Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Settembre 2022

Dar Vangelo der giorno: “er riccone e er povero Lazzaro”

Dar Vangelo der giorno: “Er riccone e er povero Lazzaro”

***

I

Un magnaccione pieno assai de grano,

se dava a li banchetti e un poveraccio,

lì inzù la porta sua co quarche straccio,

chiedeva da magnà, ma sempre invano.

***

Er povero morì e, pe un fattaccio,

er ricco pure, ma diverzo er piano

p’er primo er Paradiso e l’artro, sano,

tirato giù a l’Inferno, ar peggio braccio.

***

Er ricco chiese: “Abramo fa’ er favore:

me pòi mannà un po’ d’acqua, ciò ‘na sete,

in mezzo a ‘sto gran foco e a ‘sto calore?

***

Ve prego, fate presto su, corete,

nun ce la faccio a sopportà er dolore,

‘sta fiamma che me brucia, nun sapete”.

***

II

***

Abramo j’arispose: “Nun lo sai,

che tra voi e noantri in Paradiso,

ce sta un abbisso che terà diviso,

pe sempre chi sta “Qui” o tra li guai.

***

E quinni quello ar foco, tutto intriso

de gran tristezza, disse: “Allora vai,

da li fratelli vivi, a cui dirai

de nun fà come me, senza un soriso”.

***

Abramo repricò: “A ‘sti fratelli,

che ciànno già Mosè e li Profeti,

nun serve da squillà ‘sti campanelli.

***

Si nun vonno seguì leggi e decreti,

anche a risuscitati da ‘st’avelli,

nun je daranno retta … che te mieti?”

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 Settembre 2022

Er giorno prima de l’elezzioni

Er giorno prima de l’elezzioni

***

È er giorno der silenzio elettorale,

’ndò nun ce sò tribbune, né comizzi,

s’attenne tutti zitti finché inizzi

la sfida a l’urna ch’è domenicale.

***

E senza più artri lazzi e artri frizzi,

 ‘gni elettore penza a chi e quale

lista dà er voto, senza fasse male,

da 18 anni fino a in de l’ospizzi.

***

Che bello ‘sto silenzio, senza strilli,

senza inzurtasse l’un l’artro a vicenna,

senza l’apprausi facili e li squilli.

***

Poi da domani ‘gnuno se scotenna,

s’aricomincia urlanno che, tranquilli,

rimpiagneremo oggi, co ‘sta strenna.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Settembre 2022

A Padre Pio

A Padre Pio

***

Lo sguardo de dorcezza e sofferenza,

immaggine de tutto Padre Pio,

in cui specchiamme arifresso io,

ner giorno santo de ‘sta ricorenza.

***

Lo sguardo, che vorebbe fusse er mio,

de chi ha capito che la quintessenza

de tutto er monno sta ne l’esperienza,

de chi ner prossimo ce vede Dio.

***

Un omo vero, duro ne la voce,

co un còre spalancato a la preghiera,

le stimmate de Cristo e la Sua Croce.

***

Esempio da seguì pe vita e pace,

e Santo da ‘nvocà quanno la sera

se smorza er lume e tutto intorno tace.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Settembre 2022

Urtimo giorno d’Estate

Urtimo giorno d’Estate

***

L’urtimo giorno a siparià l’Estate,

cambio de scena, de costumi e d’atto,

er 22 settembre er dado è tratto,

tira giù le seranne sconcallate.

***

Da ‘sti novanta giorni in cui, de fatto,

er Sole s’è ‘ngozzato le giornate,

rimaste in cerca d’ombra, a sfojà date,

pe quattro mesi, come cane e gatto.

***

Er celo, de un azzuro ancora acceso,

pare nun voja già passà la mano,

a chi sta in dirittura, ma è in sospeso.

***

Che guiderà er timone piano piano,

dar tempo de un domani poco atteso,

er Sor Autunno tipico e romano. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Settembre 2022

L’elezzioni

L’elezzioni

***

’Gni vorta che ce stanno l’elezzioni,

p’amministrà o fà er Parlamento,

nun c’è partito, nun c’è schieramento,

che nun l’ha vinte co le proiezzioni.

***

Pure ch’ha perzo un seggio o anche cento,

o Sindaci, Province o più Reggioni,

dopo lo spojo sò già tutti boni,

a riccontacce er loro godimento.

***

Rispetto ar turno scorzo, ormai passato,

ner carcolo de le percentuali,

nun hanno vinto, hanno trionfato.

***

Spartite le “portrone” elettorali,

cor popolo ancora cojonato,

che crede a li valori e l’ideali.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Settembre 2022

Santa Candida a Ventotene

Santa Candida a Ventotene

***

Pe Santa Candida la devozzione,

cià quarche cosa de particolare,

un misto de profumi e sa de mare,

e nun è solo pe la processione.

***

Tanti ricordi de perzone care,

la festa a Ventotene e l’emozzione

de quanno s’arza “uè uè, oh pallone“,

e tutta l’isola fra giochi e gare.

***

Er 20 de settembre è er dì de festa,

la banda che fanfara dar matino,

co fochi d’artificio su la testa.

***

Ché l’occhi accesi sempre a ‘gni bambino,

li manneno in memoria che je resta,

fin quanno l’aricconta ar nipotino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2022/23

18 Settembre 2022

Roma – Atalanta

Roma – Atalanta: 0-1

***

La Roma perde, ma co gran sfortuna,

nun riesce a mette dentro un pallone,

de tiri in porta fa a profusione,

ma quanno ce se mette la fortuna …

***

… dar lato opposto a ‘gni tua azzione,

nun pòi sperà de certo in manco una,

che te va dentro e quinni pe nessuna

raggione ar monno sfrutti l’occasione.

***

Peccato perché hai prodotto tanto,

ma si nun concretizzi poco conta,

er risurtato dice hai perzo quanto.

***

Ce sta la pausa adesso e che sia pronta

pe fà tornà quarcuno a giocà intanto,

e pe smorzà ‘sta rabbia che qui monta.

***

Stefano Agostino

***