Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 novembre 2018

Er lisciabbusso

Er lisciabbusso

***

Ma a che te serve statte a piagne addosso

e lamentatte de continuo, fisso,

a véde lo sprofonno de l’abbisso,

dar punto esatto ar limite der fosso.

***

Ciài più dolori te der Crocifisso,

sei aggitato come un mare mosso

e nun t’accorgi che sbaji de grosso

a stà così, perennemente affisso.

***

Ché invece de penzà solo a te stesso,

si te guardassi intorno, giusto a un passo,

vedresti quanti guai ce stanno appresso.

***

E invece de lagnatte qui, indiscusso,

nun t’arivava ‘sto sonetto a scasso,

a fatte un artro vano lisciabbusso.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 novembre 2018

M’affido a Dio

M’affido a Dio

***

M’affido a Dio, io sì, m’affido a Dio,

come un pupetto fa cor genitore,

se fida perché sente quer calore

che cià ‘na madre o un padre pe su’ fìo.

***

M’affido a Dio, in Lui, ch’è mio Signore,

ripongo tutto ‘sto cammino mio,

che, certo, l’ho da costruì anch’io,

ma ‘ndov’andrebbe io senza er Suo Amore.

***

M’affido a Dio che m’ha voluto ar monno

e si l’ha fatto cià da èsse un fine

e pe capillo, fino in der profonno …

***

… m’affido a Lui, no a farzi re e regine,

che dureno er passo d’un seconno,

quanno ch’er Tempo Suo nun cià confine.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani

14 novembre 2018

Cambià d’umore

Cambià d’umore

***

Come se fa a mutà l’umore spesso,

più de le idee de innovatori odierni,

come fai te,  che la tua faccia arterni

e nun se riesce mai a statte appresso.

***

Pe forza, quanno tutto lo squadrerni:

si ridi e scherzi, pure de te stesso,

in der seconno dopo tutto è un cesso

e te ‘ncupisci più che in freddi inverni.

***

Nun ciài un annamento equilibbrato,

così nun se sa mai come piàtte,

da quale verzo, questo o l’artro lato.

***

Sei alegro, triste, alegro, triste ancora,

ché le perzone le fai sortì matte,

cambi d’umore cento vorte l’ora.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

13 novembre 2018

Ricerca de verzi

Ricerca de verzi

***

Sto sempre in cerca de un quarche argomento,

pe avé un’idea che butti giù un sonetto,

me guardo intorno, penzo e ciarifretto,

fin quanno nun me prenne lo sgomento.

***

Vòi véde, m’aripeto, co sospetto

che nun me viè più gnente, me lo sento,

e ‘sto penziero giusto in quer momento

me lassa muto o mejo più interdetto.

***

Poi quanno nun ce penzo, pe un sapore

‘na frase, ‘na chitara o ‘no stornello,

man mano giù dar fonno indentr’ar còre …

***

… viè su quer verzo, come a campanello,

cui segue un artro e un artro che l’amore

li sorte fòra, senza usà er cervello.

***

Stefano Agostino

____________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 novembre 2018

Roma – Sampdoria

Roma – Sampdoria: 4-1

ééé

Se riesce a vince in casa, è già un evento,

e lo se fa, perzino, tanto a poco,

se vede pure a tratti der ber gioco,

pe un 4 a 1 che fa soffià er vento.

***

No er gioco, dico, quello fioco fioco

che s’era visto a Roma, spesso spento,

co risurtati da più de un lamento

e prestazzioni a zero o pressappoco.

***

Juan Jesus segna er primo a fà suggello

de quanto appena detto, cor seconno

che mette dentro Schick a fà l’appello.

***

Poi El Shaarawy doppia pe l’affonno

er terzo go’ ch’è pure un ber gioiello

er quarto che concija pure er sonno.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 novembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la vedova ner Tempio”

Dar Vangelo der giorno: “la vedova ner Tempio”

***

Gesù, ner tempio, dava inzegnamenti:

“Guardateve da scribbi in pompa magna,

co lunghe vesti e a ostentà cuccagna,

sempre li primi a li ricevimenti.

***

Divoreno le vedove in migragna

e pregheno così che tu li senti,

… a seguità ‘sto passo, state attenti,

finischeno in eterno ‘ndó c’è lagna”.

***

Poi se guardò er tesoro e vide gente

che ce buttava un sacco de monete,

‘na vedovella … un sòrdo solamente.

***

Chiamò li sua e disse: “Bè, vedete,

‘sta pòra donna ha dato quer suo gnente

ma è tutto quer che cià … e mó arifrettete!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Poesie romanesche

10 novembre 2018

Er Cane e la Luna

Er Cane e la Luna

***

C’era ‘na vorta un Cane, in mezzo a un vicolo,

che abbajava a la Luna. Passò un Gatto:

– Lascila perde – disse – che t’ha fatto?

Perché te guarda? Quanto sei ridicolo!

La Luna guarda tutti, ma nun bada,

a quelli che s’ammazzeno pe strada.

***

– E pe questo ce sformo! – disse er Cane –

In mezzo a tante infamie e tanti guai,

ècchela lì! Nun s’è cambiata mai

e rimane impassibbile, rimane…

Me piacerebbe ch’aggriggiasse er naso,

che stralunasse l’occhi …. Nun c’è caso!

***

– Perché ‘ste cose qui l’ha viste spesso:

– rispose er Gatto – er monno è sempre quello.

Quanno Caino sbudellò er fratello

la Luna rise tale e quale adesso:

ha riso sempre e riderà perfino

si un giorno Abbele scannerà Caino.

***

Trilussa

______________

***