Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Giugno 2022

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro, pe via Appia, fòri porta,

stava quer dì fuggenno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndó vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resta ’ndó stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

ar Santuario de le Tre Fontane,

er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

A chiede scusa pe ’st’esecuzzioni

de tutt’e due, a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Giugno 2022

Er gioco der diavolo

Er gioco der diavolo

***

Li gusti che sò giusti nun discuto,

ma chiedo ar “callofilo” convinto,

come je fa a piacé ‘sto callo spinto,

che nun dà tregua manco pe un minuto?

***

Nun se respira e a ‘gni piè sospinto,

se suda come ar bagno turco a fiuto,

la notte nun se dorme senza aiuto,

co le zanzare che t’hanno già vinto.

***

E fòri è un forno acceso e l’afa bolle,

l’asfarto s’aroventa e er vento è un foco,

che s’arza sur tericcio fatto a zolle.

***

E nun se vede manco via d’uscita,

l’anticicloni fanno er triste gioco

ch’er diavolo ce gioca da ‘na vita.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

26 Giugno 2022

Liturgia de ‘na tavola romana

Liturgia de ‘na tavola romana

***

Cor pesce er martedì nun ce se ’mpippa,

de venerdì, uguali sò l’abbocchi,

er giovedì, è er giorno de li gnocchi,

er sabbato, trionfo de la trippa.

***

Er lunedì, minestra e du’ finocchi,

mercoledì, più o meno stessa pippa,

domenica, de contro, ce s’attrippa,

dar primo fino ar dorce e già co l’occhi.

***

’Na settimana co l’indicazzione,

de come magna a Roma er precisino,

che vole rispettà la tradizzione.

***

Chi è de Roma DOC capitolino,

nun se cadenza mica l’occasione,

de magnà e beve assiso ar tavolino.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Domenica

La Domenica

***

Ciài un profumo, spece de matina,

che ariconosco senza er calennario:

er sòno de campane arza er sipario,

pe mette in scena pace canterina.

***

Sei er solo giorno che nun cià orario,

manco ’na sveja a mette adrenalina,

ché quant’è bello ’sto staccà la spina,

senza curasse de sbarcà er lunario.

***

Er sole m’arigala luce nova,

che in quer seconno esatto m’aripiana

e ’na famija intera s’aritrova.

***

È sera, già me manchi e sei lontana,

ma ecchite de ’ncanto fà la prova,

trascorza appena un’artra settimana.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

24 Giugno 2022

Un mese fa

Un mese fa

***

Un mese fa, er 25 maggio,

s’arzava in celo arta quela Coppa,

la gioia ancora oggi è così troppa,

ch’è come ieri avé inizziato er viaggio.

***

Ner mentre festeggiamo c’è chi schioppa,

er poveraccio, ‘na vita in disaggio,

nun se ripìa e se vò fà coraggio,

chiamannola “coppetta” … e lì se stoppa.

***

Pe tutti quanti l’artri è un gran traguardo,

che merita rispetto, onore e gloria,

che va a la lupa che fa da stendardo.

***

Perciò ancora grazzie a ‘sta vittoria,

che riempie ‘sta città e rubba lo sguardo,

a chi ne porta er nome e la memoria.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta e ner deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio, ner Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

23 Giugno 2022

Bravo a fà la morale

Bravo a fà la morale

***

Ammazza si so’ bravo a fà sermoni,

a vorte me stupisco pure io,

ma chi me credo d’èsse, tipo un dio?

Padre che cià a che fà co bamboccioni?

***

Si ero capace armeno d’èsse fìo,

de quelli precisini, boni boni,

crescenno mó scalavo posizzioni,

speranno d’arivà magara a zio.

***

E invece me permetto ’ste morali,

quanno so’ er primo ch’ha sbajato tanto,

che a fà ’na somma nun ce sò totali …

***

… in grado de sommà er tanto e quanto,

fra toppe prese e tonfi colossali,

abbasta carcolà quant’è ch’ho pianto.

***

Stefano Agostino

______________________

***