Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

19 agosto 2018

L’Eucaristia

L’Eucaristia

***

Quale artra religgione cià er suo Credo,

ner corpo e sangue, ossia ner pane e vino,

Corpo de Cristo, unione cor divino,

quale artra religgione? Io nun la vedo.

 ***

Mistero de la Fede, che un bambino

capisce ar volo, e ancora me lo chiedo

com’è che un omo adurto (e soprassiedo)

nun se sa più spiegà chi è l’Uno e Trino?

 ***

Ma ner Mistero de l’Eucaristia,

ner pane intinto ar vino ce sta Iddio,

che viè pe me e pe famme compagnia.

 ***

Fusse solo pe questo, ar dunque, io

do l’ostia da magnà a l’anima mia,

paresse poco, me nutro de Dio.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani

18 agosto 2018

Aldo Fabrizi – Er sogno

Er sogno

***

Me pareva de stà su ‘na montagna,

e urlavo in un megafono spazziale:

“Popolazzione mia, che campi male,

accostete qui sotto ché se magna!”

***

Poi come fussi er Re de la Cuccagna,

buttavo giù, pe un’orgia generale,

valanghe de spaghetti cor guanciale,

che allagaveno tutta la campagna.

***

E vedevo signori e poveretti,

in uno sterminato affollamento,

a pecoroni sopra li spaghetti.

***

Quann’ecchete dar cèlo spuntà Dio,

co un forchettone in mano e fà: “Un momento,

si permettete ce sto pure Io!”

***

Aldo Fabrizi

____________________________

I sonetti romani,Romanamente

17 agosto 2018

Er fine settimana

Er fine settimana

***

Granne invenzione er fine settimana!

Er lunedì te pare più un miraggio,

er martedì più o meno stesso ortraggio,

mercoledì lo senti a la lontana.

 ***

Er giovedì te ne vò dà un assaggio,

ma è solo er venerdì che te lo spiana,

co la filosofia leopardiana,

der sabbato famoso der villaggio.

 ***

Un attimo de più, è già domenica,

ché er sabbato la notte se l’inghiotte,

lo fa sparì co ‘na finzione scenica.

 ***

Nemmanco er tempo de capì, già è notte

e er lunedì sta pronto lì e t’arsenica,

ma se ne annasse dritto a fasse fotte.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

16 agosto 2018

Er Disegno

Er Disegno

***

Quanno che incontri Dio sur tuo cammino,

li sceje Lui li tempi e li momenti,

dar giorno esatto che lo sperimenti,

t’accorgi de che senzo dà er divino.

***

La vita da che era accadimenti

in serie, ma a seconna der matino,

diventa lo sviluppo de un “Destino”,

che cià precisi e chiari intennimenti.

***

Er frutto der Disegno che ha penzato

er Padre modellato su de noi,

ner giorno senza tempo in cui ha creato.

***

Sta a te de certo tratteggiallo poi,

libbero de contà su Fede o Fato,

pe colorà er Disegno come vòi.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

15 agosto 2018

Feragosto

Feragosto

***

’Gni anno, quann’ariva Feragosto,

me prenne come un po’ de nostargia,

pe un’artra estate che m’è ita via,

e tocca poi arientrà ’gnuno ar suo posto.

 ***

Dar tempo de la scòla che me pìa,

’sta spèce de magone un po’ anniscosto,

lo so che è più impressione o più, piuttosto,

bisogno de vacanza e d’alegria.

 ***

Vabbè, è un momento, che m’è già passato,

tra un bagno a mezzanotte e un gavettone,

cor sole che m’ha guasi abbruschettato.

 ***

Cocommero, perzino a colazzione,

aria de festa e tanto ho banchettato,

che mó me so’ scordato quer magone.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 agosto 2018

Genova

Genova

***

SILENZIO. È tutto quer che riesco a scrive,

guardanno a ch’è successo co quer ponte

venuto giù, squarcianno l’orizzonte

tra li pilastri de l’opposte rive.

***

Traggedia e nun se pò sapé la fonte,

né si ce sò artre perzone vive,

là sotto a le macerie e quante prive

de vita che s’è spenta come ar fronte.

***

Se strigne tutta Italia in de un abbraccio

a Genova e a un pezzo suo de còre,

corpito da ‘st’oribbile fattaccio.

***

Che mó ce penzi solo ch’er Signore,

(ma qui me fermo e più nun je la faccio)

a daje pace a chi piagne un dolore.

***

Stefano Agostino

___________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

L’ottavo colle

ottavo colle

L’ottavo colle

***

Lassù in cima a piazzale Garibardi,

sur pizzo da ‘ndó Roma se riassume,

pòi buttà un occhio ovunque a passà er fiume,

da quanno arbeggia fino a sera tardi.

 ***

E si ce vai de notte se presume,

ch’è pe scambià parole dorci e sguardi,

carezze e baci accesi da mijardi,

de stelle pitturate a fà da lume.

 ***

Su in pizzo ce sta er Faro, dov’è rito,

che un cannone a mezzoggiorno esatto,

fa un botto a ricordà er pranzo è servito.

 ***

Più in basso er Fontanone che de un tratto,

pare che da un giardino è aricucito,

“Gianicolo” se chiama ‘sto ritratto.

***

Stefano Agostino

________________________

***