Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste

14 Maggio 2019

James Pa(r)lotta

James Pa(r)lotta

***

Finora solo chiacchiere e promesse,

ma in bacheca nun ciài messo gnente,

ce dici “forza Roma” solamente,

ma pe vedette ce vò er GPS.

***

E dì che ce credevo, presidente,

ero convinto che potevi èsse,

un po’ tifoso, ma è solo interesse,

tant’è che tu arisurti sempre assente.

***

E tifi solo pe quer dio quatrino,

penzi a lo stadio, e quanto pò dà grano,

ma de la Roma schifi poi er destino.

***

Che ne sai tu, che te ne stai lontano,

cos’è tifà la Roma da bambino,

 dillo a DE ROSSI e dillo a chi è romano!

***

Stefano Agostino

***

 

La Roma in rima,Poesie romaniste

FLORENZI e ronaldo

FLORENZI e ronaldo

***

Te sei permesso de stà a fà er bulletto,

ché tanto ‘ndó stai tu tutt’è concesso,

co quela maja addosso ciài er permesso,

de fà quer che te pare, senza effetto.

***

Ché poi tu sei Ronaldo, boni adesso,

davanti a te ‘gni artro omo è ometto,

perciò t’atteggi e sei pure scoretto,

nessuno te viè a dì che sbaji e spesso.

***

Ma peffortuna cià penzato er campo

a fà giustizzia piena de consenzi,

arovescianno er monno e senza scampo …

***

… quanno che t’ha segnato lui, Florenzi,

t’ha arintorzato, in meno che de un lampo,

quele stronzate che j’hai detto e penzi.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 Dicembre 2018

Er presepio biancazzuro

Er presepio biancazzuro

***

Lazzia’, però, tu parti avvantaggiato,

pe te er presepio è come un libbro aperto,

ner senzo che pe fallo, ne sò certo,

nun devi mai commette abbiggeato.

***

Cor bue e l’asinello stai coperto,

ciài l’aja e ciài le pecore ner prato,

a fà er pastore ce sei abbituato 

e de la stalla sei er più mejo esperto.

***

Er muschio lo produci già da solo,

quanno che gufi e ce diventi verde,

poi pe la neve Olympia vola ar Polo.

***

Ché tanto ce lo sai che nun se perde,

che come pe cometa segue in volo,

er tipico profumo de le m…. !!!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 Luglio 2017

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutto er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno chi è vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

6 Luglio 2017

Aricomincia la staggione

Aricomincia la staggione

***

La Roma aricomincia la staggione

e mai se parte co tanta incertezza,

‘na squadra che ar momento è più ‘na pezza

messa pe rattoppà er dopo fugone.

***

Tante cessioni, senza ‘na chiarezza,

anche ben ortre ‘gni dichiarazzione,

e chi me dà mó der “romanistone”,

è lui che de tifà nun è a l’artezza.

***

Che si er mercato chiude a fine agosto,

co quer che sta a succede già ‘gni giorno,

nun so si è un bene, un male e qui lo posto.

***

Ché l’impressione da levà de torno,

è che a Trigoria ‘gnuno cià er suo costo,

chi vole pò comprà, conta lo storno.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Giugno 2017

Nun semo un supermercato

Nun semo un supermercato

***

Ciài detto, come manco eri arivato,

la conferenza stampa a la reggia

de primo acchitto, a accenne fantasia,

“La Roma mica è un supermercato”.

***

Vabbè sarà così, … poi manni via

Salah, pe quanto certo ben pagato,

poi Manolas, Paredes … e in predicato

c’è pure Mario Rui in compagnia.

***

Nun è un supermercato, bè … d’accordo,

ma dicce tu cos’è, perché pe adesso

ce pare che de questo ciabbia er bordo.

***

E già se teme quer che viè poi appresso,

ce sò vociacce a cui c’è da sta sordo,

sinnò più che supermercato è un cesso.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

14 Giugno 2017

Mister Di Francesco

Mister Di Francesco

***

Che se chiamasse “Mister Di Francesco”

e no Eusebio, nun è tu’ fratello,

in sala stampa, dico, e er senzo è quello

de mantené un distacco più tedesco.

***

Professionalità, no er gran bordello

de tutti amichi finti e er romanesco,

s’ha da chiamà er tecnico a ‘sto desco

sinnò pòi sempre intervistà a Formello.

***

È un tipo serio lui, l’ex giocatore,

già in questo se distingue nettamente

da l’artro ch’era er suo predecessore.

***

E va chiamato appunto seriamente

adesso è Di Francesco allenatore,

er resto conta zero fratto gnente.

***

Stefano Agostino

***