Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

16 Febbraio 2019

Trilussa – Gatta ce cova

Gatta ce cova

***

In un villino avanti a casa mia,

tutte le sere vedo una signora

ch’accenne un lume, fa un segnale e allora

va su un bell’omo a faje compagnia.

***

‘Sto marcantonio, che nun so chi sia,

cià un grugno da tedesco ch’innamora

e data quela visita a quel’ora,

m’è venuto er sospetto ch’è una spia.

***

La stessa cammeriera se n’è accorta,

e sere fa, cor coco e co la balia,

se misero a sentì dietro la porta.

***

Però nun hanno ancora stabbilito,

si l’ariceve a danno de l’Italia,

o a danno solamente der marito.

***

Trilussa

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Febbraio 2019

San Faustino

San Faustino

***

Er quinnici febbraio è San Faustino:

’na ricorenza pe chi sta da solo,

ossia nun è accoppiato, e viè a faciolo

er giorno dopo de San Valentino.

***

Er “single”, sia pe corpa che pe dolo,

quello pe scerta o ché lo vò er destino,

così cià un giorno e un santo a lui vicino

e anniverzario a festeggià ‘st’assolo.

 ***

Nun ho capito mai perché e per come,

si è omo o donna, fusse anche pischella,

er còre solitario cambia er nome.

 ***

Si è omo è “scapolone”, er che suggella

ch’è libbero, ner mentre er soprannome,

si è donna, nun pò èsse che “zitella”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Febbraio 2019

San Valentino

San Valentino

***

È er sacro giorno de l’innammorati,

co un fiore, un bacio, un gesto o ’na follia,

se vò dì a l’artro: “Sei la vita mia,

e grazzie a te li giorni sò cambiati”.

 ***

Quattordici febbraio, in armonia,

è tutto un duo de còri abbraccicati,

sò petali de rosa arigalati,

diti ’ntrecciati e occhi de maggìa.

 ***

C’è chi su un palo pitta un coricino,

co impresse l’inizziali a fà vetrina

e c’è chi cerca segni in der destino.

 ***

Si un giorno quel’amore se cestina,

sarà servito ’sto San Valentino,

così a aricchì fiorari e Peruggina.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

Auguri a l’innamorati / spèce si nun corisposti /
a quelli soli e abbandonati / a quelli più gajardi e tosti /
a quelli veri e a còre in mano / a quelli che fanno de tutto /
a chi nun va mai via lontano / a chi ce sta ner bello e brutto /
a chi nun spreca l’occasione / a chi sa amà e nun fa rumore /
a chi nun conta la raggione / basta avecce pieno er còre /
a chi se perde e s’aritrova / a chi arimane un po’ più indietro /
a chi è pe sempre e cosa nova / a chi traspare come er vetro /
a quelli che poi se sò perzi / a chi lo chiude cor lucchetto /
a quelli che sò un po’ diverzi / a chi se infamma pe un bacetto /
a quelli che fanno aritorno / e a chi ha fatto un gran casino /
a chi nun ama solo un giorno / ma ‘gni dì è San Valentino.

ééé

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 Febbraio 2019

Roma – Porto C.L.

Roma – Porto: 2-1

***

La prima parte termina in vantaggio,

la Roma vince co ‘sto due a uno,

du’ go’ de un giocatore che quarcuno,

già è pronto a intravvedé granne lignaggio.

***

Doppietta de Zaniolo, senza arcuno

che je se possa mette fra er passaggio

er tiro e er go’ co cui ce dà un assaggio

de quer che vale, e come lui nessuno.

***

Ma er go’ e quer raddoppio a fà doppietta,

nun basteno pe fàcce stà tranquilli

er Porto, pe ‘na nostra gran disdetta …

***

… se aritrova a dimezzà ‘sti squilli,

co un go’ ch’è solo de fortuna retta,

de quelle co la “C” che urli e strilli.

PPP

I sonetti romani,Romanamente

Er senzo d’umorismo

Er senzo d’umorismo

***

Er senzo d’umorismo è quela dote,

che nun è dispenzata propio a tutti,

der resto se pò èsse belli o brutti,

enormi geni oppure zucche vòte.

***

Chi cià ‘gni dote è bene che la sfrutti:

pò scrive, disegnà, scorpì o dà note

o incantà co l’arti, le più ignote,

che porteno p’er monno granni frutti.

***

Una de queste è er senzo d’umorismo,

che sempre spigne a sceje la risata,

invece de cascà ner pessimismo.

***

Chi nun ce l’ha, cià spesso der patetico,

che annisconne un’anima jellata

che nun sa ride manco cor solletico.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Febbraio 2019

Come l’articolo V: chi cià “sòrdi” ha vinto

Come l’articolo V:

chi cià “sòrdi” ha vinto

***

Me tocca mette in verzi ‘sto Sanremo,

ch’ha fatto più de l’artri assai scarpore:

Mahmood ch’è risurtato er vincitore

co ‘na canzone che, me paro scemo …

***

… ma nun me sembra meriti er clamore

de un primo posto, e si ce penzo fremo,

che artro c’era da premià e vedemo

com’ha votato er popolo cenzore.

***

C’era Cristicchi o Urtimo o “Il Volo“,

c’era Irama o Motta o la Bertè,

ner podio che volevo io e nun solo.

***

E invece er premio va a ‘sto brano “sòrdi”,

senza ‘na rima e a melodia DO-RE,

de quelli che l’ascorti e te li scordi.

***

Allora viè er sospetto da balordi,

de ‘na giuria de esperti “fai-da-te”,

che vota e manco sa sonà du’ accordi.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Febbraio 2019

Dar Vangelo der giorno: “la pesca miracolosa”

 

Dar Vangelo der giorno: “la pesca miracolosa”

 ***

Dopo ’na notte in barca, senza un pesce,

quanno che fu matino er giorno appresso,

venne Gesù e disse: “Pietro, adesso,

prova a gettà le reti, vedi ch’esce?”

***

Pietro fece così, ma era perplesso,

poi c’è mancato poco che nun riesce

a sollevà ’gni rete che già cresce

p’er pesce preso, tanto era in eccesso.

***

Levò li pesci da le reti piene

e li contò: “centocinquantatré”,

quanno che s’ormeggiò co le gomene.

***

Gesù a quer punto lì je fece: “A Pie’,

pascia ’ste pecore, si me vòi bene!”

E je lo chiese pe tre vorte tre.

***

Pe aricordaje de ben artre scene,

quanno fu Pietro a dì tre vorte: “Embè?

Nun lo conosco” … pe evità catene.

***

Stefano Agostino

__________________________

***