Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di the ‘ Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

16 settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

***

Gesù, a li discepoli in preghiera,

je fece allora, in separata sede:

“La gente ve domanna mai, ve chiede

chi so’ e che sto a fà qui su ’sta Tera?

 ***

Vojo sapé si ce sta chi me crede,

e crede a ’sta parola mia, ch’è vera”,

e a la risposta poi chiese a chi c’era:

“E voi che dite? So’ o nun so’ l’erede?”

 ***

“Tu sei Cristo Gesù, ch’è er Fìo de Dio”,

rispose, trasparente com’er vetro,

Simone er pescatore e Gesù: “Io…

 ***

…dico che sei la pietra, e sarai Pietro,

su cui fonnà la chiesa, e er mazzo mio

de chiavi de Lassù, ma viemme addietro!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 settembre 2018

La vera scòla

La vera scòla

***

La vera scòla è quella che cià inizzio

o co l’asilo o in prima elementare,

ma co un aspetto suo particolare,

de avé un comincio, ma pe un granne sfizzio …

***

… nun mai ‘na fine, anche più der mare,

pe dilla mejo, anche ortre l’ospizzio,

fin quanno Sora Vita toje er vizzio

e lassa l’omo ch’era er suo compare.

***

Quello che cambia è solo er nome usato

da ‘gni scolaro, quanno ch’è un bimbetto,

a quanno cresce, inzino ar penzionato.

***

La vera scòla inizzia quann’è autunno,

ma dura sempre, cambia ossia de aspetto,

facenno OMO quer che prima è ALUNNO.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 settembre 2018

11 settembre 2001: cos’è cambiato?

11 settembre 2001: cos’è cambiato?

***

Cos’è cambiato, dimme, da quer giorno?

S’è fatto quarche passo? No, nessuno.

Nun certo ne la testa de quarcuno

che cià la guera sempre pe contorno.

***

Ché ortre a quela conta de ciascuno,

che ‘gni undici settembre fa ritorno,

de li poracci morti e cari attorno,

nun se fa un mezzo passo, manco uno.

***

E si a parole se parla de pace,

de libbertà, de parità e giustizzia,

a strigne strigne è assai de più che piace …

***

… mettese belli in mostra e fà notizzia,

pe annà a commemorà un quarche “qui giace”,

  e poté dì così: “la guera inizzia”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 settembre 2018

Scolaro pe sempre

Scolaro pe sempre

***

‘Gni vorta che cominceno le scòle,

me pare de sentì la campanella,

la prima ora, er banco, la cartella,

su la lavagna schizzi de parole.

***

Lo so che ciò un’età attempatella,

ma er penziero va più ’ndove vole,

aripercore er tempo de le spole

tra casa e classe, che mai se scancella.

***

Vecchi compagni e vecchi professori

er preside e tante facce nòve,

li libbri da comprà, penne e colori.

***

La compagnuccia e le prime prove

de quanno che pe sempre te ‘nnamori,

ciò l’occhi e er viso lucidi, … ma piove?

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

***

Gesù, come fu ar mar de Galilea,

quanno se seppe de ch’era venuto,

quarcuno je portò un sordomuto,

tra tutta l’artra gente, bona o rea.

***

E Lui, lontano da la folla e er fiuto,

ché granne s’era fatta la nomea,

impose mano ar muto de contea,

disse “Effatà” così che in quer minuto …

***

… a quello je s’aperze er sordo orecchio,

la lingua je se sciorze e già parlava,

… Gesù je fece: “Nun dì gnente, vecchio”.

***

Ma intanto fra la gente che ce stava,

s’annava ariccontando, e assai parecchio,

de quer Gesù e de come che sanava.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 settembre 2018

La valiggia de la carità

La valiggia de la carità

***

Nun se pò in de un sonetto dilla tutta,

ariccontà la vita de ‘sta santa,

ch’ha speso interamente, tutta quanta,

pe gente da la povertà più brutta.

***

Ma de un particolare che me ‘ncanta,

ve vojo parlà qui e ch’ancora frutta,

Madre Teresa, santa de Calcutta,

perdonerà ‘sta mia indolenza tanta.

***

Teresa ce diceva: “In de ‘sta vita,

toccà dà amore fino a sfinimento,

ché l’unico bagajo che a l’uscita …

***

… tu porterai co te in quer momento

sarà quela valiggia e più è imbottita

de carità, più te farà contento”.

  **

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “l’impuro viè dar dentro”

Dar Vangelo der giorno: “l’impuro viè dar dentro”

 ***

Vedenno li discepoli ch’er pasto

magnaveno a mano nun lavate,

li farisei je dissero: “Sappiate

che a fà così s’aggisce in modo guasto!”

***

Gesù rispose: “Ipocriti. Penzate

a li precetti umani, quanno er tasto

ch’è da toccà, pe ‘gni omo puro e casto,

 è fà le cose che Dio ha commannate!

***

Gnente de quer che sta de fòri a voi

pò renneve più er còre lercio e impuro,

ma è ciò ch’è interno a favve zozzi, eppoi …

***

… ‘gni cattiveria viè dar dentro oscuro,

e pe èsse santi veri e veri eroi,

s’ha da sconfigge lì, ora e in futuro.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***