Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

16 novembre 2018

Er lisciabbusso

Er lisciabbusso

***

Ma a che te serve statte a piagne addosso

e lamentatte de continuo, fisso,

a véde lo sprofonno de l’abbisso,

dar punto esatto ar limite der fosso.

***

Ciài più dolori te der Crocifisso,

sei aggitato come un mare mosso

e nun t’accorgi che sbaji de grosso

a stà così, perennemente affisso.

***

Ché invece de penzà solo a te stesso,

si te guardassi intorno, giusto a un passo,

vedresti quanti guai ce stanno appresso.

***

E invece de lagnatte qui, indiscusso,

nun t’arivava ‘sto sonetto a scasso,

a fatte un artro vano lisciabbusso.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

13 novembre 2018

Ricerca de verzi

Ricerca de verzi

***

Sto sempre in cerca de un quarche argomento,

pe avé un’idea che butti giù un sonetto,

me guardo intorno, penzo e ciarifretto,

fin quanno nun me prenne lo sgomento.

***

Vòi véde, m’aripeto, co sospetto

che nun me viè più gnente, me lo sento,

e ‘sto penziero giusto in quer momento

me lassa muto o mejo più interdetto.

***

Poi quanno nun ce penzo, pe un sapore

‘na frase, ‘na chitara o ‘no stornello,

man mano giù dar fonno indentr’ar còre …

***

… viè su quer verzo, come a campanello,

cui segue un artro e un artro che l’amore

li sorte fòra, senza usà er cervello.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 novembre 2018

Li rompicojoni

Li rompicojoni

***

Er loro DNA cià er cromosoma

che li rènne così: co quest’accento,

un ber fardello nasce co l’intento

de rompe li maroni in de ‘gni idioma.

***

Un dono naturale ch’è un portento

che s’acuisce e cresce e nun se doma,

più che s’arza l’età e se diproma

tra scasso de le palle e gran tormento.

***

Ma normarmente chi cià ‘sto suo vizzio

nun se ne rènne manco bene conto

de quanto le fracassa guasi a sfizzio.

***

Qui la finisco co le citazzioni,

ché io so’ er primo a nun temé confronto

ne la gara a chi è più rompicojoni.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 novembre 2018

A Roma nun te serve annà in palestra

 

A Roma nun te serve annà in palestra*

**

A Roma nun te serve annà in palestra:

le gambe te le fai si vai a piedi,

speranze de arivà ce n’hai e lo vedi

si aspetti er bus, è come stà in finestra.

***

L’addominali, basta che lo chiedi

a un inzegnante che te ce ammaestra,

li fai ‘gni vorta che te passa a destra

un motorino e a lo spavento cedi.

***

Le braccia, co ‘sta pioggia fitta fitta,

le fai co du’ bracciate a dorzo o a rana,

ma co la testa fòri pe stà dritta.

***

Ce mancheno li glutei in fila indiana?

Direi proprio de no: ched’è aria fritta,

er culo che fa la gente romana?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 ottobre 2018

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

***

Fantasmi, mostri, zucche e facce vote,

no, nun è er Parlamento, è “Halloween”,

la festa ’ndó arisona er din din din,

der commerciante che nun cià artre note.

 ***

E sì, perché oggiggiorno è un po’ più “in”

stà a scimmiottà l’usanze artrui più ignote,

anche le più assurde o le più idiote,

che noi importamo senza fà er “check-in”.

 ***

Vampiri, pipistrelli e fattucchiere,

arancio e nero a faje da tintura,

tra maschere de streghe e de dentiere.

 ***

Ma ce sta pure chi, pe sua natura,

arisparmianno er trucco e er parucchiere,

basta ch’esce così, già fa paura!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 ottobre 2018

Sur traffico de Roma

Sur traffico de Roma

***

De traffico qui a Roma n’ho trattato

che si ammalloppo assieme li sonetti,

ce faccio un’ode, un fracco de verzetti,

cor gioco a ennecasillabbo tracciato.

***

Ma datosi che nun sò mai perfetti,

è bene aritornà su ‘sto serciato,

perché qui a Roma più che ‘mbottijato,

ner traffico ce vivi amori e affetti.

***

Fai conoscenza ar primo stop, ch’è rosso,

cominci a chiacchierà, tanto nun scatta,

eppoi pure che scatta … chi s’è mosso?

***

‘Na chiacchiera e se passa, gratta gratta,

a innamorasse, che ce sarti er fosso,

du’ còri e ‘na capanna ch’è de latta.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

25 ottobre 2018

Proposito

Proposito

***

Avvicinamme co chi sta distante,

pe vive pienamente ner presente,

dà peso e un valore solamente

a quer che conta, è vero e è importante.

***

Nun stasse a preoccupà der poco o gnente,

tené a l’affetti come cose sante,

curà sortanto ciò ch’è interessante,

seguì passioni e stuzzicà la mente.

***

Avecce sogni d’ali variopinte

e braccia aperte e mani sempre pronte

a inzozzasse come a restà giunte.

***

E desideri che nun sieno vinte,

rivorti tutti verzo un orizzonte,

che spiana picchi, vette, cime e punte.

***

Stefano Agostino

_________________________

***