Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 dicembre 2018

Dieci giorni ar Natale

Dieci giorni ar Natale

***

Ce semo, ormai! Sortanto dieci giorni

e finarmente, poi, sarà Natale,

‘gni anno ch’è diverzo e gni anno uguale,

ner ciclo de staggioni e de ritorni.

***

In giro è un friccicore generale,

de addobbi e de lustrini pe contorni,

ché pure er cèlo, invaso da li storni,

pare arifrette luce siderale.

***

Gente che córe intenta a fà regali,

infiocchettati in nastri sluccicanti,

in cerca de sorprese origginali.

***

Ce se prepara tutti a inviti e canti,

e a le magnate, quelle colossali,

che pare che nun magni da ‘Gnissanti.

***

Ma ce se scorda già de chi cià uguali

li giorni messi in fila tutti quanti,

senza né compreanni né Natali.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 dicembre 2018

Viktoria Plzen – Roma C.L.

Viktoria Plzen – Roma: 2-1

ééè

Stavorta sola, co ‘na senzazzione,

der tutto nova a vive la partita,

ché tanto come che fusse finita,

nulla cambiava in ottica girone.

***

La Roma, da seconna, era in gita,

ner freddo messo giusto a l’occasione,

pe annà a sgambà più pe prestazzione,

che pe giocasse un pezzo suo de vita.

***

Perciò nun conta tanto er risurtato,

che a la fine segna punti zero,

ma era pe sperà un gioco rinato.

***

Ma senza volé sempre vedé nero,

ce sta da reggistrà come er malato

nun è guarito certo pe davero.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Un Natale vero

Un Natale vero

ééé

Nun dico de nun favve li regali,

ma è vero che ormai basta er penziero,

in de ‘sto monno nostro priggioniero

de li ricchezze tutte artificiali.

***

Provate a fà Natale pe davero,

no come tutti l’anni e li natali,

co tanti pacchi e visi sempre uguali,

quanno d’amore ce n’è poco o zero.

***

Provate a penzà un poco ar “festeggiato”,

così tanto pe aricordà ch’ha fatto

ner giorno in cui sarebbe er celebrato.

***

Pe un anno date ascorto anche a la voce

de un “pupo” che cià già contorni e tratto

de Chi pe noi s’è fatto mette in Croce.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 dicembre 2018

Un friccicore generale

Un friccicore generale

***

Se sente un friccicore generale,

e se respira tutto brillantato,

c’è come quarche cosa de fatato,

c’è come quarche cosa de speciale.

***

Se avvicina co passo ferpato

er venticinque, giorno de Natale,

che riesce sempre a fà tornà gioviale

anch’er più muso lungo patentato.

***

Tra nastri, luci e addobbi de ‘gni forma

ce se prepara tutti ar lieto evento,

che a l’anima der pupo lassa l’orma

***

Orma che nun va via e che fa contento

‘gni còre che quer giorno s’ariforma

quann’è Natale esatto, in quer momento.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 dicembre 2018

L’anzia

Ansia

L’anzia

******

Nemica dichiarata senza appello,

te strigne in gola e te riappalla l’occhi,

ar còre pompa er sangue e li rintocchi,

li senti dritti fin’a su ar cervello.

***
E’ l’anzia, che te prenne e te fa a tocchi,

paura de cascà indentr’ar burello,

pe  ‘sto futuro ch’è un indovinello,

da scioje, che nun basteno tarocchi.

******

Avoja a dì “fa’ scivolatte tutto!”,

ché fin’ a che nun passa stai aggitato,

più peggio assai der mare er peggio flutto.

***

Quanno l’ostacolo l’hai superato,

l’anzia bastarda se ne va e, ner lutto,

te lassa un mar de testa pe legato!

******

Stefano Agostino

___________________________________

 

I sonetti romani,Schegge di vita

9 dicembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “voce che grida ner deserto”

Dar Vangelo der giorno:

“voce che grida ner deserto”

***

Così che fu mannato un messaggero,

a preparà la strada p’er Signore,

che stava pe venì, pe Grazzia e Amore,

e pe diffonne ar monno er Credo Vero.

 ***

Battista battezzava a tutte l’ore,

ner predicà er perdono più sincero,

e stava in der deserto er giorno intero,

magnannose locuste e quarche fiore.

 ***

Vestito co li peli der cammello,

“Dopo de me” – diceva – “ne viè Uno

più granne ar punto che de fronte a Quello, …

 ***

… io nun so’ degno de chinamme a Tanto,

io ve battezzo in acqua e so’ un nessuno,

Lui ve battezzerà in Spirito Santo”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

8 dicembre 2018

Cagliari – Roma

Cagliari – Roma: 2-2

***

S’è trasformata quinni in un pareggio,

era vittoria fino a poco prima,

come potrò mai sonettà la rima,

senza annà a usà parole de dileggio?

***

Come se fà, dar due a zero in cima,

finì co un due a due ch’è un punteggio,

che nun è sortanto brutto, è pure peggio,

a mette er dito ne la piaga, a stima.

***

Va tutto storto, nun ce dice bene,

er resto è corpa nostra chiaramente,

che se pìamo sempre troppe pene.

***

Così prennemo un punto solamente,

che certo nun ce magni grosse cene,

c’è troppa gente che nun è presente.

***

Stefano Agostino

***