Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Luglio 2019

Dar Vangelo der giorno: “Marta e Maria”

Dar Vangelo der giorno: “Marta e Maria”

***

Gesù, un ber dì, va ospite da Marta,

che a casa inzieme, a faje compagnia,

ciaveva la sorella sua, Maria,

sorella nun sortanto su la carta.

***

Questa, co Gesù lì, anima pia,

quarziasi artra attività la scarta,

sa che l’ha d’ascortà, certo nun sarta

nimmanco ’na parola der Messia.

***

Invece Marta s’aggita e s’affanna,

pe fà stà bene l’ospite e protesta

co la sorella che nun move spanna.

***

E lì Gesù: “Vedi Maria che testa?

Sta ’ndò sta er mejo e quinni nun s’addanna,

come fai tu, perdennote ’sta festa”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Luglio 2019

Roma in rima compie 10 anni

“Roma in rima” compie 10 anni 

***

Lo sbarco su la Luna fa cinquanta,

er 20 lujo esatto de quest’anno,

che casca propio giusto ar capodanno,

de “Romainrima” che ‘sta data vanta.

***

Intenno dì, co frasi de rimanno,

che oggi fa 10 anni ‘sta mia pianta,

che grazzie sempre a quarche mano santa,

ancora cresce, ché la vò annaffianno.

***

Dieci anni fa quer primo “A Roma mia”,

e ancora oggi è quello er vero senzo,

de quer che provo a mette in poesia.

***

Ch’è Roma sempre a ricambiamme amore,

senza de Lei … (scrivenno quer che penzo),

da mó che avevo spento ‘sto motore.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I numeri di 10 anni di Roma in rima

3.140 articoli pubblicati

18.950 commenti

1.277.000 pagine visitate

659.300 visitatori

 

Un sentito ringraziamento ad ognuno di voi. Uno speciale a Letizia, Svardo, Silvio, Grandecorno e Romano,

per la loro presenza quotidiana come commentatori oltreché come lettori.  Un grazie particolare agli amici del gruppo “roma in rima fans” su fb. Un grazie di cuore ai miei genitori a mio fratello, a Deborah e Elio per il loro preziosissimo contributo e sostegno. E infine un sincero grazie a tutti voi lettori che siete il motore che mi spinge a continuare.  Stefano.

_________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Luglio 2019

La Luna

La Luna

***

De vorte nun ce n’è nemmanco una,

che arzo l’occhi ar cèlo a tarda sera,

senza inchinamme a te, la condottiera,

der firmamento intero che s’abbruna.

 ***

Radiosa e tonna pari ’na specchiera,

quanno sei piena e er cosmo in te s’aduna,

ispiri amori e sogni de fortuna,

si cresci o cali fin’ a fatte nera.

 ***

Er Sole te corteggia e tu arossisci,

lo fai ammattì quer pòro innammorato,

quanno che sorge lui, prenni e sparisci.

 ***

Ariverà un ber giorno, in der Creato,

che poi te scioji e dorce te l’allisci,

tenennotelo stretto abbraccicato.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: La Luna

***

******

I sonetti romani,Romanamente

18 Luglio 2019

Batte er petto in chiesa

Batte er petto in Chiesa

***

Te vedo sempre batte er petto in Chiesa,

rosario in mano, a bisbijà er Vangelo,

fòri de lì, però, aprete cèlo,

li connotati cambi de sorpresa.

***

Ce manca che te metti er saio o er velo,

le mani giunte da Madre Teresa,

ma esci e già sei pronto a la contesa:

“nun me dì er vero che s’addrizza er pelo!”

***

Che vale èsse cristiani a ‘sta magnera,

si a l’ ITE MISSA EST, segno de Croce,

poi vivi come avanzo de galera?

***

De certo nun so’ mica er portavoce,

ma Dio te vede da matina a sera

e a seguità così … te manna a coce!

***

 Stefano Agostino

_______________________

***

A tavola,I sonetti romani

17 Luglio 2019

Er Cocommeraro

cocomero

Er Cocommeraro

***

D’estate, quann’è afoso e se fa sera,

si esci in cerca de un fresco riparo,

fionnete dritto dar cocommeraro

e pìa ‘na fetta, ch’è ‘na bombognera.

***

Nun riesce mejo manco er gelataro,

succosa, forte e morbida chimera,

è come un sogno e quanno che s’avvera,

e costa poco pure pe l’avaro.

***

‘Na tinta rosa-rosso, tutto porpa,

come du’ labbra, co li brillantini,

da inghiottilla a morzi, senza corpa.

***

E ar criticone e perzonaggi affini

je se pò dì, puranche pe discorpa,

de fà la collezzione de semini.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Luglio 2019

16.7.1969 – 16.7.2019

16.7.1969 – 16.7.2019

***

Sò cinquant’anni oggi da quer viaggio,

quanno che l’omo è ito su la Luna,

er sedici de Lujo, intorno a l’una,

s’arzo ner cèlo er razzo co equipaggio.

***

‘Na meta mai raggiunta da nessuna,

de l’artre navicelle cor miraggio,

de arivà inzino a l’allunaggio,

ma che nun ciànno avuto ‘sta fortuna.

***

Quer sogno s’avverò er venti de lujo,

co Armstrong che camminò pe primo

solo sur sòlo in mezzo a un granne buio.

***

Quanno che dichiarò ‘sta verità:

“Pe me è un passetto piccolo, ma stimo

sia un barzo enorme pe l’umanità”.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani

15 Luglio 2019

La più mejo partita de tennis

La più mejo partita de tennis

***

Ce sò volute guasi che cinqu’ore,

pe decretà quale fusse er campione,

tra Djokovic e Federer, tenzone

pe ‘na finale tra chi è er più signore.

***

Pe cinque set, senza avé mai raggione

uno de l’artro, a Wimbledon d’onore,

lottanno inzino che a finì er sudore,

pe aggiudicasse er posto da ovazzione.

***

Ha vinto er serbo ar “tie-break” de ‘sto quinto,

dop’èsse iti già ar dodici pari,

e comprimenti a Djokovic ch’ha vinto.

***

Ma grazzie a tutt’e due, straordinari,

pe ‘na gara de tennis ch’ha dipinto,

er quadro de lo sport che nun cià bari.

***

Stefano Agostino

**+