Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Febbraio 2019

Acqua

Acqua

***

È l’acqua, sin da quanno sgorga in fonte,

er friccico de Vita der Pianeta,

che venghi giù a cascata oppure quieta,

fin’a che ariva ar mare inzù dar monte.

***

E nun c’è poesia e né poeta,

che ciabbia corde afone de fronte,

ner mentre fissa dritto l’orizzonte

e l’occhio indetr’ar mare se disseta.

***

L’acqua prezziosa in de ‘gni goccia e a goccia,

zampilla de freschezza trasparente

riggenera, pulisce e se fa doccia.

***

E vale più de l’oro veramente,

ben più de lo scavà quarziasi roccia,

chiedilo a chi cià sete ‘ndov’è assente …

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Nun mollà l’obbiettivo

Nun mollà l’obbiettivo

***

Nun devi da mollà un obbiettivo,

perché nun è de facile conquista,

è come toje ‘gni orizzonte a vista,

pe quanto sia de luce e suggestivo, …

***

… solo perché lontano e er quanto dista,

lo pò sapé, senza interogativo,

chi ariva in là cor suo campo visivo

 e la distanza certo nun l’attrista.

***

Inzeguilo quer sogno, si ce credi,

chi te lo dice che nun sia reale

e più vicino assai de quer che vedi?

***

Così, ner caso in cui te dice male,

saprai arisponne, quanno te lo chiedi,

che senza se pò vive bene uguale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2018-19

18 Febbraio 2019

Roma – Bologna

Roma – Bologna: 2-1

***

Se porta a casa qui er bottino pieno,

quanta fatica pe pià tre punti,

ma ariveno e come che sò giunti

in fonno conta poco, anche de meno.

***

Er primo go’ de Kolarov dà spunti

a giocà mejo e a arigalà er sereno,

er due è de Fazio che, come un baleno,

la infila tra avverzari e pali aggiunti.

***

Poi l’attimo immancabbile de strizza,

quanno che prenni er go’ e che manca poco,

quer poco che nun sai quanto se spizza.

***

Fischio finale che te chiude er gioco,

tre punti boni già da mette in lizza,

pe un quarto posto a cui je danno er foco.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Nun t’abbatte

Nun t’abbatte

***

Nun te fà abbatte mai da la tristezza,

abbasta che te viè quer velo nero,

che spegne er grugno, giusto co un penziero,

che cià er potere e la dimestichezza …

***

… de pittà smorfie ar viso tutto intero,

li lati de la bocca già l’attrezza

in du’ tronconi a arco in cui li smezza,

a scegne verzo er basso ar punto zero.

***

Spenta la bocca, passa dopo a l’occhi,

se smorzeno ner lucido velato,

che lentamente sona li rintocchi …

***

… ar tempo che nun è mai delicato,

pe quanto te l’allunghi e lo tarocchi,

ne la tristezza è solo che buttato.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

 

 

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Febbraio 2019

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

***

Gesù salì sur monte a dì a chi c’era:

“Er povero de spirito, beato,

chi piagne mó, sarà ariconzolato,

er mite, ché erediterà la Tera.

***

Chi ha fame e sete ché verà sazziato,

ma quella de Giustizzia, quella vera,

chi cià misericordia, giorno e sera,

chi è puro assai de còre, a Dio affacciato.

***

Beato poi chi opera la pace,

verà chiamato, infatti, fìo de Dio,

chi è perzeguitato ingiusto e tace.

***

Beati voi quanno ve inzurteranno,

e soffrirete pe ‘sto credo Mio,

ve aricompenzerà Lassù ‘gni dànno. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani

16 Febbraio 2019

Trilussa – Gatta ce cova

Gatta ce cova

***

In un villino avanti a casa mia,

tutte le sere vedo una signora

ch’accenne un lume, fa un segnale e allora

va su un bell’omo a faje compagnia.

***

‘Sto marcantonio, che nun so chi sia,

cià un grugno da tedesco ch’innamora

e data quela visita a quel’ora,

m’è venuto er sospetto ch’è una spia.

***

La stessa cammeriera se n’è accorta,

e sere fa, cor coco e co la balia,

se misero a sentì dietro la porta.

***

Però nun hanno ancora stabbilito,

si l’ariceve a danno de l’Italia,

o a danno solamente der marito.

***

Trilussa

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 Febbraio 2019

San Faustino

San Faustino

***

Er quinnici febbraio è San Faustino:

’na ricorenza pe chi sta da solo,

ossia nun è accoppiato, e viè a faciolo

er giorno dopo de San Valentino.

***

Er “single”, sia pe corpa che pe dolo,

quello pe scerta o ché lo vò er destino,

così cià un giorno e un santo a lui vicino

e anniverzario a festeggià ‘st’assolo.

 ***

Nun ho capito mai perché e per come,

si è omo o donna, fusse anche pischella,

er còre solitario cambia er nome.

 ***

Si è omo è “scapolone”, er che suggella

ch’è libbero, ner mentre er soprannome,

si è donna, nun pò èsse che “zitella”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***