Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

15 Aprile 2021

Er cinema

Er cinema

***

Pe quanto la Tivvù potrà mai cresce,

er maxi-schermo resta un’artra cosa,

ar cinema c’è un’aria portentosa,

che riprodulla a casa, nun te riesce.

***

Pòi mette er “dolby”, casse in più a iosa,

tanto p’avé ’na scusa che nun s’esce,

è come fà un acquario senza pesce,

un matrimonio che nun cià la sposa.

***

Er firm è quello certo, tal’e quale,

ma manca poi l’ambiente che t’avvorge,

de ’na platea e un pubbrico reale.

***

Co tutta l’emozzione che sconvorge,

si è condivisa, ché nun è uguale,

vedé da soli un sole ch’arisorge.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

14 Aprile 2021

Er tramonto

Er tramonto

***

Seconno me Iddio che l’ha creato,

quanno che s’aripassa tutt’er conto,

de quanti amori sboccieno ar tramonto,

se dirà sempre: “Me so’ superato!”

***

Er sole a l’orizzonte ner raffronto,

nun cià dipinto che l’ha pareggiato,

tarmente bello da mozzatte er fiato

e imbambolatte fin’a fàtte tonto.

***

Mentre se tuffa, lento, e fa un saluto,

a dà l’urtimi raggi, a poc’a poco,

pe tigne un celo panno de velluto.

***

Te pare de capillo, pressappoco,

quanno se spegne e lì t’accorgi, muto,

che ’gni tramonto è come chiude er gioco.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

13 Aprile 2021

Cane e padrone

Cane e padrone

***

Nun so ancora chi era er più vecchio:

si l’omo, scrocchiazzeppi rincarcato,

o er cane suo, da sempre appennicato,

co ’na macchietta bianca inzù l’orecchio.

***

Er punto è che ’sto duo rattoppato,

era ’na coppia fissa in de ’no specchio,

che t’ariguardi dentro de sottecchio,

vedennote rifresso spiccicato.

***

In due se stracinaveno a zonzo,

er cane cor padrone e viceverza,

guasi ’na gara a chi era più sbronzo.

***

So solo che me manca, mó disperza,

quela scenetta viva che, da stronzo,

penzavo fusse solo vita perza.

***

Stefano Agostino

_______________________

**+

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Aprile 2021

La Grotta de la Rivelazzione

In occasione del 74esimo anniversario dell’Apparizione

*

La Grotta de la Rivelazzione

***

È er posto ’ndó ricupero me stesso,

quanno che ciò ’na preoccupazzione,

si ciò bisogno de concentrazzione,

o senza quarche quanno o quarche nesso.

 ***

A la “Grotta de la Rivelazzione”,

nun sò spiegà perché, ma già a l’ingresso,

er monno fòri e quer che c’è appresso,

sparisce co ’gni sua conformazzione.

 ***

E come je successe ar Cornacchiola,

m’abbasta guardà in fonno a quela Grotta,

pe spegne lì ‘gni sguardo e ’gni parola …

 ***

… e famme uscì, ma co la voce rotta,

“bella Signora”, e già ’sta frase sola,

m’abbasta a zittì er còre che borbotta.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Aprile 2021

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e Tommaso”

**

Gesù Risorto apparze quela sera,

a li discepoli, giù anniscosti,

je disse: “Pace a voi. Li vostri posti?

P’er monno a divurgà la Vita Vera.

 ***

Ché lo Spirito Santo v’ha disposti

a perdonà peccati e in chi spera,

dà Amore e Pace a la Mia magnera,

mó ite senza che gnente ve sosti”.

 ***

In quela sera nun c’era Tommaso,

quanno che seppe de tutto ‘sto fatto,

disse: “Io nun ce credo, vò a naso.

 ***

Si nun lo vedo e nun tocco cor tatto,

de tutto questo nun so’ perzuaso”,

Così Gesù lo fece soddisfatto.

***

Tornò che c’era lui e nun a caso,

je disse: “Metti er dito e cor contatto

su le ferite, tocca raso raso”.

***

Tommaso lo sfiorò e disse attratto:

“Sei Tu Signore, su de Te me baso”,

Gesù rispose: “Credi, senza ‘st’atto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

10 Aprile 2021

Er pomeriggio

Er pomeriggio

***

Nun cià preciso er tempo de l’inizzio,

legato sì com’è da che se pranza,

comincia un po’ così, in bona sostanza,

e dura finché abbruna in precipizzio.

***

Ché pe coprì ’sto tempo e ’sta distanza,

sarebbe er tempo giusto e più propizzio,

pe stennese sur letto ch’è ’no sfizzio,

e accoje quela pennica ch’avanza.

***

’Sta vita, ar dunque, è sempre più ’na lotta,

a chi córe deppiù p’arivà in cima,

ché si te fermi perdi la pagnotta.

***

La pennica, perciò, chiudo ’sta rima,

…poi dice ch’uno sclera, sbraita e sbotta…

ner pomeriggio nun cià più ’na stima.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

8 Aprile 2021

La noia

La noia

***

L’omo a vorte è strano e manco poco!

Presempio er fatto stesso che s’annoia,

più triste de quarcosa co la soia,

nun vede che la vita è come un gioco.

***

Nun sempre se rigongola de gioia,

ce sò li giorni in cui se spegne er foco,

ma manco da lagnasse, pressappoco,

ventiquattr’ore ar dì de paranoia.

***

Ché ar cervello tocca daje benza,

quer po’ de inizziativa che de ’ncanto,

scancella via la noia e fa stà senza.

***

E cortivà passioni già fa tanto,

perché vive la vita è un’esiggenza,

che chi s’annoia scopre ner rimpianto!

***

Stefano Agostino

______________________

***