Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

20 Luglio 2024

Quinnicianni de Roma in rima

Quinnicianni de Roma in rima

***

Bon compreanno caro “Roma in rima”,

sò quinnici li anni d’esistenza,

tre lustri pe dì mejo de presenza,

co Roma sempre in testa, sempre in cima.

***

Er venti lujo è la ricorenza,

che manco so come facevo prima,

quanno de te che amo senza stima,

nun c’era la più piccola parvenza.

***

E invece da quer giorno senza sosta,

inzino a oggi a forza de passetti,

hai fatto tanta strada, dorce o tosta.

***

Auguri Roma in rima e benedetti

sò l’anni de passaggio e er nulla osta

 a scrive in lingua a Roma artri sonetti.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I numeri di 15 anni di Roma in rima:

4217 articoli pubblicati

23141 commenti

1.790.000 pagine visitate

1.000.000 visitatori

***

Grazie di cuore a tutti voi

***

 

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Luglio 2024

L’arzura

L’arzura

***

D’estate quann’è càllo e pe l’arzura,

er sole incoccia e t’aribbolle in testa,

gnent’artro ciài da fà, ossia te resta,

che tojete la sete che t’attura.

***

E appena che ce riesci è già ’na festa,

te sembra da fiatà da la calura,

quaranta gradi de temperatura,

’na puzza de sudore che t’appesta.

***

T’attacchi a la bottija de cannella,

che manco un dromedario ner deserto,

se ingozza er gargarozzo a garganella.

***

Ma quanno ch’hai finito, stanne certo,

che sarai tu a fàtte fontanella,

dovenno cόre ar cesso e pure sverto!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Luglio 2024

E anche stanotte dormirò domani

E anche stanotte dormirò domani

***

Comincia a fà càllo e pure forte,

de quelli a stampo d’Africa de foco,

che nun se trova un posto fresco, un poco,

manco a aprì finestre, spazzi e porte.

***

De quelli che nun sò come un ber gioco

ch’è bello a durà poco e senza svorte,

qui bene che ce va, si è bona sorte,

dura ‘na settimana pressappoco.

***

“È er tempo suo, nun ce pòi fà un ber gnente!”

Ma stai in vacanza e fai come te pare,

nun devi lavorà … no, chi te sente…

***

… ché anche stanotte co afa e zanzare

io dormirò domani … ciài presente?

ma chettefrega, tu stai sempre ar mare. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

9 Luglio 2024

Er pessimista cosmico

Er pessimista cosmico

***

De un pessimismo che nun cià confronto,

stai fisso ar due novembre e nun te smove

felicità, eppure ciài le prove,

‘gni giorno da che arbeggia ar tramonto.

***

Ché pure quann’è bello dici: “piove”,

co un’aria sconzolata ch’è ‘no smonto

de ‘gni soriso e ilarità co sconto

che ciò perzino la prova der nove.

***

Quanno te ‘ncontro, sempre rabbuiato,

te chiedo: “Come va?” – Me dichi: “Bene” –

“Si stavi male, t’eri già ammazzato?” –

***

E m’arisponni: “Si sto bene adesso,

me pò annà solo peggio” e a palle piene

penzo che più te incontro e più me stresso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

6 Luglio 2024

Er fine settimana

Er fine settimana

***

Granne invenzione er fine settimana!

Er lunedì te pare più un miraggio,

er martedì, procura der disaggio,

mercoledì lo senti a la lontana.

***

Er giovedì, te ne vò dà un assaggio,

ma è solo er venerdì che te lo spiana,

pe richiamà l’arte leopardiana,

der sabbato famoso der villaggio.

***

Un attimo de più, e mó è domenica,

ch’er sabbato la notte se l’inghiotte,

come fusse pe ’na finzione scenica …

***

… nemmanco er tempo de capì ch’è notte,

ariva lunedì che già t’arsenica,

ma tanto tutto er monno se ne fotte.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

5 Luglio 2024

Er cocommeraro

Er cocommeraro

***

Quann’è callo d’estate e se fa sera,

si cerchi un posto fresco pe riparo,

fionnete dritto dar cocommeraro,

fàtte ’na fetta ch’è ’na bombognera.

***

Nun riesce mejo manc’ar gelataro,

succosa, dorce, morbida, leggera,

è come un sogno quanno che s’avvera,

e costa poco pure pe l’avaro.

***

’Na tinta rosa-rosso, tutta porpa,

come du’ labbra co li brillantini,

d’assaporà de baci senza corpa.

***

Ar criticone e a palati fini,

je potrai dì, puranche pe discorpa,

che fai la collezzione de semini.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Luglio 2024

ZZZ … fisso

ZZZ … fisso

***

Combatte co quer “ZZZ” tutta la notte

je spareresti pure cor fucile,

‘na botta, co rincorza, de badile,

pe ‘sta bastarda che intanto te fotte.

***

Chissà ‘nd’è entrata ‘sta codarda e vile

che viè pe fà le bolle e pure in flotte

‘cciloro e de ‘ste fìe de gran mignotte,

che se prepareno da fine aprile.

***

Così ch’è quann’è lujo e la calura

le porta qua pe fà rifornimento,

sò tutte pronte pe loro natura …

***

… a fà un prelievo, quann’è tutto spento,

a succhià er sangue dopo la puntura,

che manco li magnaccia in Parlamento.

***

Stefano Agostino

________________________

***