Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Settembre 2019

27 settembre 1976

27 settembre 1976

 

Francé, nun basta certo ‘sto sonetto,

pe ringrazziatte d’èsse come sei,

campione dentro e fòri a li tornei,

che vale più de ‘gni artro scudetto.

***

Ché Roma co te cià du’ Colossei,

e quinni che ce sta de più perfetto,

da dì pe ripagatte de l’affetto,

che a disegnallo in rima nun potrei.

***

Quello ch’hai dato tu a indossà sta maja,

lo pò sapé sortanto la memoria,

de chi la ama come te in battaja.

***

Chi te dà addosso cerca vanagloria,

nun je va giù, je rode e strilla e raja,

che er nome tuo è già scritto ne la STORIA.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 Luglio 2019

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutto er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno chi è vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

4 Luglio 2019

sBARELLAmo

sBARELLAmo

***

C’è da aspettasse che li giocatori,

invece de vestì la nostra maja,

vanno pe artri lidi a dà battaja,

mossi da novi stimoli e allori.

***

Pe questo che Barella mó tartaja

e vole sceje l’Inter pe fattori

che ciànno tutti in Conte li favori,

e nun ce penza manco a si se sbaja.

***

Tanto pe come stàmo co Pallotta,

pure che viè, te pò durà pe un anno,

ma l’anno dopo è già co un’artra cotta …

***

… pe questo o quello e James senza addanno,

aspetta che quarcuno se lo ‘nzotta,

e in giro pure troppi ce ne stanno.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 Giugno 2019

La Pallottese

La Pallottese

***

T’è arimasto de cambià la sede,

tra Londra e Boston, certo no a Trigoria,

levaje novant’anni e più de storia

e anche la lupa, si nun la pòi véde.

***

Già che ce sei, co tutta la tua boria,

de chi ha capito tutto e manco chiede,

pòi cambià l’inno e mette un quarche erede,

pe ariccontà le gesta tue in memoria.

******

Mette Di Canio ar posto de Francesco,

un’aquila piuttosto che la lupa,

e anche solo a dillo nun ce riesco …

***

… pòi usà come colori tua sociali,

er bianco e er blu … che già er penziero sciupa,

pòi fà tifà solo che li lazziali.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2019

17 giugno 2019

17 giugno 2019

***

Diciotto anni fa pareva un sogno,

tre a uno contr’er Parma e fu scudetto,

a ripenzacce s’ariscalla er petto,

ciò 18 anni in più … nun me vergogno.

***

Totti, Montella e Batistuta … letto

ancora oggi è un tris che dà sbologno,

a ‘gni artra squadra … e quanno ciò bisogno,

me l’aripeto e me gusto l’effetto.

***

Ma er sogno vivo, diciassette giugno,

de quer dumiliaeuno … oggi stesso,

è come si prennesse in faccia un pugno …

***

L’addio der Capitano nun cià un nesso,

serve a ‘ntristì a maggior raggione er grugno,

 Pallotta, io te schiferò da adesso.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

12 Giugno 2019

Benvenuto mister Fonseca

Benvenuto mister Fonseca

***

Benarivato a Roma, sor Fonseca,

fusse perché sei er solo ch’ha voluto

mette la firma (e quinni benvenuto),

si hai scerto Roma e quer che ciò te reca.

***

Ché venghi ‘ndove ‘st’anno s’è vissuto

solo de delusioni e rabbia cèca,

co sempre un vòto dentr’a la bacheca,

risporverata ar tempo der firm muto.

***

E adesso che ce sta un allenatore,

tocca da metteje a disposizzione,

‘na squadra che lo segua e de valore.

***

De gente motivata che, a raggione,

ce butta dentro gambe, testa e còre,

che sia pe tutti ‘na nova staggione.

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 Maggio 2019

30 maggio 1994

30 maggio 1994

**

Me pare ieri quanno ch’è successo,

quer trenta maggio che sei ito in cèlo,

mó che ce penzo, triste, me raggelo,

guasi come quer giorno fusse adesso.

***

Quanno che ar fiore j’hai torto lo stelo,

ché a sopravvive nun era l’istesso,

de piagne Roma intera nun ha smesso,

chiudennose anniscosta addietro a un velo.

***

Ma li ricordi m’apreno er cassetto

e nun li tocca mica quer destino,

infame, zozzo e ladro che t’ha detto.

***

Io in curva ch’ero solo un regazzino,

tu capitano de quelo scudetto,

noi tutti in coro a urlà: OH AGOSTINO.

***

Stefano Agostino

***