Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Novembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “prima de la fine der monno”

Dar Vangelo der giorno:

“prima de la fine der monno”

***

Je chiesero: “Gesù, ce sarà un segno,

der quanno er monno abbassa le vetrine?”

Rispose: “Ce saranno Re e Regine,

in lotta fissa, regno contro regno.

***

‘Na guera senza tempo, né confine,

ché toccherà poi tutti pagà pegno,

tra teremoti e carestie, ma, ingegno,

nun sarà ancora subbito la fine.

***

A voi, seguaci mia, ve ‘nzurteranno,

davanti a re e a li governatori,

pe causa mia ve perzeguiteranno.

***

Io ve dirò che dì, quann’è er momento,

a li processi e a l’interogatori,

de voi Iddio, quer dì, sarà contento.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Novembre 2019

Vive de corza

Vive de corza

***

Se vive sempre appresso a le scadenze,

nun ce sta giorno che nun sia ‘na corza,

che manco mai le trattazzioni in Borza,

sò così rapide, veloci e intenze.

***

È tutto un fuggi fuggi fatto a forza,

che a staje addietro co le sue esiggenze,

te viè un’anzia pe tutte l’urgenze,

che ciài ‘no stress che strigne assai la morza.

***

La carma cor silenzio e un po’ de pace,

più ch’èsse desideri sò utopie,

in mezzo a un gran casino e a ‘sta fornace.

***

Nòve nevrosi e nòve malatie,

che se ne vanno solo ar “qui giace”

quanno finimo poi le batterie.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Novembre 2019

Amor ch’a nullo amato …

Amor ch’a nullo amato

***

E come li stornei ne portan l’ali,

nel freddo tempo, a schiera larga e piena,

così quel fiato li spiriti mali,

di qua, di là, di su, di giù li mena“.

***

Li quattro verzi a “peccator carnali“,

de tutta la Commedia in artalena,

ch’er sommo Vate mette tali e quali

ar quinto canto de l’Inferno, in scena.

***

Er canto de l’Amor ch’a nullo amato,

e de l’innamorati  e un galeotto

libbro e d’un bacio a volà via, rubbato.

***

‘Gni vorta che lo leggo er còre evade

e m’aritrovo a dì, tutto de botto,

e caddi come corpo morto cade”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Novembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

Dar Vangelo der giorno: “li sadducei”

***

Un gruppo de ferventi sadducei,

pe cui nun s’arisorge dopo morte,

pe fà cascà Gesù, chiesero sorte

seconno li principi de l’ebbrei…

***

… der matrimonio, fatto sette vorte,

da quela donna che mòre poi lei,

da vedova ar marito e a artri sei,

a chi va in moje, a l’anime risorte?

***

Gesù arispose che moje e marito,

è robba de ‘sta Tera e no der Cèlo,

‘ndó nun c’è morte e nun ce sta quer rito.

***

Si è pari a l’angeli e ciascun “io”,

come certificato dar Vangelo,

è unito in de l’Amore e fìo de Dio.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Novembre 2019

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

La Dedicazzione de la Basilica de San Giovanni

***

La Festa pe la sua Dedicazzione,

de la Basilica de San Giovanni,

er nove de novembre, tutti l’anni,

cià ‘na sua ben specifica raggione.

***

Ché sta Basilica veste li panni

de Madre de le Chiese, pe missione,

de tutto er monno e ‘sta motivazzione

ne spiega, quinni, er festeggià li scranni.

***

E da li tempi antichi simboleggia,

da sede vescovile quale ch’era,

er popolo cristiano che Je inneggia …

***

ar Dio Artissimo, de giorno e sera,

perché giunga ar Suo Trono e a la Sua Reggia,

der monno intero, l’umile preghiera.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Novembre 2019

Le tinte de l’Autunno

Le tinte de l’Autunno

***

Le tinte de l’Autunno, nun c’è storia,

sò le più belle in passerella a l’anno,

come pe stemperà er griggio panno

der cèlo incappottato e a fà bardoria …

***

… tra er giallo che le foje a ‘ndorà vanno,

er tutto ‘ndò se poseno, a memoria,

e er mogano de l’arberi ch’è scoria

pe raccontà er passato senza inganno.

***

Le spennellate de maron-nocciola

e tutt’er resto ch’è pittato in rosso,

tarmente belli d’azzittì parola.

***

E si l’Autunno porta er peso grosso

de un anno che se ‘nvecchia, se conzola

cor ber vestito ch’ha acchittato indosso.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Novembre 2019

Li viggili der foco

Li viggili der foco

***

Si sò apprezzati, è sempre troppo poco,

pe quer che fanno a rischio de la vita,

senza guardà mai si la via d’uscita,

nun è mai certa e manco pressappoco.

***

Così che ar primo che arza le dita

e chiama già li viggili der foco,

loro sò sempre pronti a entrà in gioco,

e annà in soccorzo co forza infinita.

***

Dentr’a ‘na storia de ‘gni sarvataggio

er tempo a dije “grazzie”, e dritti poi,

da un’artra parte, tutto l’equipaggio.

***

‘No scudo che difenne tutti noi,

sò questi li pompieri dar coraggio,

de ommini che sò li veri eroi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***