Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 Giugno 2019

La Pallottese

La Pallottese

***

T’è arimasto de cambià la sede,

tra Londra e Boston, certo no a Trigoria,

levaje novant’anni e più de storia

e anche la lupa, si nun la pòi véde.

***

Già che ce sei, co tutta la tua boria,

de chi ha capito tutto e manco chiede,

pòi cambià l’inno e mette un quarche erede,

pe ariccontà le gesta tue in memoria.

******

Mette Di Canio ar posto de Francesco,

un’aquila piuttosto che la lupa,

e anche solo a dillo nun ce riesco …

***

… pòi usà come colori tua sociali,

er bianco e er blu … che già er penziero sciupa,

pòi fà tifà solo che li lazziali.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2019

17 giugno 2019

17 giugno 2019

***

Diciotto anni fa pareva un sogno,

tre a uno contr’er Parma e fu scudetto,

a ripenzacce s’ariscalla er petto,

ciò 18 anni in più … nun me vergogno.

***

Totti, Montella e Batistuta … letto

ancora oggi è un tris che dà sbologno,

a ‘gni artra squadra … e quanno ciò bisogno,

me l’aripeto e me gusto l’effetto.

***

Ma er sogno vivo, diciassette giugno,

de quer dumiliaeuno … oggi stesso,

è come si prennesse in faccia un pugno …

***

L’addio der Capitano nun cià un nesso,

serve a ‘ntristì a maggior raggione er grugno,

 Pallotta, io te schiferò da adesso.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Giugno 2019

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò fà un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte e ar tempo stesso in communione,

dico quel’espressione d’Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è normale, è ovvio, er Trio divino,

è un Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è argomento che lo spieghi, tanto

ce pòi arivà sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei e a quer Suo impianto,

che pòi intuì un solo Dio in cui crede:

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Giugno 2019

Ciao Franco Zeffirelli

Ciao Franco Zeffirelli

***

Tu resterai pe sempre in fonno ar còre,

pe quer Gesù de Nazareth diretto,

nun tanto perché era er firm perfetto,

ma è p’er messaggio suo de vero Amore.

***

Co l’occhi mia sgranati de bimbetto,

ce l’ho tra li ricordi cor colore,

fin’a scanzà lo sguardo p’er dolore

de l’Omo appeso in Croce e quer Suo aspetto.

***

È anche grazzie ar tuo capolavoro,

ne hai fatti tanti artri tutti granni,

che credo in Dio e ancora me ‘nnamoro …

***

.. a rigurdà quer firm … lo faccio sempre …

e lo farò finché potrò ne l’anni …

ciao Franco, omo vero d’artre tempre.

***

Stefano Agostino

_____________________

*** 

I sonetti romani

Trilussa – Li conziji boni

Li conziji boni

***

Tu ce l’hai co li vecchi e co l’anziani,

perché adesso sei giovane, se ‘ntenne,

l’ucelletti che metteno le penne

vann’a beccà la coda a li gabbiani.

***

M’abbada a te, sia detto senz’offenne,

che quer ch’è oggi nun è più domani,

quanno te ‘nvecchierai come arimani,

si sei inzurtato e nun te pòi difenne?

***

Presempio, l’antro giorno ho risaputo

che ner véde se sor Checco pe le scale

j’hai dato, sottovoce, der cornuto.

***

Chiamà cornuto un omo de ‘sta sorte.

Penza che cià ottant’anni e, bene o male,

te potrebb’èsse padre quattro vorte.

***

Trilussa

________________________

I sonetti romani,Romanamente

14 Giugno 2019

Er riposo der gueriero

Er riposo der gueriero

***

Riposo der gueriero de forchetta,

che fino a poco fa come magnava,

manco ’na tigre a l’isola de Giava,

fin’a lustrasse er piatto de scarpetta.

 ***

È steso lì, dar trono che occupava,

’sto Re de “Cacioepepe” e de “Porchetta”,

che dopo la magnata prediletta,

s’accascia e se sletarga a fà la bava.

 ***

Stennese a letto, che hai finito er piatto,

a guardà bene, nun è mica strano,

nun è ’sto magnaccione a èsse matto.

 ***

È er campà d’oggi che nun è più sano,

ce porta sempre a córe, e questo è er fatto,

chi riesce a appennicasse è già marziano.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Er riposo der gueriero

***

******

I sonetti romani,Romanamente

13 Giugno 2019

Li segni zodiacali

Li segni zodiacali

***

Er fatto che so’ nato Capricorno,

io l’ho scoperto tanto tempo dopo,

ner senzo che nun m’ha mai fatto d’uopo

interessamme ar segno de quer giorno.

 ***

Nun vojo fà come fa er gatto ar topo,

che nun lo magna, ma je gira attorno,

arivo ar dunque, pe cui me ce scorno:

l’oroscopo, pe me, nun cià ’no scopo!

 ***

Che cambia Acquario, Vergine o Leone,

Gemelli, Cancro, Pesci o Saggittario,

Bilancia, Ariete, Toro o, ar più, Scorpione?

 ***

È solo un modo e manco così vario,

che più che dì er futuro in previsione,

serve a li maghi pe sbancà er lunario.

***

Stefano Agostino

________________________

***