Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 Luglio 2020

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutto er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno chi è vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2020

17 giugno 2001


17 giugno 2001

***

Diciannov’anni oggi ch’è successo,

ma a me, nun so perché, me pare jeri,

la lunga sfida co li bianconeri,

che m’arivivo guasi fusse adesso.

***

E m’aricordo l’anzia e li penzieri,

prima de comincià, quer giorno stesso,

sospeso tra l’euforico e l’ossesso,

speranno che quell’attimo s’avveri. 

***

Poi finarmente ecco la partita,

li nostri che se sfileno la tuta,

pe vive er sogno che vale ‘na vita.

***

E ’gni paura pare sconosciuta,

quanno s’eterna la gioja infinita,

co Totti, co Montella e Batistuta.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 Maggio 2020

30 maggio 1994

30 maggio 1994

**

Me pare ieri quanno ch’è successo,

quer trenta maggio che sei ito in cèlo,

mó che ce penzo, triste, me raggelo,

guasi come quer giorno fusse adesso.

***

Quanno che ar fiore j’hai torto lo stelo,

ché a sopravvive nun era l’istesso,

de piagne Roma intera nun ha smesso,

chiudennose anniscosta addietro a un velo.

***

Ma li ricordi m’apreno er cassetto

e nun li tocca mica quer destino,

infame, zozzo e ladro che t’ha detto.

***

Io in curva ch’ero solo un regazzino,

tu capitano de quelo scudetto,

noi tutti in coro a urlà: OH AGOSTINO.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

5 Novembre 2019

Nun dimo sciocchezze

Nun dimo sciocchezze

***

Nun se pò contestà quanno ch’è amore,

ma quello romanista pare, a vorte,

annà ben ortre, in congetture storte,

che pe capille ce vò un gran dottore.

***

Adesso, dopo che ‘na strana sorte,

co l’infortuni ha acceso ‘sto motore,

nun pò mai diventà certo un tremore,

er fatto che poi torneno le scorte.

***

A avecceli probbremi d’abbonnanza,

co tanti giocatori per ‘gni ròlo,

c’è ‘na staggione d’affrontà a ortranza …

***

… e si da poco che s’è preso er volo,

vor dì che co più gente in militanza,

nessuno s’ha più da sentisse solo.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Settembre 2019

27 settembre 1976

27 settembre 1976

 

Francé, nun basta certo ‘sto sonetto,

pe ringrazziatte d’èsse come sei,

campione dentro e fòri a li tornei,

che vale più de ‘gni artro scudetto.

***

Ché Roma co te cià du’ Colossei,

e quinni che ce sta de più perfetto,

da dì pe ripagatte de l’affetto,

che a disegnallo in rima nun potrei.

***

Quello ch’hai dato tu a indossà sta maja,

lo pò sapé sortanto la memoria,

de chi la ama come te in battaja.

***

Chi te dà addosso cerca vanagloria,

nun je va giù, je rode e strilla e raja,

che er nome tuo è già scritto ne la STORIA.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

4 Luglio 2019

sBARELLAmo

sBARELLAmo

***

C’è da aspettasse che li giocatori,

invece de vestì la nostra maja,

vanno pe artri lidi a dà battaja,

mossi da novi stimoli e allori.

***

Pe questo che Barella mó tartaja

e vole sceje l’Inter pe fattori

che ciànno tutti in Conte li favori,

e nun ce penza manco a si se sbaja.

***

Tanto pe come stàmo co Pallotta,

pure che viè, te pò durà pe un anno,

ma l’anno dopo è già co un’artra cotta …

***

… pe questo o quello e James senza addanno,

aspetta che quarcuno se lo ‘nzotta,

e in giro pure troppi ce ne stanno.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 Giugno 2019

La Pallottese

La Pallottese

***

T’è arimasto de cambià la sede,

tra Londra e Boston, certo no a Trigoria,

levaje novant’anni e più de storia

e anche la lupa, si nun la pòi véde.

***

Già che ce sei, co tutta la tua boria,

de chi ha capito tutto e manco chiede,

pòi cambià l’inno e mette un quarche erede,

pe ariccontà le gesta tue in memoria.

******

Mette Di Canio ar posto de Francesco,

un’aquila piuttosto che la lupa,

e anche solo a dillo nun ce riesco …

***

… pòi usà come colori tua sociali,

er bianco e er blu … che già er penziero sciupa,

pòi fà tifà solo che li lazziali.

***

Stefano Agostino

***