Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Settembre 2019

A Padre Pio

A Padre Pio

***

Lo sguardo de dorcezza e sofferenza

immaggine de tutto Padre Pio,

in cui specchiamme adesso pure io

ner giorno santo de ‘sta ricorenza.

***

Lo sguardo, che vorebbe fusse er mio,

de chi ha capito che la quintessenza

de tutto er monno sta ne l’esperienza

de chi ner prossimo ce vede Dio.

***

Un omo vero, duro ne la voce,

co un còre spalancato a la preghiera,

le stimmate de Cristo e la Sua Croce.

***

Esempio da seguì pe vita e pace,

e Santo da ‘nvocà quanno la sera

se smorza er lume e intorno tutto tace.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

22 Settembre 2019

Bologna – Roma

Bologna – Roma: 1-2

***

Sò quele cose che nun riesci a esprime,

come se pò gioì co un go’ venuto,

ner tempo esatto a l’urtimo minuto,

nun ce sò né strofette e manco rime.

***

Dopo quer go’ de Kolarov, tessuto

su punizzione, e ché arza le stime

de un giocatore che, pur su le prime,

s’era beccato p’er tempo pennuto.

***

Poi quer rigore assurdo regalato

e cartellini gialli fino ar rosso, 

che già sembrava tutto ormai segnato …

***

Ma de segnato c’è che er còre grosso

de Edik Dzeko co tocco ferpato,

ha fatto er due … e godo a più nun posso.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Dio e mammona”

Dar Vangelo der giorno: “Dio e mammona”

***

“Nun pòi dà retta, amico, a du’ padroni,

sinnò finisce che fai preferenze,

e ne l’amalli usi differenze,

e, sta’ sicuro, fai li paragoni.

***

Nun s’ha da èsse, no, pozzi de scènze,

pe dì e spiegasse mejo che, in sòrdoni,

nun se pò èsse servi giusti e boni,

a servì Dio e amà artre potenze.

***

Nun se pò èsse schiavi der denaro

e mette ner contempo, ar centro Dio,

ché un ricco in Cèlo va mórto de raro.

***

Passa prima un cammello in cruna d’ago

che un ricco a annà vedé er Padre Mio,

… ce l’ho co te, perciò nun fà er vago!”

 ***

Stefano Agostino

_______________________

***

Poesie romanesche

21 Settembre 2019

Trilussa – La calunnia

La calunnia

***

Da una brutta catapecchia / che se specchia drento ar fiume /

ogni notte c’è una Vecchia / ch’esce fòra co un lume. /

È una strega co ‘na mucchia / de sbognòccoli sur naso, /

e tre denti nati a caso / che j’ariveno a la scucchia. /

***

D’anniscosto de la gente / piano piano se stracina /

su lo sbocco puzzolente / de ‘na chiavica vicina, /

pija un sasso eppoi ce scrive / co la punta der cortello /

l’improperie più cattive / contro questo e contro quello. /

***

E la Vecchia dispettosa / soddisfatta de la cosa, /

detto fatto butta er sasso / drento l’acqua mollacciosa. /

L’improperia cala a fonno, / ma a fior d’acqua, piano piano, /

sparge in giro un cerchio tonno / che s’allarga e va lontano … /

***

Va lontano e, mentre pare / che se sperde e se finisce, /

zitto zitto ariva ar mare / e lì eccome si corpisce. /

Chi direbbe che ‘sta Vecchia / fa ‘sta brutta professione /

pe servì tante perzone / che je soffieno a l’orecchia?

***

Quanta gente, che c’è amica / je darà l’ordinazzione.

***

Trilussa

___________________________

***

I sonetti romani,La Roma in rima,Stagione 2019-20

19 Settembre 2019

Roma – Basaksehir E.L.

Roma – Baseksehir: 4-0

***

Un quattro a zero, ch’è un gran bell’inizzio,

e parla già da solo un po’ de tutto,

la Roma vince e fa restà a l’asciutto,

‘sti avverzari turchi … è un bello sfizzio.

***

Er primo go’ è un autogo’ co sfrutto

de un erore loro da novizzio,

poi ner seconno tempo scatta er vizzio

de chi la mette dentro co costrutto.

***

Er due è de Dzeko, assist de Zaniolo,

er tre de Nicolò … co un go’ perfetto,

e l’urtimo de Kluivert che da solo …

***

… già vale tutto er prezzo der bijetto,

ma è la Roma squadra e no l’assolo,

che gira e gioca e tutto è a effetto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Come pò èsse che sò già le sei?

Come pò èsse che sò già le sei?

***

Come pò èsse che sò già le sei?

Si ho smorzato l’occhi da un seconno,

nun so’ arivato manco ar primo sonno,

‘sta sveja strilla già, mannaggia a lei.

***

In fase REM, ch’è er coma più profonno,

sognavo d’èsse un re e vince trofei,

mó invece ‘sta sfracella-zebbedei

risbraita e sona, e si la pìo la sfonno.

***

Perché ar lavoro er tempo se immoviola,

che un’ora pare mezza settimana,

ma guardi l’orologgio è un’ora sola?

***

Quanno t’accucci a letto, cosa strana,

córe che doppia “Flash” pe quanto vola.

DRIIIN DRIIIN, le sei, … vabbè porcaputtana!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Settembre 2019

La resilienza

La resilienza

***

Te pòi riarzà, sortanto si sei steso,

pòi risalì, solo si tocchi er fonno,

pòì risvejatte, solo che dar sonno,

pòi rifiatà, si tutta l’aria hai speso.

***

Nun c’è azzione che pòi fà a ‘sto monno,

prima d’arzà bandiera bianca, areso,

che nun sorte da quanno un quarche peso

te butta giù inzin’a lo sprofonno.

***

Si de ‘sta cosa tu prenni coscènza,

anche quanno te casca tutto addosso,

ciài dentro te, come ne la dispenza …

***

… quarcosa che spiegatte qui nun posso,

ma che te dà la spinta, “resilienza”,

pe appiattì o cormà ‘gni monte o fosso.

***

Stefano Agostino

________________________

***