Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Dicembre 2019

Er novo arbero de Piazza Venezzia

Er novo arbero de piazza Venezzia

***

Quest’anno, c’è da dillo, è propio bello,

è ricco, è arto, è pieno, è luminoso,

le palle a ‘mprezziosillo de sfarzoso,

Piazza Venezzia, er centro der suo ostello.

***

Un arbero davero maestoso,

che pare messo lì pe fà da ombrello,

acceso ariempie er còre e anch’er cervello,

de chi lo guarda è un sorzo de riposo.

***

Perciò de certo qui nun lo discuto,

è solo che ce penzo e un po’ m’abbacchio,

perché me torna in mente, pe un minuto, …

**+

… er nonno suo, de quer verde pistacchio,

io c’ero affezzionato e dico, muto,

che m’era più simpatico SPELACCHIO !!!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Dicembre 2019

Li giorni prima de Natale

Li giorni prima de Natale

***

‘Sti giorni che precedeno er Natale,

sarebbe bello annassero più lenti,

in modo da godesse li momenti,

de ‘st’atmosfera ch’è sempre speciale.

***

Ch’è inutile stà a fà raggionamenti,

su ch’è ‘na festa solo commerciale,

Natale nun è mai un giorno normale,

nemmeno pe li atei intranzigenti.

***

E quant’è bello er senzo de l’attesa,

quele lucine e quele luminarie,

accese ovunque, fusse pure in Chiesa.

***

Sò le giornate più straordinarie,

ché riescheno perzino ne l’impresa

de fàcce pupi, pur tra rughe varie.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Dicembre 2019

Immacolata Concezzione

Immacolata Concezzione 

***

Me immaggino quer giorno Bernadette,

chissà ner còre suo quanta emozzione,

co Lei, l’Immacolata Concezzione,

che sussurrava cose benedette.

**+

La piccola, che stava in confusione,

‘ste cose mai l’aveva scritte o lette,

nun le capiva quinni, ma l’ha dette,

memorizzate, senza cognizzione.

***

Er vescovo che ascortò la storia,

de Bernadette davanti a la Signora,

 Immacolata … da mannà a memoria …

***

… capì che la bambina vide allora,

propio Maria … la Madre de la Gloria,

che vorze in Lourdes stabbilì dimora. 

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

6 Dicembre 2019

Inter – Roma

Inter – Roma: 0-0

***

E quarche vorta è bello anche un pareggio,

come questo co l’Inter der sor Conte,

senza grossi tremori, arzà la fronte,

pe nun rischià così che venghi er peggio.

***

La Roma pìa ‘sto punto in cima ar monte,

serve pe fà morale ner punteggio,

e nun vor dì fermasse ar propio ormeggio,

come a ammirà quarcosa a l’orizzonte.

***

Perciò ‘sto pari ce soddisfa arquanto,

p’er gioco espresso e pe la difesa,

ch’ha retto bene e macinato tanto.

***

La squadra tutta nun s’è mai aresa,

ché un punticino piccolo sortanto,

preso a Milano ben più vale e pesa.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

6 dicembre: San Babbo Natale

6 dicembre: San Babbo Natale

***

Babbo Natale, basta la parola,

pe penzà ar sacco de rigali e strenne,

ar traino de la slitta co le renne

e a quel’attesa co un groppo a la gola.

 ***

La tradizzione vò fàllo discenne

dar Santo turco Mira, San Nicola,

(ma de verzione nun ce n’è una sola)

e er sei dicembre è er giorno suo solenne.

 ***

Fu ricco in vita, ma donò l’averi

a bimbi poverelli o a l’ospedale

e aiutò la gente co guai seri.

 ***

Er sei dicembre pe quarcuno vale

lo scambio de pacchetti e de penzieri,

come da noi la notte de Natale.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

5 Dicembre 2019

Er tigna

er tigna

Er tigna

***

Parlà co te è un dialogo tra sordi,

ché tanto fai l’orecchie da mercante,

er muro è più disposto e accomodante,

co te impossibbil’è trovà l’accordi.

***

Si ciài un’idea è quella, è ‘na costante,

de fattela cambià o limà li bordi,

mejo si lassi perde, te lo scordi,

pure davanti a verità lampante.

***

Ma sai che c’è? Mollo ‘sta discusione.

Così nun me ce addanno più e me ‘ncoccio,

cercanno d’aggiustatte l’oppignone.

***

Ottengo un doppio effetto: nun me scoccio

e faccio crede a te che ciài raggione,

quanno la verità è che sei de coccio!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

***

I sonetti romani,Romanamente

4 Dicembre 2019

Lillo, er Re der protocollo

Er Re der protocollo

***

Da sempre è lui er Re der protocollo,

nun serve da indicà chi è e da dillo,

pe pochi è Amerildo, pe noi è Lillo,

l’istituzzione de ‘gni marca o bollo.

***

Ch’è lui da sempre, tocca ribbadillo,

da quanno che s’usava er francobbollo,

a nummerà ‘gni plico, pacco o collo,

che ariva o manna l’Anac cor siggillo.

***

Ma adesso c’è da fàcce tutti er callo,

che ce saluta e va, co gran trastullo,

dritto in penzione a comincià lo sballo.

***

Ce mancherà ‘gni giorno er suo cappello,

e quer suo modo, pure un po’ da bullo,

ma da omo de còre e de cervello.

***

Stefano Agostino

_____________________

***