Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Schegge di vita’ Category

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: a portà er foco su la Tera

Dar Vangelo der giorno: “a portà er foco su la Tera”

***

“Io so’ venuto pe portavve er foco

er foco su la Tera, vojo intenne”,

così disse Gesù – “Chi se sorprenne

nun ha capito come va ‘sto gioco.

***

Io nun so’ sceso a dà la pace indenne,

tutt’artro anzichennò e manco de poco,

Io porto divisione in de ‘gni loco,

‘ndov’è er sole in de ‘sto monno sprenne.

***

Io creo li contrasti famijari,

er padre contr’er fìo e er fìo cor padre,

nora co socera eppoi, pari pari, …

***

… Io faccio sì perzino e è voluto

de mette contro fie e loro madri,

perché pe portà er foco so’ venuto!”

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Agosto 2019

Assunta

Assunta

***

De certo Lei, Perfetta e Immacolata,

senza peccato, manco origginale,

senza sospetti dar regno der male,

senza ‘na macchia che l’ha mai toccata …

***

… quanno ch’ha chiuso l’occhi ner finale,

de ‘sta vita terena ormai lassata,

da l’Angeli è stata sì elevata,

fin’a portalla ar Monno Celestiale.

***

E da quer giorno nun smette un momento

d’arigalacce Grazzie co l’Aiuto

de Chi a la Trinità è collegamento.

***

Assunta cor Suo Còre ch’è ‘na fiamma,

a cui ricore sempre ‘gni minuto,

co l’occhi che cià un fiò pe la sua Mamma.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Agosto 2019

Ciao Nadia

Ciao Nadia

***

Te ne sei ita senza fà rumore,

sparenno come un lampo a l’improviso,

pe eredità ce lassi er tuo soriso,

a fà da specchio a l’anima e ar còre.

***

Manco un saluto dato e hai reciso

quer gran cordone co ‘gni spettatore,

che hai saputo strigne cor calore,

de quer tuo sguardo già da Paradiso.

***

Così che ciarimane pe saluto,

de scrivete ‘na rima o fà un penziero,

pe trattenette ancora pe un minuto.

***

Ner mentre c’è ‘na Luce che te irradia,

pe fà brillà ‘gni punto, anch’er più nero,

bon viaggo a te fin’a Lassù … ciao Nadia.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Agosto 2019

Er teatro de la vita

Er teatro de la vita

***

Nun ciài da èsse solo che un attore,

pe aspettà che s’apra quer sipario

e mette in scena er ruolo tuo primario:

te stesso, ar centro, sott’ar projettore.

***

Cambianno pàrco, pubbrico e scenario,

teatro, quinte, sfonno e rifrettore,

continui a recità, ventiquattr’ore,

la parte de te stesso, volontario.

***

De fronte a te c’è un pubbrico reale,

ma fà er pienone o un’affruenza scarza,

dipenne dar soggetto teatrale.

***

Sta a te de vive solo da comparza

o da protagonista principale

e fà ‘na vita vera e no ‘na farza.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: “li servi ar ritorno der padrone”

Dar Vangelo der giorno:

“li servi ar ritorno der padrone”

***

Gesù così je disse: “State accorti,

ché nun se pò sapé qual è quer giorno,

quanno che sarà er tempo der ritorno,

fateve trovà dritti, anziché storti.

***

Si nun volete coce indentr’ar forno,

appena dar seconno dopo morti,

nun fateve beccà libberi e sciorti,

come li servi, senza er capo attorno.

***

Ché si er padrone torna a l’infedeli

de certo nun je la fa passà liscia,

come farà quer dì er Re de li Cèli.

***

Così che p’evità er “verme” che striscia,

vedete d’applicalli ‘sti Vangeli,

pe nun finì a casa de la “biscia”.

***

Stefano Agostino

___________________________

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

4 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: “er granaio der ricco”

Dar Vangelo der giorno: “er granaio der ricco”

***

Gesù je fece: “C’era un omo ricco,

co un gran raccorto, tanto che ar granaio,

che già ciaveva lui disse lo tajo 

ne faccio un artro ch’è più grande e appicco…

***

li feri der mestiere ar chiodo, o  sbajo?,

e m’ariposo e come ‘no sceicco,

io spenno e spanno e er volo da qui spicco,

e nun lavoro più, me stenno e sdrajo. 

***

De sòrdi ce n’ho tanti in abbonnanza,

pe fà ‘na vita de divertimento,

de carma, de tranquillità e vacanza…

***

Ma propio quela notte un mancamento

e se n’è ito ar che ‘gni sua sostanza

ch’ha accumulato è ita via cor vento”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***