Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 Maggio 2022

L’invidioso

L’invidioso

***

Stai a penzà a quello che nun ciài,

a misurà chiunque ar bilancino,

già solo che te sveji ch’è matino,

gareggi contr’er monno, come fai?

***

Quell’è riccone che cià er patentino,

e l’artro cià ’na villa ch’è un via-vai,

e l’artro ancora nun l’hai visto mai,

senza “Ferrari” e “Porsche” e tu er “pandino”.

***

Me chiedo ’ndó te porta quer veleno,

gonfio de rabbia e pe nun dì l’umore,

ch’è nero pece quanno sei sereno.

***

Si te girassi addietro pe un par d’ore,

guardanno chi sta peggio e cià de meno,

co quer che ciài diresti: “So’ un signore!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Maggio 2022

Dar Vangelo der giorno: “un comannamento novo”

 Dar Vangelo der giono: “un comannamento novo”

 ***

“Ve do” – disse Gesù – “un comannamento,

ch’è novo e che de l’artri ne fa uno:

che ve dovete amà uno, ciascuno,

l’un l’artro co lo stesso intennimento.

***

Amà, però, no come fa quarcuno,

così, tanto pe dì e pe fà contento,

ma co l’istesso, uguale sentimento,

cor quale amate er propio io d’ognuno.

***

In fonno so’ venuto a dà un esempio,

de come s’ama er prossimo, fratello,

che conta più de bazzicà p’er Tempio.

***

Mó tocca a voi, da proseguì ‘st’appello,

m’ariccomanno: nun ne fate scempio,

magara scoprirete quant’è bello!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

14 Maggio 2022

Roma – Venezia

Roma – Venezia: 1-1

***

Quanno nun deve entrà, nun ce sta storia,

ducento tiri in porta e nun fai gnente,

un risurtato pari inconcrudente,

che lassa amaro in bocca pe memoria.

***

Quattro traverze a peggiorà er presente,

e a peggiorà così la graduatoria,

ché pe l’Europa c’è ‘na rotatoria,

e rischi de fermatte a frecce spente.

***

C’è solo da dà tutto cor Torino,

speranno de tornà senza ‘na toppa

e anzi mejo a pieno bottino.

***

Che de sfortuna ce n’hai pure troppa,

arza la testa e su quer capo chino,

c’è er campionato prima eppoi la Coppa.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

L’UFO su Roma

L’UFO su Roma

***

Mó pare che l’alieni se sò accorti,

de ’sto pianeta battezzato Tera,

e sò venuti a véde sì com’era,

fasse un’idea si semo vivi o morti.

***

E ovviamente de tutta la Sfera,

l’estra-terestri se saranno sporti,

a guardà Roma, arimanenno assorti,

ne l’ammiralla fino a tarda sera.

***

Diranno che in tutto l’Univerzo,

nun c’è ’na cosa che sia tal’e quale,

a ’sta città e ’sto ber celo térzo.

***

E ne l’immenzo spazzio siderale,

co l’astronave che fa rotta verzo,

diranno ar Cosmo: ROMA È CELESTIALE.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Maggio 2022

13 maggio: Fatima

13 maggio: Fatima

***

Tredici maggio a Fatima fu er giorno,

de la Madonna e de l’Apparizzione,

che fece a tre pupetti a l’occasione,

che staveno a pasce er gregge attorno.

***

E a cui je fece poi rivelazzione,

de li segreti, tre, a ‘gni ritorno,

Rosario in mano e er silenzio intorno,

co li bimbetti in adorazzione.

***

Jacinta, co Francisco e co Lucia,

li pastorelli ne l’anonimato,

così come l’ha scerti Lei, Maria.

***

Nun pò nun scegne ancora qui ‘na lacrima

p’er 13 de maggio e l’attentato,

ch’er Papa lo sarvò, ner dì de Fatima.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

12 Maggio 2022

Le cacche de li cani

Le cacche de li cani

***

A Roma spesso, quanno è buio in via,

pòi acciaccà ’na cacca de li cani,

che ’nzacchera le sòle ’ndó ce frani,

poi guai a chi te sente … mammia mia.

***

Voresti èsse accalappiacani,

così je fai passà la fantasia,

de fà ’sti ricamini co la scia

e d’accorà de puzza li romani.

***

Ma nun t’avvelenà co l’animali,

a cui nun pòi pretenne dà lezzioni,

de pulizzia e bisogni naturali.

***

E strilla invece a tutti li padroni,

de cani che hanno scerto posti e pali,

pe coloraralli gialli o più maroni.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Maggio 2022

La calamita

La calamita

***

‘Na cosa che ce viè da l’esperienza,

fatece caso, è legge univerzale,

è a chi se piagne addosso d’usuale,

je casca contro, guasi pe sentenza, …

***

… ‘gni guaio, impiccio, rogna, danno e male,

ch’è pronto a rovinaje l’esistenza,

e che lagnasse, se pò dì ch’è scenza,

cià come effetto suo collaterale …

***

… d’entrà in der mirino de la jella,

che come un infallibbile cecchino,

quanno te punta, spara e te cancella.

***

Così si nun vòi fà ‘sta brutta vita,

nun te lagnà convinto, da cretino,

che de calamità … sei calamita.

***

Stefano Agostino

_____________________

***