Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Gennaio 2021

Er vento

Er vento

***

Pò èsse un soffio o più un tinticarello,

o raffica de tramontana, “gianna”,

pò accarezzatte er viso co ’na spanna,

fàtte volà, inzieme, tu e l’ombrello.

***

D’estate, quanno sbuffa, è più ’na manna,

si l’afa attufa peggio ch’ar Burello,

ma quann’è inverno gira cor cortello,

sega la faccia e l’ossa te l’azzanna.

***

Che sia libbeccio, greco o ponentino,

scirocco càllo o freddo maestrale,

ner vento c’è un quarcosa de divino.

***

È Dio che scegne giù in mezz’ar mortale,

pe dije ancora che je sta vicino,

sia cor sereno che cor temporale.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Gennaio 2021

La giornata de la memoria

La giornata de la memoria

***

Ben venghi la giornata de memoria,

pe nun dimenticà l’infamia estrema

de la “Shoah”, che nun pò èsse un tema

da chiude e conzervà in libbri de storia.

***

Ma ricordà sortanto nun è schema

pe evità che l’omo e la sua boria,

pe quarche sua credenza e vanagloria,

possa, però, ripresentà er probbrema.

***

Accanto a la memoria de l’eccidi,

quale che sia l’idea de l’assassino,

ch’ha perpetrato zozzi genocidi …

***

… ce vò chi inzegni già a ‘gni bambino,

a quali rischi infonne l’odio guidi,

pe razza, credo, gusto o p’er quatrino.

******

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Gennaio 2021

Tutti CONTEnti

Tutti CONTEnti

***

Come si fusse stato ch’un giochetto,

gestì er Paese ne la pandemia,

combatte co ‘sta granne epidemia,

co poche armi eppoi tutto de getto.

***

O semprice sarvà l’economia,

in piena crisi come primo effetto,

ch’ha riguardato er monno, un aspetto

che nun è certo pura fantasia.

***

Sò stati fatti sbaji … è naturale,

ma intanto prese pure decisioni,

che artri han seguito, ben’ o male.

***

Ma pe pastette de portrone a molle,

qui oggi, pe ‘na massa de cojoni,

è un dì de festa: Conte sale ar colle!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Gennaio 2021

La Converzione de San Paolo

La Converzione de San Paolo

***

Lui se n’annava là, verzo Damasco,

quer giorno quanno venne forgorato,

’na luce accesa, forte, l’ha cecato,

stava a cavallo e disse: “Aiuto, casco!”

***

Udì ’na voce in tono arterato

che disse: “Basta un po’ de stà a ricasco

de chi m’ammazza er gregge eppoi, fuggiasco,

cambiete nome e fa’ ch’Io sia lodato!”

 ***

La voce der Signore Gesù Cristo:

“Io t’ho cecato, ma mica pe ride:

tu fin’a mó de certo nun ciài visto”.

***

Pe Paolo fu lì la Converzione:

aperti l’occhi ar Vero lui rivide

er credo ‘nzieme ar nome e la missione.

***

Stefano Agostino

____________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Gennaio 2021

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

***

Simone stava in barca cor fratello,

quann’arivò Gesù e je disse: “Pietro,

così te chiamerai, tu viemme dietro,

inzieme a Andrea, mollate quer fardello”.

 ***

Poi avanzanno giusto quarche metro,

fece: “Er mestiere vostro è arquanto bello,

da oggi in poi, però, nun è un tranello,

nun sarà più lo stesso, come addietro”.

 ***

Ve cambierò l’oggetto de la pesca,

che nun sarà più er pesce, come adesso,

ma è l’omo pe cui Io ciò un’artra esca”.

 ***

Andrea co Pietro, in quer momento stesso,

mollarono le reti e ’gni artra fresca

e senza induggio je sò iti appresso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

23 Gennaio 2021

Roma – Spezia

Roma – Spezia: 4-3

***

Ce sò partite e certamente questa

in cui nun conta solo la vittoria,

troppa l’ariaccia attorno a Trigoria,

pe sindacà quale punteggio resta.

***

La Roma ha vinto … e questo fa la storia,

de ‘sta partita che vale ‘na festa,

pe come ch’è venuta e co che gesta,

dopo ‘na settimana de cicoria.

***

Poi quanno la recuperi a la fine,

dopo un pareggio che grida vendetta,

la gioia ar quarto go’ nun cià confine.

***

Un granne Mayoral co ‘na doppietta

poi Karlsdorp prima de staccà le spine,

e Pellegrini fa ‘gni curva, retta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

La presa de coscenza

La presa de coscenza

***

Ma che te guardi de prima matina?

E spiegame, de grazzia, chi saresti?

Eppoi che vonno dì tutti ’sti gesti?

Me metti ’na scacagna ballerina!

***

De faccia pare ciài ducento aresti,

nemmanco fussi un mezzo Totò Riina,

la barba lunga e li capelli a spina,

l’occhi abborzati, scarcagnati e pesti.

***

Pe datte un bricioletto de decenza,

te do un conzijo, si me presti orecchio:

da un estetista pìa la residenza.

***

Ar posto tuo m’ero buttato ar secchio,

me tocca d’annà via, ché ciò un’urgenza,

tu che te segui, ahó ?!? … Ma sei ’no specchio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***