Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Novembre 2022

Er vecchio seduto

Er vecchio seduto

***

Vole scallà la pelle e le quattr’ossa,

ar sole, gran pittore, de ’na panca,

quanno pur’er bastone je s’aranca,

ma nun cià forza pe daje ’na scossa.

***

Se mette a séde, co ’na faccia stanca,

che manco sa più lei come se possa

dà retta ar monno che frattanto affossa,

com’er cappello su la testa bianca.

***

E da ’na tasca sfodera er giornale,

pe leggelo chiede ’na mano ar vento,

anche si nun j’abbasta più l’occhiale.

**+

Er clacson strilla e dietro un artri cento,

a riportamme in fila in Tangenziale,

strappannome quer vecchio e quer momento.

**+

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Novembre 2022

Dar Vangelo der giorno: “er padrone de casa cor ladro”

Dar Vangelo der giorno:

“er padrone de casa cor ladro”

***

Gesù j’ariccontò der suo ritorno,

quanno verà ner giorno più propizzio,

p’annacce preparati da l’inizzio

e nun finì a coce indentro ar forno.

***

Quanno ritornerà, mica pe sfizzio,

c’è chi verà portato via de torno,

c’è chi verà lassato e là quer giorno,

se compirà poi er tempo der Giudizzio.

***

Je disse a li discepoli: “Vejate,

ché nun saprete er tempo der soqquadro,

quanno che tornerò e ve preparate …

***

… come potrebbe fà, pe favve un quadro,

chi cià ‘na casa e tiè l’armi puntate,

pe quanno, in piena notte, venghi er ladro”.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Avvento

Avvento

***

Ma quant’è bello er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che un’attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno ch’è la Notte de l’Evento.

 ***

Chi mette in scena er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

man mano s’avvicina quer momento

e più ‘gni strada se colora accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

aprenno ar dì un’artra finestrella,

così riscopre tutto er campionario …

 ***

… dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar biscotto o l’incontrario,

un attimo e er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

25 Novembre 2022

A un mese dar Natale

A un mese dar Natale

***

Dovunque c’è già l’aria de Natale,

vetrine accese, addobbi pe la via,

quer friccico, frammisto de maggìa

e un córi-córi guasi generale.

***

Le luci de le inzegne in fantasia,

tra un gioco de colori sureale,

un arbero che spicca cor puntale,

tra statue de Giuseppe e de Maria.

***

Calore che tappezza l’atmosfera,

ner misto minestrone de ricordi,

che t’ariporta sempre a quela sera.

***

Peccato ch’er quadretto, co ’sti bordi,

spesso nisconne l’anima più vera,

de che vor dì Natale e te lo scordi.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Novembre 2022

Mirella va in penzione

Mirella va in penzione

***

Così mó pure te vai via in penzione,

chi sentirà qui quela tua risata,

dar tempo inzin de Garri l’hai portata

fin’a Busia ‘gni giorno e a ‘gni occasione.

***

Ché ne li posti e uffici ‘ndó sei stata,

j’hai dato ‘na ventata de passione,

de bonumore a mannà via er magone,

der lunedì e de ‘gni artra giornata.

***

‘Na fabbrica de risa e simpatia,

amica vera, guasi ‘na sorella,

da oggi pìa ‘na strada e cambia via.

***

E c’è un saluto che qui ce affratella,

nun ce vò poi chissà che fantasia,

ce mancherai in ufficio tu, Mirella!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

22 Novembre 2022

Er fumantino

Er fumantino

***

Stai sempre a baccajà in discusioni,

logrannote er fegheto ’gni giorno,

’ndó sei cerchi ’no scazzo, ossia ’no scorno,

un modo pe sbraità e arzà li toni.

***

Ma chi te lo fa fà? Qual è er ritorno?

De attaccà ’gni vorta ’sti pipponi,

senza sfruttà le tante occasioni,

de statte zitto e tojete de torno.

***

Pòi anche rilassatte pe un momento,

e dì la tua sì, ma ner rispetto,

de chi nun cià lo stesso intennimento.

***

Magara così poi te viè er sospetto,

che tutto quer tuo gran raggionamento,

se regge senza fonnamenta e tetto.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22.11.22

22.11.22

***

Un nummero da cabbala gemello,

‘sto ventidue a l’undici pe mese,

ner ventidue ch’è l’anno che cortese

ce porta tutti in braccio ner suo ostello.

***

Giorno binario, nummeri a riprese,

s’accoppieno come pe fà tranello,

palindromo ner doppio indovinello,

ner rovesciallo nun dà mai sorprese.

***

Così pe ‘sta cadenza d’uno e due,

compreso er mese, un 1 in 2 sommato,

la cabbala dirà le cose sue.

***

De certo c’è ch’er giorno co ‘st’appoggi,

che fa penzà a un carcolo fatato,

domani sarà ieri a un artro oggi.

***

Stefano Agostino

________________________

***