Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

24 Giugno 2022

Un mese fa

Un mese fa

***

Un mese fa, er 25 maggio,

s’arzava in celo arta quela Coppa,

la gioia ancora oggi è così troppa,

ch’è come ieri avé inizziato er viaggio.

***

Ner mentre festeggiamo c’è chi schioppa,

er poveraccio, ‘na vita in disaggio,

nun se ripìa e se vò fà coraggio,

chiamannola “coppetta” … e lì se stoppa.

***

Pe tutti quanti l’artri è un gran traguardo,

che merita rispetto, onore e gloria,

che va a la lupa che fa da stendardo.

***

Perciò ancora grazzie a ‘sta vittoria,

che riempie ‘sta città e rubba lo sguardo,

a chi ne porta er nome e la memoria.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 Luglio 2021

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutt’er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano,

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno er vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2021

17 giugno 2001


17 giugno 2001

***

Vent’anni oggi da quann’è successo,

a me, nun so perché, me pare ieri,

la lunga sfida co li bianconeri,

che m’arivivo guasi fusse adesso.

***

E m’aricordo l’anzia e li penzieri,

prima de comincià, quer giorno stesso,

sospeso tra l’euforico e l’ossesso,

speranno che quell’attimo s’avveri. 

***

Poi finarmente ecco la partita,

li nostri che se sfileno la tuta,

pe vive er sogno che vale ‘na vita.

***

E ’gni paura pare sconosciuta,

quanno s’eterna la gioia infinita,

co Totti, co Montella e Batistuta.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Febbraio 2021

St…addio

St…addio

***

Ce sò riusciti, bravi, comprimenti!

Lo stadio de la Roma e er suo proggetto,

finischeno indentr’ar gabbinetto,

tutti felici mó, tutti contenti.

***

La stessa Roma ieri ce l’ha detto,

proggetto irealizzabbile pe lenti

e nun spiegabbili procedimenti,

pe arivà a quer sogno ner cassetto.

***

Dieci anni de battaje e de promesse,

de chiacchiere e d’autorizzazzioni,

disegni e bozze come si piovesse.

***

Lo stadio nun se fa, ma le raggioni,

sò artre, anzi sò sempre le stesse:

la Roma forte rompe li cojoni !!!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

19 Novembre 2020

Tiago Pinto

Tiago Pinto

***

Ciavemo er DS finarmente!

Se dice che sia forte .. è Tiago Pinto,

viè dar Benfica … dove pure ha vinto,

e inaugura da oggi ‘sto presente.

***

E poi si c’è er sor Friedkin ch’è convinto,

nun c’è artro da aggiunge veramente,

c’è da fidasse, senza dì più gnente,

e io me fido de ‘sto piè sospinto.

***

Fusse solo che sta sempre a lo stadio,

inzieme ar fìo lavora sottotraccia,

senza proclami né in TV, né in radio …

***

… me piace assai pe stile e vicinanza,

nun chiacchiera, però mette la faccia,

e questo già me basta, anzi m’avanza.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Agosto 2020

In bocca ar lupo mr. Friedkin

In bocca ar lupo mr. Friedkin

***

Da oggi inizzia ormai ‘sta nova era

quella de Friedkin che pe via ufficiale,

se pìa la Roma … mette er capitale,

Pallotta se ne va … intorno a sera.

***

Auguri Mr Friedkin … sia normale,

nun faccia che diventi ‘na chimera,

‘na Roma forte e ‘na città intera

che merita ch’er sogno sia reale.

***

Senza proclami, senza più promesse,

magara da la parte der tifoso,

colori, maja, stemma e cose annesse.

***

E più presenza e Roma più ner còre,

no solo pe lucrà e p’èsse famoso,

ma pe passione, tigna, vanto e amore.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 Maggio 2020

30 maggio 1994

30 maggio 1994

**

Me pare ieri quanno ch’è successo,

quer trenta maggio che sei ito in cèlo,

mó che ce penzo, triste, me raggelo,

guasi come quer giorno fusse adesso.

***

Quanno che ar fiore j’hai torto lo stelo,

ché a sopravvive nun era l’istesso,

de piagne Roma intera nun ha smesso,

chiudennose anniscosta addietro a un velo.

***

Ma li ricordi m’apreno er cassetto

e nun li tocca mica quer destino,

infame, zozzo e ladro che t’ha detto.

***

Io in curva ch’ero solo un regazzino,

tu capitano de quelo scudetto,

noi tutti in coro a urlà: OH AGOSTINO.

***

Stefano Agostino

***