Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Pillole

25 Maggio 2024

Pillola del giorno

Grandiose ragazze

Coppa Italia 

 

***

La Roma in rima,Stagione 2023-24

26 Maggio 2024

Empoli – Roma

Empoli – Roma: 2-1

***

La Roma chiude qua co ‘sta sconfitta,

co ‘na partita ch’era indifferente 

p’er risurtato, ma no pe la gente

che l’ha seguita in strada storta o dritta.

***

De gioco ce n’è poco veramente

staggione che se mette su in soffitta,

l’Europa League ch’era cosa scritta

la Champions solo un sogno evanescente.

***

Finisce er campionato che s’apprezza

pe pochi spunti boni, ma che resta

un campionato poco che a l’artezza.

***

È tempo de riposo e batte in testa

l’idea che un’artranno ce s’attrezza

perché ner fonno poi ce sia ‘na festa.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Santissima Trinità

La Santissima Trinità

***

Capilla come pò un regazzino,

la Trinità ne le Sue tre perzone,

distinte, ma pe sempre in communione,

come pe dì che Dio è Uno e Trino.

***

Ciariva er còre, mica la raggione,

pulito come quello d’un bambino,

pe cui è ovvio: ce sta er Trio divino,

Tre in totale e Uno in addizzione.

 ***

Da granne a l’occhio ch’ortre nun vò vede,

nun c’è discorzo che lo spieghi, tanto

lo pò capì sortanto co la Fede.

 ***

È solo grazzie a Lei che quest’incanto

se pò intuì così: Dio in cui crede,

er Padre, er Fìo e lo Spirito Santo.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima

25 Maggio 2024

Scudetto e Coppa Italia

Scudetto e Coppa Italia

***

Come nun dedicavve ‘sto sonetto

a tutte voi regazze romaniste

pe ‘sti trofei e  ‘ste vostre conquiste,

la Coppa Italia ortre a lo scudetto.

***

Ché poi è er seconno, e sò cose mai viste,

e grazzie a voi da sogno ner cassetto

sò diventate stemmi su quer petto,

coccarda e tricolore, senza liste.

***

Senza avverzarie in tutto er campionato,

scudetto mai un seconno in discusione,

nun solo vinto, ma strameritato.

***

Eppoi ‘sta Coppa a dà un’emozzione,

a li rigori e avé finito er fiato,

Coppa e scudetto e la Roma campione.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

24 Maggio 2024

Nun puntà er dito

Nun puntà er dito

***

Nun puntà er dito mai, ché serve a zero,

tanto er puntato guasi mai l’ammette,

aiuta assai deppiù portà a rifrette,

chi cià d’arischiarà quer che cià nero.

***

Intenno ch’è più mejo dì: “Permette?

Ma io l’arivedrebbe ‘sto penziero,

ar posto suo”, mostrannoje davero

‘ndó pò cambià, si solo ce se mette.

***

Si quello è intelliggente ce raggiona,

e si er conzijo è bono e va seguito,

magara poi da sé se perfezziona.

***

Si invece nun lo segue e arimpettito

continuà a èsse la stessa perzona,

c’è d’arzà er medio, più che puntà er dito.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Maggio 2024

Er vero inzegnante

Er vero inzegnante

***

Quella de l’inzegnante è ‘na missione,

come p’er medico o er sacerdote,

pe cui se nasce già co quela dote,

stile de vita più che professione.

***

Ché l’inzegnante, no a parole vote,

forma er futuro a ‘na generazzione,

dà li strumenti a bona imitazzione

a ‘gni suo alunno, più de voti e note.

***

Quinni er suo nun è solo un mestiere,

(e andrebbe tanto più valorizzato),

che lo se fa sortanto pe dovere.

***

È impegno de importanza, la più seria:

la bona scòla forma un bono Stato,

artro che spiegà solo ‘na materia.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Maggio 2024

Santa Rita

Santa Rita

***

Se aricconta che un Venerdì Santo,

co lei inginocchioni ar Crocifisso,

ner mentre Lo pregava a còre fisso,

avvenne er fatto tramandato in canto.

***

’Na spina de quela Corona, abbisso

der Re che de la Croce porta er vanto,

se conficcò in fronte a lei ner pianto,

e lì rimase a daje un segno infisso.

***

La Santa ch’era nata co la scorta,

de api bianche dar color de sposa,

che l’hanno salutata, quann’è morta, …

***

… cambianno er manto in nero e quela rosa,

ner pieno de gennaio che j’è sorta,

sboccianno ar punto ’ndove s’ariposa.

***

Stefano Agostino

________________________

***