Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Aprile 2020

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

Passione de Gesù Cristo: “la Croce”

 

“Perdonali, nun sanno quer che fanno”,

Gesù rivorze ar Padre ‘sta preghiera,

Lui crocifisso, pe sarvà l’intera

umanità accecata da l’inganno.

***

E a Giovanni, a immortalà la schiera

de l’ommini der monno, de rimanno,

je disse: “Ecco tu’ Madre”, arigalanno

Maria, ch’è Madre già a tutta la Tera.

***

“Dio Mio, Dio Mio perché M’hai abbandonato?”,

ner mentre che vedeva ormai la morte,

poche parole, un sarmo, ha pronunciato.

***

Tra Celo buio e Tera che tremò,

“Tutto è compiuto”, poi quer grido forte,

ché l’eco ariva ancora, Lui spirò.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Aprile 2020

Passione de Gesù Cristo: “er Carvario”

Passione de Gesù Cristo: “er Carvario”

***

Così che dopo avello flaggellato

co in testa ‘na corona a tutte spine,

l’hanno condotto ar Gòrgota, quer crine,

‘ndove poi l’avrebbero inchiodato.

***

P’er peso de la croce, l’aguzzine

guardie romane hanno poi obbligato

Simone de Cirene a tirà er fiato,

pe nun anticipà a Gesù la fine.

***

Gesù cascò tre vorte e in sofferenza

tre vorte s’è riarzato fino a quanno

nun è arivato in cima a la pennenza.

***

Lì, co ‘na targa su cui c’era affisso

l’acronimo che resta a sfreggià er danno,

spojatolo poi l’hanno crocifisso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Aprile 2020

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

Passione de Gesù Cristo: “Pilato e Barabba”

***

I

Gesù fu conzegnato poi a Pilato.

che allor lo interogò: “Ma Tu chi sei?”

“È vero che sei er Re de li Giudei?”,

– “So’ io, sì” – Gesù j’ha replicato.

***

“Da quale Regno venghi e a quali dèi?”,

Pilato a domannà preoccupato,

ma Lui nun fece più nemmanco un fiato,

pur accusato più de cento rei.

***

Pilato lo incarzava, ma Lui gnente

restava zitto mentre, piano piano,

c’era er palazzo già pieno de gente …

***

… a chiedeje a Pilato, er pretoriano,

de crocifigge quer sangue innocente,

ché lo poteva fà solo un romano.

***

II

Pilato nun sapeva che decide,

in Lui nun ce trovava ‘na condanna:

… perché ammazzallo? … eppoi perché s’addanna

‘sta folla intera che lo vole uccide?

***

… E si la mente ancora nun me ‘nganna,

(così penzò ner mentre che lo vide),

è regola de libberà e fà ride

un condannato a Pasqua …  è come manna.

**

Così arimise ar popolo la scerta,

tra chi fà vive e chi ammazzà in croce,

“Gesù o Barabba?  Dite…a la sverta!”

***

La folla sobbillata arzò la voce:

“Sarva Barabba e fa’ sia cosa certa,

morì Gesù e ner modo più atroce”.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

7 Aprile 2020

Passione de Gesù Cristo: “Pietro”

Passione de Gesù Cristo: “Pietro”

***

Appena che Gesù venne arestato,

de fòri dar Sinedrio der processo,

Pietro, lui, zitto zitto s’era messo,

inzieme co li servi in mezzo a un prato.

***

Quanno ‘na donna: “Io t’ho visto spesso” –

je disse – “eri co Lui, e t’ho tanato”,

– “Ma che stai a dì?”, rispose, e un artro, a lato:

“Si cià raggione lei, penzo lo stesso”.

***

E Pietro: “No” – Chicchirichì  – se ‘ntese,

quanno che intanto c’era già artra gente

a dije: “Sì, tu sei der Suo paese”.

***

Ar terzo “No” er gallo, immantinente,

aricantò e Pietro lì comprese

ch’aveva fatto … e pianze amaramente.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Aprile 2020

Passione de Gesù Cristo: “Giuda”

Passione de Gesù Cristo: “Giuda”

***

“In verità, in verità ve dico”,

disse Gesù in quela notte nera,

ner mentre che magnaveno e che c’era

er traditore più famoso e antico …

***

“Uno de voi me tradirà stasera”,

– “So’ io?” – chiedeva a turno, poi, ‘gni amico,

“Quello che intigne er pane, è lui er nemico,

ma guai a lui pe sempre su ‘sta Tera”.

***

Quanno che l’Iscariota fece er gesto,

Gesù je disse co la faccia cruda:

“Va’ e quer che ciài da fa’, tu fàllo presto”.

***

E quello annò pe aritornà de pari,

a daje er bacio de l’infamia, Giuda

co in tasca a tintinnà “trenta denari”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Aprile 2020

Le Pàrme

Le Pàrme

***

Le Pàrme: ’na domenica de festa,

serenità che carma e mette pace,

da quanno ch’è matina e tutto tace,

fin’a ch’è sera e quer sentore resta.

 ***

Sarà pe ’sto motivo che me piace,

seguì la processione, Cristo in testa,

le pàrme addietro come a fà le gesta,

de quel’OSANNA trasformato in brace.

 ***

Ma poi me batte in testa ’sto penziero,

che quer ch’è stato allora accade adesso,

quanno esartamo e poi sparamo a zero.

 ***

Succede ar giorno d’oggi e pure spesso

de osannà un quarch’omo e accenne un cero,

ma dopo un “amen”, scaricallo ar cesso.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Marzo 2020

Dar Vangelo der giorno: “la risurezzione de Lazzaro”

Dar Vangelo der giorno: “la risurezzione de Lazzaro”

***

Gesù seppe de Lazzaro ammalato,

e grave ar punto d’èsse moribbonno,

ma nun tornò da lui in un seconno,

da Marta e da Maria, ‘ndov’era stato.

***

Quanno fu lì che Lazzaro ner “sonno”,

s’era addormito e mai più risvejato,

le du’ sorelle dissero: “Peccato,

si c’eri Tu, lui stava ancora ar monno”.

***

Gesù je disse allora: “Si credete

ch’Io so’ la vita e la risurezzione,

anche da morti, voi, nun morirete”.

***

Fece toje la pietra da l’avello,

e ordinò a Lazzaro l’azzione,

de uscì de fòra e lui sortì da quello.

***

Stefano Agostino

_________________________________

29