Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Romanamente’ Category

I sonetti romani,Romanamente

21 Gennaio 2020

La truffa der finto incidente

La truffa der finto incidente

***

Annavo in giro in auto l’artra sera,

quann’ecco, tutt’a un tratto, sento un botto,

senza vedé nissuno dar lunotto,

senza capì er rumore de che era.

***

Ner mentre seguitavo, se fa sotto

un tizzio, scooter griggio e veste nera,

me fa: “M’hai preso … guarda la lamiera …

ce sta na riga … e un pezzo me s’è rotto.

***

So’ carozziere – dice – e abbituato

a le denunce e a l’assicurazzioni,

lassamo stà cor CID, che in de ‘sto stato …

****

…aumenta er premio a te e boni boni

ce vonno anni p’èsse liquidato,

damme du’ piotte, senza pizzardoni”.

***

Che invece poi, si avessi contattato,

quello spariva, come li magoni,

e certo nun m’avrebbe cojonato.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 Gennaio 2020

Er pessimista cosmico

Er pessimista cosmico

***

De un pessimismo che nun cià confronto,

stai fisso ar due novembre e nun te smove

felicità, eppure ciài le prove,

‘gni giorno da che arbeggia ar tramonto.

***

Ché pure quann’è bello dici: “piove”,

co un’aria sconzolata ch’è ‘no smonto

de ‘gni soriso e ilarità co sconto

che ciò perzino la prova der nove.

***

Quanno te ‘ncontro, sempre rabbuiato,

te chiedo: “Come va?” – Me dichi: “Bene” –

“Si stavi male, t’eri già ammazzato?” –

***

E m’arisponni: “Si sto bene adesso,

me pò annà solo peggio” e a palle piene

penzo che più te incontro e più me stresso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Gennaio 2020

Nun puntà er dito

Nun puntà er dito

***

Nun puntà er dito mai, ché serve a zero,

tanto er puntato guasi mai l’ammette,

aiuta assai deppiù portà a rifrette,

chi cià d’arischiarà quer che cià nero.

***

Intenno ch’è più mejo dì: “Permette?

Ma io l’arivedrebbe ‘sto penziero,

ar posto suo”, mostrannoje davero

‘ndó pò cambià, si solo ce se mette.

***

Si quello è intelliggente ce raggiona,

e si er conzijo è bono e va seguito,

magara poi da sé se perfezziona.

***

Si invece nun lo segue e arimpettito

continuà a èsse la stessa perzona,

c’è d’arzà er medio, più che puntà er dito.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2020

Un incubbo

Un incubbo

***

Ciò un incubbo che a vorte se presenta,

che un giorno a l’improviso, tutt’a un botto,

nun me viè più ‘na rima, vero scotto,

ch’è da pagà si nun ce s’accontenta.

***

Come che un incantesimo s’è rotto,

ne l’incubbo che spesso me spaventa,

nun m’esce manco un verzo e me sgomenta

er fojo bianco che resta là sotto.

***

Ma poi sòna la sveja e lì me desto,

e penzo a ‘na parola e a come rima,

e si ce sta ner senzo e ner contesto.

***

E l’incubbo se scioje pe l’assioma

ché tanto ariverebbe sempre prima,

la rima che me viè … si dico ROMA.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Gennaio 2020

Boni amichi

boni a-mici

Boni amichi

***

Si c’è ‘na frase che nun riesco a aregge,

pe mette li puntini su le “i”,

ar punto ch’er discorzo accanno lì,

è questa che me schifo pure a legge.

***

Quanno me dicheno: “Nun pòi capì”

nun sò pecore nere, anzi è un ber gregge,

pe ariccontamme episodi o schegge,

che je succedeno de notte e dì.

***

Si “nun posso capì” come tu dichi, 

“che me lo dichi a fà?”, risponno io,

de che stamo a parlà? De pizza e fichi?

***

Sarò fissato, è più un probbrema mio,

ma si io e te volemo restà amichi,

nun me dì più così, oppure addio!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2020

Levà l’addobbi

Levà l’addobbi

***

Quanno ch’è er tempo de levà l’addobbi,

me manno giù un boccone de tristezza,

le feste sò finite, e che amarezza,

mó tocca aritornà pure a li sgobbi.

 ***

Via l’arbero e er presepio … che schifezza!

Quanno a montalli, invece, è er mejo hobby,

mó tutto è da incartà e da fasse gobbi

a mettelo in cantina co destrezza.

***

Però si nun ce fusse er dì normale

e fusse, quinni, sempre e solo festa,

la festa che ciavrebbe de speciale?

***

E ‘sto penziero che me batte in testa,

conzola er salutà un artro Natale

e ‘sta malinconia che mó me resta.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

7 Gennaio 2020

Quanno ariviè er sette de gennaio

Quanno ariviè er sette de gennaio

***

E pe ‘gni vorta che passa ‘na Festa,

c’è sempre un giorno a fà un sette gennaio,

quanno la sveja t’arintrona e er guaio

che t’aricorda ch’è ‘sta data mesta.

***

Conti li mesi e sarti già a febbraio,

magara fa la neve e se fa siesta,

poi marzo, poi c’è aprile e Pasqua è lesta,

poi ariva er tempo che sa già de sdraio.

***

Ner mentre ch’arimetti tutto in serie,

camicia, pantalone, maja e giacca, 

te trovi già a sognà future ferie.

***

Ma è er sette de gennaio che te trincia,

e pe affrontà ‘sto giorno assai de cacca,

 indossa anch’er soriso … e aricomincia.

***

Stefano Agostino

_________________________

***