Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Agosto 2019

Sò ricicciati tutti

Sò ricicciati tutti

***

In tutto ‘sto casino der momento,

ricicciano perzino Sirvio e Renzi,

ché nun ce credi manco si ce penzi,

che ancora mai potessero fà vento.

***

E invece eccoli là, li sguardi intenzi,

de chi sa tutto e conta fino a cento,

prima de intervenì … ma lento lento

ritorna a commannà in tutti li senzi.

***

Cor gioco de l’unioni e maggioranze

pe mette in piedi già un novo governo,

rieccoli a contà pesi e sostanze.

***

Pe commannà su un popolo in eterno,

a rimpinzà così portrone e panze,

in de un Paese ch’è già un mezzo inferno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Agosto 2019

Palla a Mattarella

Palla a Mattarella

***

Conte così mó dà le dimissioni,

la palla quinni passa a Mattarella,

co l’incertezza a fà da sentinella,

tra un governo novo e l’elezzioni.

***

Ner mezzo c’è un Paese che sbarella,

che come je succede a li barconi,

sta in arto mare, tra li cavalloni,

e nun se orienta ché manca ‘na stella.

***

Ma questo sembra je ‘nteressi zero,

a chi de ‘sto macello è er vero attore,

e nun cià artro scopo né penziero …

***

… de commannà da solo, cor timore,

che s’ariviva un artro tempo nero,

pe ‘sto Paese privo de motore.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

20 Agosto 2019

Come annerà?

Come annerà?

***

Chissà come annerà ar Parlamento,

intenno la fiducia p’er sor Conte,

novi scenari … o vecchi … a l’orizzonte,

 co alleanze pe ‘gni schieramento …

***

… si poi ‘ste forze che già stanno pronte,

a inciucià pe poi sfruttà er momento,

nun perde la portrona, er vero intento,

a annà a vedé er motivo ch’è la fonte …

***

… ammascherata da li bei discorzi,

su l’italiani e er bene der Paese,

come in ‘gni storia de corzi e ricorzi …

***

… ner mentre de ‘sta gente e der suo annazzo,

si ariverà ar dunque a fine mese,

nun je ne frega certo manco un c…. !!!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 Agosto 2019

Discute de politica

Discute de politica

***

Discute de politica è esercizzio

che manca de un’utilità sociale,

ché ‘gnuno cià un’idea che resta uguale,

fin a la fine com’era a l’inizzio.

***

E ce se scalla, mentre er tono sale,

e chi ciavrà raggione, Caio o Tizzio?

Pe uno er primo è senza macchia e vizzio,

pe l’artro è l’artro l’unico che vale.

***

Ma tanto ‘gnuno resta de l’idea

e nun la cambia pe ‘na discussione,

peggio si accesa, come che se crea.

***

Ce se ne accorge, ma è un vero peccato,

quanno ch’è tardi e dici: “Che cojone!

Mannaggia a me e ar tempo ch’ho sprecato”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: a portà er foco su la Tera

Dar Vangelo der giorno: “a portà er foco su la Tera”

***

“Io so’ venuto pe portavve er foco

er foco su la Tera, vojo intenne”,

così disse Gesù – “Chi se sorprenne

nun ha capito come va ‘sto gioco.

***

Io nun so’ sceso a dà la pace indenne,

tutt’artro anzichennò e manco de poco,

Io porto divisione in de ‘gni loco,

‘ndov’è er sole in de ‘sto monno sprenne.

***

Io creo li contrasti famijari,

er padre contr’er fìo e er fìo cor padre,

nora co socera eppoi, pari pari, …

***

… Io faccio sì perzino e è voluto

de mette contro fie e loro madri,

perché pe portà er foco so’ venuto!”

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima

17 Agosto 2019

Dze…ccolo!

Dze…cclo!

***

Così che infine Dzeko ha rinnovato.

Ce dice: “resto a casa” e prenne er posto

ch’è stato suo fin’ar 16 agosto,

dar giorno esatto in cui lui è arivato.

***

Invece de cercà a qualunque costo

‘na punta come pure sbandierato,

quanno che ce l’hai in casa, dimostrato,

mannalla via è un po’ da polli arosto.

***

Er tempo de rinnovi da Zaniolo

passanno pe Under e ora Dzeko,

serviva pe inizzià più mejo er volo.

***

C’è sempre da trovà quer difenzore

in grado de sostituì er greco,

che nun ha dimostrato un granne amore.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Romanamente

16 Agosto 2019

A un amico innammorato

A un amico innammorato

***

Penzavi nun potesse più succede,

che aribbatteva in petto quer rumore,

quello che sempre serve a scallà er còre,

che te lo chiedi e nun lo riesci a crede.

***

Che nun pòi definì de certo amore,

ma è un quarche cosa che, chi te lo chiede,

l’ha già capito solo che te vede,

e che vorebbe vive cor tuo ardore.

***

E invece se presenta un’occasione,

che nun lo sai er perché, ma è li davanti,

come la guardi già te viè er fiatone.

***

E t’aritrovi che fischietti e canti,

in mezzo a un coro intero de perzone,

che pareno anni luce più distanti.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***