Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 dicembre 2018

Er presepio biancazzuro

Er presepio biancazzuro

***

Lazzia’, però, tu parti avvantaggiato,

pe te er presepio è come un libbro aperto,

ner senzo che pe fallo, ne sò certo,

nun devi mai commette abbiggeato.

***

Cor bue e l’asinello stai coperto,

ciài l’aja e ciài le pecore ner prato,

a fà er pastore ce sei abbituato 

e de la stalla sei er più mejo esperto.

***

Er muschio lo produci già da solo,

quanno che gufi e ce diventi verde,

poi pe la neve Olympia vola ar Polo.

***

Ché tanto ce lo sai che nun se perde,

che come pe cometa segue in volo,

er tipico profumo de le m…. !!!

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

16 dicembre 2018

Roma – Genoa

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Roma – Genoa: 3-2

***

La Roma torna a vince e solo questo

cià er senzo de rinascita e de svorta,

tre go’ segnati, tutti in una vorta,

sanno de festa, che te scordi er resto.

***

Sembrava pure un’artra vorta storta,

du’ vorte sotto, ch’era già da aresto,

ma pe ‘na sera c’è da apprezzà er gesto

de chi cià avuto tigna a fà da scorta.

***

Er primo pari l’ha segnato Fazio,

e l’artro Kluivert, poi pe la rimonta

Cristante ha chiuso er conto e ‘gni artro spazzio.

***

Adesso ‘gni avverzario che s’affronta

s’ha da combatte senza èsse sazzio,

pe ‘na serata che sola nun conta.

***

Stefano Agostino

***

 

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Er grido de Giovanni Battista”

Dar Vangelo der giorno:

“Er grido de Giovanni Battista”

***

Venne Giovanni a dà testimonianza

sicché a Gesù j’avrebbero creduto,

nun era lui la luce, ma è venuto

pe aprì la strada a Cristo e a l’osservanza.

***

Je chiesero “Chi sei?” in modo astuto

giudei mannati apposta co ‘st’istanza,

“Elia? No. Un Profeta?” e a distanza

rispose – “Io so’ voce in campo muto …

***

… che grida ner deserto – Preparate

cor pentimento la Via der Signore,

e ve battezzo perché voi capiate.

***

Ché viè già Uno a cui nun ciò l’onore

de allacciaje er sannalo e badate

Lui ve battezzerà cor Santo Amore”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

Poesie romanesche

15 dicembre 2018

Trilussa – Natale de guera

Natale de guera

***

Ammalapena che s’è fatto giorno,

la prima luce è entrata ne la stalla

e er Bambinello s’è guardato intorno:

“Che freddo, mamma mia. Chi m’aripara?

Che freddo, mamma mia. Chi m’ariscalla?”

– “Fijo, la legna è diventata rara

e costa troppo cara pe compralla” –

“E l’asinello mio ‘ndov’è finito?” –

“Trasporta la mitraja

sur campo de battaja: è requisito” –

“Er bove?” – “Puro quello

fu mannato ar macello”.

“Ma li Re Maggi ariveno?” – “È impossibile

perché nun c’è la stella che li guida,

la stella nun vò uscì, poco se fida,

pe paura de quarche diriggibile”.

Er Bambinello ha chiesto: “Indove stanno

tutti li campagnoli che l’antr’anno

portaveno la robba ne la grotta?

Nun c’è neppuro un sacco de polenta,

nemmanco una frocella de ricotta”.

– “Fijo, li campagnoli stanno in guera,

tutti ar campo e combatteno. La mano

che seminava er grano

e che serviva pe vangà la tera

adesso viè addoprata unicamente

pe ammazzà la gente.

Guarda, laggiù, li lampi

de li bombardamenti!

Li senti?, Dio ce scampi,

li quattrocentoventi

che spaccheno li campi?” – 

Ner dì così la Madre der Signore

s’è stretta er Fijo ar còre

e s’è asciugata l’occhi co le fasce.

Una lagrima amara pe chi nasce,

una lagrima dorce pe chi mòre.

***

Trilussa

____________________________

15

I sonetti romani,Romanamente

14 dicembre 2018

Dieci giorni ar Natale

Dieci giorni ar Natale

***

Ce semo, ormai! Sortanto dieci giorni

e finarmente, poi, sarà Natale,

‘gni anno ch’è diverzo e gni anno uguale,

ner ciclo de staggioni e de ritorni.

***

In giro è un friccicore generale,

de addobbi e de lustrini pe contorni,

ché pure er cèlo, invaso da li storni,

pare arifrette luce siderale.

***

Gente che córe intenta a fà regali,

infiocchettati in nastri sluccicanti,

in cerca de sorprese origginali.

***

Ce se prepara tutti a inviti e canti,

e a le magnate, quelle colossali,

che pare che nun magni da ‘Gnissanti.

***

Ma ce se scorda già de chi cià uguali

li giorni messi in fila tutti quanti,

senza né compreanni né Natali.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 dicembre 2018

Viktoria Plzen – Roma C.L.

Viktoria Plzen – Roma: 2-1

ééè

Stavorta sola, co ‘na senzazzione,

der tutto nova a vive la partita,

ché tanto come che fusse finita,

nulla cambiava in ottica girone.

***

La Roma, da seconna, era in gita,

ner freddo messo giusto a l’occasione,

pe annà a sgambà più pe prestazzione,

che pe giocasse un pezzo suo de vita.

***

Perciò nun conta tanto er risurtato,

che a la fine segna punti zero,

ma era pe sperà un gioco rinato.

***

Ma senza volé sempre vedé nero,

ce sta da reggistrà come er malato

nun è guarito certo pe davero.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Un Natale vero

Un Natale vero

ééé

Nun dico de nun favve li regali,

ma è vero che ormai basta er penziero,

in de ‘sto monno nostro priggioniero

de li ricchezze tutte artificiali.

***

Provate a fà Natale pe davero,

no come tutti l’anni e li natali,

co tanti pacchi e visi sempre uguali,

quanno d’amore ce n’è poco o zero.

***

Provate a penzà un poco ar “festeggiato”,

così tanto pe aricordà ch’ha fatto

ner giorno in cui sarebbe er celebrato.

***

Pe un anno date ascorto anche a la voce

de un “pupo” che cià già contorni e tratto

de Chi pe noi s’è fatto mette in Croce.

***

Stefano Agostino

_______________________

***