Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for the ‘Guestbook’ Category

Guestbook,I sonetti romani

2 Maggio 2020

Famo attenzione

Famo attenzione

***

Si nun ce sta chiarezza, er grosso rischio,

quanno ch’ariva adesso er 4 maggio,

è che se esce tutti a l’arembaggio,

guasi a aspettà così er triprice fischio.

***

Sortì, e tutti assieme, è un ber miraggio,

nun se pò fà e chi dice: “Me ne infischio…

sto da du’ mesi chiuso che cincischio”,

lungi da l’èsse un omo de coraggio …

***

… rischia pe lui e nun solo, ma pe quanti

possibbirmente incontra pe la strada,

si gira senza mascherina e guanti.

***

Me auguro de certo nun accada,

ma a raggionà così sò pure in tanti,

pe questo dico a tutti quanti: “bada!”

***

Stefano Agostino

___________________________

***

 

Guestbook,I sonetti romani

23 Aprile 2020

Riapertura

Riapertura

***

Tocca riaprì, se sa, lo dicon tutti,

ma nun se pò fà senza cautela,

è troppo arto er rischio che se cela

dentr’a ‘sto virus che coje li frutti …

***

… de mosse troppo in là e che la sua tela

continui a tesse e faccia ancora lutti,

pe questo ripartì, ma che se sfrutti

massimo ingegno e massima tutela.

***

Vanificà li sforzi fatti adesso,

je tojerebbe er senzo e la misura,

si poi ar virus je se dà l’accesso.

***

Ce vò criterio e ‘qui gni scerta è dura,

su come, quanno e a chi daje er permesso

d’uscì e a chi  allungaje la chiusura.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

Guestbook,I sonetti romani

30 Ottobre 2018

Roma città … allerta

Roma città … allerta

***

E ciarisemo, un artro nubbifraggio,

come pronosticato da l’allerta,

e Roma intanto è sempre città aperta,

da buche che ne onoreno er lignaggio.

***

Tombini che oramai ciànno ‘na certa,

e l’arberi che cascheno ar passaggio,

de fiumi a mo’ de strade e che coraggio

attraverzalli senza guida esperta.

***

Dar centro pieno a la periferia

è tutto un gran casino generale,

ché ‘gni seconno scapperesti via.

***

Ma è un penziero che come m’assale

lo caccio a carci co tanto de scia,

me tengo stretta ‘sta città uguale.

***

Stefano Agostino

_________________

 ***

Guestbook

28 Gennaio 2017

Buche – una poesia di Shea99

Ricevo e volentieri pubblico:

Buche

***

Di molteplici grandezze e forme,

ellissi e rettangoli,

trapezi e triangoli,

da voragini a semplici orme.

***

Teatro naturale di voli acrobatici,

esemplari e pittoreschi,

casuali e grotteschi,

fan la fortuna di carrozzieri e meccanici.

***

All’attenzione richiamate il conducente,

improvvise le sterzate,

violente son le frenate,

decisivo evitar l’impatto imminente.

***

Sotto l’acqua il vostro nascondiglio,

silenziose e pazienti,

voraci e resistenti,

nessuno scampo, nessun appiglio.

***

Dell’asfalto la formula sconosciuta,

che sia per alchimia,

oppure per magia,

la soluzione ne resta insoluta.

***

Shea 99

***

Guestbook

16 Marzo 2012

A lli ricchi – Er solito Claudio

Ricevo e volentieri pubblico un sonetto del nostro amico “er solito Claudio” dedicato ai “ricconi”

**

a lli ricchi - er solito claudio*

A cche tte serveno tutti ‘sti quadrini ?!?

***

Beh, se ciai du’ minuti te lo spieco,

‘ntanto te creeno ‘n sacco de probblemi,

che pe’ difenneli devi fà er cercopiteco,

sortì dde notte all’oscuro co ‘na barca a remi,

***

eppoi, nun vivi più, nun c’hai più amici veri,

dde notte nun dormi penzanno all’investimenti,

te s’ariempie la capoccia de penzieri,

lli ladri, lli lazziali, te danno li tormenti.

***

Dda retta a mme, pe superà sti brutti momenti,

‘ncomincia a ffà der bene , ffà ‘n po’ dde rigali,

manna ‘n po’ de ssordi ‘nfino ar Mali.

***

Cerca de superà er verbo che dice “avere”,

ritrova la chiave de lli lucchetti delle casse,

ffà come noantri, daje, paga pure te le TASSE.

***

Er solito Claudio

 

 

Guestbook

8 Marzo 2012

Er bionno Tevere

Ricevo e volentieri pubblico un sonetto del nuovo amico:

“er solito” Claudio”

er bionno tevere***

ER BIONNO TEVERE

di: “Er solito” Claudio

***

Tra ‘ste du’ rive sotto ar ggiannicolo,

ce score ‘n fiume, ‘n se sa da quanno,

è robba ‘mportante, nun è un fiumiciattolo,

‘n ciannate a pesca, tanto li pesci ‘n ce stanno.

***

L’acqua c’ha un colore ch’è inguardabbile,

li ponti p’er Giubbileo l’hanno ripuliti,

tra lli proggetti, è fallo navigabbile,

ma de sicuro ce diranno: “Li sòrdi sò feniti!”

***

Le banchine piene de monnezza,

l’addopreno da rifuggio li barboni,

che ce fanno spettacoli de schifezza.

***

A mme e a tant’artri de Trastevere,

er còre ce s’arimepie de tristezza,

pe’ noi però è sempre “er bionno Tevere”.

***

Er solito Claudio

Roma, 6 gennaio 2002