Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Pillole

15 Luglio 2024

Pillola del giorno

Chissà come si sentirà l’inglese Taylor oggi,

dopo aver favorito vergognosamente la Spagna …

 

**

I sonetti romani,Romanamente

E anche stanotte dormirò domani

E anche stanotte dormirò domani

***

Comincia a fà càllo e pure forte,

de quelli a stampo d’Africa de foco,

che nun se trova un posto fresco, un poco,

manco a aprì finestre, spazzi e porte.

***

De quelli che nun sò come un ber gioco

ch’è bello a durà poco e senza svorte,

qui bene che ce va, si è bona sorte,

dura ‘na settimana pressappoco.

***

“È er tempo suo, nun ce pòi fà un ber gnente!”

Ma stai in vacanza e fai come te pare,

nun devi lavorà … no, chi te sente…

***

… ché anche stanotte co afa e zanzare

io dormirò domani … ciài presente?

ma chettefrega, tu stai sempre ar mare. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Luglio 2024

Dar Vangelo der giorno: “l’invio de li discepoli”

Dar Vangelo der giorno: “l’invio de li discepoli”

***

Gesù chiamò li dodici eppoi prese

a istruilli pe mannalli in viaggio,

a due a due, ’gni casa e ’gni villaggio,

e come comportasse a ’gni paese.

 ***

Solo er bastone appresso, né foraggio,

né pane o sacca o sòrdi pe le spese,

senza tuniche in più o artro arnese

che segni tappe der loro passaggio.

 ***

“In de ’gni casa” – disse – “arimanete,

pe dà la pace e pe parlà de Dio,

de quer che ve daranno, magnerete.

 ***

Si nun v’accojeranno in modo pio,

la porvere ar carzare sgrullerete,

e ve darà la Pace er Padre Mio”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Luglio 2024

Chi, cosa, dove, quanno e perché?

Chi, cosa, dove, quanno e perché?

***

Sapé risponne a un “chi?” oppure a un “cosa?”,

er precisà un “dove?” o anche un “quanno?”,

purché sia vero e detto senza inganno,

risorve un dubbio e spesso già ariposa.

***

Ma nun ce sta risposta, né rimanno,

che vale quanto quella favolosa

de dà a un “perché?” la chiave portentosa,

che apre tutto er senzo che domanno.

***

Risponne a un “perché?” ce dà er motivo,

ce spiega come fa e ce fa cresce,

lo chiede er pupo, è significativo!

***

Un “chi?”, un “cosa?, un “dove?”, un “quanno?”, riesce

pe ‘na curiosità, ma finché vivo,

solo un “perché?” me dà vita da mesce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Luglio 2024

La “D” in più

La “D” in più

***

Nun c’è da dà mai gnente pe scontato,

quarziasi affetto, amore o amicizzia,

nun s’ha da cortivà solo che inizzia,

s’ha da curallo dopo seminato.

***

Nun cresce mica, si nun ce se sfizzia

a fallo maturà da ch’è neonato,

giorno pe giorno, sempre, va annaffiato,

co ‘gni dimostrazzione più propizzia.

***

Che sia un ber bacio, oppure ‘na carezza,

un prestà orecchio o un qualunque abbraccio,

si sò de còre, chi riceve  apprezza.

***

Pe fàllo serve “dì” ar propio “IO”

d’uscì dar “sé” che lo costrigne ar laccio,

co quella “D” in più, “se” scorge “DIO”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Luglio 2024

San Benedetto

San Benedetto

***

Ciaveva 12 anni, piccoletto,

ma rifiutava già ch’er suo destino

vivesse poi ‘na vita libbertino,

così che se mostrò San Benedetto.

***

Ner monastero de Montecassino,

la Regola fonnò e er suo rispetto,

ora et labora“, er modo più perfetto,

pe seguì Dio e pe nun fà casino.

***

Ché poi sò tutt’e due la stessa cosa,

anch’er lavoro infatti è ‘na preghiera,

che Dio gradisce più de tanta prosa.

***

San Benedetto, da matina a sera,

se vive ‘sta missione che lui sposa,

appassionato, pe la vita intera.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Luglio 2024

Er sospettoso

Er sospettoso

***

Te sento dì: “Chissà che ce sta dietro?

Quali disegni? E cosa mai c’è sotto?”

Dentro a ‘gni cosa tu vedi un complotto,

anche si è trasparente com’er vetro.

***

Penzi ce sia ‘gni artro a dì: “Te fotto,

come te movi, abbasta pure un metro”,

e ciài sospetti che, a statte addietro,

c’è chi te vole morto o mar ridotto.

***

Pe te ce deve stà sempre un motivo,

pe cui ‘gni omo cià un comportamento,

che tiè così perch’è brutto e cattivo.

***

Ma prova pe ‘na vorta a vive mejo,

senza da figuratte a ‘gni momento,

fantasmi e mostri a tenette svejo.

***

Stefano Agostino

____________________________

**+