Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 settembre 2018

Un’estate senza fine

Un’estate senza fine

***

Capisco, ce sta pure a chi je piace

‘sto callo che nun se ne va più via,

temperature guasi da asfissia,

cor sole ch’è graticola pe brace.

***

A lujo, e agosto a faje compagnia,

l’accetti, ch’è staggione, a nun pià pace

co l’afa e la zanzara più mordace

che nun dà tregua manco pe maggìa.

***

Ma a settembre, e dopo metà mese,

co ancora a palla er climatizzatore,

ciò er senzo der bon-ton nun propio ingrese.

***

Nun aripeto, perché so’ un signore,

quello che m’esce, pure a più riprese,

‘gni vorta che me ‘nzuppo de sudore.

***

Stefano Agostino

__________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 settembre 2018

Pe fà un sonetto

Pe fà un sonetto

***

Trovà la rima giusta è un po’ un’impresa:

la tronca è da evità, pe poesia,

ce serve un tocco in più de fantasia,

ché in “ARE”, “ERE” e “IRE” nun fa presa.

 ***

Er participio, “ATO” o “ITO” sia,

cià più der trapassato e sa de resa,

“amore e còre”, nun dà più sorpresa,

ar punto che ce perde de maggìa.

 ***

La metrica, che serve a dettà tempi,

cià regole più lei de l’univerzo,

da nun riuscì nimmanco a favve esempi.

 ***

Ma, forma a parte, si te senti perzo,

vòi fà un sonetto che t’aggradi e riempi?

Ascorta er còre, bene, e scrivi er verzo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

16 settembre 2018

Roma – Chievo

Roma – Chievo 2-2

***

Pe buttà giù du’ verzi senza rabbia

me so’ dovuto mette tosto un freno,

sinnò tiravo fòri un gran veleno,

che nun cià manco er cane chiuso in gabbia.

***

Ma dentro ho già riempito e fatto er pieno

de inzurti de ‘gni spèce e de ‘gni labbia,

a chi ha porverizzato come sabbia 

quarziasi sogno pe ‘sta squadra armeno.

***

Dopo che vinci un tempo pe due a zero

de certo nun pò èsse ‘sto pareggio

che sa più de sconfitta pe dì er vero.

***

Ma tanto nun se pò toccà ch’è sfreggio

chi de ‘sta Roma è ancora er connottiero

che rischi de fà pure arquanto peggio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

***

Gesù, a li discepoli in preghiera,

je fece allora, in separata sede:

“La gente ve domanna mai, ve chiede

chi so’ e che sto a fà qui su ’sta Tera?

 ***

Vojo sapé si ce sta chi me crede,

e crede a ’sta parola mia, ch’è vera”,

e a la risposta poi chiese a chi c’era:

“E voi che dite? So’ o nun so’ l’erede?”

 ***

“Tu sei Cristo Gesù, ch’è er Fìo de Dio”,

rispose, trasparente com’er vetro,

Simone er pescatore e Gesù: “Io…

 ***

…dico che sei la pietra, e sarai Pietro,

su cui fonnà la chiesa, e er mazzo mio

de chiavi de Lassù, ma viemme addietro!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani

15 settembre 2018

Trilussa – La sincerità ne li comizzi

trilussa - la sincerità ne li comizzi

La sincerità ne li comizzi

***

Er deputato, a dilla fra de noi,

ar comizzio ciagnede controvoja,

tanto ch’a me me disse: “Oh Dio che noja,

Me lo disse, è verissimo, ma poi …

***

sai come principiò, dice: “E’ con gioja,

che vengo, oh cittadini, in mezzo a voi,

pe onorà li martiri e l’eroi,

vittime der pontefice e der boja”.

***

E lì rimise fora l’ideali,

li schiavi, li tiranni, le catene,

li re, li preti, l’anticlericali.

***

Eppoi parlò de li principi sui,

e allora pianse. Pianse così bene,

che quasi ce credeva puro lui.

***

Trilussa

____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 settembre 2018

Er dilemma der boccale

Er dilemma der boccale

***

Da sempre vive un dramma esistenziale,

che è un continuo e lento andirivieni:

si ce l’hai vòto, tocca che lo ’mpieni,

si l’hai riempito, s’arisvota uguale.

***

Circuito che collega gola e reni,

se pò chiamà “dilemma der boccale”,

che quann’è vòto te se sente male,

ma pieno nun vò stà, ché nun lo freni.

***

E ’st’artalena ar vetro e a ’ste magnere,

succede solo si tracanni er vino,

co l’acqua nun ce sò ’ste tiri-tere.

 ***

Ma bada che a annà appresso a ’sto trenino,

de riempi-e-svota-e-riempi quer bicchiere,

te fai sgamà a la prova palloncino.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Er dilemma der boccale

***

******

I sonetti romani,Schegge di vita

13 settembre 2018

La vera scòla

La vera scòla

***

La vera scòla è quella che cià inizzio

o co l’asilo o in prima elementare,

ma co un aspetto suo particolare,

de avé un comincio, ma pe un granne sfizzio …

***

… nun mai ‘na fine, anche più der mare,

pe dilla mejo, anche ortre l’ospizzio,

fin quanno Sora Vita toje er vizzio

e lassa l’omo ch’era er suo compare.

***

Quello che cambia è solo er nome usato

da ‘gni scolaro, quanno ch’è un bimbetto,

a quanno cresce, inzino ar penzionato.

***

La vera scòla inizzia quann’è autunno,

ma dura sempre, cambia ossia de aspetto,

facenno OMO quer che prima è ALUNNO.

***

Stefano Agostino

_______________________

***