Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Poesie romaniste’ Category

La Roma in rima,Poesie romaniste,Stagione 2022/23

4 Settembre 2022

Udinese – Roma

Udinese – Roma: 4-0

***

Nun c’è tanto da dì, c’è er risurtato,

che vale più de ‘gni artra parola,

nun c’è ‘na cosa, dico una sola,

che meriti un commento sdorcinato.

***

La Roma che finora ha dato scòla

de carcio a tutto quanto er campionato,

stasera è poi sparita da quer prato,

co l’urlo che riviè cacciato in gola.

***

L’erore già a l’inizzio e se va sotto,

e nun se riesce a risalì la china,

così a la fine poi paghi ‘sto botto.

***

Che serva solo a dà nova benzina

un pieno d’umirtà pe ‘sto filotto,

che se cancelli presto ‘sta bobbina.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

4 Agosto 2022

Er Presidente volante

Er Presidente volante

***

Insomma s’è capito qual è er piano:

si tocca prenne un quarche giocatore,

senza mai perde tempo e fà clamore,

abbasta accenne solo l’aeroplano.

***

Così senza fà chiacchiere e rumore,

er Presidente nostro americano,

sale sur mezzo, vola, attera e in mano,

riporta sempre er novo carciatore.

***

Così ha fatto prima co Dybala,

così ha fatto mó pe l’olandese,

je basta solo dà un córpo d’ala …

***

… parte e fa er pilota, cià er diproma,

andata co ritorno e fa sorprese

che torna cor campione pe la Roma.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 Luglio 2022

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutt’er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano,

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno ‘gni vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 Luglio 2022

La pazza JOYA d’èsse romanisti

La pazza JOYA d’èsse romanisti

***

Si me so’ stato zitto fino a adesso,

è perché ho messo in fila l’emozzioni,

e p’evità de prenne du’ sfonnoni,

co verzi che nun sò giusto er rifresso …

***

… de quer che pompa er còre e li pormoni,

pe la notizzia che vale l’eccesso:

DYBALA è de la ROMA, sì … permesso …

co tutti quanti l’artri inginocchioni.

***

Un grazzie va a ‘sta granne presidenza,

che fa li fatti co li fari spenti,

e de ‘gni bla-bla-bla ce fa stà senza.

***

E pe Mourinho solo comprimenti,

si a li nastri veri de partenza,

a NOI la JOYA, a l’artri li lamenti. 

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

24 Giugno 2022

Un mese fa

Un mese fa

***

Un mese fa, er 25 maggio,

s’arzava in celo arta quela Coppa,

la gioia ancora oggi è così troppa,

ch’è come ieri avé inizziato er viaggio.

***

Ner mentre festeggiamo c’è chi schioppa,

er poveraccio, ‘na vita in disaggio,

nun se ripìa e se vò fà coraggio,

chiamannola “coppetta” … e lì se stoppa.

***

Pe tutti quanti l’artri è un gran traguardo,

che merita rispetto, onore e gloria,

che va a la lupa che fa da stendardo.

***

Perciò ancora grazzie a ‘sta vittoria,

che riempie ‘sta città e rubba lo sguardo,

a chi ne porta er nome e la memoria.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2021

17 giugno 2001


17 giugno 2001

***

Vent’anni oggi da quann’è successo,

a me, nun so perché, me pare ieri,

la lunga sfida co li bianconeri,

che m’arivivo guasi fusse adesso.

***

E m’aricordo l’anzia e li penzieri,

prima de comincià, quer giorno stesso,

sospeso tra l’euforico e l’ossesso,

speranno che quell’attimo s’avveri. 

***

Poi finarmente ecco la partita,

li nostri che se sfileno la tuta,

pe vive er sogno che vale ‘na vita.

***

E ’gni paura pare sconosciuta,

quanno s’eterna la gioia infinita,

co Totti, co Montella e Batistuta.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Febbraio 2021

St…addio

St…addio

***

Ce sò riusciti, bravi, comprimenti!

Lo stadio de la Roma e er suo proggetto,

finischeno indentr’ar gabbinetto,

tutti felici mó, tutti contenti.

***

La stessa Roma ieri ce l’ha detto,

proggetto irealizzabbile pe lenti

e nun spiegabbili procedimenti,

pe arivà a quer sogno ner cassetto.

***

Dieci anni de battaje e de promesse,

de chiacchiere e d’autorizzazzioni,

disegni e bozze come si piovesse.

***

Lo stadio nun se fa, ma le raggioni,

sò artre, anzi sò sempre le stesse:

la Roma forte rompe li cojoni !!!

***

Stefano Agostino

***