Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Maggio 2020

La “covida”

La “covida”

***

Nun s’era detto: “Gnente assembramenti”?

poi senti fà schiamazzi, urla e grida,

da gente in giro, mejo la “movida”,

tutti vicini e senza accorgimenti.

***

Nun è da eroi e manco ‘na gran sfida,

si ciànno detto tutti: “State attenti!

Abbasta poco pe rischià l’aumenti

de li contaggi, grazzie a ‘sta … covida!”

**

Tocca da stà in campana e in sicurezza,

co mascherine e pulizzia de mano

e distanziati … questa è ‘na certezza.

***

Pe evità de rènne tutto vano

lo sforzo fatto a mettece ‘na pezza,

vabbè riaprì, ma a cervello sano.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Maggio 2020

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

Dar Vangelo der giorno: l’Ascenzione

***

Mancava poco a l’Ascenzione in Celo,

quanno Gesù je disse ner saluto,

’na cosa granne a l’urtimo minuto,

che indentro a sé cià er senzo der Vangelo.

***

“Io sargo ar Padre, ma nun vo via muto,

anzi starò co voi fin pelo pelo,

ch’er monno tira giù a sipario er telo,

finirà er tempo co un chi ha avuto, ha avuto.

 ***

Potrete chiede ar Padre, in nome mio,

qualunque cosa, Lui ve darà ascorto,

fidateve e credeteme, so’ er Fìo.

 ***

V’aricordate che Io ero morto,

(no, dico morto ?!?) e Lui, da vero Dio,

er terzo giorno dopo m’ha risorto!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________________

***

Poesie romanesche

23 Maggio 2020

Trilussa – Er disinteresse

Er disinteresse

***

Una Mosca cascò drento un barattolo

pieno de marmellata

e ciarimase mezza appiccicata.

Cercava de stà a galla, inutirmente,

provava a uscì, sbatteva l’ale, gnente!

Più s’attaccava ar vetro,

più scivolava addietro.

***

Un Ragno, che pe caso

lavorava su una trave der soffitto,

cor filo de la tela, dritto dritto,

scese a piommo sur vaso:

“Che bella Mosca” – disse – “pare un pollo.

È necessario che la sarvi io

pijannolla p’er collo

armeno ce guadagno

che fo ‘na bona azzione e … me la magno”.

***

Conosco uno strozzino amico mio

che cià li stessi metodi der Ragno…

***

Trilussa

___________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2020

Santa Rita

Santa Rita

***

Se aricconta che un Venerdì Santo,

co lei inginocchioni ar Crocifisso,

ner mentre Lo pregava a còre fisso,

avvenne er fatto tramandato in canto.

***

‘Na spina de quela Corona, abbisso

der Re che de la Croce porta er vanto,

se conficcò a la fronte sua ner pianto,

e lì arimase a daje un segno infisso.

***

La Santa ch’era nata co la scorta,

de api bianche dar color de sposa,

che l’hanno salutata, quann’è morta, …

***

… cambianno er manto in nero, e quela rosa,

ner pieno de un gennaio, a un tratto è sorta,

sboccianno ar punto esatto in cui ariposa.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Maggio 2020

Graminacee e parietarie

Graminacee e parietarie

***

Le graminacee co le parietarie

fiorischeno intorno a metà maggio,

ma in genere è solo che un assaggio

de quer che fanno a giugno: le più varie…

***

… spruzzate in aria a pollini da viaggio,

che pe narici allergiche contrarie,

come li dorci a denti fanno carie,

sò fonti de stranuti da ortraggio.

***

A maggio e giugno infatti nun a caso,

che m’aritrovo fisso er fazzoletto,

a mo’ de mascherina sopr’ar naso.

***

La notte m’accompagna spesso a letto,

così che dormo er tempo che l’evaso

cià pe fuggì, calannose dar tetto.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Maggio 2020

Che fine ha fatto er congiuntivo?

Che fine ha fatto er congiuntivo?

***

Vojo parlà de un modo trapassato,

remoto ner presente e indicativo,

passato già da qui: er congiuntivo.

Non è infinito e cià futuro ingrato.

***

Condizzionale a ‘gni artro sostantivo,

de un anteriore e participio stato,

ormai imperfetto, nun viè manco usato

pe fà un gerundio in tono imperativo.

***

Credevo fusse malatia de l’occhio,

come p’er naso esiste la rinite,

o de la lavannara e er suo ginocchio.

***

Invece de ‘na spece de borzite,

è pure peggio e viè un ber pastrocchio,

si er congiuntivo va in congiuntivite!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Maggio 2020

A le tre de … botte

A le tre de … botte

***

Ero accucciato e stavo a fà un ber sogno,

quann’ecco un botto … a le 3 de notte,

me svejo, un soprassarto me se inghiotte,

ma ch’è successo? M’arzo … Ciò bisogno …

***

… vojo capì ch’è stato, ma me fotte 

er sonno … giro casa e me sbologno

bagno e cucina … e dico … me vergogno,

famme vedé si fusse mai la botte?

***

Ché ciò ‘na botte a forma de cantina,

e vedo un tappo … a strabbuzzà le cija,

er vino tutto in tera … a schiena china

***

‘no straccio a pulì er bene de famija,

inzomma è notte, ma pe me è matina:

ché m’è schioppata la mejo bottija.

***

Stefano Agostino

__________________________

***