Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

14 Dicembre 2019

Dieci giorni ar Natale

Dieci giorni ar Natale

***

Ce semo, ormai! Sortanto dieci giorni

e finarmente, poi, sarà Natale,

‘gni anno ch’è diverzo e gni anno uguale,

ner ciclo de staggioni e de ritorni.

***

In giro è un friccicore generale,

de addobbi e de lustrini pe contorni,

ché pure er cèlo, invaso da li storni,

pare arifrette luce siderale.

***

Gente che córe intenta a fà regali,

infiocchettati in nastri sluccicanti,

in cerca de sorprese origginali.

***

Ce se prepara tutti a inviti e canti,

e a le magnate, quelle colossali,

che pare che nun magni da ‘Gnissanti.

***

Ma ce se scorda già de chi cià uguali

li giorni messi in fila tutti quanti,

senza né compreanni né Natali.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

12 Dicembre 2019

Roma – Wolfsberger E.L.

Roma – Wolfsberger: 2-2

***

La cosa più importante è arivata,

se passa er turno, er resto poco conta,

anche si certamente un po’ se sconta,

l’èsse seconna ch’è qualificata.

***

Ma intanto quer che vale e che orizzonta,

è che ‘sta Roma, sempre un po’ acciaccata,

nun s’è mai aresa mai, né arenata,

s’è fatta trovà invece sempre pronta.

***

Perciò nun me lamento pe ‘sto pari,

anche si un po’ bruttino a dilla tutta,

ma guardo avanti a l’impegni vari …

***

… ancora da giocà e qui nun se butta,

nulla de risurtati dorci e amari,

senza mai piagne, pur ch’er pianto frutta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

L’Attore principale

L’Attore principale

***

Te cerco tra l’addobbi e nun Te vedo,

e dì che sei l’Attore principale,

senza de Te, ma che vor dì er Natale?

Sarò ‘no scemo, eh sì, ma me lo chiedo.

***

In mezzo a ‘st’atmosfera generale,

de luci a intermittenza e der coredo

de nastri e de nastrini, nun ce credo

che Tu nun ce stai manco in laterale.

***

E me domanno, ma che se festeggia?

E perché mai se scambieno l’auguri,

si manchi Te e nun c’è chi Te conteggia?

***

Ce s’aritrova pe magnà deppiù,

ma c’è rimasto chi ancora se curi

de Te che nasci, oh Bambin Gesù?

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

11 Dicembre 2019

Regali de Natale

Regali de Natale

***

Quanno ch’ariva er tempo de Natale,

più s’avvicina, più scatta la corza,

a li regali ché ce vò ’na forza,

pe staje appresso, guasi micidiale.

 ***

Co un occhio ar còre e l’artro anche a la borza,

tocca penzà ar penziero più speciale,

possibbirmente essenno origginale,

ce se scervella arquanto e ce se sforza.

 ***

Cor rischio de incappà pure in doppioni

o ner pacchetto manco arincartato,

che viè poi ariggirato in più occasioni.

 ***

Er massimo, che già m’è capitato,

è d’un regalo da li piedi boni,

ch’avevo ariciclato è m’è tornato!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

10 Dicembre 2019

Er novo arbero de Piazza Venezzia

Er novo arbero de piazza Venezzia

***

Quest’anno, c’è da dillo, è propio bello,

è ricco, è arto, è pieno, è luminoso,

le palle a ‘mprezziosillo de sfarzoso,

Piazza Venezzia, er centro der suo ostello.

***

Un arbero davero maestoso,

che pare messo lì pe fà da ombrello,

acceso ariempie er còre e anch’er cervello,

de chi lo guarda è un sorzo de riposo.

***

Perciò de certo qui nun lo discuto,

è solo che ce penzo e un po’ m’abbacchio,

perché me torna in mente, pe un minuto, …

***

… er nonno suo, de quer verde pistacchio,

io c’ero affezzionato e dico, muto,

che m’era più simpatico SPELACCHIO !!!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Dicembre 2019

Li giorni prima de Natale

Li giorni prima de Natale

***

‘Sti giorni che precedeno er Natale,

sarebbe bello annassero più lenti,

in modo da godesse li momenti,

de ‘st’atmosfera ch’è sempre speciale.

***

Ch’è inutile stà a fà raggionamenti,

su ch’è ‘na festa solo commerciale,

Natale nun è mai un giorno normale,

nemmeno pe li atei intranzigenti.

***

E quant’è bello er senzo de l’attesa,

quele lucine e quele luminarie,

accese ovunque, fusse pure in Chiesa.

***

Sò le giornate più straordinarie,

ché riescheno perzino ne l’impresa

de fàcce pupi, pur tra rughe varie.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Dicembre 2019

Immacolata Concezzione

Immacolata Concezzione 

***

Me immaggino quer giorno Bernadette,

chissà ner còre suo quanta emozzione,

co Lei, l’Immacolata Concezzione,

che sussurrava cose benedette.

**+

La piccola, che stava in confusione,

‘ste cose mai l’aveva scritte o lette,

nun le capiva quinni, ma l’ha dette,

memorizzate, senza cognizzione.

***

Er vescovo che ascortò la storia,

de Bernadette davanti a la Signora,

 Immacolata … da mannà a memoria …

***

… capì che la bambina vide allora,

propio Maria … la Madre de la Gloria,

che vorze in Lourdes stabbilì dimora. 

***

Stefano Agostino

________________________

***