Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

16 Ottobre 2021

Er Sindaco de Roma

Er Sindaco de Roma

***

Vorebbe un sindaco che amasse Roma,

un decimo de quer che l’amo io,

volesse er Celo, sì, volesse Dio,

de fanne uno che cià ’sto diproma.

***

E lo vorebbe che je fusse fìo,

sin da li piedi fino inzù la chioma,

indentro ar centro de ’gni cromosoma,

ciavesse un soffio de l’amore mio.

***

Un sindaco così, senza colore,

che faccia er suo mestiere co l’orgojo,

de chi sa che lavora, ma è un onore.

***

Inzomma, e chiudo, er sindaco che vojo,

deve sentisse Roma indentro ar còre,

e no p’er culo càllo ar Campidojo.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

15 Ottobre 2021

Green … scass

Green … scass

***

Nun ho toccato ancora l’argomento,

perché me pare arquanto delicato,

de ‘sto “green pass” e quer ch’ha comportato,

in de ‘gni campo a generà lamento.

***

Nun vojo entrà in polemica de Stato

su vaccinasse o no, da sfinimento,

ché cambia poco er propio orientamento,

e s’arimane ‘gnuno ar suo steccato.

***

Me chiedo che interesse cià er Governo,

a fà salì a le stelle la tenzione,

perzino tra li membri der suo interno.

***

Bastava d’aspettà fine emergenza,

s’arisparmiava quarche discusione,

e certo tempo, sòrdi e anche violenza.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

14 Ottobre 2021

L’abborto

L’abborto

***

Nun so’ nisuno pe parlà d’abborto,

ch’è troppo delicato l’argomento,

ma p’affrontà er probbrema me cimento,

cercanno d’èsse chiaro e no contorto.

***

Arivo ar punto der componimento,

così nun me dilungo e tajo corto:

che corpa cià quer pupetto morto,

pe l’èsse nato senza intennimento?

***

Er corpo è de la mamma, nun discuto,

ma dentro poi ce nasce un’artra vita,

che nun se pò trattà come un rifiuto.

***

A te che me contesti ’sta sortita,

te chiedo, e chiudo tutto e te saluto,

si era tu’ madre a datte un’abbortita?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Ottobre 2021

Er più arto in grado

Er più arto in grado

***

Famme capì: chi cacchio credi d’èsse?

Co ’st’aria come der più arto in grado,

quanno te ’ncontro, grazzie a Dio de rado,

pe avé un “bongiorno” tuo, prego tre messe.

***

L’educazzione conta e io ce bado,

piu der rispetto de regole fesse,

co te posso accettà pure scommesse,

dopo er saluto mio, mejo che vado.

***

Mó prenno carta e penna e scrivo a getto,

’sta dedica rimata in cui t’accanno,

che m’esce come ch’esce er “DO” de petto.

***

E senza manco più che me ce addanno,

io te saluto qua e co gran rispetto,

me spreco un vaffanculo e te ce manno!

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

12 Ottobre 2021

Er viaggio de Colombo

Er viaggio de Colombo

***

Immaggino Cristoforo Colombo

ner viaggio a bordo de le Caravelle,

cercà le Indie senza mai vedelle,

tra l’orizzonte d’acqua e lo strapiombo.

***

Un equipaggio d’ommini da celle,

pe l’occasione libberi dar piombo,

dije che nun è piatto, quadro o rombo,

ma tònno er monno visto da le stelle.

***

Li lunghi giorni de navigazzione,

rischià la vita a predicà la sfera,

tra la bonaccia e venti da ciclone.

***

E quanno er sogno je sembrò chimera,

tra mozzi e marinai in rivoluzzione,

chissà mai che penzò ar grido: “TERA !!!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani

11 Ottobre 2021

La Piramide Cestia

La Piramide Cestia

***

Lo posso dì senza rischià er linciaggio

o chi me frulla giù dar precipizzio:

Piramide com’è, in stile egizzio,

dì ch’è de Roma ce vò un ber coraggio ?!?

***

L’imperatore Cestio, pe ’no sfizzio,

de fà conosce ar monno quer lignaggio

e rènne sempiterno er suo passaggio,

vorze così, pe lui, l’ultimo ospizzio.

***

Ar centro de le mura, inzù quer posto

de faraoni giusto a la lontana,

è come si gennaio viè d’agosto.

***

Ma c’è ’na cosa che la fa romana:

da sottotera, guasi de nascosto,

unisce treni e metropolitana!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Ottobre 2021

Dar Vangelo der giorno: “la cruna de l’ago”

Dar Vangelo der giorno: “la cruna de l’ago”

***

“Maestro seguo li commannamenti,

che artro devo fà?” – Je chiese un tale:

“Va’ e venni quer che ciài, pe quer che vale,

e dàllo a li poracci tra li stenti”.

***

Così Gesù, e quello la piò male

e se n’annò tra li ripenzamenti.

Gesù riprese: “State bene attenti,

ch’er ricco in Paradiso nun ce sale.

***

Più facile che passi un gran cammello,

indentro pe la cruna inzù de l’ago,

che un ricco sarga ar Regno, poverello!”

***

“E chi se sarverà?”, co tono vago,

je chiesero e rispose che pe quello,

ce penza Dio che fa ‘gni omo pago.

***

Stefano Agostino

____________________________

***