Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Pillole

22 Giugno 2024

Pillola del giorno

Il portiere della Spagna contro l’Italia

era in smartworking.

Buon sabato a tutti.

**

I sonetti romani,Romanamente

Cene de compreanno

Cene de compreanno

***

Ciò da fàtte un dono ar compreanno,

vabbè, me pare giusto, nun discuto,

lo so, però permetteme un minuto,

quer che contesto qui è come fanno …

***

… quelli che ar regalo ricevuto,

ce sommeno la beffa inzieme ar danno

de organizzà ‘na cena, tanto sanno,

che ciài d’annacce a spese tue e sta’ muto

***

Così che se raddoppia costo e impegno

e pure che te sembra tirchieria,

‘gni compreanno se stacca un assegno.

***

Ma mó che annamo tutti in pizzeria,

pe festeggiatte mejo e in modo degno,

paga ‘sta pizza, daje, e così sia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Giugno 2024

21 giugno

21 giugno

21 giugno

***

Ventuno giugno: er dì d’avvio d’estate,

er giorno che s’abbraccica la sera,

la notte dura er tempo che s’annera,

ché già le luci d’arba sò tornate.

***

Er tempo in cui Madama Primavera,

dopo ch’ha dato l’urtime passate,

lassa vernici e tele adoprate,

a Sora Estate che aritorna fiera.

***

Le tinte ar celo ch’è mare d’azzuro,

sanno dà pace e senzo de vacanza,

pur a chi vive sempre dietro ar muro.

***

Senza bussà, la luce va in stanza,

come pe dì ch’è tutto più sicuro,

spece pe chi ne sente la mancanza.

******

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Giugno 2024

Roma in rima più forte de prima

Roma in rima più forte de prima

***

Ciànno provato, sì, ciànno provato,

a tojeme er giocattolo de mano,

a spegne “Roma in rima” e ‘sto romano,

che prova a sonettà su der Creato.

***

Ce sò guasi riusciti a fà quer piano,

li chiameno, co termine fatato,

de “hacker”, l’obbiettivo dichiarato

distrugge un sito che je sòna strano.

***

Ma peffortuna a ‘sto geniale intento,

nun è seguito in pratica quer danno,

e io felice, alegro e assai contento …

***

… senza penzà a ‘ste bestie che ce stanno,

ciò ancora ROMA IN RIMA e già me sento

più voja de rimà qui da ‘sto scranno.  

 ***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Giugno 2024

Maturità

Maturità

***

Sin dar comincio de le superiori

è spauracchio de tutta la scòla,

“Maturità” già basta la parola,

pe mette anzia fino da l’arbori.

***

E nun è frase fatta “er tempo vola”,

ché pure che in prima un po’ l’ignori,

 seconna, terza, quarta e sò dolori,

ariva er quinto anno e lì te sòla.

***

Quali materie e prima “l’ammissione”,

du’ prove scritte e dopo c’è l’orale,

e chi ce sta quest’anno in commissione?

***

Er primo esame vero generale,

pe cresce come ommini e perzone,

“in bocca ar lupo” o “daje” a Roma è uguale.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Giugno 2024

L’afa

L’afa

***

Boiaccia l’afa, razza de callaccia,

te fa sudà sortanto che ar penziero,

nun tira un filo d’aria, gnente, zero,

da stà sempre attaccati a la boraccia.

***

L’ummidità t’ha fatto priggiognero,

in celo c’è ’na cappa che te schiaccia,

che smoscia testa, busto, gambe e braccia

e te ce vò ’na gru pe tornà intero.

***

Da la matina a sera, tutto er giorno,

l’asfarto pare guasi ch’è un braciere,

a coce l’omo come dentro a un forno.

***

Nun c’è ’na nuvola che sia pompiere,

a spegne er foco che ce sta attorno,

er Sole arubba ar diavolo er mestiere.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2024

17 giugno 2001


17 giugno 2001

***

Più de vent’anni da quann’è successo,

a me, nun so perché, me pare ieri,

la lunga sfida co li bianconeri,

che m’arivivo guasi fusse adesso.

***

E m’aricordo l’anzia e li penzieri,

prima de comincià, quer giorno stesso,

sospeso tra l’euforico e l’ossesso,

speranno che quell’attimo s’avveri. 

***

Poi finarmente ecco la partita,

li nostri che se sfileno la tuta,

pe vive er sogno che vale ‘na vita.

***

E ’gni paura pare sconosciuta,

quanno s’eterna la gioia infinita,

co Totti, co Montella e Batistuta.

***

Stefano Agostino

***