Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Luglio 2020

La Parabbola der seminatore

La Parabbola der seminatore

***

I

***

Un giorno, tempo fa, un seminatore,

sortì pe seminà, ma pe la via,

parte der seme cadde e fece scia

magnata da l’ucelli co furore.

 ***

Parte finì, ma senza ’na reggìa,

sopr’a ’na roccia e un sòlo ingannatore,

spuntò la spiga, sì, ma pe du’ ore,

er sole l’abbruciò e così sia.

 ***

Un’artra parte è ita tra le spine,

ma in quer tereno arido e più asciutto,

fu presto soffocata e fu la fine.

 ***

L’urtima parte cadde dapertutto,

sopr’a un tereno bono e in quer confine,

de qua e de là, dovunque, diede frutto.

***

II

***

Er seme è la parola der Signore:

c’è chi la sente senza l’empatia,

viè er diavolo che cià fisionomia

d’ucello che ne fa sparì er sentore.

*** 

C’è chi l’ascorta e prenne fantasia,

ma nun la tiè pe sempre in fonno ar còre,

inaridisce tosto ar primo umore,

così com’era nato va in morìa.

*** 

C’è chi la segue, ma l’idee assassine

der vive quotidiano, o bello o brutto,

soffocheno speranze contadine.

*** 

C’è chi l’ascorta bene e co costrutto,

la pratica pe sempre e sa che, infine,

si semina quer po’, riccoje er Tutto.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Luglio 2020

San Benedetto

San Benedetto

***

Ciaveva 12 anni, piccoletto,

ma rifiutava già ch’er suo destino

vivesse già ‘na vita libbertino,

così poi se mostrò San Benedetto.

***

Ner monastero de Montecassino,

la Regola fonnò e er suo rispetto,

“ora et labora”, er modo più perfetto,

pe seguì Dio e pe nun fà casino.

***

Ché poi sò tutt’e due la stessa cosa,

anch’er lavoro infatti è ‘na preghiera,

che Dio gradisce più de tanta prosa.

***

San Benedetto, da matina a sera,

se vive ‘sta missione che lui sposa,

appassionato, pe la vita intera.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Luglio 2020

Chi gioca co li sentimenti artrui

Chi gioca co li sentimenti artrui

***

Chi gioca co li sentimenti artrui,

come quann’era un pupo co un pupazzo,

pò èsse adurto o pò èsse regazzo,

ner mentre gioca, come sa fà lui …

***

… nun vede che er proseguì ‘st’annazzo,

a lungo annà lo porta a giorni in cui

la vita je riserva pe costui,

restà da solo e poi s’attacca ar cazzo.

***

Pe córe appresso a gonne sempre nòve

verà quer tempo in cui farà fatica

e inzeguille dietro pe ‘gni dove.

***

Nasce cicala e vò morì formica,

ma pe cercalla sempre e solo artrove,

ner letto mai ciavrà più de un’amica.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Luglio 2020

A Ennio Morricone

A Ennio Morricone

***

Co te va via un artro monumento

de Roma messa in musica perfetta,

maestro nato già co la bacchetta,

pe dà armonia e un sòno pure ar vento.

***

Co l’arte de li sogni che t’aspetta

pe daje un sottofonno a ‘gni momento,

riempiennolo co tocchi de talento,

che a ‘gni firm je fanno da etichetta.

***

Spaghetti western, certo, ma nun solo,

tant’artri titoli ch’han fatto storia,

colonne musicali a cui dà er volo.

***

Co te va via un po’ de Cuppolone

un po’ de Colosseo e tra la Gloria

mó ciànno chi dirige … Morricone!

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Luglio 2020

Dar Vangelo der giorno: “er dorce giogo”

Dar Vangelo der giorno: “er dorce giogo”

***

“Io Te ringrazzio, oh Padre, ch’hai anniscoste,

‘ste cose a tutti quanti li sapienti,

l’hai rivelate, invece, e comprimenti,

a piccoli da l’anime disposte.

***

Nessuno Te conosce artrimenti

sinnò pe Me, qui da ‘st’umane coste,

e solo Io, Gesù, senz’artre imposte,

ne posso rivelà l’intennimenti.

***

Venite tutti, affaticati e oppressi,

Io ve ristorerò co ‘sta Mia Voce,

prennete er giogo Mio ch’è pe voi stessi.

***

Er giogo che nun pesa e che nun coce,

ch’er Padre dà, co l’annessi e connessi,

a l’ommini, a seconna de la croce”. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 Luglio 2020

A petto in fòri

A petto in fòri

***

Ciài tutto contro? Embè, tu fàtte forte!

Ariempi er petto e butta fòri l’aria.

C’è Vita che sta lì, straordinaria,

t’aspetta abbasta che j’apri le porte.

***

Ché si ‘gni cosa pare che te caria,

tu mostraje che ciài ben artra sorte,

che sai lottà puranche co la morte,

e ciài ‘na forza rivoluzzionaria.

***

Ce vole impegno, tigna e un ber coraggio,

ma nun se vince si nun se combatte,

e la vittoria è de affrontà ‘sto viaggio …

***

… senza dové rimpiagne o dì ch’è ita,

pe ciancicà le peggio frasi fatte,

ma ‘ndó ‘gni giorno varga er prezzo Vita.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Giugno 2020

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndó vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndó stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***