Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Marzo 2019

Li venerdì de Quaresima

Li venerdì de Quaresima

***

La carne nun se magna si è astinenza,

er venerdì in Quaresima è un esempio.

Lungi da me volé burlà cor Tempio,

ma vojo evidenzià ’sta diferenza.

 ***

Si nun tocco la ciccia, ma m’ariempio

co tutto quer che ciò ne la dispenza,

da che me so’ astenuto, in mia coscènza,

quann’ho magnato ar punto da fà scempio?

 ***

Senza la carne, nun me metto in pace,

si ciò la gotta o so’ veggetariano,

’gni artra parola è morta co un “qui giace”.

 ***

Pe me astinenza è in senzo più profano,

arinuncià a quarcosa che me piace,

ch’è fórze un sacrificio più cristiano.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Marzo 2019

Primavera

Primavera

***

Ariva guasi che nun te n’accorgi,

ma in un momento l’arberi pittura:

ar griggio scuro de corteccia dura,

je passa er verde lucido che scorgi.

 ***

E s’addorcisce la temperatura,

si presti orecchio e l’occhio j’arivorgi,

t’affacci, abbasta solo che te sporgi,

è un’esplosione viva la Natura.

 ***

La prima pennellata viè de Marzo,

ma è Aprile a tinteggià er paesaggio,

ma nun t’alleggerì a annà in giro scarzo.

 ***

L’ucelli in cèlo dicheno ch’è Maggio,

la frutta ariempe tavole de sfarzo,

er sole manna a Giugno er mejo raggio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Marzo 2019

Nun ciài artro da fà

Nun ciài artro da fà

***

Nun ciài da fà gnent’artro de forzato,

né èsse er più perfetto o er più speciale,

quarcosa tra er più assurdo o innaturale,

in cui nessuno s’è mai cimentato.

***

Nun ciài da èsse fico o eccezzionale,

o fà quer che mai uno l’ha provato,

da diventà chissà quale scènziato,

che va a scoprì lo spazzio siderale.

***

Nun serve da fà er mago, né l’attore,

né millantà chissà quale possesso

o maschere da omo de valore.

***

Nun conta de contà o chiede permesso,

ma si vòi vince e conquistà l’Amore,

nun ciài artro da fà, ch’èsse te stesso.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Marzo 2019

Papà

Papà

***

Tu sei er sostegno fisso quanno manca

er pieno de fiducia e de coraggio,

da sempre m’accompagni in de ’sto viaggio

e spèce si ’sto passo è lento e aranca.

 ***

Abbasta anche un’occhiata de passaggio,

quanno la vita mette a sede in panca,

che m’apri er conto presso quela banca

’ndò prelevà la forza, senza l’aggio.

 ***

E dentr’a l’occhi arispecchià me stesso,

sin da ch’ero un pupetto e poi un pischello,

co te vicino sempre, più che spesso.

***

E che fortuna io co mi’ fratello

a ripenzacce come sto a fà adesso,

d’avecce te, papà, come modello.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Papà

***

******

I sonetti romani,Romanamente

18 Marzo 2019

Solo pe finta

Solo pe finta

***

Vorei morì, così, solo pe finta,

pe stà a vedé chi piagne pe davero,

no solamente un giorno, ar cimitero,

e co ‘na lagrimuccia ch’è dipinta.

***

Sarebbe pe testà quello sincero,

e chi fa tutto invece senza spinta,

come pe recità, dietro a ‘na quinta,

de un teatro ‘ndove er bianco è nero.

***

“Te l’aricordì Stefano Agostino?”

Vorei sentì risposte e, dar compianto,

scoprì chi è vero e chi più manichino.

***

Pe risvejamme poi, come de ‘ncanto,

l’attimo prima che già viè er becchino,

pe dì: “adesso so chi me sta accanto”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Marzo 2019

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

16 Marzo 2019

Spal – Roma

Spal – Roma: 2-1

***

Se perde co la Spal pure ar ritorno,

partita senza un briciolo de còre,

decisa pe un ber carcio de rigore,

che nun ce stava mai … rigore un corno.

***

Ma nun ce sta da piagne pe l’erore,

ché tanto er VAR pe noi vale pe storno,

ma più perché nun te se fa mai giorno

in ‘sta staggione senza mai un clamore.

***

Così che ce se magna l’occasione,

pe prenne punti e pe un quarto posto,

che pare più lontano de Plutone.

***

C’è da inzeguillo a qualunque costo,

ma si te fanno go’, basta un’azzione,

artro che Champions, tutto se fa tosto.

***

Stefano Agostino

***