Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 novembre 2018

Roma – Sampdoria

Roma – Sampdoria: 4-1

ééé

Se riesce a vince in casa, è già un evento,

e lo se fa, perzino, tanto a poco,

se vede pure a tratti der ber gioco,

pe un 4 a 1 che fa soffià er vento.

***

No er gioco, dico, quello fioco fioco

che s’era visto a Roma, spesso spento,

co risurtati da più de un lamento

e prestazzioni a zero o pressappoco.

***

Juan Jesus segna er primo a fà suggello

de quanto appena detto, cor seconno

che mette dentro Schick a fà l’appello.

***

Poi El Shaarawy doppia pe l’affonno

er terzo go’ ch’è pure un ber gioiello

er quarto che concija pure er sonno.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 novembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la vedova ner Tempio”

Dar Vangelo der giorno: “la vedova ner Tempio”

***

Gesù, ner tempio, dava inzegnamenti:

“Guardateve da scribbi in pompa magna,

co lunghe vesti e a ostentà cuccagna,

sempre li primi a li ricevimenti.

***

Divoreno le vedove in migragna

e pregheno così che tu li senti,

… a seguità ‘sto passo, state attenti,

finischeno in eterno ‘ndó c’è lagna”.

***

Poi se guardò er tesoro e vide gente

che ce buttava un sacco de monete,

‘na vedovella … un sòrdo solamente.

***

Chiamò li sua e disse: “Bè, vedete,

‘sta pòra donna ha dato quer suo gnente

ma è tutto quer che cià … e mó arifrettete!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Poesie romanesche

10 novembre 2018

Er Cane e la Luna

Er Cane e la Luna

***

C’era ‘na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,

che abbajava a la Luna. Passò un Gatto:

– Lascila perde – disse – che t’ha fatto?

Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!

La Luna guarda tutti, ma nun bada,

a quelli che s’ammazzeno pe strada.

***

– E pe questo ce sformo! – disse er Cane –

In mezzo a tante infamie e tanti guai,

ècchela lì! Nun s’è cambiata mai

e rimane impassibbile, rimane…

Me piacerebbe ch’aggriggiasse er naso,

che stralunasse l’occhi …. Nun c’è caso!

***

– Perché ‘ste cose qui l’ha viste spesso:

– rispose er Gatto – er monno è sempre quello.

Quanno Caino sbudellò er fratello

la Luna rise tale e quale adesso:

ha riso sempre e riderà perfino

si un giorno Abbele scannerà Caino.

***

Trilussa

______________

***

I sonetti romani

9 novembre 2018

Messaggi e messaggini

Messaggi e messaggini

***

Ciài fatto caso che quanno un messaggio

se manna scritto invece che parlato,

sò spesso assai le vorte ch’è traviato,

da l’interpretazzione e dar suo raggio?

***

Nun c’è confronto tra un testo inviato

e er fatto de parlà a l’occhi e er linguaggio

de tutto er corpo e quanno che c’è l’aggio

d’avé un contraddittorio ch’è immediato.

***

Er danno de le “chat” è spesso quello

che s’arimane tutti de l’idea

che già se aveva prima der fardello …

***

… ché un messaggio scritto impicci crea

in grado de stà a combinà un macello

che scambia cioccolata pe diarea.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

7 novembre 2018

CSKA – Roma C.L.

CSKA – Roma: 1-2

***

Quer che c’era da fà lo s’è ben fatto,

la Roma vince a Mosca e qui fa er pieno

de punti pe arisprenne de sereno,

che de ‘sti tempi pare nun sia er tratto.

***

E nun ce ne pò già fregà de meno

pe com’è ita, un due a uno matto,

ché s’è arischiato de sartà ‘sto piatto,

co un pari che tirava forte er freno.

***

L’ha aperta Manolas co un go’ in rapina,

poi er pari loro, ar tempo seconno,

fin’a quer uno a due da cartolina …

***

… de Pellegrini che qui me ce fionno

a dì ch’è er mejo vino de cantina,

da tené stretto qui, fin’a ch’è nonno.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Li rompicojoni

Li rompicojoni

***

Er loro DNA cià er cromosoma

che li rènne così: co quest’accento,

un ber fardello nasce co l’intento

de rompe li maroni in de ‘gni idioma.

***

Un dono naturale ch’è un portento

che s’acuisce e cresce e nun se doma,

più che s’arza l’età e se diproma

tra scasso de le palle e gran tormento.

***

Ma normarmente chi cià ‘sto suo vizzio

nun se ne rènne manco bene conto

de quanto le fracassa guasi a sfizzio.

***

Qui la finisco co le citazzioni,

ché io so’ er primo a nun temé confronto

ne la gara a chi è più rompicojoni.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

6 novembre 2018

A Roma nun te serve annà in palestra

 

A Roma nun te serve annà in palestra*

**

A Roma nun te serve annà in palestra:

le gambe te le fai si vai a piedi,

speranze de arivà ce n’hai e lo vedi

si aspetti er bus, è come stà in finestra.

***

L’addominali, basta che lo chiedi

a un inzegnante che te ce ammaestra,

li fai ‘gni vorta che te passa a destra

un motorino e a lo spavento cedi.

***

Le braccia, co ‘sta pioggia fitta fitta,

le fai co du’ bracciate a dorzo o a rana,

ma co la testa fòri pe stà dritta.

***

Ce mancheno li glutei in fila indiana?

Direi proprio de no: ched’è aria fritta,

er culo che fa la gente romana?

***

Stefano Agostino

___________________________

***