Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

29 Maggio 2020

Serie A e serietà

Serie A e serietà

***

Come si nun se fusse già capito

da quanno che c’è stata pandemia,

che er carcio riprenneva la sua via,

quer ch’è successo a poco j’è servito.

***

Er 20 giugno quinni se ripìa,

pe fà contenti, certo, er sor Lotito,

ma er baraccone intero ch’è finito

a gambe a l’aria co ‘sta malatia.

***

Zero rispetto a 30mila morti,

p’er rischio der contaggio ch’è in aumento,

e de tifoserie a li feri corti.

***

Er carcio je lo do co sentimento,

a ‘sti papponi che, tutti coinvorti,

sò finti più de un “serfie” a pagamento.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

28 Maggio 2020

Messaggi e messaggini

Messaggi e messaggini

***

Ciài fatto caso che quanno un messaggio

se manna scritto invece che parlato,

sò spesso assai le vorte ch’è traviato,

da l’interpretazzione e dar suo raggio?

***

Nun c’è confronto tra testo inviato

e parlà a l’occhi, usanno anch’er linguaggio

de tutto er corpo, quanno che c’è l’aggio

d’avé un contraddittorio ch’è immediato.

***

Er danno de le “chat” è spesso quello

che s’arimane tutti de l’idea

che già se aveva prima der bordello …

***

… ché un messaggino scritto invece crea,

in grado de scambià brutto co bello

o invece cioccolata pe diarea.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Maggio 2020

Dubbi sur Covid

Dubbi sur Covid

***

Uno te dice: “Tocca stà in campana!

Nun è finita qua la pandemia”,

un’artro fa: “Ormai ‘sta malatia,

nun pò durà che quarche settimana”.

***

Sò medici, nun è ‘na profezzia,

ciascuno co un’idea e cosa strana

nun è mai uguale a l’artra a rènne vana

la scerta pe imboccà qualunque via.

***

C’è chi ce dice: “Er virus nun è morto

anzi in autunno infetterà a razzo,

e artri invece: “Er covid s’è disciorto”.

***

A aumentà li dubbi e l’imbarazzo,

de chi da marzo, co raggione o torto,

nun ce sta ancora oggi a capì un c…o !!!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Maggio 2020

San Filippo Neri

San Filippo Neri

***

Un santo, passaporto fiorentino,

ma ch’ha vissuto tutto er tempo a Roma,

ar punto da intuì e parlà ‘st’idioma,

si nun è apostolo, ce va vicino.

***

Li tratti tutti sin dar cromosoma,

de chi soride ar sole der matino,

giullare più der mejo regazzino,

è San Filippo Neri cor diploma …

***

… de chi ha vissuto pe portà er Vangelo

e la Sua Gioia a stampo fisso in viso,

senza annisconne gnente addietro a un velo.

***

Famoso “State boni” cor soriso

“ma si potete” e l’occhi dopo ar Celo,

pe dì: io preferisco er Paradiso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

25 Maggio 2020

La “covida”

La “covida”

***

Nun s’era detto: “Gnente assembramenti”?

poi senti fà schiamazzi, urla e grida,

da gente in giro, mejo la “movida”,

tutti vicini e senza accorgimenti.

***

Nun è da eroi e manco ‘na gran sfida,

si ciànno detto tutti: “State attenti!

Abbasta poco pe rischià l’aumenti

de li contaggi, grazzie a ‘sta … covida!”

**

Tocca da stà in campana e in sicurezza,

co mascherine e pulizzia de mano

e distanziati … questa è ‘na certezza.

***

Pe evità de rènne tutto vano

lo sforzo fatto a mettece ‘na pezza,

vabbè riaprì, ma a cervello sano.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Maggio 2020

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

***

Mancava poco a l’Ascenzione in Celo,

quanno Gesù je disse ner saluto,

’na cosa granne a l’urtimo minuto,

che indentro a sé cià er senzo der Vangelo.

***

“Io sargo ar Padre, ma nun vo via muto,

anzi starò co voi fin pelo pelo,

ch’er monno tira giù a sipario er telo,

finirà er tempo co un chi ha avuto, ha avuto.

 ***

Potrete chiede ar Padre, in nome mio,

qualunque cosa, Lui ve darà ascorto,

fidateve e credeteme, so’ er Fìo.

 ***

V’aricordate che Io ero morto,

(no, dico morto ?!?) e Lui, da vero Dio,

er terzo giorno dopo m’ha risorto!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________________

***

Poesie romanesche

23 Maggio 2020

Trilussa – Er disinteresse

Er disinteresse

***

Una Mosca cascò drento un barattolo

pieno de marmellata

e ciarimase mezza appiccicata.

Cercava de stà a galla, inutirmente,

provava a uscì, sbatteva l’ale, gnente!

Più s’attaccava ar vetro,

più scivolava addietro.

***

Un Ragno, che pe caso

lavorava su una trave der soffitto,

cor filo de la tela, dritto dritto,

scese a piommo sur vaso:

“Che bella Mosca” – disse – “pare un pollo.

È necessario che la sarvi io

pijannolla p’er collo

armeno ce guadagno

che fo ‘na bona azzione e … me la magno”.

***

Conosco uno strozzino amico mio

che cià li stessi metodi der Ragno…

***

Trilussa

___________________

***