Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

15 ottobre 2018

Me chiedeno de scrive in italiano

Me chiedeno de scrive in italiano

***

Me chiedeno de scrive in italiano,

e devo dì ciò pure un po’ provato,

ma dopo er primo verzo ho già sgarato,

è più forte de me, scrive in romano.

***

Nun dico romanesco, ch’è più usato,

pe innicà er dialetto qui de mano,

me piace più da usà er nome nostrano,

ROMANO, appunto. Termine più amato.

***

È quarche cosa mio de viscerale,

che sgorga da l’interno più profonno,

da quer che sento, come viè, normale.

***

E senza quer quarcosa granne un monno,

che imbrillantina er verzo de speciale,

più che un sonetto, er mio, sarebbe un sonno.

***

Stefano Agostino

_______________________________

ééé

I sonetti romani,Romanamente

Delusione “salvimaio”

Delusione “salvimaio”

***

Anche quest’artri granne delusione,

promesse elettorali de parole,

che già se stanno tutte a squajà ar sole,

che nun è manco quello de staggione.

***

Sembraveno la svorta, co ‘na mole

de bell’intenti e de ‘gni bona azzione,

in grado de aridà a ‘sta nazzione

un suo Governo ch’è come Dio vole …

***

… e invece passa er tempo e man a mano

se stanno a comportà come in passato

quelli de prima, già schifati invano.

***

Co bona pace de l’elettorato

e peggio più der popolo italiano,

pe un’artra vorta ancora cojonato.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 ottobre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la cruna dell’ago”

Dar Vangelo der giorno: “la cruna dell’ago”

***

“Maestro seguo li commannamenti,

che artro devo fà?” – Je chiese un tale:

“Va’ e venni quer che ciài, pe quer che vale,

e dàllo a li poracci tra li stenti”.

***

Così Gesù e quello la piò male

e se n’annò tra li ripenzamenti.

Gesù ariprese: “State bene attenti,

ch’er ricco in Paradiso nun ce sale.

***

Più facile che passi un gran cammello

indentro pe la cruna inzù dell’ago,

che un ricco sarga ar Regno, poverello!”

***

“E chi se sarverà?”, co tono vago,

je chiesero e arispose: “Questo è quello

che pò fà Dio e nessun omo mago!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani

13 ottobre 2018

Trilussa – A un amico

A un amico

***

Che te ne viè in saccoccia quanno hai pianto?

T’ha lassato pe quello? Poco male.

Si lei se fa cosà da l’ufficiale

tu mettite co Giggia e fa artrettanto.

***

La donna cià quer vizzio naturale

prima vò bene, nun se sa si quanto,

poi se stufa e è finito, pe me tanto,

oneste o no, sò tutte tal’e quale.

***

E quanno te se magneno de baci

che nun te dànno tempo de risponne,

mica è pe gnente, è segno che je piaci.

***

Ma nun te crede che te s’affezzioni,

nu’ lo sai che l’amore de le donne,

è sempre ‘na rottura de illusioni?

***

Trilussa

_____________________

***

***

I sonetti romani,Romanamente

12 ottobre 2018

Er solito TRAM-BUS-to

Er solito TRAM-BUS-to

***

S’aricomincia er solito TRAM-BUS-to,

lo sciopero de autobus e metro,

sinnò che gusto c’è a nun annà addietro

a ‘na colonna e er traffico da imbusto.

***

Così che da Sant’Angelo a San Pietro

ce metti un’ora e mezza, giusto giusto

er tempo necessario pe dà gusto

ar benzinaro e a chi te lava er vetro.

***

Ché a quer punto arivi prima a piedi

o co qualunque mezzo arternativo,

a meno che rinunci o soprassiedi.

***

Solo che si nun ciài beni a l’attivo,

campi de rendita … che me lo chiedi?

Hai da passà TRAM-BUS-to e uscinne vivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 ottobre 2018

Fermasse a l’apparenza

Fermasse a l’apparenza

***

Er fatto de fermasse a l’apparenza

e dà un giudizzio ch’è su quer che appare,

come che sembra, sì, come che pare,

cià come naturale conzeguenza …

***

… d’accettà er rischio granne quanto er mare,

che quer giudizzio dato a la presenza

senza sapé deppiù su còre e essenza

nun sia coretto o, certo, regolare.

***

Er rischio, quinni, manco carcolato

da chi se ferma, appunto, ar fatto esterno

d’avé pe sempre e sol così bollato …

***

… quer tizzio che, potenziarmente, interno

cià un monno da scoprì tutto incantato,

niscosto un po’ deppiù dar Padreterno.

***

Stefano Agostino

_____________________

**+

I sonetti romani,Romanamente

10 ottobre 2018

Arigalà ‘na rosa

Arigalà ’na rosa 

***

Fai presto a dì d’arigalà ’na rosa,

si ’gni colore cià un significato,

arischì d’èsse male interpretato,

ner senzo che vai a dì tutt’artra cosa.

***

Si rosa “rossa” è amore dichiarato,

particolarità, la più famosa,

qualunque artro colore in cui se posa,

cià tutto un artro senzo e va appurato.

***

Si è vero affetto e bene allora è “bianca”,

si è “rosa” invece vole dì amicizzia,

si è “blu” mistero, “pesca” un che che manca.

***

Si è “gialla” è gelosia, “arancio” vizzia,

’na cosa è certa e la pòi mette in banca:

che co ’na rosa spesso tutto inizzia.

***

Stefano Agostino

________________________

***