Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Giugno 2019

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta, e poi ar deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra er Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio e a Suo Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Giugno 2019

L’Eucaristia

L’Eucaristia

***

Quale artra religgione cià er suo Credo,

ner corpo e sangue, ossia ner pane e vino,

Corpo de Cristo, unione cor divino,

quale artra religgione? Io nun la vedo.

 ***

Mistero de la Fede, che un bambino

capisce ar volo, e ancora me lo chiedo

com’è che un omo adurto (e soprassiedo)

nun se sa più spiegà chi è l’Uno e Trino?

 ***

Ma ner Mistero de l’Eucaristia,

ner pane intinto ar vino ce sta Iddio,

che viè pe me e pe famme compagnia.

 ***

Fusse solo pe questo, ar dunque, io

do l’ostia da magnà a l’anima mia,

paresse poco, me nutro de Dio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani

22 Giugno 2019

Trilussa – La dipromazzia

trilussa - la dipromazzia

La dipromazzia

***

Naturarmente la dipromazzia

è ‘na cosa che serve a la nazzione,

pe conservà la bona relazzione,

co quarche ‘mbrojo e quarche furberia.

***

Se dice dipromatico pe via

che frega co ‘na certa educazzione,

cercanno d’annisconne l’opignone

dietro un giochetto de fisiognomia.

***

Presempio, si io te dico chiaramente

ch’ho ‘ncontrato tu moje co un tale,

sarò sincero sì, ma imprudente.

***

S’invece dico: “Abbada co chi pratica”,

tu resti co le corna tale e quale,

ma te l’avviso in forma dipromatica.

***

Trilussa

________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 Giugno 2019

Estate 2019

Estate 2019

***

Novembre s’è aripresentato a maggio,

co quele pioggie miste ar freddo, a intrujo,

e invece giugno pare uguale a lujo,

da fà vedé le nuvole a miraggio.

***

Si nun tardava a maggio a fasse buio,

c’era de certo un quarche depistaggio,

co quer tempo d’autunno de passaggio,

in mezzo a un calennario in gran subbujo.

***

Se sta a occupà ‘sto giugno de fà estate,

quanno c’era da stà in Primavera,

ch’è stata inverno pe tante giornate.

***

Chissà come sarà ‘st’estate vera,

che oggi apre er sipario a le sue date,

ve l’auguro sia ‘gnuno come spera.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Giugno 2019

Ciao Primavera

Ciao Primavera

***

Er 20 giugno Sora Primavera

chiude er negozzio, è er suo urtimo giorno,

saluta tutti e se leva de torno,

come le gran signore lo fa a sera.

***

E ner saluto preludio ar ritorno,

nun se fa mai mancà, da Donna vera,

de fasse ricordà un’annata intera,

co quer profumo suo e er verde attorno.

***

Ché lei ha portato er giorno a tirà tardi

e pe accorcià de contro le nottate,

come a volé pe lei tutti li sguardi.

***

Co oggi se ne va e le giornate

dovranno conzevaje ‘sti riguardi,

ner mentre viè e s’accomoda l’Estate.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Giugno 2019

La guera

la guera

La guera

***

Nun l’ho vissuta mai io, peffortuna,

solo su libbri o vista da ‘no schermo,

ma tremo come foja e nun me fermo,

sol’ ar penziero d’affrontanne arcuna.

***

Speranza de magnà pane raffermo,

e sopravvive a un chiaro de luna,

cor rischio che da mezzanotte a l’una,

ho perzo tutto ciò in cui me confermo.

***

Signore mio, nun fà scappà ‘sto monno,

incontro ar tetro mostro de la guera,

che lo farebbe quadro in un seconno.

***

Faje capì a li capi de la Tera,

aprennoje er cervello, anche ner sonno,

che razza de stronzata è ‘gni frontiera!

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

18 Giugno 2019

La Pallottese

La Pallottese

***

T’è arimasto de cambià la sede,

tra Londra e Boston, certo no a Trigoria,

levaje novant’anni e più de storia

e anche la lupa, si nun la pòi véde.

***

Già che ce sei, co tutta la tua boria,

de chi ha capito tutto e manco chiede,

pòi cambià l’inno e mette un quarche erede,

pe ariccontà le gesta tue in memoria.

******

Mette Di Canio ar posto de Francesco,

un’aquila piuttosto che la lupa,

e anche solo a dillo nun ce riesco …

***

… pòi usà come colori tua sociali,

er bianco e er blu … che già er penziero sciupa,

pòi fà tifà solo che li lazziali.

***

Stefano Agostino

***