Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Aprile 2024

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

Dar Vangelo der giorno: “chi è er bon pastore”

***

“So’ bon pastore”, je disse er Signore,

“che dà la vita pe difenne er gregge,

che sempre se lo cura e lo soregge,

no com’er mercenario, ch’è a ore.

***

So’ bon pastore, quello che protegge,

ch’er pascolo conosce e dà Amore,

le pecore ricambieno er favore

seguennolo ner quanno dètta legge.

***

E pure si nun è de ‘sto recinto,

‘gni artra pecorella va seguita,

guidata perché ascorti co l’istinto.

***

Er Padre m’ha mannato a dà la vita,

che do e me riprenno, da Lui spinto,

a ‘sta “Missione” che j’è più gradita”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Aprile 2024

Storie da la Bibbia: Davide e Golia

Storie de la Bibbia: Davide e Golia

***

I

Intorno a l’anno mille avanti Cristo,

c’era la guera tra li filistei

e Israele co tutti l’ebbrei,

a perde la battaja in modo pisto.

***

Pe un omo sì che ne valeva sei,

un filisteo enorme, truce e tristo,

che uno uguale a lui nun s’è più visto,

manco tra gladiatori e colossei.

***

Golia er gigante, sì, fu propio quello,

che a chiude er conto, senza tiritera,

sfidò l’ebbrei a battese in duello.

***

E chi vinceva quela sfida vera,

de forza, de coraggio e de cervello,

faceva vince ar popolo la guera.

***

II

Ma tra l’ebbrei nun c’era mai nisuno,

che aveva quela forza e quer coraggio,

de battese in duello cor miraggio

de vince poi la guera, sarvo uno.

***

Un pischelletto, pastorello saggio,

Davide er nome, scerto da Quarcuno

pe èsse Re, ar tempo più opportuno,

che accettò la sfida der marvaggio.

***

Senza le armi e senza l’armatura,

ma Fede in Dio, a faje compagnia,

’na fionna e cinque serci de misura.

***

Co un sercio corpì l’artro e quinni in scia,

Davide je mozzò la testa dura,

e guera vinta a filistei e Golia.

***

De tutto ’sto racconto e de ’sta storia,

er succo da nun mette mai in obblìo,

è che contro ’gni male la vittoria

se pò ottené fidannose de Dio.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Aprile 2024

Nummeri: 2

Nummeri: 2

***

Er nummero che accoppia còre a còre,

pe dupricà er senzo a ‘gni perzona,

creà un’arternativa che sia bona,

ar centro de ‘na scerta, a dà sapore.

***

Polarità, più o meno, che stazziona

tra acceso e spento e che fa da motore

pe move l’univerzo e dà colore,

specchio de un tutto in cui se perfezziona.

***

Er lato de ‘na faccia e er suo opposto,

rovescio de medaja, un fronte retro,

sistema ch’è binario pe dà un posto …

***

… a ‘gni omo che sa sceje e sa fa sue,

ar bivio p’annà avanti e mai indietro,

le strade giuste. Tutto ar monno è DUE.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Aprile 2024

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

***

Così Gesù je disse: “Pace a voi”,

ma vide li discepoli turbati,

“Nun so’ fantasma, ciò li connotati

de uno morto ch’è risorto poi.

***

Toccate mano e piedi traforati,

sò carne e ossa vive, no d’eroi,

ciavete da magnà?” – “Der pesce, vòi?”

E lo magnò tra sguardi estasiati.

***

“Come sta scritto”, quinni ariprese,

“ciavevo da patì granne supplizzio,

de quela Croce pe lavà l’offese …

***

… antiche e li peccati da l’inizzio,

pe poi risorge e accoje a braccia tese

 chi se converte e no p’er suo Giudizzio”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Aprile 2024

Nun c’è ‘na guera giusta

Nun c’è ‘na guera giusta

***

Nun ce sta guera che nun sia infame,

nun c’è der giusto si regna violenza,

quanno che impera solo sofferenza,

tra povertà, soprusi, sete e fame.

***

Quanno che vigge l’arma de demenza,

tra lotta de potere e le sue brame,

nun c’è diritto in chi se perde in trame,

che porteno a la morte pe sentenza.

***

Nun c’è raggione che ciabbia un sostegno,

de razzi, bombe, missili e cannoni,

nun ce sta teritorio, nun c’è regno.

***

C’è solo er passo triste de la Storia

che cambia li confini a le nazzioni,

ma ner seporcro spegne ‘gni vittoria.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Aprile 2024

La Grotta de la Rivelazzione

La Grotta de la Rivelazzione

***

È er posto ’ndó recupero me stesso,

quanno che ciò ’na preoccupazzione,

si ciò bisogno de concentrazzione,

o senza quarche quanno o quarche nesso.

 ***

A la “Grotta de la Rivelazzione”,

nun sò spiegà perché, ma già a l’ingresso,

er monno fòri e quer che c’è appresso,

sparisce co ’gni sua conformazzione.

 ***

E come je successe ar Cornacchiola,

m’abbasta guardà in fonno a quela Grotta,

pe spegne lì ‘gni sguardo e ’gni parola …

 ***

… e famme uscì, ma co la voce rotta,

“bella Signora”, e già ’sta frase sola,

m’abbasta a zittì er còre che borbotta.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Aprile 2024

Eclissi solare

Eclissi solare

***

Teste a l’inzù, co l’occhi a sguardi fissi,

sgomento ch’aringoja le parole,

la Luna ar centro, tra la Tera e er Sole,

a fàcce l’ombra ar mezzo de l’ecàissi.

 ***

Lanostra stella, co quela sua mole,

pare che lemme lemme se inabbissi,

er celo assiste attonito a ’st’ellissi,

come in der nasce, un dì, de fìi e prole.

***

Da ch’era giorno a un tratto abbuja e annotta,

s’accenneno mijoni de fiammelle

pe tutto l’emisfero e la calotta.

***

È un attimo che t’entra ne la pelle,

er tempo che la Luna cambia rotta,

portanno via er chiarore de le stelle…

***

Stefano Agostino

_________________________________

***