Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

8 Marzo 2021

8 marzo

8 marzo

***

È l’otto marzo: festa de la donna,

pallini gialli e fiori su ’gni cosa,

l’artra metà der celo, quella rosa,

gioca centrale, nun solo de sponna.

***

Ma nun abbasta un ramo de mimosa

o da trattalla un giorno da madonna,

pe onorà chi porta tacchi e gonna,

ché tocca rispettalla come sposa.

***

Motivo che fa riguardà ’sto giorno,

come ’na ricorenza de un inganno,

ch’è bene da levasselo de torno.

***

Pe aspettà quer tempo e er capodanno,

in cui ’sta festa nun farà ritorno,

essenno 8 marzo tutto l’anno.

***

Stefano Agostino

______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

7 Marzo 2021

Roma – Genoa

Roma – Genoa: 1-0

***

Se vince pe uno a zero e tanto basta,

rischianno pure poi sur fir de lana,

ma intanto ‘sti tre punti a la romana,

sò boni come un ber piatto de pasta.

***

Ché l’ora è quella, co la genoana,

la Roma passa e co la porta casta,

tiè er passo giusto e la corza tasta,

p’er quarto posto, cosa ch’è mai vana.

***

Er go’ su carcio d’angolo de testa,

stacco imperioso, quello de Mancini,

e abbasta quello, l’uno a zero resta.

***

Avanti adesso senza conti fini,

ma co la stessa voja manifesta,

de portà a casa … punti e punticini.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la cacciata de li mercanti dar Tempio”

Dar Vangelo der giorno:

“la cacciata de li mercanti dar Tempio”

***

Fece ‘na frusta co le cordicelle,

cacciò così li mercanti dar Tempio,

gridanno: “Ch’è ‘sto schifo? Ch’è ‘sto scempio?

Portate via colombe e pecorelle!”

***

A li giudei je fece: “Bell’esempio

che date ar Padre Mio co tutte quelle

monete, invece de usà favelle,

pe convertì er peccatore e l’empio!”

***

Allora quelli lì vollero un segno,

je disse: “In tre giorni, l’arifaccio

si distruggete er Tempio in marmo e legno”.

***

Era pe dì che Lui sarebbe morto,

(er Tempio era er Suo Corpo) co l’allaccio

a li tre giorni dopo da Risorto.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

6 Marzo 2021

Er palestrato

Er palestrato

***

Te credi Swarzenegger o Stallone,

t’alleni sei, sett’ore ar bilanciere:

addome, braccia, petto in su, sedere

e ciài un aspetto che mette ’mpressione.

***

Vai a “pompà” così tutte le sere,

fin’a portà ’gni muscolo in trazzione,

quelli de cui nemmanco ciài nozzione

e sudi da “tuareg” cammelliere.

***

E mó che ciài ’sto fisico modello,

te resta solo un muscolo che manca,

quanno li conti tutti e fai l’appello.

***

Ma nun ce sta un attrezzo, né ’na panca,

in grado d’arisuscità er pisello

e s’arza solo la bandiera bianca!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Marzo 2021

Un barzo avanti

Un barzo avanti

***

L’umanità farà un barzo avanti,

quanno cancellerà dazzi e frontiere,

quann’eliminerà stati e bandiere,

tojenno li confini a tutti quanti.

***

Lo so ch’è l’utopia der mio mestiere,

de un poeta da li sogni infranti,

ché l’omo nasce p’èsse sempre “anti”,

portato a parteggià pe propie schiere.

***

A parte l’utopia e a parte er sogno,

un vero passo avanti benedetto,

se pò riuscì a fà, ce n’è bisogno.

***

È cancellà ‘gni inzurzo fanatismo,

che se pò fà gettanno ar gabbinetto,

l’idea che partorisce un quarche “ismo”.

**

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

3 Marzo 2021

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 1-2

***

Vittoria ch’è arivata ner finale,

cor go’ ch’è stato poi convalidato,

pe riaggiustà così er risurtato,

dopo un pareggio che ce stava male.

***

Se vince pe due a uno … ma peccato

p’er solito infortunio naturale,

stavorta Veretout … e tanto vale,

ma c’è però un ber passo conquistato.

***

Er go’ e l’autogo’ de Spinazzola,

pareva fusse fatto tutto quanto,

vantaggio prima e poi quela gran sòla.

***

Ma a l’urtimo è successo che l’impianto

co Diawara è caduto e co la Viola

la Roma ha vinto … quinni urlo e canto!

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Er quartino

Er quartino

***

Sarò avvinazzato …embè?… pazzienza,

ma io nun ciarinuncio a un ber quartino,

nun è magnà de gusto, senz’er vino,

rosato, bianco o rosso a l’occorenza.

***

È er frutto de la vite ch’è divino,

ne la fojetta c’è la quintessenza,

der succo d’uva e de tutta la scenza,

che pò conosce solo er contadino.

***

In vino veritas” – detto in moderno,

vòr dì che l’èsse astemi è già bucìa,

pe chi è buciardo er posto è ne l’Inferno.

***

E p’evità ’sta fine c’è ’na via,

fasse un goccetto e un brindisi fraterno,

ch’er mejo sorzo è quello in compagnia.

***

Stefano Agostino

__________________________

***