Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Ottobre 2019

“Per aspera ad astra”

“Per aspera ad astra”

***

Anche de fronte a un fatto che sconvorge,

mannanno in fumo sogni co progetti,

che viè così, che manco te l’aspetti,

e che divampa e tutto te stravorge …

***

… in fonno ar còre, solo che permetti

de faje spazzio come che se sporge,

ciài dentro te la forza pe arisorge,

e tutti intorno stretti a te l’affetti.

***

Ché nun ce sta momento zozzo e nero,

che dura, pure che te sembra eterno,

senza passà pe aripartì da zero.

***

Nun pò piove pe sempre o èsse inverno,

quattro staggioni a l’anno e nun è vero

che tutto s’è abbruciato in de ‘st’inferno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Ottobre 2019

Più domanne e meno risposte

Più domanne e meno risposte

***

Qui stamo sempre in cerca de risposte,

quanno che semo ar palo, ossia in panne,

senza curacce mai de le domanne,

com’è che sò sortite e che sò poste.

***

Così che stamo pronti a limà zanne,

sicuri come er vino bono l’oste,

che le risposte che ce dànno, toste,

finischeno pe mettece in mutanne.

***

Dovressimo imparà a fà più attenzione,

a che cercamo, come e in che magnera,

e che ce sta ner fonno a la questione.

***

Magara la risposta sarà nera

e nun ce piacerà, ma a raggione,

de certo ce starà che sarà vera.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Ottobre 2019

Dar Vangelo der giorno: “li dieci lebbrosi”

Dar Vangelo der giorno: “li dieci lebbrosi”

***

Dieci lebbrosi chiesero ar Signore:

“Abbi pietà de noi, o Tu, Maestro”,

Gesù je disse: “Sì, ma io v’addestro:

dar sacerdote annate co fervore”.

***

Così che quelli annarono, ma l’estro

d’aritornà a dì grazzie e rènne onore,

a Dio che li guarì ce l’ebbe a còre,

sol uno in mezzo a tutto quer canestro.

***

Che poi, pe giunta, era lo stragnero,

a cui Gesù je fece: “E l’artri nove?

‘Ndov’è che stanno mó? Vabbè, mistero”.

***

Poi nun penzò nemmanco Lui a quer dove,

guardò quell’artro ch’era forestiero,

je disse: “Va’, la Fede te promove”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Ottobre 2019

Er viaggio de Colombo

er viaggio de Colombo

Er viaggio de Colombo

***

Me immaggino Cristoforo Colombo,

er viaggio a bordo de le Caravelle,

cercà le Indie e nun riuscì a vedelle,

tra un orizzonte d’acqua e lo strapiombo.

***

A un equipaggio d’ommini da celle,

pe l’occasione libberi dar piombo,

dije che nun è piatto o quadro o a rombo,

ma tònno er monno visto da le stelle.

***

E lunghi giorni de navigazzione,

rischià la vita a predicà la sfera,

tra la bonaccia e venti da ciclone.

***

E quanno er sogno je sembrò chimera,

tra mozzi e marinai in rivoluzzione,

chissà che mai penzò a quer grido: “TERA !!!”

***

Stefano Agostino

___________________________

 ***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Ottobre 2019

Dar Vangelo der giorno: li servi inutili

Dar Vangelo der giorno: “li servi inutili”

***

L’Apostoli je chiesero: “Signore,

aumenta in noi la fede”, j’arispose:

“Co un po’ de Fede, a voi, tutte le cose,

ve obbedirebbero co gran fervore.

***

Potreste dì a ‘sto gelso:  – Tu e ‘ste rose,

vatte a piantà ner mare, fa’ er favore – 

lui lo farebbe senza fà rumore,

e co anticchie de Fede in quanto a dose.

***

Dovete èsse servi che er padrone

sa che pò commannà e che loro fanno,

senza pretenne grazzie ne l’azzione.

***

Anzi simmai voi dite de rimanno:

noi semo servi inutili … e a raggione,

ché aggischeno sortanto pe commanno”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Ottobre 2019

Li nonni

Li nonni

***

Sò padri e madri, tutto a la seconna,

mortipricano er senzo de famija,

se fanno in quattro, senza batte cija,

pe li nipoti – chi? – Sò nonno e nonna.

*** 

Sempre a combatte chi co ’na pastija,

chi cor bastone, chi in quarche madonna,

chi co ’na copertina e chi s’assonna,

batuffolo, in piggiama de cinija.

 ***

Ma tra l’acciacchi troveno er soriso,

d’arigalà ’gni sempre ar nipotino,

ne l’occhi che sbrilluccicheno er viso …

 ***

… che ce fa compagnia su ’sto cammino,

anche si stanno tutti in Paradiso,

dentr’a un ricordo dorce da bambino.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Ottobre 2019

Er sospettoso

Er sospettoso

***

Te sento dì: “Chissà che ce sta dietro?

Quali disegni? E cosa mai c’è sotto?”

Dentro a ‘gni cosa tu vedi un complotto,

anche si è trasparente com’er vetro.

***

Penzi ce sia ‘gni artro a dì: “Te fotto,

come te movi, abbasta pure un metro”,

e ciài sospetti che, a statte addietro,

c’è chi te vole morto o mar ridotto.

***

Pe te ce deve stà sempre un motivo,

pe cui ‘gni omo cià un comportamento,

che tiè così perch’é brutto e cattivo.

***

Ma prova pe ‘na vorta a vive mejo,

senza stà a immagginà a ‘gni momento,

finti fantasmi a tenette svejo?

***

Stefano Agostino

____________________________

**+