Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2018-19

19 Gennaio 2019

Roma – Torino

Roma – Torino: 3-2

***

Se pijano tre punti tutti ar volo,

dopo ‘na gara ch’è tutta arternanza,

du’ vorte sopra, poi ‘na titubbanza

e un artro po’ te fai male da solo.

***

Pe spiegà mejo s’apre co la danza

su quer pallone fatta da Zaniolo,

è uno a zero, tutto co un assolo

de un giocatore che ‘gni vorta avanza.

***

Er due è go’ de Kolarov, rigore,

poi ner seconno tempo ‘sto Torino

accorcia e patta e stava a dà un dolore.

***

Ma nun se esce mica a capo chino

co El Shaarawy che riavvia er motore,

e hai visto mai che sia, pure er destino.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er lamentoso

er lamentoso

Er lamentoso

***

Da quanno ch’eri in fasce te lamenti,

ma mentre si s’è pupi tutto vale,

mó che sei granne e grosso, ma è normale

che ancora ciài l’istessi atteggiamenti?

***

E nun ce sta ‘na vorta, eccezzionale,

lo dico a te, hai visto mai ce senti,

in cui nun frigni e sbraiti e te tormenti,

pe quarche cosa che t’è ita male.

***

Così ‘gni giorno co ‘sta cantilena,

succede tutto a te, come ‘na conta,

che tocca sempre a te sartà la cena.

***

Ma, penza, nun c’è giorno che tramonta,

che nun dispenza a tutti quarche pena

e vince chi nun piagne, ma l’affronta.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

A tavola,I sonetti romani

18 Gennaio 2019

Er caffè

Er caffè

***

Er gusto sopraffino e quer sapore

de quelli che ’ngongoleno narici,

che t’apreno pormoni e benedici

chi l’ha inventato ch’è un benefattore.

 ***

La machinetta, in meno che lo dici,

borbotta a un tratto e sbuffa de vapore,

dopo un seconno, pieno de calore,

spanne l’aroma in mille direttrici.

 ***

Macchiato, ar vetro, corto o, ar più, ristretto,

espresso, lungo, freddo, in tazza granne,

o co un goccetto d’arcol, si è coretto.

 ***

So solo che si m’arzo che sto in panne,

appena sletargato ’ngiù dar letto,

senza er caffè, io arimarei in mutanne…

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Gennaio 2019

Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate

***

Gennaio diciassette, oggi aricore

er giorno ch’è de Sant’Antonio Abate,

er Santo che da quanno ch’era frate

vivette da eremita tutte l’ore.

***

“Quer che ciavete voi … che lo doniate”

quest’era er suo principio, er suo motore,

ar punto che se chiuse p’er fervore

in de ‘na grotta a vive e a magnà a rate.

***

La tradizzione vole aricordallo

come ch’er protettore d’animali,

da ‘gni maiale a un cane, un gatto e un gallo.

***

Ché ancora oggi bestie e allevatori,

ner dì che in lui der Cèlo cià natali,

se fanno benedì anime e còri.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Gennaio 2019

La via giusta

La via giusta

***

‘Gni giorno pò accadé de fà un pastrocchio,

fa parte de la vita e un po’ der gioco,

e nun lo dico certo pe fà foco

su chi de punto in bianco fa un papocchio.

***

Lo dico più pe chi, in de ‘gni loco,

se crede d’èsse esente da ‘sto scrocchio,

poi je succede che ce butti un occhio

e vedi che quer credo è fioco fioco.

***

Er fatto è che se pò sbajà la strada,

un attimo e se ‘mbocca er lato storto,

senza nemmeno er modo da dì … “bada!”

***

Ma si ciài tempo e sale in zucca sciorto,

pòi tornà presto, sempre che te vada,

su la via giusta e no ar binario morto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

14 Gennaio 2019

Roma – Entella C.I.

Roma – Entella: 4-0

***

La prima gara de ‘sto novo anno

va co la Roma che arisale in sella,

e bella forza, tu dirai, l’Entella, 

ma intanto qui de scarze nun ce stanno.

**+

Appena ch’è inizziata scampanella

er primo go’ de Schick, un capodanno

de un novo corzo che stamo aspettanno,

da quanno ch’è venuto come stella.

***

Er due è de Marcano. Er tre è ancora

de Schick che inanella ‘sta doppietta

er quarto de Pastore che ariaffiora.

***

Se passa er turno, cosa bona e retta,

ché tutto er resto nun ce ‘mporta ora,

nun c’è peggior nemica de la fretta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****