Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

20 Ottobre 2021

Ottobbre a Roma

Ottobbre a Roma

***

L’Autunno entra ner pieno der suo clima,

quanno che ariva Ottobbre ar calennario,

da subbito, che tira su er sipario,

è er mese che più ’sta staggione stima.

 ***

Er tempo che se fredda, ma ch’è vario

rigala l’ottobbrate pe fà rima,

colora la natura più de prima,

come un pittore ch’è straordinario.

 ***

Cià quer suo stile, da li primi giorni,

a caratterizzà er suo passaggio,

che unico lo fa tra li ritorni.

 ***

Fin da che se presenta, ar primo assaggio,

a quanno cede er passo a pioggia e storni,

Ottobbre è un quadro e sa de Caravaggio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Ottobre 2021

Dar Vangelo der giorno: “sedé a la destra e a la sinistra

Dar Vangelo der giorno: “sedé a la destra e a la sinistra”

***

Così a Gesù, e Giacomo e Giovanni,

je chiesero: “Concedice, Signore,

de stà a sedé ne la Gloria e l’Onore,

de fianco a Te, ner Regno senza inganni”.

***

Gesù rispose: “Fateme er favore,

sedé vicino a Me, in artri panni,

nun lo decido Io, ma sò scranni,

che sa solo Mi’ Padre, er Creatore.

***

 Chi vole èsse er più granne fra de voi,

se faccia servo e l’urtimo tra tutti,

seguenno Me e co Me faccia un ber “Noi”.

***

Anch’Io nun so’ venuto p’artri frutti,

 che nun sia dà la Vita, e così poi

pe riscattà peccati a belli e brutti”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

14 Ottobre 2021

L’abborto

L’abborto

***

Nun so’ nisuno pe parlà d’abborto,

ch’è troppo delicato l’argomento,

ma p’affrontà er probbrema me cimento,

cercanno d’èsse chiaro e no contorto.

***

Arivo ar punto der componimento,

così nun me dilungo e tajo corto:

che corpa cià quer pupetto morto,

pe l’èsse nato senza intennimento?

***

Er corpo è de la mamma, nun discuto,

ma dentro poi ce nasce un’artra vita,

che nun se pò trattà come un rifiuto.

***

A te che me contesti ’sta sortita,

te chiedo, e chiudo tutto e te saluto,

si era tu’ madre a datte un’abbortita?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Ottobre 2021

Dar Vangelo der giorno: “la cruna de l’ago”

Dar Vangelo der giorno: “la cruna de l’ago”

***

“Maestro seguo li commannamenti,

che artro devo fà?” – Je chiese un tale:

“Va’ e venni quer che ciài, pe quer che vale,

e dàllo a li poracci tra li stenti”.

***

Così Gesù, e quello la piò male

e se n’annò tra li ripenzamenti.

Gesù riprese: “State bene attenti,

ch’er ricco in Paradiso nun ce sale.

***

Più facile che passi un gran cammello,

indentro pe la cruna inzù de l’ago,

che un ricco sarga ar Regno, poverello!”

***

“E chi se sarverà?”, co tono vago,

je chiesero e rispose che pe quello,

ce penza Dio che fa ‘gni omo pago.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

7 Ottobre 2021

Prima der “Sì”

Prima der “Sì”

***

Scusa si me permetto ’sto conzijo,

libbero tu de daje un po’ de retta

o accartoccià ’sta mezza pagginetta

e cestinalla in quarche nascondijo.

***

“Sì” a l’artare nun va detto in fretta,

me spiego mejo e arzo er sopraccijo:

pure che rischi de sembrà conijo,

si nun t’aregge, vattene a casetta.

***

Ché nun pò èsse certo pe fà conio

o l’occasione de partì pe un viaggio,

de disse “sì” e fàcce un matrimonio.

***

Sinnò s’arischia de pagà pedaggio,

ar primo intoppo schioppa un pandemonio

e de quer “sì” diventerai un ostaggio.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Ottobre 2021

Dar Vangelo der giorno: “er ripudio de la moje”

Dar Vangelo der giorno: “er ripudio de la moje”

***

Li farisei, pe mettelo a la prova,

je chiesero: “È lecito, Maestro,

aripudià la moje?” a daje er destro

pe repricà così: “Nisuno smova …

***

… quer che commanna Dio, mai capestro,

de l’omo co ‘na donna ne l’arcova,

senz’artri in mezzo e chi mai ce se trova,

adurtero se fa, pure mardestro.

***

Chi manna via ‘na moje e s’arisposa,

commette adurterio e viceverza,

si lei lassa er marito è stessa cosa.

***

E l’omo nun divida e manni sperza,

l’unione che da Dio cià quela posa,

ché su ‘sta cosa nun se ride e scherza”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Ottobre 2021

L’Angelo Custode

L’Angelo Custode

***

Tarmente straripante ne l’Amore,

Dio pe ciascuno de noantri noi,

(un “noi” che nun cià contrapposto un “voi”),

ha rigalato a ‘gnuno un artro còre …

***

… e un assistente che nun manca poi

de daje Luce e un tocco de calore,

quanno che serve, in gioia e ner dolore,

che varga più de tanti finti eroi.

***

Pe questo ‘gni omo cià ‘sto granne Amico,

ch’è l’Angelo Custode perzonale,

pe protezzione e a guardia dar nemico.

***

Io m’arivorgo ar mio ch’è er più speciale,

tutte le vorte che, manco ve dico,

me serve un quarche aiuto celestiale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***