Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2020/21

4 Dicembre 2020

Roma – Young Boys E.L.

Roma – Young Boys: 3-1

***

Serviva un punto pe restà in testa,

ma tre pe ridà forza a quer morale,

dopo quela sconfitta che fa male,

e è arivata ‘sta vittoria lesta.

***

La Roma vince in modo plateale,

è prima ner girone e già è ‘na festa,

l’urtima gara infatti … ossia la sesta,

è ‘na formalità che poco vale.

***

C’è Borja Mayoral … che dà er pareggio,

poi un supergo’ der baby Calafiori

er tre de Dzeko ch’è tornato egreggio.

***

Ma nun c’è da sedesse su l’allori,

semmai da proseguì senz’artro sfreggio,

su ‘sto cammino e pe ‘sti du’ colori.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

3 Dicembre 2020

Er D.P.C.M. de Natale

Er D.P.C.M. de Natale

***

Ce semo ormai … se sente già er Natale,

ma nun pe stà co amichi e co parenti,

quest’è er Natale der dumilaevventi,

ché lo sai già ‘ndó pòi infilà er puntale.

***

Pe li contaggi, gnente assembramenti,

gnente cenoni … quarche commenzale,

sortanto quelli stretti e tal’e quale

a Capodanno famo parimenti.

***

De ‘st’argomenti s’occupa er Governo,

de Messa, co maiuscola la “emme”,

che spetterebbe più ar Padreterno.

***

Invece ne la Grotta de Betlemme,

er Fìo pò nasce ‘st’anno e pe ‘st’inverno,

si lo prevederà er D.P.C.M.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

2 Dicembre 2020

A Santa Bibbiana

A Santa Bibbiana

***

Er due dicembre è già Santa Bibbiana,

ner gergo popolare ce sta er detto:

“si piove oggi, piove” – strano effetto –

“40 giorni e un’artra settimana”.

***

Così si er due dicembre cià l’aspetto

de celo nero e tira la buriana,

ciài da portà l’ombrello e stà in campana,

fin’ar 10 gennaio benedetto.

***

E la saggezza tutta popolare,

cià pure ‘na postilla d’accidenti,

poche parole, criptiche e amare.

***

Ché si lo sanno pure li parenti,

intenno de la pioggia, così pare,

de giorni piove poi pe artri venti.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Dicembre 2020

Primo dicembre

Primo dicembre

***

Nanetto de dicembre ar calennario,

che ner frattempo s’è aridotto a un fojo,

comincia er mese che, si nun me imbrojo,

è l’urtimo de tutto er campionario.

***

Er primo de dicembre è quelo scojo

ch’è in fonno a tutto p’abbassà er sipario,

pe chiude un anno e arisvortà er diario,

speranno in quello dopo da erba vojo.

***

Profuma già de festa natalizzia,

de atmosfera ormai tradizzionale,

appena che dicembre, er primo, inizzia.

***

Cor tempo che se veste de glaciale,

sa già de ‘nverno prima che sorstizzia

e manna in giro l’aria de Natale.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

30 Novembre 2020

Napoli – Roma

Napoli – Roma: 4-0

***

Partita che nun cià avuto storia,

la Roma in campo nun è propio scesa,

er risurtato infatti sa de resa,

e dice tutto … da mannà in memoria.

***

Ché nun pò èsse nun ce sia contesa,

come dimostra invece la bardoria

der Napoli che vince e che se gloria

de Maradona che tanto qui pesa.

***

Ma nun esiste che mai se combatte,

che nun se prova mai a fà er pareggio,

e anzi poi se molla e ce se sbatte.

***

‘Na brutta prova, pe nun dì de peggio,

speranno serva pe lezzione batte

su come nun se pò bissà ‘sto sfreggio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Novembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

 ***

Così Gesù je disse: “Voi vejate,

ché nun se pò sapé in quar momento

Io aritornerò e qui Me sento

de divve de vejà, in quer che fate. 

***

Com’er padrone che va via: – M’assento –

dice a li servi sua – terreni e entrate

gestiteli ner mentre e amministrate

così che ar mio ritorno sia contento -.

***

Vejate, quinni, voi che nun sapete

quanno er padrone torna, si de sera,

a mezzanotte, a l’arba e lì vedete …

***

… de nun trovavve a seguì le orme

der servo che nun viggila in preghiera,

torna er padrone e lui ancora dorme.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Avvento

Avvento

***

Me piace tanto er tempo de l’Avvento,

che artro poi nun è che stà in attesa,

’gni giorno se prepara ’na sorpresa,

fin quanno che s’ariva ar Sacro Evento.

 ***

C’è chi alestisce già er presepe in chiesa,

le luminarie in de ’gni appartamento,

e più che s’avvicina quer momento

e più ’gni strada o piazza resta accesa.

 ***

C’è pure chi sbuccetta er calennario,

’gni giorno apre un’artra finestrella,

così ariscopre tutto er campionario.

 ***

Dar pupazzo de neve a la gran stella,

da l’arbero ar rigalo o a l’incontrario,

fin quanno ch’er Natale scampanella.

***

Stefano Agostino

______________________________

***