Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Febbraio 2023

La Cannelora

La Cannelora

***

Da quanno ch’ero un pupo che lo sento,

ner giorno esatto de la Cannelora,

er detto “de l’inverno semo fòra”

si ce sta er sole e nun piove cor vento.

***

Come pe rivortà libbeccio in bora,

tanto pe dà un’idea de cambiamento,

se dice mó, co artro intennimento,

che, si c’è sole, er freddo dura ancora.

***

È pure vero che er tempo è vario:

estate, autunno, inverno e primavera,

sò cose fatte più p’er calennario.

 ***

’Na cosa c’è de certo che s’avvera:

’gni inverno tira giù scene e sipario

er 20 marzo, quinni, aspetta e spera !!!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2022/23

1 Febbraio 2023

Roma – Cremonese C.I.

Roma – Cremonese: 1-2

***

Nun c’è commento, nun ce sta parola,

nun c’è ‘na strofa, un verzo o ar più ‘na rima,

pe commentà ‘sta gara che da in cima,

è ita male, peggio de ‘na sòla.

***

Nun c’è da valutà, né fà ‘na stima

pe l’occasione ch’hai sprecato e vola,

lassanno er gusto de l’amaro in gola,

che mai avresti immagginato prima.

***

Ché c’era da giocalla da l’inizzio,

cor massimo rispetto e in formazzione

de tutti titolari e no pe sfizzio.

***

Rimane ‘na profonna delusione,

de nun avé sfruttato er più propizzio

de turni e d’avé perzo un’occasione.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Febbraio a Roma

Febbraio a Roma

***

Febbraio è er più simpatico de tutti:

sarà che de li dodici è er più corto,

sarà perché se zappa meno l’orto

o li vestiti resteno più asciutti.

***

E quer che sor Gennaio ha guasi smorto,

riprenne vita e porta novi frutti,

raggi de sole fanno meno brutti,

spicchi de celo de un colore sciorto.

***

È er mese de coriannoli e Arlecchini,

de feste in artri panni che se fanno,

perché li granni tornino piccini.

***

Cosa che nun pò mai recà un danno,

finché nun se diventi manichini,

che stanno mascherati tutto l’anno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Gennaio 2023

Li giorni de la merla

Li giorni de la merla

***

Se dice de ’sti giorni che ’na merla,

in lotta contro er gelo de Gennaio,

se rintanò in attesa de Febbraio,

niscosta ‘ndentro ar centro de ’na gerla.

*** 

Boiaccia, era un comignolo! Che guaio!

Quanno sortì fu peggio de ’na sberla:

da ch’era entrata tinta griggio-perla,

mó era de un neraccio carbonaio.

*** 

Così Gennaio poi s’è allungato,

logranno ar mese dopo, a fàllo corto,

un par de giorni interi j’ha rubbato.

*** 

Quest’è er racconto, pure un po’ contorto,

pe dì che pe combatte contr’er Fato,

più t’annisconni, più te dice storto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2022/23

29 Gennaio 2023

Napoli – Roma

Napoli – Roma: 2-1

***

Amaro in bocca, lassa ‘sto sapore,

co ‘sta sconfitta pe com’è venuta,

l’avevi riacchiappata, l’hai perduta,

e meritavi certo più favore …

***

… da la fortuna ch’er Napoli aiuta,

ma esci a testa arta e con onore,

co ‘na sconfitta, ma da gran signore,

e co la Roma che certo è cresciuta.

***

Peccato, l’hai giocata a la pari,

bastava poco pe uscì illesi,

co un pareggio senza furti e bari.

***

Er quarto posto resta a fari accesi,

a la portata, basta che rincari

la tigna che solleva da ‘sti pesi.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

***

Gesù salì sur monte a dì a chi c’era:

“Er povero de spirito, beato,

chi piagne mó, sarà riconzolato,

er mite che erediterà la Tera.

***

Chi ha fame e sete ché verà sazziato,

ma quella de Giustizzia, quella vera,

chi cià misericordia, giorno e sera,

chi è puro assai de còre, a Dio affacciato.

***

Beato poi chi opera la pace,

verà chiamato, infatti, fìo de Dio,

chi è perzeguitato ingiusto e tace.

***

Beati voi quanno ve inzurteranno,

e soffrirete pe ‘sto credo Mio,

ve ricompenzerà Lassù ‘gni danno. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Gennaio 2023

28 gennaio: San Tommaso d’Aquino

28 gennaio: San Tommaso d’Aquino

***

Qui rimo San Tommaso sor d’Aquino,

perché fu omo che cercò la Luce,

nun solo in quer che sprenne e che ariluce,

ma dentro ‘gni sentiero der destino.

***

Ne la ricerca poco assai je scuce,

si è classico l’autore a fà stoppino

j’abbasta accenna er Foco der divino,

che tutto ar monno a Sé già l’ariduce.

***

Unì così antico e tradizzione,

mosso da un còre pieno de Sapienza,

tra la preghiera e la meditazzione.

***

Pe dà armonia a vecchio e novo, senza

mai rinnegà la sua sola Missione,

de portà Cristo a ‘gni discennenza.

***

Stefano Agostino

___________________________

***