Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Pillole

14 Giugno 2024

Pillola del giorno

G7: solo per parlare della fame nel mondo,

consumano il fabbisogno annuale dell’Africa.

Che siano “grandi” nessuno lo mette in dubbio,

ma non diciamo che…

 

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Giugno 2024

Amore come lo vedo io

Amore come lo vedo io

***

L’Amore è accojenza e in più rispetto,

è un bacio, ‘na carezza, un forte abbraccio,

spece si se passa un periodaccio,

è guardà dentro l’artro e daje affetto.

***

Porge ‘na mano, anzi tutt’er braccio,

è accettà convinto quer difetto,

er resto è solo scusa p’annà a letto,

du’ smancerie pe tojese de ‘mpaccio.

***

L’Amore nun se scioje in gelosie,

invidie, discusioni e tradimenti,

lui cià ‘na strada, l’artri cento vie.

***

Privasse de l’Amore è guasi un dolo,

ma si nun cià ‘st’aspetti e intennimenti,

certo è più mejo stassene da solo.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Giugno 2024

La granne Atletica italiana

La granne Atletica italiana

***

‘Sti regazzi de l’Atletica italiana,

hanno difeso tutti er tricolore,

davero comprimenti qui de còre,

pe ‘gni medaja vinta in settimana.

***

Nun solo er medajere a dà valore

le prove superate in fila indiana,

ma è la squadra intera a fà fiumana

che nun risparmia un goccio de sudore.

***

E córe, scatta, lancia, sàrta e esurta,

co ‘na bandiera bianca rossa e verde,

anche si c’è quarcuno che se urta …

***

… e che je rode e gufa a fàllo perde,

chi cià un colore che nun je risurta,

… mai com’er suo, ch’è quello de le mer….!

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Amor ch’a nullo amato …

Amor ch’a nullo amato

***

E come li stornei ne portan l’ali,

nel freddo tempo, a schiera larga e piena,

così quel fiato li spiriti mali,

di qua, di là, di su, di giù li mena“.

***

Li quattro verzi a “peccator carnali“,

de tutta la Commedia in artalena,

ch’er sommo Vate mette tali e quali

ar quinto canto de l’Inferno, in scena.

***

Er canto de l’Amor ch’a nullo amato,

e de l’innamorati  e un galeotto

libbro e d’un bacio a volà via, rubbato.

***

‘Gni vorta che lo leggo er còre evade

e m’aritrovo a dì, tutto de botto,

e caddi come corpo morto cade”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

11 Giugno 2024

A piedi pe Roma

A piedi pe Roma

***

Come conosci Roma, annanno a piedi,

ner tempo che pòi dedicà ar passeggio,

quanno che lassi l’auto ner posteggio,

tu ce pòi crede solo si lo vedi.

***

Senza probbrema arcuno de parcheggio,

co sòle e tacchi, prova eppoi me credi,

te pòi gustà ‘gni scorcio ‘ndó arisiedi,

che nun diresti mai sia de ‘sto seggio.

***

Ce sò l’anfratti e l’angoli anniscosti,

che nun li pòi sapé a annà de corza,

ner traffico, nemmanco si t’accosti.

***

Quelli da foto, de ‘na Roma scórza,

che chiedeno sortanto che t’apposti,

pe faje un “click” da conzervà pe forza.

***

Stefano Agostino

_____________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

10 Giugno 2024

L’elezzioni

L’elezzioni

***

’Gni vorta che ce stanno l’elezzioni,

p’amministrà o fà er Parlamento,

nun c’è partito, nun c’è schieramento,

che nun l’ha vinte co le proiezzioni.

***

Pure ch’ha perzo un seggio o anche cento,

o Sindaci, Province o più Reggioni,

dopo lo spojo sò già tutti boni,

a riccontacce er loro godimento.

***

Rispetto ar turno scorzo, ormai passato,

ner carcolo de le percentuali,

nun hanno vinto, hanno trionfato.

***

Spartite le “portrone” elettorali,

cor popolo ancora cojonato,

che crede a li valori e l’ideali.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Giugno 2024

Dar Vangelo der giorno: chi è mi’ madre e chi mi’ fratello

Dar Vangelo der giorno: mi’ madre e mi’ fratello

***

A la gente riunita in granne folla,

co scribbi a mormorà … “È posseduto:

scaccia demóni, perché è er più forzuto,

de tutti li demóni, cui s’accolla” …

***

… Gesù diceva: “Io so’ qui venuto,

pe dì: nun c’è peccato che ve bolla!

Ch’er diavolo, ar simile nun scrolla”,

così ‘gni scribba poi se fece muto.

***

“E nun dovete vive da divisi,

che un regno ch’è diviso nun s’aregge,

voi invece siate sempre più decisi …

***

… e Io ve dico, senza arcun fardello,

chi de Mi’ Padre sa seguì la Legge,

questi è Mi’ madre e anche Mi’ fratello! 

***

Stefano Agostino

______________________

***