,

eppoi te piove d’affogà l’ombrello,

artro che daje retta ar colonnello,

sei zuppo cor fastidio tipo zecca.

***

Così che poi te viè l’arta pressione,

e no ar tempo, che nun fa ’na piega,

passanno dar sereno a l’alluvione.

***

Si vòi sapé er tempo e chi lo spiega,

invece d’ascortà la previsione,

un occhio ar celo, certo, nun te frega.

***

Stefano Agostino

_______________________

***