Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2020/21

22 Settembre 2020

Verona-Roma a tavolino

Verona – Roma: 3-0 a tavolino

***

Tre a zero. La sconfitta a tavolino.

Quest’è er verdetto de Verona-Roma,

dopo de Diawara cor suo diproma

de un’età sbajata ar tabbellino …

***

… erore che tradisce che sta in coma

‘sta diriggenza che fa ‘sto casino,

co un danno che pò già cambià er destino

già da la prima che porta ‘sta soma.

***

Chiunque pò sbajà in de ‘sto monno,

ma c’è la corpa grave che in diritto

è equiparata ar dolo fino in fonno.

***

Ce sta da daje  un carcio bene dritto

ar centro der didietro in un seconno 

a chi ha sbajato …   ciao pe sempre e zitto! 

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Autunno

Autunno

***

È la staggione der ritorno a scòla,

der tempo che s’aggriggia e der majone,

de le giornate cor termosifone,

de quanno ch’accoperti le lenzola.

 ***

E li colori vanno dar marone,

tennente ar rosso mogano e nocciola,

le foje intappetate a fà da spola,

dar giallo paja a l’ocra più carbone.

 ***

Prima de la castagna e der novello,

ce sò li fichi scuri de Settembre,

ma quann’è Ottobbre er sole cià er mantello.

 ***

Piagne li morti, er celo de Novembre,

la sciarpa pare dì a guanti e cappello,

ch’è tempo de sgobbà, ecco Dicembre.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Settembre 2020

Urtimo giorno d’Estate

Urtimo giorno d’Estate

***

L’urtimo giorno a siparià l’Estate

 cambio de scena, de costumi e d’atto,

21 de settembre, er dado è tratto,

abbassa le seranne sconcallate.

***

Da ‘sti novanta giorni in cui, de fatto,

er Sole s’è ‘ngozzato le giornate,

rimaste in cerca d’ombra e a sfojà date

pe quattro mesi, come un cane e un gatto.

***

Er cèlo, de un azzuro ancora acceso,

pare nun voja già passà la mano

a chi sta in dirittura, ma è in sospeso.

***

Che guiderà er timone piano piano

dar tempo de un domani poco atteso,

er Sor Autunno tipico e romano. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Settembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

Dar Vangelo der giorno: “er Padrone de la Vigna”

***

“Er Regno – disse – è come quer Padrone

che cerca chi lavora la Sua vigna,

così che sorte a l’arba, eppoi, de tigna,

sta fin’a sera a recrutà perzone.

***

Esce a le nove e a mezzodì e risvigna

pure a le tre e a le cinque, stessa azzione,

vòle trovà chi è senza occupazzione,

pe fàllo guadambià, così nun sghigna.

***

A sera je dà a tutti quanti un sòrdo,

quarziasi ora se sò presentati,

e si li primi nun saran d’accordo …

***

… d’èsse l’uguali a l’urtimi pagati,

Lui je dirà così: “Io v’aricordo

che noi così se semo accordati …

***

… così sarà Lassù, pe fà un raccordo,

succederà che l’urtimi arivati,

  saranno primi Là a salì a bordo”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

19 Settembre 2020

Verona – Roma

Verona – Roma: 0-0

***

Comincia co un pareggio zero a zero,

er novo anno e la nova staggione,

che se direbbe sia senza emozzione,

ma chi dice così nun dice er vero.

***

Pe pali presi da ‘gni formazzione,

e er gioco costruito tutto intero,

la gara è stata viva pe davero,

pe tutto er tempo, fin’a conclusione.

***

Ma resta, dopotutto, ‘na domanna

che nun se pò evità … è si co Dzeko

cambiava er risurtato de ‘na spanna.

***

Ma è un discorzo che nun cià ‘na eco,

sinnò ar cervello de chi mó commanna,

che nun ce pò lassà quer vòto bieco.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Trilussa – A un amico

A un amico

***

Che te ne viè in saccoccia quanno hai pianto?

T’ha lassato pe quello? Poco male.

Si lei se fa cosà da l’ufficiale

tu mettite co Giggia e fa artrettanto.

***

La donna cià quer vizzio naturale

prima vò bene, nun se sa si quanto,

poi se stufa e è finito, pe me tanto,

oneste o no, sò tutte tal’e quale.

***

E quanno te se magneno de baci

che nun te dànno tempo de risponne,

mica è pe gnente, è segno che je piaci.

***

Ma nun te crede che te s’affezzioni,

nu’ lo sai che l’amore de le donne,

è sempre ‘na rottura de illusioni?

***

Trilussa

_____________________

*****

I sonetti romani,Romanamente

18 Settembre 2020

La salute nun è ‘no schieramento

La salute nun è ‘no schieramento

***

‘Sto virus cià poi l’arte maledetta

de diventà campagna elettorale,

ner verzo o contro, poco conta er male,

se prenne a esempio pe la propia fetta.

***

Come si la salute nazzionale

sia de sinistra o destra e ‘sta pastetta

de pro o contro, possa fà da retta

pe vince a l’elezzioni o magnà er sale.

***

Invece de penzà a vaccini e cura,

se usa er virus, come l’occasione

pe portà l’acqua der mulino in mura.

***

E vale pe governo e opposizzione,

cor Covid a daje ancora e più la stura

pe continuà a scallà quele portrone.

***

Stefano Agostino

_________________________

***