Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Luglio 2021

A santa Brigida

A santa Brigida

***

Er ventitré de lujo è la memoria,

de Santa Brigida che cià devoti,

in tutta Europa che, pe le sue doti,

l’ha fatta compatrona ne la Gloria.

***

Svedese, moje e madre, poi li voti,

quanno morì er marito, la sua storia

la porta a Roma, segno de vittoria,

quella de Cristo, perché er monno annoti.  

***

La venero, così, pe du’ raggioni,

pe cui je so’ devoto in der profonno,

una pe le sue “15 orazzioni” …

***

… de Cristo sofferente da dà ar monno,

e l’artra, de le due motivazzioni,

è er dì in cui in Celo c’è ito mi’ nonno.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

22 Luglio 2021

22 luglio 1927

22 luglio 1927

***

Ner millennovecentoventisette,

22 lujo, uffici der Vicario,

Italo Foschi, omo leggendario,

vorze riunì tre squadre benedette …

***

Così quer giorno c’era ‘sto scenario,

Alba, co Fortitudo e Roman strette,

in un’Associazzione a tre, perfette,

lassanno fòra tutt’er circondario.

***

Nacque così pe noi l’A.S. Roma,

cor giallo-oro e rosso-pompeiano,

la Lupa e du’ gemelli pe assioma.

***

E da quer giorno er vero romano,

pe ‘na questione più de cromosoma,

la tifa, senza mai passà la mano.

***

Stefano Agostino

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 22 luglio 1927

***

******

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Luglio 2021

La tirchieria

La tirchieria

***

Che vita grama quella de l’avari,

ch’er grano se lo tengheno in saccoccia,

si c’è ’na cosa ar monno che me scoccia,

è rapportamme a tirchi planetari.

***

Ma dico, e me ce spremo la capoccia,

sbajato sciampagnà, qui semo chiari,

ma peggio più nisconne li denari,

fin quann’er materasso l’accartoccia.

***

Ché fa piacere a tutti stà tranquilli,

avecce un gruzzoletto da riparo,

p’er tempo de li tordi e de li grilli.

***

Ma artro poi è vive da purciaro,

rinunce e stenti, purché l’oro brilli,

gioia d’eredi e der cassamortaro.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 Luglio 2021

Roma in rima fa 12 anni

Roma in rima fa 12 anni

***

Come l’Apostoli, come li mesi,

come le ore tutte sur quadrante,

come er tifoso, primo militante,

inzomma penzo che se semo intesi.

***

Co oggi Roma in rima da poppante

fa 12 anni … sempre mejo spesi,

‘gni giorno co un sonetto a fari accesi,

sur monno più vicino e più distante.

***

Bon compreanno quinni “Roma in rima”,

mantienite così … sei ormai un ometto,

pe me sempre er pupetto come prima.

***

Auguri quinni pe ‘gni tuo verzetto,

pe ‘gni quartina, co qualunque clima,

ar centro Roma de ‘gni tuo sonetto.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I numeri di 12 anni di Roma in rima:

***

3.612  articoli pubblicati

20.804 commenti

1.559.000 pagine visitate

846.800 visitatori

***

Grazie di cuore ad ognuno di voi

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

Li sette re de Roma

Li sette re de Roma

***

Er primo re de Roma, er fonnatore,

fu Romolo, che j’ha trasmesso er nome,

scrutò l’ucelli in volo e senza un come,

uccise Remo, zotico invasore.

***

Seguì Numa Pompilio, er portanome,

fu sacerdote e gran carcolatore,

poi Tullo Ostilio, er conquistatore,

che allargò le fronne de ’ste chiome.

***

Fu quarto Anco Marzio, spinto ar Lido,

cià costruito ponti, strade e mura,

Tarquinio Prisco, quinto, senza un grido.

***

Poi Servio Tullio, er cenzo e la misura,

prima de chiude male e dà l’affido,

a Tarquinio er Superbo e fu jattura!

**+

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Gesù cià compassione der gregge”

Dar Vangelo der giorno:

“Gesù cià compassione der gregge”

***

 Gesù mannò l’apostoli e ar ritorno

questi j’ariccontareno li fatti,

quer ch’era stato ner girà a tratti,

come je chiese propio Lui un giorno.

***

“Mó riposate” – disse – “e in anfratti

un po’ in disparte che stanno dintorno,

soli soletti, senza gente intorno,

tranquilli, carmi, docili e compatti”.

***

Pìarono la barca p’annà artrove,

ma chi l’ha visti e presto l’ha sgamati,

je corze appresso: ‘ndov’annate, ‘ndove?

***

Gesù, vedenno in quanti, come schegge,

li staveno a seguì guasi incantati,

ne ebbe compassione de quer gregge.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani

17 Luglio 2021

Aldo Fabrizi – Er sogno

Er sogno

***

Me pareva de stà su ‘na montagna,

e urlavo in un megafono spazziale:

“Popolazzione mia, che campi male,

accostete qui sotto ché se magna!”

***

Poi come fussi er Re de la Cuccagna,

buttavo giù, pe un’orgia generale,

valanghe de spaghetti cor guanciale,

che allagaveno tutta la campagna.

***

E vedevo signori e poveretti,

in uno sterminato affollamento,

a pecoroni sopra li spaghetti.

***

Quann’ecchete dar cèlo spuntà Dio,

co un forchettone in mano e fà: “Un momento,

si permettete ce sto pure Io!”

***

Aldo Fabrizi

____________________________

***