Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Maggio 2019

Dar Vangelo der giorno: “questo è er Mio comannamento”

Dar Vangelo der giorno:

“questo è er Mio comannamento”

***

“Nun c’è amore più granne e più talento

che pe l’amichi dà la vita intera,

fate così voantri de ‘sta schiera,

amichi Mia e co ‘st’intennimento.

***

Ve chiamo amichi e no servi com’era

e propio questo è er Mio comannamento,

che anche voi v’amiate co ‘st’intento,

che ve dà gioia, pace e vita vera.

***

Nun voi a Me, ma Io ho scerto voi,

e quer che viè dar Padre v’ho trasmesso

perché voi uguale lo facciate, poi.

***

Amateve l’un l’artro com’Io stesso

ho fatto, e senza èsse finti eroi,

ma pe dà frutto ar monno e a chi viè appresso”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Maggio 2019

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “er bon pastore”

***

Gesù poi je parlò de pecorelle,

che passeno la porta der recinto,

ne l’ascortà la voce che l’istinto

je fa conosce a tutte quante quelle.

***

La voce der pastore, er quale ha spinto

de fòri a pasce er gregge, mai ribbelle,

ché sa chi è e che da artre favelle,

nun viè mai commannato e manco avvinto.

***

Poi spiegò tutto a chi nun lo comprese:

Gesù è la porta ar gregge e quer pastore,

le pecore sò er popolo che attese …

***

… e nun seguì er richiamo truffatore

de ladri e de briganti, ma che intese

la voce de Sarvezza der Signore.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Maggio 2019

Sei unico

sei unico

Sei unico

***

Quanno sei a tera e nun riesci a riarzatte,

co tutto er monno che t’acciacca sotto

e manca poco pe fatte fà er botto,

ché ciai er morale sotto a le ciavatte …

***

… prova a penzà che pure che sei rotto

e nun ciai più la forza de combatte,

ar monno nun ce sta chi pò imitatte,

nemmanco si fa bingo o sbanca er lotto.

***

Ché su ‘sta tera ‘gnuno è er più speciale,

e, come te, è un unico, comunque,

senza le copie de l’origginale.

***

Quann’eri ‘no spermatozoo, ar dunque,

ricorda d’èsse stato eccezzionale,

sei stato er primo tu, no uno qualunque.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Maggio 2019

7 maggio, 4:35 – benvenuta Marta

7 maggio, 4:35 – benvenuta Marta

***

Le 4 e 35 … er 7 maggio,

er regalino che mejo se scarta,

mó fermi tutti, ch’è arivata Marta,

 a ‘mprezziosì ‘sta casa e ‘sto lignaggio.

***

Pe Simo e Giampo auguri co ‘sta carta,

fatta de rime, un po’ de mio appannaggio,

ma auguri a nonni e zii de tutto er raggio,

co li cuggini che ‘sta pupa esarta.

***

Ché er fìo, si è de un cuggino, qui a Roma

dà er titolo arifresso già de “zio”

come me sento oggi cor diproma.

***

Te vojo bene Marta … sì sò io …

sei benvenuta ar monno e in de ‘st’idioma,

ringrazzio papà e mamma e sempre Dio.

***

(zio) Stefano Agostino

______________________

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Maggio 2019

Dar Vangelo der giorno: “la pesca miracolosa”

 

Dar Vangelo der giorno: “la pesca miracolosa”

 ***

Dopo ’na notte in barca, senza un pesce,

quanno che fu matino er giorno appresso,

venne Gesù e disse: “Pietro, adesso,

prova a gettà le reti, vedi ch’esce?”

***

Pietro fece così, ma era perplesso,

poi c’è mancato poco che nun riesce

a sollevà ’gni rete che già cresce

p’er pesce preso, tanto era in eccesso.

***

Levò li pesci da le reti piene

e li contò: “centocinquantatré”,

quanno che s’ormeggiò co le gomene.

***

Gesù a quer punto lì je fece: “A Pie’,

pascia ’ste pecore, si me vòi bene!”

E je lo chiese pe tre vorte tre.

***

Pe aricordaje de ben artre scene,

quanno fu Pietro a dì tre vorte: “Embè?

Nun lo conosco” … pe evità catene.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Maggio 2019

Fà un passo indietro

Fà un passo indietro

***

A vorte c’è da fàllo un passo indietro,

pure che nun ce va e costa fatica,

tocca inghiottì quer rospo o sarapica,

anche si er passo è assai meno d’un metro.

***

C’è da venisse incontro … certo, mica

s’ha da restà aroccati ar muro addietro,

ma un’anima che sia scheggia de vetro

nun riesce a chiude tutto co ‘no “stica…”

***

Quanno che s’è feriti in der profonno,

pe un briciolo dovuto de rispetto

ar propio io, che rischia d’annà a fonno …

***

… nun sempre se pò dì … tutto è perfetto,

nun è successo gnente, è come er monno

che invece d’èsse tonno è un piano retto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Maggio 2019

Caos e Caso

Caos e Caso

***

In de ‘sta vita gnente sorte a caso,

seconno me c’è un filo conduttore,

pe ‘gni perzona ar monno a fà da attore

ner firm ch’è solo er suo, armeno a naso.

***

Quer che chiamiamo “caso” cià un Autore

che rima cor destino e raso raso

te crea l’occasioni e lassa invaso

l’arbitrio che fa libbero ‘gni còre.

***

Sta solo a noi provà o no a afferalle

ner mentre che ce passeno de fronte,

tiranno, più de un po’, fòri le palle.

***

Io la vedo così, sbajo orizzonte?

Pò èsse, ma ner dubbio si annà a valle

io scergo sempre de salì su un monte.

***

Stefano Agostino

______________________________

***