Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Dicembre 2020

Primo dicembre

Primo dicembre

***

Nanetto de dicembre ar calennario,

che ner frattempo s’è aridotto a un fojo,

comincia er mese che, si nun me imbrojo,

è l’urtimo de tutto er campionario.

***

Er primo de dicembre è quelo scojo

ch’è in fonno a tutto p’abbassà er sipario,

pe chiude un anno e arisvortà er diario,

speranno in quello dopo da erba vojo.

***

Profuma già de festa natalizzia,

de atmosfera ormai tradizzionale,

appena che dicembre, er primo, inizzia.

***

Cor tempo che se veste de glaciale,

sa già de ‘nverno prima che sorstizzia

e manna in giro l’aria de Natale.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

30 Novembre 2020

Napoli – Roma

Napoli – Roma: 4-0

***

Partita che nun cià avuto storia,

la Roma in campo nun è propio scesa,

er risurtato infatti sa de resa,

e dice tutto … da mannà in memoria.

***

Ché nun pò èsse nun ce sia contesa,

come dimostra invece la bardoria

der Napoli che vince e che se gloria

de Maradona che tanto qui pesa.

***

Ma nun esiste che mai se combatte,

che nun se prova mai a fà er pareggio,

e anzi poi se molla e ce se sbatte.

***

‘Na brutta prova, pe nun dì de peggio,

speranno serva pe lezzione batte

su come nun se pò bissà ‘sto sfreggio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Novembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

 ***

Così Gesù je disse: “Voi vejate,

ché nun se pò sapé in quar momento

Io aritornerò e qui Me sento

de divve de vejà, in quer che fate. 

***

Com’er padrone che va via: – M’assento –

dice a li servi sua – terreni e entrate

gestiteli ner mentre e amministrate

così che ar mio ritorno sia contento -.

***

Vejate, quinni, voi che nun sapete

quanno er padrone torna, si de sera,

a mezzanotte, a l’arba e lì vedete …

***

… de nun trovavve a seguì le orme

der servo che nun viggila in preghiera,

torna er padrone e lui ancora dorme.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Avvento

Avvento

***

Me piace tanto er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che stà in attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno che s’ariva ar Sacro Evento.

 ***

C’è chi alestisce già er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

e più che s’avvicina quer momento

e più ’gni strada o piazza resta accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

’gni giorno apre un’artra finestrella,

così ariscopre tutto er campionario.

 ***

Dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar rigalo o a l’incontrario,

fin quanno ch’er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

27 Novembre 2020

Cluj – Roma E.L.

Cluj – Roma: 0-2

***

La Roma vince pure in Romania,

co ‘na difesa tutta rabberciata,

ma se la cava e svorta la serata

co un due a zero che ce dà alegria.

***

Er primo tempo pari, poi limata

co quarche ingresso a daje vigoria,

un’autorete prima e poi la via

che Veretout in rigore ha spalancata.

***

E co ‘sto risurtato er turno passa

se gioca solamente er primo posto,

ch’è da difenne e gnente je se lassa.

***

Ché passà er turno è sempre bello tosto,

la Roma l’ha già fatto e batte cassa,

ma nun se molla mai a qualunque costo. 

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Novembre 2020

ad10s Diego

ad10s Diego

***

Quer che sei stato poi fòri dar campo,

nun c’entra gnente e conta poco adesso,

io vojo aricordatte … e quest’è er nesso,

pe quer ch’hai dato ar carcio … e che in un lampo …

***

… tutt’aritorna in de ‘st’istante stesso,

a la memoria in cui nun ce sta inciampo,

e si la vita nun t’ha dato scampo,

è quer che resta che chiede er permesso …

***

… d’arimané pe sempre e nun se sperde,

ner tocco tuo de palla ch’è un affresco,

co tutti li colori e un prato verde.

***

Quer 10 su la maja ch’è un’icona,

che a dipinge ortre nun ce riesco,

bon viaggio … Diego Armando Maradona.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Novembre 2020

Manco co un fiore

Manco co un fiore

***

Lo dice er detto che manco co un fiore

la donna pòi toccà … perciò tu penza

che chi la picchia e je fa violenza,

è un omo senza un briciolo de onore.

***

Menà ‘na donna nun è delinguenza,

ma crimine che suscita l’orore,

pe l’omo che così è de ‘no squallore,

che merita la più peggio sentenza.

***

Pe chi picchia ‘na donna nun c’è appello,

nun c’è processo, nun ce sta attenuante,

nun c’è difesa, nun ce sta fratello.

***

Nun ce sta rito, nun ce sta gravame,

ma solo ‘na qualifica costante,

menà ‘na donna è solo che da INFAME !!!

***

Stefano Agostino

________________________

***

***