Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Novembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

Dar Vangelo der giorno: “Vejate”

 ***

Così Gesù je disse: “Voi vejate,

ché nun se pò sapé in quar momento

Io aritornerò e qui Me sento

de divve de vejà, in quer che fate. 

***

Com’er padrone che va via: – M’assento –

dice a li servi sua – terreni e entrate

gestiteli ner mentre e amministrate

così che ar mio ritorno sia contento -.

***

Vejate, quinni, voi che nun sapete

quanno er padrone torna, si de sera,

a mezzanotte, a l’arba e lì vedete …

***

… de nun trovavve a seguì le orme

der servo che nun viggila in preghiera,

torna er padrone e lui ancora dorme.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Novembre 2020

ad10s Diego

ad10s Diego

***

Quer che sei stato poi fòri dar campo,

nun c’entra gnente e conta poco adesso,

io vojo aricordatte … e quest’è er nesso,

pe quer ch’hai dato ar carcio … e che in un lampo …

***

… tutt’aritorna in de ‘st’istante stesso,

a la memoria in cui nun ce sta inciampo,

e si la vita nun t’ha dato scampo,

è quer che resta che chiede er permesso …

***

… d’arimané pe sempre e nun se sperde,

ner tocco tuo de palla ch’è un affresco,

co tutti li colori e un prato verde.

***

Quer 10 su la maja ch’è un’icona,

che a dipinge ortre nun ce riesco,

bon viaggio … Diego Armando Maradona.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Novembre 2020

Manco co un fiore

Manco co un fiore

***

Lo dice er detto che manco co un fiore

la donna pòi toccà … perciò tu penza

che chi la picchia e je fa violenza,

è un omo senza un briciolo de onore.

***

Menà ‘na donna nun è delinguenza,

ma crimine che suscita l’orore,

pe l’omo che così è de ‘no squallore,

che merita la più peggio sentenza.

***

Pe chi picchia ‘na donna nun c’è appello,

nun c’è processo, nun ce sta attenuante,

nun c’è difesa, nun ce sta fratello.

***

Nun ce sta rito, nun ce sta gravame,

ma solo ‘na qualifica costante,

menà ‘na donna è solo che da INFAME !!!

***

Stefano Agostino

________________________

***

***

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Novembre 2020

Cristo Re de l’Univerzo

Cristo Re de l’Univerzo

***

È er dì de Cristo Re de l’Univerzo,

pe noi cristiani è er vero capodanno,

intenno dì in Liturgia parlanno,

se chiude un anno e s’apre uno diverzo.

***

E datosi che oggi inizzia l’anno,

dovremmo festeggià mica pe scherzo,

pe renne meno propio, e no introverzo,

er Credo che noi annamo professanno.

***

E ‘gni famija unita a stà in preghiera,

p’aricordà che Cristo è Re der monno,

sarebbe la più lucida magnera …

***

… pe vive ‘sta gran Festa fino in fonno,

fà in modo che pe ‘na giornata intera,

se possa èsse cristiani in der profonno.

***

 Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Novembre 2020

La Presentazzione de Maria ar Tempio

La Presentazzione de Maria ar Tempio

***

Quer giorno lì Anna co Gioacchino,

portorno ar Tempio la bimba Maria,

pe conzagralla a Dio, la loro fìa,

che ospiterà così Gesù Bambino.

***

Chissà ch’hanno provato su la via,

pe la salita ar Tempio, sur cammino,

pe presentalla a l’occhi der Divino,

che già l’aveva riservata pria.

***

La Mamma de Gesù e de tutto er monno,

senza ‘na macchia nera de peccato,

chissà com’ha vissuto quer seconno.

***

Quanno che anni dopo ha pronunciato

er Suo sincero “Sì” dar più profonno,

quer giorno ar Tempio, Lei l’ha già ascortato.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Novembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “la parabbola de li talenti”

Dar Vangelo der giorno:

“la parabbola de li talenti”

***

 Appena prima de partì pe un viaggio,

un omo dà a li servi li talenti

a uno 5, a un artro 2 e – attenti –

a uno 1 e parte. Er primo, saggio, …

***

… li fa fruttà co boni investimenti

e li raddoppia co granne coraggio,

anch’er seconno uguale, er terzo, gaggio,

sottera quer talento e nun cià aumenti.

***

Quanno aritorna, l’omo chiede er conto:

er primo, cor seconno sò premiati,

p’er frutto dato e reso ner confronto.

***

Ar terzo, ch’er talento s’è anniscosto,

je viè levato tutto e, da gran tonto,

viè subbito cacciato da quer posto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Novembre 2020

Chi sei veramente

Chi sei veramente

***

Chi crede de conoscete sortanto

perché de te cià ‘na sfaccettatura,

nun sa che quer che sa de te misura

come ‘na goccia dentr’a un mare tanto.

***

Te guarda come fussi ‘na scurtura,

che resta ferma, mentr’er monno accanto

t’ha già bollato come mostro o santo,

in base a quer parziale che snatura.

***

Come ‘gni omo ciài cent’artri aspetti

e nun pò èsse mai ch’uno qualunque

abbasta a dì chi sei, come t’assetti.

***

Ché spesso nun lo so nemmanco io

come so’ fatto veramente ar dunque,

er solo che lo sa, se chiama Dio. 

***

Stefano Agostino

____________________________

***