Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

15 novembre 2018

M’affido a Dio

M’affido a Dio

***

M’affido a Dio, io sì, m’affido a Dio,

come un pupetto fa cor genitore,

se fida perché sente quer calore

che cià ‘na madre o un padre pe su’ fìo.

***

M’affido a Dio, in Lui, ch’è mio Signore,

ripongo tutto ‘sto cammino mio,

che, certo, l’ho da costruì anch’io,

ma ‘ndov’andrebbe io senza er Suo Amore.

***

M’affido a Dio che m’ha voluto ar monno

e si l’ha fatto cià da èsse un fine

e pe capillo, fino in der profonno …

***

… m’affido a Lui, no a farzi re e regine,

che dureno er passo d’un seconno,

quanno ch’er Tempo Suo nun cià confine.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 novembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la vedova ner Tempio”

Dar Vangelo der giorno: “la vedova ner Tempio”

***

Gesù, ner tempio, dava inzegnamenti:

“Guardateve da scribbi in pompa magna,

co lunghe vesti e a ostentà cuccagna,

sempre li primi a li ricevimenti.

***

Divoreno le vedove in migragna

e pregheno così che tu li senti,

… a seguità ‘sto passo, state attenti,

finischeno in eterno ‘ndó c’è lagna”.

***

Poi se guardò er tesoro e vide gente

che ce buttava un sacco de monete,

‘na vedovella … un sòrdo solamente.

***

Chiamò li sua e disse: “Bè, vedete,

‘sta pòra donna ha dato quer suo gnente

ma è tutto quer che cià … e mó arifrettete!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 novembre 2018

Che t’è successo?

Che t’è successo?

***

Ma che vor dì quer grugno triste e spento?

Che t’è successo? Nun sei più lo stesso,

da che ridevi sempre a ‘sto cipresso,

che nun me pari te, a guardatte attento.

***

Si nun vòi ariccontà in modo espresso,

che è che t’ha ammosciato in un momento,

armeno dimme si pe ‘sto tormento

ce sta rimedio, te lo cerco adesso.

***

Te guardo e t’ariguardo e resti zitto

pe quanto posso avvicinà l’orecchio,

nun fiati, muto de favella e scritto.

***

Rimango co ‘sto dubbio pe parecchio,

fin quanno l’occhio tuo me guarda dritto

indentr’ar mio ner fonno de ‘sto specchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

4 novembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “er comannamento più granne”

Dar Vangelo der giorno:

“er comannamento più granne”

***

Li farisei je chiesero un ber giorno:

“Qual è de Dio er più gran comannamento?”

“D’amallo”, j’arispose in un momento:

“co còre, mente e anima, lì intorno”.

***

E d’un amore vero, un sentimento,

che nun se dà p’avé un quarche ritorno,

de quer ch’abbrucia callo, come un forno,

e nun se spegne co un soffio de vento.

***

Gesù poi continuò: “Ce n’è un seconno

ch’è pari ar primo e che è un suo riflesso,

e vale pe ‘gni tizzio de ‘sto monno.

***

È quello d’amà er prossimo ch’è appresso

preciso, uguale, chiaro e a tutto tónno,

a come ‘gnuno ama er suo io stesso”.

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 novembre 2018

L’appennicati

L’appennicati

***

Li morti nun sò morti, sò addormiti,

appennicati, stracchi de fatica,

pe faje compagnia a ’na vecchia amica,

la sora “Vita” che mó l’ha sfiniti.

 ***

Ner sonno nun se ponno sognà mica,

chi li sta a piagne e li crede sortiti,

né si sò stati più nummeri o miti,

chi ha fatto da cicala o da formica.

***

Se stanno a gustà er tempo senza l’ora,

der giorno in cui nun c’è più diferenza

fra er senzo der tramonto e de l’aurora.

***

Vabbè, pò èsse tutta ’na scemenza,

ma è un modo de penzà che un po’ me ‘ndora,

lo strazzio che de te ciò da stà senza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 novembre 2018

Er giorno de ‘Gnissanti

Er giorno de ‘Gnissanti

***

Primo novembre: er giorno de ‘Gnissanti,

nun solo quelli scritti ar calennario,

chi co ’na chiesa, chi co un santuario,

chi è aricordato tra preghiere e canti.

 ***

Ma no der santo che cià l’onorario

e sta ner paradiso de li fanti,

quello potente e ricco de contanti,

ch’è bono a dà un lavoro e un ber salario.

 ***

Qui se festeggia er Santo de ’na vita

de dono, sacrificio e granne fede,

trascorza a penzà ar prossimo e in salita.

***

Che spesso è tra de noi, ma nun se vede,

ce se n’accorge solo che a l’uscita,

quanno ch’è tardi pe baciaje er piede.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 ottobre 2018

Dar Vangelo der giorno: “la guariggione der cèco nato”

Dar Vangelo der giorno:

“la guariggione der cèco nato”

***

Gesù vide, passanno, un pòro cèco,

un cèco da la nascita qual era,

allora Lui sputò dritto pe tera,

 pe fà der fango, da portallo seco, …

***

… sparmajelo su l’occhi come cera,

“Vatte a lavà” – je disse: -“a Sìloe” (in greco,

vor dì “inviato”) e er fatto fece eco,

(ch’er cèco vide), tra la folla intera.

***

Quest’urtimo parlò co li Giudei,

più vorte e disse che mó ce vedeva,

ma, cèchi loro, come farisei …

***

… nun je credettero a quer che diceva.

Poi arincontrò Gesù: “Io so chi sei”

je se prostrò, er ginocchio fece leva. 

***

Stefano Agostino

________________________________

***