Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Agosto 2022

Ciao Piero

Ciao Piero

***

Tutta l’Italia oggi porta er lutto,

cala er silenzio e pure la tristezza,

se ne va un perzonaggio de grannezza,

che nun pò avé rivali dapertutto.

***

Ciao Piero Angela, me dà amarezza,

già scrive ‘ste parole quant’è brutto,

cor còre a l’improviso ch’è a l’asciutto

e un groppo in gola che sa de monnezza.

***

Viè solo su a la bocca ‘na parola,

un GRAZZIE granne quanto l’univerzo,

che tu ciài fatto amà co la tua scòla.

***

Bon viaggio Piero … tutto dritto verzo

quer Paradiso ‘ndó l’anima vola,

ner mentre io quaggiù me sento perzo.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

La “Banda der buco”

La “Banda der buco”

***

Voleveno fà li “Soliti ignoti”,

scavà er tereno pe arivà a la banca,

penzaveno: “Così la famo franca,

chi ce potrà beccà?” – ‘Sto par de scroti!

***

Sognaveno er bottino e se spalanca

la porta de Rebbibbia a fanne doti,

potrebbero già chiede seggi e voti,

in quanto ladri come nova branca.

***

“Banda der buco” già l’hanno chiamata,

solo che sur più bello tera e sabbia,

la via de fuga je s’è cancellata.

***

E stanno a riccontà co rogna e rabbia

quale sarà la pena carcolata,

e quale buco fà … dentr’a la gabbia.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

12 Agosto 2022

Ricordi e rimpianti

Ricordi e rimpianti

***

Se sa ch’è mejo ’mbagajà ricordi,

che perde tempo appresso ar rimpianto,

se vive nun pe respirà sortanto,

o rimané ’na vita indentro a bordi.

***

Si ciò provato, pure che ciò pianto,

ch’è ita a grilli, invece d’annà a tordi,

armeno ho reso muti, cèchi e sordi,

li morzi der rimorzo che m’ha sfranto.

***

E nun è detto mica che a provacce,

’na vorta nun me dice pure bene,

anche si in mezzo a cento figuracce.

***

Abbasta de nun damme troppe pene,

p’er rischio de toppà o dì fregnacce,

finché me score er sangue ne le vene.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Agosto 2022

Santa Chiara

Santa Chiara

***

Quanno bambina vide San Francesco,

fà scerta in Povertà pe Gesù Cristo,

lei vorze imitallo in quer ch’ha visto,

seguì l’orme der Santo e der suo desco.

***

Così quarche anno in mezzo s’è frammisto,

finché un ber giorno disse … “Sì, ce riesco,

a vive in povertà ar càllo e ar fresco,

da dentro a un monastero e lì persisto”.

***

Fonnò così er convento de clarisse,

a cui je diede regola che vara

de vive de preghiera e benedisse …

***

… la vita in povertà come più cara,

l’Eucaristia pe nutrimento e visse

così pe sempre lei, Santa Chiara.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Agosto 2022

Er 10 agosto

Er 10 agosto

***

Er dieci agosto è er dì de San Lorenzo,

quanno che annotta e er celo, a fari spenti,

lancia pe gioco le stelle cadenti,

su quer tappeto nero notte intenzo.

 ***

Si esprimo in tempo desideri e intenti,

e in quer seconno esatto in cui li penzo,

passa un soffio de stella ne l’immenzo,

li sogni me diventeno viventi.

 ***

Armeno questo è er credo popolare,

così che centinaia de capocce

stanotte stanno in su, l’occhi a lampare.

 ***

Ma ne l’attesa de le stelle a docce,

coroneno li sogni le zanzare,

ner succhià sangue a tutti, a gocce e gocce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

9 Agosto 2022

Er buciardo

Er buciardo

***

Che gusto te darà dì le bucìe?

Che bella professione e ber mestiere,

quello de chi vò fà crede pe vere,

le più frescacce tra le fantasie.

***

Te puzza riccontà cose sincere,

senz’artifici o spece de maggìe,

pe straformalle in millanterie,

che manni in giro pure cor coriere ?!?

***

A vorte dì ’na balla viè opportuno,

ma artra cosa è l’èsse gran cantante,

buciardo pure ne l’uno più uno.

***

Ariverà quer giorno, nun distante,

che nun te crederà mai più nisuno,

pure ch’hai detto er vero più lampante.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

8 Agosto 2022

Le partenze inteliggenti

Le partenze inteliggenti

***

Un anno de lavoro, comprimenti!

Le ferie nun te le toje nisuno,

e su suggerimento de quarcuno,

te dài a le partenze inteliggenti.

***

Solo che te credevi d’èsse uno,

co ’sta penzata pe viaggià contenti,

e invece sò mijoni ’sti fetenti,

partiti come te a celo bruno.

***

Così pe ’sta fantastica trovata,

in fila sotto ar sole, a coce arosto,

imbottijato, penzi a voce arzata …

***

“Partenza inteliggente?… E nun me sposto,

manco de un metro, fermo in careggiata?

Ma vattelappià tutta in quer posto!”

***

Stefano Agostino

________________________

***