Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Aprile 2019

Pennichelle pomeridiane

Pennichelle pomeridiane

***

In genere, nun amo er dopo pranzo,

so’ allodola, così me svejo presto,

ar pomeriggio è troppo che so’ desto,

me scatta la cecagna in disavanzo.

***

“Er pomeriggio è lungo” … poi, der resto,

così quanno che magno e che m’appanzo

si trovo un letto, me ce sparapanzo,

m’appennico e me canticchio er testo.

***

Ma quanno che lavoro cambia tutto,

meno che l’occhio, apparpebbrato stesso,

ché solo pe riaprillo so’ distrutto.

***

E m’aritrovo ar centro de un conzesso,

co tutti che me guardeno de brutto,

che m’annisconnerebbe indentr’ar cesso…

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Aprile 2019

25 aprile

25 aprile

***

Giornata de memoria, ortre la festa,

’ndò s’aricorda la Libberazzione,

da quel’infame e lorda occupazzione,

de quer reggime che chinò la testa.

 ***

Pe chi nun cià coscènza d’oppressione,

d’assurdità e violenza manifesta,

er venticinque aprile pe lui resta

sortanto un giorno in cui pò fà er portrone.

 ***

’Gni dittatura, dar nazzismo a Mao,

se porta dentro a sé l’erbaccia inzana

er soffocà ‘gni libbertà e ’gni Tao.

 ***

Grazzie perciò a l’armata americana,

a chi cià libberato e ar “bella ciao”

de la curtura e lotta partiggiana.

**

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 Aprile 2019

Alergia

allergia

Alergia

***

Pe me ‘sto tempo già vor dì alergia,

che poi me se stracina fin’a agosto,

nun ce sta polline, cui me ce accosto,

che nun stranuto l’animaccia mia.

***

Rimedi l’ho provati de ’gni costo,

cure e vaccini o l’omeopatia,

ma pure che anagramma in “alegria”,

co l’alergia nun rido manco imposto.

***

Le borze a l’occhi, er fazzoletto ar naso,

dormo du’ ore a notte e so’ un fantasma,

“etciù” – “Salute” – a ’gni fiore de vaso.

***

Eppoi, quanno me pìa perzino l’asma,

allora me farebbe un ber travaso,

de naso, occhi, orecchi, gola e plasma…

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Aprile 2019

Le straggi de Pasqua

Le straggi de Pasqua

***

Vijacchi, maledetti e senza Dio,

perché de certo voi nun ce l’avete,

nun ce sta dio (minuscolo) sapete,

che pò ordinà massacri e lo schifio …

***

… de uccide gente inerme co ‘na sete

de odio che nun cià mai fine e un io

de chi ammazza a fà scontà er fio

de avecce un’artra Fede da compete.

***

Un attentato a Pasqua come segno,

der vostro fine solo de terore,

ché nun cià artra loggica a sostegno.

***

Nun certo quella che fa vince er còre,

che mette ar centro de tutto er Suo Regno,

un Dio (maiuscolo) ch’è solo Amore.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 Aprile 2019

Pasquetta

Pasquetta

***

A Roma, er giorno propio de Pasquetta,

er lunedì de l’Angelo a li santi,

la tradizzione impone a tutti quanti,

la gita fòri porta a ’na fraschetta.

 ***

Così che pare d’èsse villeggianti,

cor pranzo ar sacco e voja de porchetta,

ché tempo c’è pe fà la dieta stretta,

de quelle a base de lamenti e pianti.

 ***

È er solo lunedì de tutto l’anno,

che t’arzi senza er peso der mestiere,

com’è pe l’artri cinquantuno in danno.

 ***

A meno de nun èsse parucchiere,

sinnò Pasquetta è festa co l’inganno,

de chi la pija sempre in der sedere.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Aprile 2019

Dar Vangelo der giorno: “nun è qui, è risorto”

Dar Vangelo der giorno: “nun è qui, è risorto”

***

Maria de Màgdala, ar matino presto,

annò ar seporcro ‘nd’era posto er Cristo,

co aromi e oli a unge er Corpo pisto

tre giorni dopo er fatto più funesto.

***

Penzò … come farò, e già me rattristo,

a toje er masso enorme messo lesto

davanti a quela tomba, co che gesto?

 Ma quanno che arivò co l’occhi ha visto …

***

… quer masso ch’era già stato spostato,

e un omo in veste candida je disse:

“Gesù qui nun ce sta e nun va cercato.

***

Tu nun avé paura: si era morto,

adesso è in Galilea, Lui che predisse,

tre giorni in cui sarebbe poi risorto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

Inter – Roma

Inter – Roma: 1-1

***

Co ‘na giornata arquanto favorevole,

pe l’artri risurtati incolonnati,

pure tre punti sò stati sfiorati,

ma anche uno è bono e assai lodevole.

***

Merita applausi inconnizzionati,

er go’ der faraone ch’è notevole,

a dà un vantaggio che però è durevole

solo pe un tempo e un pizzico incrociati.

***

Er quarto posto, quinni, resta a un punto,

conzerva pur’er terzo la distanza,

e dietro poi nessuno t’ha raggiunto.

***

Da qui a la fine tocca fà ‘sta danza

lottanno fino a ottené quer sunto

d’annà a giocà la Champions, in sostanza.

***

Stefano Agostino

***