Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

18 Gennaio 2022

La lagrima

La lagrima

***

Pò èsse un firm oppure ’na canzone,

l’amore che se sfascia o pe un abbraccio,

l’amico che te penza, un momentaccio,

un pupo che viè ar monno, un’emozzione.

***

Un fatto che t’ha steso come straccio,

la fine de un inferno de priggione,

’no squarcio de ’sta vita, un gran magone,

un dono, un libbro, un lutto o quarche laccio.

***

Lei arichisce er viso e lo colora,

da specchio trasparente ar sentimento,

de l’occhio da ’ndov’è sortita fòra.

***

Nun vergognatte mai, nun fà la Sfinge,

’na lagrima viè giù pe dì er momento,

de quanno l’omo ormai nun pò più finge!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Gennaio 2022

Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate

***

Gennaio diciassette e aricore

er giorno ch’è de Sant’Antonio Abate,

er Santo che da quanno ch’era frate,

vivette da eremita tutte l’ore.

***

“Quer che ciavete voi … che lo doniate”

la sua filosofia, er suo motore,

ar punto che se chiuse, p’er fervore,

a vive in de ‘na grotta e magnà a rate.

***

La tradizzione vole ricordallo

co l’èsse er protettore d’animali,

da un maiale a un cane, gatto o gallo.

***

E ancora oggi bestie e allevatori,

quanno ch’è er dì che in Celo cià natali,

se fanno benedì anime e còri.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

16 Gennaio 2022

Dar Vangelo der giorno: “le nozze de Cana”

Dar Vangelo der giorno: “le nozze de Cana”

***

I

Festa de nozze a Cana, in Galilea.

C’era Maria e un gruppo de invitati,

Gesù, co li discepoli attirati,

 da quanno s’era sparza la nomea.

***

Però li tini s’ereno svotati,

così che mancò er vino a la platea,

Maria chiese a Gesù: “Quarcosa crea,

ché nun c’è vino e sò tutti aggitati”.

***

Gesù allora j’arispose: “Donna,

che c’è tra Te e Me?  E nun è l’ora

de quer momento Mio”, ma la Madonna …

***

… co granne fede, a li servitori,

disse senza sospetti a quelli ancora:

“Quer che ve chiede, fatelo, signori”.

***

II

Ce staveno sei anfore de pietra,

usate pe la purificazzione,

che li Giudei, pe rito e tradizzione,

faceveno ar sòno de la cetra.

***

“Riempitele de acqua a razzione”,

fece Gesù, che mai pe gnente aretra,

“portatele a toje l’aria tetra,

a chi de ‘sto banchetto è er più beone”.

**

E questi n’assaggiò e restò de stucco:

“In tavola”, esclamò; ” c’è er vino bono,

da dà a l’inizzio e l’artro dopo … a trucco”

***

Poi a lo sposo: “Invece tu, signore,

che sei de un artro rango e artro tono,

ce dài a la fine er vino più mijore!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

15 Gennaio 2022

Prima de salutasse

Prima de salutasse

***

Vojo lassatte co ’na rifressione,

ch’è più un conzijo che ’na direttiva,

da légge e d’ascortà come t’ariva,

fanne tesoro o robba da sciacquone.

***

La vita è tua e pìa l’inizziativa,

sei Unico tra un mare de perzone,

quanno riesci a trovà la direzzione,

tu vaje appresso in locomotiva.

***

Nun t’addannà addietro a le sciocchezze

e nun te fà venì ’na malatia:

se chiama monno, è pieno de monnezze.

***

Colora la tristezza d’alegria,

e èssi certo: nun avé certezze.

È tutto … chiedo er conto e vado via!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Gennaio 2022

Benvenuti Carlo e Speranza

Benvenuti Carlo e Speranza

***

E benvenuti ar monno, piccoletti,

che oggi la famija se fa piena,

voi due, Gabbriele co Serena,

c’è Paoletto, poi, tra l’angioletti.

***

Du’ gemellini, come ‘na catena,

co li Beati in Celo, ora eletti,

de Carlo Acutis, lui, che cià ‘st’occhietti,

Madre Speranza, lei, che dorme appena.

***

Vita che viè da Vita e Gioia vera,

che nun se pò spiegà … perciò nun parlo,

ché ‘gni parola nun pò dilla intera.

***

Ma solo tanta e forte fratellanza,

co mamma e co papà … t’abbraccio Carlo,

e do un bacetto a te, dorce Speranza.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

12 Gennaio 2022

La neve a Roma

La neve a Roma

***

Quanno succede è sempre ’na maggìa,

viè giù d’un lemme lemme che se posa,

inzuccheranno a velo ’gni quarcosa,

ammanta e fiocca tutto d’alegria.

***

Roma la veste d’abbito da sposa,

e come dentro a un firm de fantasia,

imprezziosisce er fonno de ’gni via,

ner mentre er celo a sera se fa rosa.

***

È bella pure quanno che nun dura,

s’appoggia sola, bianca, sureale,

la neve, Roma, guasi la pittura.

***

È così dorce, soffice e speciale,

che ce vorebbe che Madre Natura,

la faccia ne la notte de Natale.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Gennaio 2022

Idea nun fa rima co marea

Idea nun fa rima co marea

***

Nun fàtte pià p’er culo da nisuno,

raggiona sempre co la testa tua,

ascorta tutti, ‘gnuno co la sua,

però penza da te, no pe quarcuno.

***

Pur’er bambino che se fa la bua,

impara a piagne e cresce quer ciascuno,

che ‘gni omo cià ner dentro da ch’è uno,

pe nun seguì la scia, ma pe stà in prua.

***

De certo pe formatte tu un’idea,

ciài da studià, nun nasci da imparato,

sinnò finisci a fà prosopopea.

***

Ma co curtura, tempo e apprennistato,

usa er cervello tuo, ché la marea,

nun sempre porta a riva er naufragato.

***

Stefano Agostino

________________________

***