Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Agosto 2020

In bocca ar lupo mr. Friedkin

In bocca ar lupo mr. Friedkin

***

Da oggi inizzia ormai ‘sta nova era

quella de Friedkin che pe via ufficiale,

se pìa la Roma … mette er capitale,

Pallotta se ne va … intorno a sera.

***

Auguri Mr Friedkin … sia normale,

nun faccia che diventi ‘na chimera,

‘na Roma forte e ‘na città intera

che merita ch’er sogno sia reale.

***

Senza proclami, senza più promesse,

magara da la parte der tifoso,

colori, maja, stemma e cose annesse.

***

E più presenza e Roma più ner còre,

no solo pe lucrà e p’èsse famoso,

ma pe passione, tigna, vanto e amore.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 Luglio 2020

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutto er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno chi è vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2020

17 giugno 2001


17 giugno 2001

***

Diciannov’anni oggi ch’è successo,

ma a me, nun so perché, me pare jeri,

la lunga sfida co li bianconeri,

che m’arivivo guasi fusse adesso.

***

E m’aricordo l’anzia e li penzieri,

prima de comincià, quer giorno stesso,

sospeso tra l’euforico e l’ossesso,

speranno che quell’attimo s’avveri. 

***

Poi finarmente ecco la partita,

li nostri che se sfileno la tuta,

pe vive er sogno che vale ‘na vita.

***

E ’gni paura pare sconosciuta,

quanno s’eterna la gioja infinita,

co Totti, co Montella e Batistuta.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

30 Maggio 2020

30 maggio 1994

30 maggio 1994

**

Me pare ieri quanno ch’è successo,

quer trenta maggio che sei ito in cèlo,

mó che ce penzo, triste, me raggelo,

guasi come quer giorno fusse adesso.

***

Quanno che ar fiore j’hai torto lo stelo,

ché a sopravvive nun era l’istesso,

de piagne Roma intera nun ha smesso,

chiudennose anniscosta addietro a un velo.

***

Ma li ricordi m’apreno er cassetto

e nun li tocca mica quer destino,

infame, zozzo e ladro che t’ha detto.

***

Io in curva ch’ero solo un regazzino,

tu capitano de quelo scudetto,

noi tutti in coro a urlà: OH AGOSTINO.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

5 Novembre 2019

Nun dimo sciocchezze

Nun dimo sciocchezze

***

Nun se pò contestà quanno ch’è amore,

ma quello romanista pare, a vorte,

annà ben ortre, in congetture storte,

che pe capille ce vò un gran dottore.

***

Adesso, dopo che ‘na strana sorte,

co l’infortuni ha acceso ‘sto motore,

nun pò mai diventà certo un tremore,

er fatto che poi torneno le scorte.

***

A avecceli probbremi d’abbonnanza,

co tanti giocatori per ‘gni ròlo,

c’è ‘na staggione d’affrontà a ortranza …

***

… e si da poco che s’è preso er volo,

vor dì che co più gente in militanza,

nessuno s’ha più da sentisse solo.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Settembre 2019

27 settembre 1976

27 settembre 1976

 

Francé, nun basta certo ‘sto sonetto,

pe ringrazziatte d’èsse come sei,

campione dentro e fòri a li tornei,

che vale più de ‘gni artro scudetto.

***

Ché Roma co te cià du’ Colossei,

e quinni che ce sta de più perfetto,

da dì pe ripagatte de l’affetto,

che a disegnallo in rima nun potrei.

***

Quello ch’hai dato tu a indossà sta maja,

lo pò sapé sortanto la memoria,

de chi la ama come te in battaja.

***

Chi te dà addosso cerca vanagloria,

nun je va giù, je rode e strilla e raja,

che er nome tuo è già scritto ne la STORIA.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

4 Luglio 2019

sBARELLAmo

sBARELLAmo

***

C’è da aspettasse che li giocatori,

invece de vestì la nostra maja,

vanno pe artri lidi a dà battaja,

mossi da novi stimoli e allori.

***

Pe questo che Barella mó tartaja

e vole sceje l’Inter pe fattori

che ciànno tutti in Conte li favori,

e nun ce penza manco a si se sbaja.

***

Tanto pe come stàmo co Pallotta,

pure che viè, te pò durà pe un anno,

ma l’anno dopo è già co un’artra cotta …

***

… pe questo o quello e James senza addanno,

aspetta che quarcuno se lo ‘nzotta,

e in giro pure troppi ce ne stanno.

***

Stefano Agostino

***