Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Agosto 2020

Er camper

 er camper

Er camper

****

Casetta mobbile ch’è in miniatura,

se chiama “camper”, nome più famoso,

pe ‘na vacanza de tutto riposo,

o a chi je piace ‘nvece l’avventura.

***

Ma sia er turista attivo ch’er pacioso,

grazzie a ‘sto mezzo vive la natura,

senza né costrizzioni, né misura,

co lei a fà da sposa e lui lo sposo.

***

L’armadio, er bagno, er letto e la cucina,

lì dentro ce sta tutto o, ar più, un assaggio,

perzino de soffitta e de cantina.

***

Dar posto guida se gusta er paesaggio,

de monti o mare, de città o collina,

più de la meta, tanto, conta er viaggio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

12 Agosto 2020

C’è chi “c’ha” e c’è chi “cià”

C’è chi “c’ha” e c’è chi “cià”

 ***

Che oscenità un’acca apostrofata

de chi se crede, in più, sia romanesco,

sfioranno er traggicomico e grottesco,

a scrive “c’ha”pe “cià” de la parlata.

***

L’apostrofo co l’acca nun ce riesco,

ma no pe rima mia, ch’è appena nata,

Trilussa e Belli l’hanno tramannata,

scrivenno solo “cià”, senz’artro affresco.

***

Potrà sembrà sortanto ‘na scemenza,

ma nun lo è pe gnente, so’ sincero,

ché anzi fa sgamà la diferenza …

***

… tra chi s’atteggia a pasquinà, ma è zero,

e chi nun vò tradì la quintessenza

che “CIÀ” der còre da romano vero.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Agosto 2020

Santa Chiara

Santa Chiara

***

Quanno, bambina, vide San Francesco,

fà scerta in Povertà pe Gesù Cristo,

lei vorze poi imitallo in quer ch’ha visto,

seguì l’orme der Santo e der suo desco.

***

Così quarche anno in mezzo s’è frammisto,

finché un ber giorno disse … “Sì, ce riesco,

a vive in povertà ar callo e ar fresco,

da dentr’a un monastero e lì persisto”.

***

Fonnò così er convento de clarisse,

a cui je diede regola che vara

de vive de preghiera e benedisse …

***

… la vita in povertà come più cara,

l’Eucaristia pe nutrimento e visse

così pe sempre a Assisi, Santa Chiara.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Agosto 2020

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

È er dieci agosto, er dì de San Lorenzo,

quanno che annotta e er celo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto, nero notte, intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià er sangue a tutti a gocce, a gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Agosto 2020

Dar Vangelo der giorno: “Pietro cammina su le acque”

Dar Vangelo der giorno: “Pietro cammina su le acque”

***

Le onne già aggitate de tempesta,

scuoteveno la barca a destra e manca,

co li discepoli a faccia bianca

pe la paura de cosa funesta.

***

Apparve a lor Gesù e chi s’appresta

p’annà da Lui è Pietro che s’affranca

da tutti l’artri, e verso Lui già aranca,

ar Suo richiamo: “Vieni”, che lo desta.

 ***

Su l’acqua se ‘ncammina fin’a quanno

er vento lì se ‘nfuria e se fa forte,

e Pietro se ‘mpaurisce co l’affanno.

***

“Signore sarva me da certa morte”,

disse a Gesù, er quale de rimanno,

“Ciài poca fede” e je sarvò la sorte.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani

8 Agosto 2020

Aldo Fabrizi – Er medico m’ha detto

Er medico m’ha detto

***

“Commenda caro è d’uopo che le dica

che l’italiano, escluso er proletario,

pappa tre vorte in più der necessario,

sottoponenno er còre a ‘na fatica.

***

De fame, creda, nun se mòre mica,

piuttosto accade tutto l’incontrario,

e chi vò diventà un centenario

ha da evità perzino la mollica.

***

Perciò m’ascorti e segua er mio dettame,

a tavola nun resto e nun me riempio

e m’arzo sempre che ciò ancora fame”.

***

Embè, quanno ch’ar medico ce credi

bisogna daje retta: mó, presempio,

l’urtimo piatto me lo magno in piedi.

***

Aldo Fabrizi

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

6 Agosto 2020

Siviglia – Roma E.L.

Siviglia – Roma: 2-0

***

Co ‘sta partita qui se chiude un’era,

Pallotta se ne va … e lassa un vòto,

però solo in bacheca … e qui lo noto

co lui mai ‘na vittoria … anche stasera.

***

La Roma cor Siviglia nun cià moto

e nun c’è storia mai pe dilla vera,

l’avrà veduta tutta quanta intera

er novo propietario … e no pe foto?

***

Se spera perché Friedkin metta in conto,

che c’è da lavorà e manco poco,

pe risanà er debbito da sconto.

***

E avrà visto che nun ce sta gran gioco,

perciò ariva e cià da èsse pronto

a mette sòrdi veri pe fà er foco.

***

Stefano Agostino

***