Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Settembre 2020

Addolorata

Addolorata

***

Penza tu, mamma, che dev’èsse stato,

vedé su’ Fio appeso a quela croce,

corona in testa, chiodi e er modo atroce

de condannà Chi agì senza peccato.

***

E nun usà manco che un fir de voce,

sinnò ner pianto pur mezzo strozzato,

da sott’a quer Mistero Incarnato,

un legno, un grido e tutto via veloce.

***

Come dev’èsse stato, penza, mamma,

vive un seconno solo quer momento,

Giovanni là vicino … un fotogramma.

***

Fin quanno pure er celo poi s’è spento,

pe rènne omaggio ar Fìo de Dio ner dramma,

‘na spada la trafisse a còre ar vento.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Settembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

Dar Vangelo der giorno: “settanta vorte sette”

***

Pietro chiese a Gesù: “Rabbì, Signore,

si mi’ fratello me fa un torto in sorte,

io l’ho da perdonà, ma quante vorte?

Sò fin’a sette? Dimme, fà er favore”.

***

Gesù je disse: “Pietro, braccia corte,

settanta vorte sette e in più cor còre,

si vòi ch’er Padre cor Suo granne amore

perdoni anche te, fin’a la morte.

***

Nun fà come quer servo che ar padrone

doveva daje tanto e fu abbonato,

ma lui, nun fece uguale ar suo garzone.

***

Ché poi er Padrone, quanno l’ha sgamato,

j’ha fatto ingurgità ar gargarozzone

tutto quer che j’aveva condonato”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Settembre 2020

A Te, Maria

A Te, Maria

A Te, Maria

***

Co l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

ciài quer soriso ch’arisprenne e dona

a ’gni Tu’ fìo ’na carezza bona,

pe quanno che succede un quarche dramma.

***

La Tua presenza che mai ce abbandona,

retta da Amore, de cui sei la fiamma,

ce aspetta a braccia aperte cor programma

de Grazzie e Doni chiesti a Chi perdona.

 ***

Immacolata Tu sott’a quer velo,

l’azzuro intorno e cinta da le stelle,

che te ’ncoroneno tra tutto er Celo.

 ***

A madri, fìe, nonne, zie e sorelle,

rigalaje un’anticchia der Tuo zelo,

pe fà le donne ar monno ancor più belle.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Settembre 2020

Grazzie Willy

Grazzie Willy

***

Caro Willy, te scrivo ‘sto sonetto,

e so’ sicuro che tu lo pòi lègge,

perché ‘ndó stai tu mó c’è un’artra Legge,

no quella de ‘sto monno ch’è in difetto.

***

Ner mentre un angioletto te soregge,

tu da Lassù riguardi ‘sto muretto, 

tutt’è passato già e voli eletto

verzo la Luce che Univerzo regge.

***

Nun ciài nemmeno er senzo der rancore.

contro li quattro che t’hanno ammazzato,

quello arimane qua inzieme ar dolore.

***

Ché ner frattempo tu sei già arivato …

‘gni cosa de quaggiù perde colore …

e grazzie Willy pe quer che ciài dato. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Settembre 2020

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

Dar Vangelo der giorno: “la corezzione der fratello”

***

Gesù je disse: “Si quarche fratello,

ce l’ha co te, e sta in corpa, va’ da lui,

vacce a parlà, e li penzieracci bui,

prova a limalli, senza fà un bordello.

***

Sippoi continua a avé l’idee pe cui

t’ha già stranito, nun lo fà un macello,

co due o più, pò raggionà un cervello

sinnò a la fine sò affaracci sui.

***

E quer che legherete su la Tera,

o sciojerete, pari pari in Celo,

sarà legato o sciorto Lì com’era.

***

Si sète due o più, ‘st’artro ve svelo,

riuniti in Nome Mio, sto lì in preghiera

anch’Io a pregà er Padre cor Mio zelo”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Agosto 2020

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

***

Ciaveva da soffrì e anche parecchio,

salì a Gerusalemme p’èsse ucciso,

così j’ariccontò e Pietro, deciso,

je disse: “Nun ciannà”, un po’ de sottecchio.

***

Gesù arispose: “Vattene”, conciso,

“Lungi da me, de satana sei specchio,

ma te n’accorgerai, quanno, da vecchio,

dovrai da annà ‘ndó nun l’hai condiviso.

***

Chi vò venì da Me scerga, veloce,

de vive già a rinnegà se stesso,

e accetti inzieme a Me la propia croce.

***

Chi vò sarvà ‘sta vita è da cipresso,

ma chi la perderà pe ‘sta Mia voce

la sarverà, e lì Me verà appresso”. 

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Agosto 2020

Ciài da tené a l’amichi

 Ciài da tené a l’amichi

***

Ciài da tené a l’amichi, amico caro,

perché potresti aritrovatte solo,

‘sta vita mica sempre segue er volo

ch’hai scerto tu, pe mettete ar riparo.

***

L’amico vero, no uno preso a nolo,

che sappia quanno ride o èsse amaro,

che te comprenna e che nun faccia er baro,

puranche quann’è er tempo der conzolo.

***

Lo so ch’è tosta aritrovà un amico,

ma si ne scovi uno tiello stretto,

nun te lo fa scappà, te l’aridico …

***

… Ché a perde un’amicizzia cià un effetto

de fasse male che nessun nemico

ce riesce uguale manco co un proggetto.

***

Stefano Agostino

____________________

***