Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

4 Ottobre 2022

A San Francesco

A San Francesco

***

Nun se pò concentrà in un sonetto,

quello ch’ha fatto in vita San Francesco,

armeno, scuserete, nun ce riesco,

ché già così, je manco de rispetto.

***

Pe nun impelagamme qui ne esco,

parlanno solamente de un aspetto,

che più me tocca: ’st’omo benedetto,

ha rinunciato a tutto, a sfarzo e desco.

***

Pe carità s’è fatto poverello,

ben ortre er concepibbile previsto,

pe Amore vero da portà ar fratello…

***

… in cui Francesco deve avecce visto,

come ’gni Santo è in grado de vedello,

rifresso Dio, Signore, Gesù Cristo.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

3 Ottobre 2022

L’ottobrate romane

L’ottobrate romane

***

Er Sole a Roma, si artrove è Inverno,

scalla in ottobre l’aria de matina,

er celo azzuro sembra ’na vetrina,

che mette pace ar dentro de l’interno.

***

E nebbia nun ce sta, nemmanco brina,

è un attimo che pìa tempo a l’eterno,

da mette in bella copia sur quaderno,

’ndó commentà l’immenzità divina.

***

Er popolo le chiama l’ottobrate,

come che fusse er mese a fà ’sto clima,

vestenno Autunno de stracci d’Estate.

***

Ottobre, a córe, nun è ’na gran cima,

pe quanto possa spigne ’ste giornate,

Novembre riesce sempre a venì prima.

**+

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Ottobre 2022

Dar Vangelo der giorno: li servi inutili

Dar Vangelo der giorno: “li servi inutili”

***

L’Apostoli je chiesero: “Signore,

aumenta in noi la fede”, j’arispose:

“Co un po’ de Fede, a voi, tutte le cose,

ve obbedirebbero co gran fervore.

***

Potreste dì a ‘sto gelso:  – Tu co rose,

vatte a piantà ner mare, fa’ er favore – 

lui lo farebbe senza fà rumore,

co spiccioli de Fede in quanto a dose.

***

Dovete èsse servi che er padrone

sa che pò commannà e che loro fanno,

senza pretenne grazzie ne l’azzione.

***

Anzi simmai voi dite de rimanno:

noi semo servi inutili … perzone,

ché aggischeno sortanto pe commanno”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Settembre 2022

San Girolamo

San Girolamo

***

Girolamo, che poi divenne santo

de l’urtimo in settembre, giorno trenta,

spese la vita, e ciò se documenta,

a dà ‘na traduzzione de l’impianto …

***

… der Libro de li Libri, a penna lenta,

dar greco e da l’ebbraico, tutto quanto,

riscritto ner latino co l’incanto,

de ‘na passione che mai je s’è spenta.

***

“Vulgata” la chiamò ‘sta traduzzione,

d’Antico Testamento e der Vangelo,

in de ‘na lingua a disposizzione …

***

… de la gente de Roma e de ‘sto celo,

che conta già mijoni de perzone,

la Bibbia intera, grazzie a quer suo zelo.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Settembre 2022

29 settembre: festa de l’Arcangeli

29 settembre: festa de l’Arcangeli

***

In sopr’ar pizzo de tutte le schiere

de l’Angeli de fronte a Dio sospesi,

pe preservà er mistero Suo e tesi

a rènne viva da le alte sfere …

***

… la Sua presenza a l’omo, sò distesi

l’Arcangeli che pe Cerimoniere,

distinti sò pe compiti e mestiere,

senza che se distingueno pe pesi.

***

Michele che de satana è avverzario,

è lì a protegge er popolo de Dio,

poi Gabriele je fa da emissario.

***

C’è Raffaele, quinni, mai restio

a medicà e soccore missionario,

e l’omo pò avvalesse de ‘sto Trio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

27 Settembre 2022

È ora de cambià

È ora de cambià

***

Che brutta situazzione è lo stà fermi

e nun riuscì a movese de un passo,

immobbili così sotto a un gran masso,

der peso de ducento pachidermi.

***

Ma prima de mannà tutto a l’ammasso

e fà la fine zozza de li vermi,

c’è tempo e modo d’abbassà li schermi,

levannose da dosso ’gni ber sasso.

***

Pe troppo tempo l’hai fittata a nolo,

mó, palle in mano, va’ a cambià ’sta vita

e faje fà tutt’artro giro e volo.

***

Nun te vorai trovà un dì a l’uscita,

che nulla ciài co te e, in più, co dolo,

pòi riccontà er passato co du’ dita.

***

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Settembre 2022

Dar Vangelo der giorno: “er riccone e er povero Lazzaro”

Dar Vangelo der giorno: “Er riccone e er povero Lazzaro”

***

I

Un magnaccione pieno assai de grano,

se dava a li banchetti e un poveraccio,

lì inzù la porta sua co quarche straccio,

chiedeva da magnà, ma sempre invano.

***

Er povero morì e, pe un fattaccio,

er ricco pure, ma diverzo er piano

p’er primo er Paradiso e l’artro, sano,

tirato giù a l’Inferno, ar peggio braccio.

***

Er ricco chiese: “Abramo fa’ er favore:

me pòi mannà un po’ d’acqua, ciò ‘na sete,

in mezzo a ‘sto gran foco e a ‘sto calore?

***

Ve prego, fate presto su, corete,

nun ce la faccio a sopportà er dolore,

‘sta fiamma che me brucia, nun sapete”.

***

II

***

Abramo j’arispose: “Nun lo sai,

che tra voi e noantri in Paradiso,

ce sta un abbisso che terà diviso,

pe sempre chi sta “Qui” o tra li guai.

***

E quinni quello ar foco, tutto intriso

de gran tristezza, disse: “Allora vai,

da li fratelli vivi, a cui dirai

de nun fà come me, senza un soriso”.

***

Abramo repricò: “A ‘sti fratelli,

che ciànno già Mosè e li Profeti,

nun serve da squillà ‘sti campanelli.

***

Si nun vonno seguì leggi e decreti,

anche a risuscitati da ‘st’avelli,

nun je daranno retta … che te mieti?”

***

Stefano Agostino

__________________________

***