Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Gennaio 2020

Dar Vangelo der giorno: “ecco l’Agnello de Dio”

Dar Vangelo der giorno: “ecco l’Agnello de Dio”

***

Quanno Gesù s’approssimò ar Battista

e lo guardò ne l’occhi in der profonno,

in quer momento esatto e in quer seconno,

Giovanni disse a chi je stava a vista: …

***

… “Ecco Colui che viè pe destà er sonno,

de chi è addormito ner peccato e acquista

co Lui la Redenzione, Lui ch’è in pista

pe toje li peccati in tutt’er monno.

***

Io ve battezzo in acqua, ma Lui accanto

er Fìo de Dio, Gesù, Lui ch’è l’Agnello

viè e ve battezzerà in Spirito Santo.

***

Va avanti a me, pe fàcce da Fratello,

io l’ho testimognato e questo è quanto

e nun vedevo l’ora de vedello”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Gennaio 2020

Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate

***

Gennaio diciassette, oggi aricore

er giorno ch’è de Sant’Antonio Abate,

er Santo che da quanno ch’era frate

vivette da eremita tutte l’ore.

***

“Quer che ciavete voi … che lo doniate”

quest’era er suo principio, er suo motore,

ar punto che se chiuse p’er fervore

in de ‘na grotta a vive e a magnà a rate.

***

La tradizzione vole aricordallo

come ch’er protettore d’animali,

da ‘gni maiale a un cane, un gatto e un gallo.

***

Ché ancora oggi bestie e allevatori,

ner dì che in lui der Celo cià natali,

se fanno benedì anime e còri.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Gennaio 2020

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

Dar Vangelo der giorno: “er Battesimo de Gesù”

***

Gesù se presentò in riva ar Giordano,

pe fasse battezzà da lui, er Battista,

er quale disse e strabbuzzò la vista:

“So’ io che t’ho da battezzà? M’è strano”.

***

Gesù je fece: “Lassa fà ar Reggista,

ch’aregge l’Univerzo co le mano”,

Giovanni, allora, nun parlò più invano,

lo battezzò co l’acqua e pure in lista.

***

E quanno che poi l’ebbe battezzato,

s’aprirono li Cèli e ‘na colomba,

Spirito Santo materializzato, …

***

… discese su Gesù, squillo de tromba,

s’udì: “Costui è er Mi’ Fìo, da Me, l’Amato”,

la voce de Dio Padre ch’arimbomba.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Gennaio 2020

Er còre de l’Inverno

Er còre de l’Inverno

***

Ce s’avvicina ar còre de l’inverno,

er centro de gennaio, er “generale”,

quanno che fischia un vento ch’è glaciale,

e nun lo pòi fermà, soffia l’Eterno.

***

Sò giorni che c’è er ghiaccio boreale,

un sibbilo scatena dar suo interno,

soffia giù forte e se fa fà da perno

dar Polo da cui scegne naturale.

***

Quanno la notte pare sia infinita,

prima de dà ar matino er testimone,

rallenta tremolante e ‘nfreddolita.

***

E quanno er callo de un termosifone,

t’abbasta a trovà casa e quela vita,

che nun conosce er monno ortr’er portone.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Gennaio 2020

Epifania

Epifania

***

Epifania, ch’è manisfestazzione,

pe un Dio che assume la nostra natura,

inzieme a la divina, e che matura

man mano che je viè ‘sta percezzione …

***

… de èsse Cristo, Lui, e de com’è dura

ner mentre se fa Omo, la Missione

a cui Dio Padre, pe Sua Vocazzione,

l’ha arichiamato tra la gente impura.

***

Epifania, così, tra li pastori,

e tra li Maggi, ar chiaro de ‘na stella,

poi a tutto er monno, quann’è ito fòri.

***

Portà a chiunque la Bona Novella,

spèce si a pubbricani e peccatori,

pe la sarvezza e che tutti affratella.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Gennaio 2020

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

***

Dapprima c’era er Verbo, ch’era Lui,

Lui ch’era presso Dio, Lui era Iddio,

tutt’era stato fatto da Lui, Dio,

Luce der monno tra sentieri bui.

 ***

Ma er monno ’ndó ’gni omo penza a l’io,

e a tutti l’affaracci che sò sui,

mica l’ha accòrto, no, raggion pe cui,

s’è fatto carne, da Dio Padre ar Fìo.

***

Eppoi è venuto a vive in mezzo a noi,

pe fàcce contemplà quela Sua Gloria,

a dicce: “So’ venuto qua pe voi …

***

… pe davve la sarvezza, co ’sta Voce”,

ma noi ar Re der Cèlo e de la Storia,

l’avemo appeso a chiodi inzù la Croce.

***

Stefano Agostino

___________________________

******

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Dicembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “la fuga in Eggitto”

Dar Vangelo der giorno: “la fuga in Eggitto”

***

Co Erode re, er padre de l’Antipa,

Giuseppe la Famìa portò in Eggitto,

così che s’adempisse er Testo scritto,

che Dio chiamò su’ Fìo a l’artra ripa.

***

Poi morto Erode e quer suo nero editto,

Giuseppe nun tornò a la controripa

in Israele, ché un fumo de pipa

je disse ch’era da cambià traggitto.

***

E pe evità ‘gni rischio d’artro fiele,

a Nazareth annò, in Galilea,

come je disse in sogno Gabbriele …

***

… l’Angelo che je suggerì l’idea

d’annà a fà cresce là l’Emmanuele,

che fu poi “Nazzareno” pe nomea.

***

Stefano Agostino

______________________________

***