Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

16 Novembre 2019

Belli: Er giorno der giudizzio

g.g. belli - er giorno der giudizzio

Er giorno der giudizzio

***

Cuattro angioloni co le tromme in bocca,

se metteranno uno pe ccantone

a ssonà, poi co tanto de voscione,

comincieranno a dì: “Ffora a cchi ttocca!”

***

Allora vierà ssù una filastrocca

de schertri da la tera a ppecorone,

pe ripijjà figura de perzone,

come purcini attorno de la bbiocca.

***

E sta bbiocca sarà Ddio bbenedetto,

che ne farà du’ parte, bbianca e nnera,

una p’annà in cantina, una sur tetto.

***

All’urtimo usscirà ‘na sonajjera

d’angioli e, come si s’annassi a letto,

smorzeranno li lumi e bbonasera.

***

Giuseppe Gioachino Belli

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Novembre 2019

Pioggia a catinelle

Pioggia a catinelle

***

E aripiove e piove e piove ancora,

er cèlo aggriggia e annotta er poco giorno,

via vai de nuvolacce a fà ritorno,

co ‘na pertubbazzione ‘gni mezz’ora.

***

Er Tevere, pe chi je gira attorno,

è gonfio che li argini li sfiora

e pure un sorcio che ce se riaffiora,

se meravija de com’è er contorno.

***

L’asfarto apre buche da dà assilli,

che ar confronto su l’otto volante,

se viaggia assai più comodi e tranquilli.

***

Si riesci a arivà a casa, sgocciolante,

un Padrennostro e un Gloria tocca dilli,

ché si sei vivo è pe le Grazzie Sante.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Novembre 2019

Vive de corza

Vive de corza

***

Se vive sempre appresso a le scadenze,

nun ce sta giorno che nun sia ‘na corza,

che manco mai le trattazzioni in Borza,

sò così rapide, veloci e intenze.

***

È tutto un fuggi fuggi fatto a forza,

che a staje addietro co le sue esiggenze,

te viè un’anzia pe tutte l’urgenze,

che ciài ‘no stress che strigne assai la morza.

***

La carma cor silenzio e un po’ de pace,

più ch’èsse desideri sò utopie,

in mezzo a un gran casino e a ‘sta fornace.

***

Nòve nevrosi e nòve malatie,

che se ne vanno solo ar “qui giace”

quanno finimo poi le batterie.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

A tavola,I sonetti romani

13 Novembre 2019

Li fritti romani

Li fritti romani

***

Carciofi fritti, cotti a la giudia,

de baccalà er filetto pastellato,

c’è er fiore, si è de zucca, e va sposato

co un’alicetta a faje compagnia.

***

C’è poi er supplì che viè telefonato

co un fir de mozzarella a tirà via,

c’è la crocchetta, a dì ‘na poesia,

quanno se scioje lenta in der palato.

***

L’emporio in bella mostra de li fritti

suggello de ‘na tavola imbandita,

a aprì la panza de chi ne approfitti …

***

… prima de la pietanza più gradita,

pe nun magnà a diggiuno e fà stà zitti,

li crampi de ‘na fame mai sopita.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Novembre 2019

Amor ch’a nullo amato …

Amor ch’a nullo amato

***

E come li stornei ne portan l’ali,

nel freddo tempo, a schiera larga e piena,

così quel fiato li spiriti mali,

di qua, di là, di su, di giù li mena“.

***

Li quattro verzi a “peccator carnali“,

de tutta la Commedia in artalena,

ch’er sommo Vate mette tali e quali

ar quinto canto de l’Inferno, in scena.

***

Er canto de l’Amor ch’a nullo amato,

e de l’innamorati  e un galeotto

libbro e d’un bacio a volà via, rubbato.

***

‘Gni vorta che lo leggo er còre evade

e m’aritrovo a dì, tutto de botto,

e caddi come corpo morto cade”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

10 Novembre 2019

Parma – Roma

Parma – Roma: 2-0

***

Se perde pe due a zero, squadra stanca,

co pochi tiri in porta e poco gioco,

così nun riesce manco a accenne er foco,

chi entra da che era a séde in panca.

***

Troppi l’impegni e tempo troppo poco,

pe aricuperà e sempre manca,

chi pò sostituì chi adesso aranca

e sorte ‘sto verdetto che fa roco …

***

… er grido romanista che s’è arzato

ne le partite appena precedenti,

che nun pò annà de certo sì smorzato.

***

Co tutte quante l’artre pretennenti

che hanno vinto o che hanno pareggiato

tocca d’aripiasse immantinenti.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

***

Un gruppo de ferventi sadducei,

pe cui nun s’arisorge dopo morte,

pe fà cascà Gesù, chiesero sorte

seconno li principi de l’ebbrei…

***

… der matrimonio, fatto sette vorte,

da quela donna che mòre poi lei,

da vedova ar marito e a artri sei,

a chi va in moje, a l’anime risorte?

***

Gesù arispose che moje e marito,

è robba de ‘sta Tera e no der Cèlo,

‘ndó nun c’è morte e nun ce sta quer rito.

***

Si è pari a l’angeli e ciascun “io”,

come certificato dar Vangelo,

è unito in de l’Amore e fìo de Dio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***