Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Luglio 2021

A santa Brigida

A santa Brigida

***

Er ventitré de lujo è la memoria,

de Santa Brigida che cià devoti,

in tutta Europa che, pe le sue doti,

l’ha fatta compatrona ne la Gloria.

***

Svedese, moje e madre, poi li voti,

quanno morì er marito, la sua storia

la porta a Roma, segno de vittoria,

quella de Cristo su li regni noti.  

***

La venero, così, pe du’ raggioni,

pe cui je so’ devoto in der profonno,

 le sue ben “15 orazzioni” …

***

… de Cristo sofferente date ar monno,

e l’artra, de le due motivazzioni,

è ch’oggi in Celo c’è ito mi’ nonno.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Luglio 2021

Dar Vangelo der giorno: “Gesù cià compassione der gregge”

Dar Vangelo der giorno:

“Gesù cià compassione der gregge”

***

 Gesù mannò l’apostoli e ar ritorno

questi j’ariccontareno li fatti,

quer ch’era stato ner girà a tratti,

come je chiese propio Lui un giorno.

***

“Mó riposate” – disse – “e in anfratti

un po’ in disparte che stanno dintorno,

soli soletti, senza gente intorno,

tranquilli, carmi, docili e compatti”.

***

Pìarono la barca p’annà artrove,

ma chi l’ha visti e presto l’ha sgamati,

je corze appresso: ‘ndov’annate, ‘ndove?

***

Gesù, vedenno in quanti, come schegge,

li staveno a seguì guasi incantati,

ne ebbe compassione de quer gregge.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Luglio 2021

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

***

Gesù, scerti settantadue, je disse

d’annà pe le città, parlà der Regno,

senza portà bisacce o artro fregno,

spiegannoje ‘ste poche cose fisse:

***

“Date la pace ché, si uno è degno,

j’ariverà, ma qua famo a capisse,

si nun v’accorgheno, nun fate risse,

sgrullateve la porvere pe segno.

***

Quela città, ner giorno der Giudizzio,

verà distrutta, che distrutta è poco,

nemmanco er comincio de l’inizzio.

***

Ma voi gioite, lontani dar foco,

de li demóni e ‘gni loro supplizzio,

perché sta scritto in Celo er vostro Loco”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

8 Luglio 2021

Er mejo amico

Er mejo amico

***

Er mejo amico è quello che t’aspetta,

che te sa sta vicino quanno occore,

che pure ’ncasinato, prenne e cόre,

pe dàtte tempo, orecchio, mano e retta.

***

Er mejo amico nun cià da discore,

j’abbasta un’occhiata in tutta fretta,

ha già capito tutto e se staffetta,

pe ditte ’na parola e dà calore.

***

Er mejo amico è er “semprepresente”,

quello che nun se chiama e nun se ’nvita,

ma si nun viè, je faccio sartà un dente.

***

Er mejo amico è chi, si stai in salita,

sa bene quann’è er tempo de fà gnente

e quanno quello de sarvà la vita.

**+

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Luglio 2021

Grazzie Raffaella

Grazzie Raffaella

***

Un GRAZZIE enorme pe quela tua stella,

che ora vola dritta in Paradiso,

lassannoce impressi er tuo soriso,

cor casco bionno oro … Raffaella.

***

Sei ita via così a l’improviso,

sortanto oggi, su de ‘sta livella,

ner mentre sprizzi vita, la più bella,

potemo ditte un GRAZZIE condiviso.

***

Artista a tutto campo, ballerina,

attrice, anche comica, cantante,

co ‘na risata, la più sbarazzina.

**+

Ciao Raffaella … inzegna a santi e sante,

che troverai ‘ndov’è sempre matina,

le cose rigalate qui… sò tante.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Er viaggiatore

Er viaggiatore

***

Er viaggiatore, dico pe passione,

no chi è turista solo de passaggio,

apprezza propio er gusto dentro ar viaggio,

più che ner punto de destinazzione.

***

E s’accontenta anche de un assaggio,

preso da un desiderio ch’è magone,

de coje ar centro tutta l’emozzione,

pe ripartì ner segno d’un miraggio.

***

Co l’occhi se immortala ’gni seconno,

più de ’na machinetta diggitale,

pe imbagajallo impresso in der profonno.

***

Tanto ’na foto, pe quanto speciale,

fusse pure der mejo pizzo ar monno,

nun darà mai l’effetto der reale.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

4 Luglio 2021

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

Dar Vangelo der giorno: “er profeta in patria”

***

Gesù, tornato a Nazaret, parlava

der Regno e de Divini inzegnamenti,

tutta la gente a dì: “Ma senti, senti …

nun è quer fìo ch’è nato qui?” … ciarlava.

***

“Da ‘ndó je vengheno ‘sti intennimenti

e ‘sta sapienza? … Prima lavorava

cor padre suo Giuseppe eppoi contava

Maria pe madre e tanti pe parenti?”

***

Gesù vedenno quela poca Fede,

disse: “Nissun profeta in casa sua,

viè rispettato e qua nun Me se crede!”

***

Così che disse co malinconia:

“Che triste èsse estraneo in patria tua”,

e detto fatto se n’è ito via.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***